Autore Topic: Scuola e Università  (Letto 424541 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Giotto 100

  • Super Moderatore
  • SINDACO DEL MONDO
  • *****
  • Post: 21700
  • Sesso: Maschio
  • MI SONO COMPRATO IL GAMEBOY! TETRIS! SCEMO! WOF!
    • MSN Messenger - gioladdo@hotmail.com
    • Nintendo ID
      • Mostra profilo
      • Giotto 100 Blog
Re:Scuola e Università
« Risposta #8280 il: Aprile, 21, 2017, 13:42 »
In classe non saprei come comportarmi, ma se di persona trovassi qualcuno di filosofia che mi irrita altamente vedendomi con superiorità, lo infastidisco con i soliti luoghi comuni sul "Wow, bravo: interessante questo discorso sulla critica della ragion pura di Kant. Ma l'hai imparato al tirocinio da McDonald?"
L'anno prossimo punterò però all'Oscar:

Alla fine quest'anno niente Oscar, devo accontentarmi di questo:


Qual è il mio destino Drago palla? :bonjons0:

sei del novecento VECCHIO! Fatti una postapay e rendi il tuo Radio mobile terminale ricetrasmittente per la comunicazione in radiotelefonia sull'interfaccia radio di accesso di una rete cellulare un protagonista della contemporaneità  :angry4:

Offline Feffe

  • Moderatore Emerito
  • CHUCK NORRIS
  • **
  • Post: 14330
  • Sesso: Maschio
  • Think with portals
    • Facebook
    • Twitter
    • DeviantArt
    • Nintendo ID
      • Mostra profilo
Re:Scuola e Università
« Risposta #8281 il: Aprile, 21, 2017, 14:30 »
A me non frega niente se trovi la lezione noiosa se faccio domande o chiedo di ripetere, l'esame devo darlo anche io e se non ho capito un concetto alzo la manina e chiedo di rispiegarlo, non rischio di lasciarlo irrisolto e poi magari non so spiegarlo a un eventuale esame.
Infatti non ti dico che è sbagliato eh, è un modo legittimo di approcciarsi alla lezione (e d'altra parte anch'io se non capisco chiedo delucidazioni), ma è legittimo anche per non addormentarsi fare domande un po' provocatorie o che spaziano in altri temi.
Citazione
Oltretutto in quel corso la prof è seriamente incapace a spiegare; confusionaria, parla velocemente, ha spiegato alcune cose che non ci sono nei testi. Io prendo appunti al pc e a volte scrivo parola per parola cosa dice perché altrimenti non mi capisco. Chi scrive a mano fa pure più fatica (spesso ho dei gruppi che guardano sul mio monitor), infatti la tizia in questione ha il pc e non ha di questi problemi.
Il punto è il dover dare degli stupidi a una facoltà intera che non concepisco. Negli altri corsi gli interventi dei filosofi non mi hanno mai infastidito, erano sempre farciti di teorie o ideologie ma non concepisco il fatto che tu debba denigrare gli altri per elevare te stesso.
Sì sicuramente l'offesa all'intera facoltà è sbagliata. La mia intenzione non era giustificare ciò, ma farti presente l'altro punto di vista che può essere molto onesto e franco (mi annoio -> cerco di non farlo -> cerco di rendere interessante la lezione), che ovviamente non è il caso del tizio che elenca i suoi lavori.

Già che ci siamo due aneddoti. L'esperienza più triste in quasi 3 anni di filosofia l'ho avuta ad un corso di Filosofia Teoretica dedicato quasi interamente alla Critica della Ragion Pura. Lunedì-Martedì-Mercoledì alle OTTOETRENTA del mattino, con il prof. che davvero spiegava le più grandi minuzie di Kant (una volta perse tipo dieci minuti a congetturare se nella prima edizione della Critica una virgola fosse prima o dopo un "che" (pronome) o qualcosa del genere) ed io che il più delle volte volevo spararmi. Dopo lezione c'era sempre un gruppetto di una dozzina di persone che andava dal prof. a chiedere chiarimenti. Una volta, parlando fra di loro, uno di questi se ne uscii con un "questa lezione mi ha cambiato la vita", detto in modo non ironico e davvero convinto.
Un corso di Filosofia Morale (tenuto dalla moglie del tizio di Teoretica :) ) è stato un triste teatrino dell'autoreferenzialità della filosofia. La prof. di tanto in tanto chiedeva opinioni, la gente alzava la mano. Se quanto veniva detto era affine al fine della prof. l'idea veniva lodata. Se era in qualche modo riconducibile veniva riespresso ("lei intende dire...", "sì quello che lei dice in realtà..."). Se non c'entrava gran ché o era in conflitto lo studente veniva sostanzialmente tacciato. In sostanza era già chiaro dove la prof. volesse andare a parare e le opinioni chieste agli studenti erano una farsa, uno specchiatto per le allodole. A me, a cui piaceva fare collegamenti fra l'etica e l'estetica, fu "suggerito" di "lasciare questo corso e frequentare l'ottimo corso di Estetica".
"Secondo voi, perché un uomo insegue i sogni?"
"Domanda da talk show notturno. Qual è la risposta?"
"Per amore... solo per amore."

"Per quanto tu possa sforzarti non troverai mai i confini della tua anima, tanto profondo è il suo logos."

"La gente ama le scimmie, e continuerà a farlo, almeno sinché le scimmie non si organizzeranno e conquisteranno il mondo. A quel punto la gente le amerà ancora, ma solo perché non farlo sarà illegale."

So long, and thanks for all the fish.
Haward!

Offline WaluigiRacer

  • Moderatore
  • FILUEFERUNURAGHI PECURIPORTOTORRES RISOPATASASSERRU
  • ****
  • Post: 11165
  • Sesso: Maschio
  • ᶰʸᵒ
    • Nintendo ID
      • Mostra profilo
Re:Scuola e Università
« Risposta #8282 il: Aprile, 27, 2017, 22:01 »
Servizio sociale = filosofia = scienza delle merendine :)
Quella sensazione quando le chiavi di casa sono in macchina
Le chiavi della macchina sono in casa
E la chiave della felicità è intrappolata nella tua prigione emozionale di eterno dolore e ripudio verso se stessi.
Ciao F-Zero, insegna agli angeli a YOU'VE GOT BOOST POWAH


Offline Iacosimo

  • ATTELA FLAGGELLO DI DDIO
  • ******
  • Post: 6762
  • Sesso: Maschio
    • MSN Messenger - simon_simone@live.it
      • Mostra profilo
Re:Scuola e Università
« Risposta #8283 il: Aprile, 28, 2017, 01:29 »
Io invece penso di essere nel periodo di più grande indecisione della mia vita (non che ce ne siano tanti).

Passato lo sconforto iniziale, con l'università ho ingranato un pochino.
Al primo semestre ho trovato pure una materia che mi garbava assai (disegno di macchine), che ho passato con un voto discreto.
Analisi l'ho cannata completamente, però son riuscita a studiarla, Geometria (algebra lineare) cannata anche questa di poco, ma mi ritengo soddisfatto perché sono andato a fare l'esame con la febbre alta delirando  :laughing7:

Ho iniziato il secondo semestre, dove terna di lezione ho Analisi II / Fisica / Chimica.

Ora, chimica inizialmente mi stava piacendo abbastanza, poi anche qui sono arrivate robacce tipo integrali e derivate e ho iniziato a spararmi  :laughing7:

Analisi II e Fisica sono state un pungo allo stomaco. Complice anche due incompetenti come professori, ma ho inizialmente fatto molta fatica a stare dietro (il prof. di Fisica dava tutto per scontato  :BangHead: ), poi mi sono perso.

Ho sfruttato le vacanze di Pasqua per fare un recap della situazione, e sono arrivato alla conclusione che effettivamente per quanto in generale il mondo dell'ingegneria mi piaccia, dover fare integrali e equazioni differenziali per il resto della mia vita non mi garba per nulla.

E qui arriva lo iacopensiero, che credo sia un pensiero infantile, bigotto e molto stupido, ma è doveroso che lo esponga così ricevo un po' di insulti che mi daranno una svegliata.

Da quando ho iniziato il liceo mi è stata inculcata l'idea, soprattuto dai parenti, che ci siano lauree di serie A e lauree di serie B. Ingegneria/medicina et simila sono le lauree "degne", il resto è fuffa. Che senza la laurea in ingegneria il lavoro non si trova,che gli ingegneri navigano nell'oro, e altri luoghi comuni.

Sebbene so che la cosa non è vera, nel subconscio però mi è rimasta e ha fatto radici subdolamente dentro di me: alla scelta dell'università non ho considerato nient'altro al di fuori di ingegneria. Anche adesso, che vorrei abbracciare altri lidi, non so che pesci pigliare.

E quindi questo iacopensiero che è insito in me mi blocca.
Vorrei abbandonare ingegneria e passare a qualcosa dove non sarò costretto ad utilizzare matematica così profondamente ma non so dove guardarmi, che criterio seguire, come giostrarmi.

Sono in crisi.

Offline Sidvicious85

  • Moderatore
  • IL COGLIONE
  • ****
  • Post: 6831
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:Scuola e Università
« Risposta #8284 il: Aprile, 28, 2017, 08:03 »
beh per un ingegnere trovare lavoro è più facile, vieni pagato meglio e hai l'indeterminato nel giro di poco. Con le altre lauree dovrai passare 5 anni di precariato minimo minimo, non avere garanzia di lavorare nel tuo campo etc. detto questo una laurea è una laurea, il lavoro è una merda (non un lavoro, proprio IL lavoro), la vita è una troia e dopo si muore. Una vita simile non è degna di essere vissuta ma il suicidio è una perdita di tempo.

Personalmente sono convinto che la scelta della laurea sia indifferente, se impari a fare le cose con attenzione, intendo, a non pensare al futuro o al passato ma a concentrarti solo su quello che stai facendo, tutto può diventare interessante. La mia bestia nera era statistica. Quando ho iniziato davvero a concentrarmi su statistica, è diventato uno degli esami più interessanti e soddisfacenti della mia carriera universitaria. Se continui a pensare a quello che avresti potuto fare o a quello che farai, qualsiasi corso di laurea diventerà un dito nel culo. Ho avuto una ex che ha cambiato 3-4 corsi di laurea. E' una trappola, avere troppa scelta. Vivi nel presente. Distruggi analisi.

Offline Rin

  • MIKE BONGIORNO
  • ***********
  • Post: 11619
  • Sesso: Femmina
    • Nintendo ID
      • Mostra profilo
Scuola e Università
« Risposta #8285 il: Aprile, 28, 2017, 11:49 »
L'ingegnere in Italia forse troverà un lavoro più facilmente ma non direi proprio che è quello che ha sempre sognato e soprattutto non viene pagato bene. L'ingegnere in Italia deve andare all'estero e deve far marcire queste aziende italiane.


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Offline Diddy Kong

  • Moderatore
  • VINCITORE DEL PREMIO OSCAR LUIGI SCALFARO
  • ****
  • Post: 18840
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:Scuola e Università
« Risposta #8286 il: Aprile, 28, 2017, 16:55 »
Ebbi un periodo simile al secondo anno di Informatica, quando mi sono scontrato con i mostri sacri della facoltà (Sistemi Operativi e Basi di dati) e non ci capii una cippalippa. All'inizio pensavo addirittura di aver sbagliato corso di studi, nonostante le materie che avevo già dato (tipo sette esami, manco pochi) mi fossero piaciute pur avendo avuto qualche difficoltà qua e là. A distanza di tempo posso dire che il problema era solo che avevo ancora tanto da imparare in questo ambito e (nel mio caso fu così) lo sconforto mi prese non tanto perché non mi piacesse quello che stavo studiando ma perché avevo capito che avrei dovuto farmi seriamente il mazzo per imparare certi concetti ed ero convinto di non esserne capace.
Adesso certe cose che ai tempi erano letteralmente impossibili mi sembrano stronzate: avevo problemi anche a scrivere due righe in Java e qualche tempo fa ho realizzato da solo una rete neurale perfettamente funzionante con i complimenti del prof. Dico questo non perché sono un fenomeno ma perché spesso certe cose ci spaventano solo perché pensiamo che tutto a primo acchito debba venirci semplice e perfetto, magari ora ti preoccupa fare integrali e robe ma con un po' di esercizio te li mangerai tipo caramelle, se vuoi fare una cosa applicatici con serenità e imparerai. :thumbsup:
hey b0ss

Offline Maligno

  • Moderator
  • MIKE BONGIORNO
  • ****
  • Post: 11591
  • Sesso: Maschio
  • Ser Jaime Lannister
    • MSN Messenger - matpinna@hotmail.com
      • Mostra profilo
Re:Scuola e Università
« Risposta #8287 il: Maggio, 13, 2017, 03:34 »
Esimi, adorati, lorsignori, colleghi, dottori, amici: ho bisogno di voi!
Sto lavorando alla mia tesi di laurea e due giorni fa la mia relatrice ha avuto l'illuminante idea di aumentare il campione statistico della mia ricerca da 100 a 200 persone. Ho tempi super stretti ma ci tengo a fare un buon lavoro, e il tema è interessante. Ergo brace yourselves, il mio questionario is coming!
Nei prossimi giorni vi manderò il link, mi aiutereste immensamente se mi dedicaste 5 minuti del vostro tempo per compilarlo, e perché no, coinvolgere qualche amico-parente voglia partecipare alla ricerca <3
Se della mia laurea non vi interessasse un fico secco vi capisco, don't worry, ma pensate che la ricerca è comunque finalizzata a una buona causa sociale.

Sinceramente vostro,

Malo


Quando hai una cosa, questa può esserti tolta. Quando tu la dai, l'hai data. Nessun ladro te la può rubare. E allora è tua per sempre.      James Joyce

Tutti gli imbecilli borghesi che pronunciano, continuamente le parole "immoralità, moralità dell'arte"
...mi fanno venire in mente Louise Villedieu, prostituta da cinque franchi, che accompagnandomi una volta al Louvre domandava, dinanzi a quelle statue e a quei quadri immortali, come si potevano esporre pubblicamente simili indecenze. Baudelaire



Offline Maligno

  • Moderator
  • MIKE BONGIORNO
  • ****
  • Post: 11591
  • Sesso: Maschio
  • Ser Jaime Lannister
    • MSN Messenger - matpinna@hotmail.com
      • Mostra profilo
Re:Scuola e Università
« Risposta #8288 il: Maggio, 14, 2017, 12:28 »
Lo so che aspettavate morbosamente questo momento, quindi vi accontento: ecco il Cioccolatoso Questionario di Malo!
https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSe8ZjqTEfpkCqLzbpjmX-HrJODIndnh2bDnubR-nW0-2y0I1w/viewform?usp=sf_link

Mi fareste un favore grande quanto la saggezza di Dragha se gli dedicaste pochi minuti della vostra esistenza  :love7:
« Ultima modifica: Maggio, 17, 2017, 12:57 da Maligno »


Quando hai una cosa, questa può esserti tolta. Quando tu la dai, l'hai data. Nessun ladro te la può rubare. E allora è tua per sempre.      James Joyce

Tutti gli imbecilli borghesi che pronunciano, continuamente le parole "immoralità, moralità dell'arte"
...mi fanno venire in mente Louise Villedieu, prostituta da cinque franchi, che accompagnandomi una volta al Louvre domandava, dinanzi a quelle statue e a quei quadri immortali, come si potevano esporre pubblicamente simili indecenze. Baudelaire



Offline Sidvicious85

  • Moderatore
  • IL COGLIONE
  • ****
  • Post: 6831
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:Scuola e Università
« Risposta #8289 il: Maggio, 14, 2017, 12:39 »

p.s. la cosa della verità che sta nel mezzo... NON E' VERO! La verità è parametrica, non dipende dalla posizione di chi dibatte. E' l'unico item del quizzettone che mi ha reso triste  :crybaby2:

per il resto ben fatto e non noioso (cioccolato divertente!)
« Ultima modifica: Maggio, 14, 2017, 14:13 da Sidvicious85 »

Offline Iacosimo

  • ATTELA FLAGGELLO DI DDIO
  • ******
  • Post: 6762
  • Sesso: Maschio
    • MSN Messenger - simon_simone@live.it
      • Mostra profilo
Re:Scuola e Università
« Risposta #8290 il: Maggio, 14, 2017, 12:52 »
Fatto anche io, ma a me il cioccolato piace molto poco  :D

Offline Rin

  • MIKE BONGIORNO
  • ***********
  • Post: 11619
  • Sesso: Femmina
    • Nintendo ID
      • Mostra profilo
Re:Scuola e Università
« Risposta #8291 il: Maggio, 14, 2017, 13:02 »
Fatto! Provo a farlo girare :3


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Offline Hero of Sky

  • Newser
  • SAMUS
  • ***
  • Post: 2455
  • Sesso: Maschio
  • Triumviro del Nintendoclub
    • Mostra profilo
Re:Scuola e Università
« Risposta #8292 il: Maggio, 14, 2017, 13:25 »
Fatto anch'io, e adoro il cioccolato

Offline Maligno

  • Moderator
  • MIKE BONGIORNO
  • ****
  • Post: 11591
  • Sesso: Maschio
  • Ser Jaime Lannister
    • MSN Messenger - matpinna@hotmail.com
      • Mostra profilo
Re:Scuola e Università
« Risposta #8293 il: Maggio, 14, 2017, 13:40 »
Fatto, vuoi dimostrare un nesso causale tra empatia e disponibilità ad acquistare cioccolato? Se sì, dovrei essere uno di quelli che conferma la tua teoria.

p.s. la cosa della verità che sta nel mezzo... NON E' VERO! La verità è parametrica, non dipende dalla posizione di chi dibatte. E' l'unico item del quizzettone che mi ha reso triste  :crybaby2:

per il resto ben fatto e non noioso (cioccolato divertente!)
Anche io la confermerei :D Comunque se ti interessa l'ipotesi di ricerca te lo posso scrivere in privato!

Comunque grazie <3 Gli item sono presi da scale consolidate in letteratura, io li ho solo trovati e tradotti, quindi me ne lavo le mani per la verità che sta nel mezzo  :happy2: Comunque immagino sia più relativa all'approccio in sé (ascolto tutte le opinioni perché probabilmente tutte le posizioni hanno una parte di verità) che al dove stia poi effettivamente la verità.  :icon_study:

Nel frattempo grazie a tutti, e please rispondete solo con un prezzo numerico alla domanda sul prezzo, perché le frasi non si possono analizzare statisticamente  :D


Quando hai una cosa, questa può esserti tolta. Quando tu la dai, l'hai data. Nessun ladro te la può rubare. E allora è tua per sempre.      James Joyce

Tutti gli imbecilli borghesi che pronunciano, continuamente le parole "immoralità, moralità dell'arte"
...mi fanno venire in mente Louise Villedieu, prostituta da cinque franchi, che accompagnandomi una volta al Louvre domandava, dinanzi a quelle statue e a quei quadri immortali, come si potevano esporre pubblicamente simili indecenze. Baudelaire



Offline Sidvicious85

  • Moderatore
  • IL COGLIONE
  • ****
  • Post: 6831
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:Scuola e Università
« Risposta #8294 il: Maggio, 14, 2017, 14:13 »
scrivi scrivi, intanto cancello quel pezzo di post per non influenzare la rilevazione

 

Privacy Policy