Nintendo Club Forum

Forum Non-Nintendo => Off-Topic => Topic aperto da: John Silver - Dicembre, 06, 2006, 02:35

Titolo: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Dicembre, 06, 2006, 02:35
Tenendovi naturalmente tutti quanti calmi, razionali e NON-PROVOCATORI (altrimenti prima sospendo chi rompe e se ancora non basta chiudo il topic e peraltro vado pure in depressione), parlatemi un po' di politica. Io che sono stato fuori ho soltanto potuto leggere le notizie tramite internet, ma ho visto che c'e' stato un casino scandaloso (oltre che un casini scandaloso... ochei scusate questa era una cazzata ma la dovevo dire  :D ), che la destra ha fatto una manifestazione enorme, che adesso la cdl si sta spaccando, ecc. Ditemi la vostra sulle seguenti questioni:

1.) Che ne avete pensato della manifestazione del centro-destra? (a proposito, quanti erano i manifestanti?)
2.) Sono legittime le accuse di Prodi secondo le quali la manifestazione aveva un ruolo fondamentalmente distruttivo e non costruttivo (ergo piu' insulti che proposte)?
3.) Che ne pensate di tutto il bordello che sta combinando Casini, dichiarando di volersi staccare e compagnia bella?
4.) Chi e' piu' in crisi, la sinistra o la destra.

E ricordate, toni CALMI e nessuno faccia il saccente o l'adolescentello schifato, se volete parlare fatelo per scambiare opinioni con calma e non per esprimere schifo, disgusto, disprezzo, altezzosita', ecc. Apro questa discussione con un po' di incertezze, vedete di non deludermi (sia a destra che a sinistra).
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Morris82 - Dicembre, 06, 2006, 12:16
1.) Che ne avete pensato della manifestazione del centro-destra? (a proposito, quanti erano i manifestanti?)Il numero oscilla tra i 600.000 della questura e i 2 milioni della CDL... Giustissimo manifestare con una finanziaria scandalosa, vergognosa e che riporta l'italia indietro di 20 anni...

2.) Sono legittime le accuse di Prodi secondo le quali la manifestazione aveva un ruolo fondamentalmente distruttivo e non costruttivo (ergo piu' insulti che proposte)? Come ogni manifestazione che si RISPETTI gli insulti ci stanno tutti... :laughing7:Quando avevo 15/16 anni ed ero convinto di essere di sinistra sono stato a tantissime manifestazioni a ROMA..erano più insulti che altro(ma credo che sia normale), l'importante è sapere per cosa si manifesta, se poi ci sono gli imbecilli che insultano sono fatti loro...

3.) Che ne pensate di tutto il bordello che sta combinando Casini, dichiarando di volersi staccare e compagnia bella?  Daccordo con lui che vuole prendere le distanze da Bossi... Attendo con ansia le scuse di Bossi ed altri esponenti leghisti per i fischi fatti all' INNO Italiano (mi dispiace ma non si tocca a prescindere da quale parte politica provengano i fischi)...

4.) Chi e' piu' in crisi, la sinistra o la destra. Stanno in un mare di m***a entrambe le coalizioni... :laughing7:
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Diddy Kong - Dicembre, 06, 2006, 15:23
1.) Che ne avete pensato della manifestazione del centro-destra? (a proposito, quanti erano i manifestanti?)

Mh, niente, so solo che quando c'era Berlusconi non riprendevano le manifestazioni del centro-destra :laughing7:
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Dragha - Dicembre, 06, 2006, 15:24
Mh, niente, so solo che quando c'era Berlusconi non riprendevano le manifestazioni del centro-destra :laughing7:
Ehm, forse perhè non ce ne erano! Va a manifestare contro sè stesso?
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Diddy Kong - Dicembre, 06, 2006, 17:10
Ehm, forse perhè non ce ne erano! Va a manifestare contro sè stesso?

Chissà...
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Nintendosa - Dicembre, 06, 2006, 17:20
Questo è un topic sicuramente molto interessante e spero anch'io che possa avere un seguito. Premetto che non seguo un granchè la politica, ma comunque ho delle mie idee a riguardo.
1-2 sinceramente non ho seguito la manifestazione di sabato scorso, per quanto riguarda il numero dei partecipanti, ovviamente come in tutte le manifestazioni :), c'è sempre un'enorme differenza tra le cifre indicate dagli organizzatori e quella dettata dalle forze dell'ordine. Lo stesso discorso vale per gli insulti, anche se le manifestazioni dovrebbero essere in qualche modo costruttive, non credo di ricordarne una con delle proposte a migliorare una certa situazione di disagio; anche perchè vengono sempre organizzate dalla parte diciamo di minoranza, quando per me dovrebbero essere presenti anche chi sta dalla parte del potere, in modo da poter discutere;
3 Casini devo essere sincera mi piace come politico, si presenta molto bene, sa parlare in toni pacati ed educati, a differenza di altri che si dovrebbero vergognare. Per me farebbe bene a staccarsi dalla CDL, perchè non trovo assolutamente giusto che in una coalizione, che abbraccia più partiti e di conseguenza più idee politiche, ci sia solo ed esclusivamente un "capo";
4 per me sinistra e destra saranno sempre in crisi, purtroppo ci sono troppi partiti e troppi politici ed è normale che a qualcuno non vada bene una cosa e all'altro sì.

Per quanto riguarda la legge finanziaria vorrei aspettare prima di giudicare, anche perchè ogni manovra non può accontentare tutti ed è normale che a qualcuno viene tolto qualcosa per darlo ad un altro, è così c'è poco da fare.
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Yoshi - Dicembre, 06, 2006, 17:32
Tenendovi naturalmente tutti quanti calmi, razionali e NON-PROVOCATORI (altrimenti prima sospendo chi rompe e se ancora non basta chiudo il topic e peraltro vado pure in depressione), parlatemi un po' di politica. Io che sono stato fuori ho soltanto potuto leggere le notizie tramite internet, ma ho visto che c'e' stato un casino scandaloso (oltre che un casini scandaloso... ochei scusate questa era una cazzata ma la dovevo dire  :D ), che la destra ha fatto una manifestazione enorme, che adesso la cdl si sta spaccando, ecc. Ditemi la vostra sulle seguenti questioni:

1.) Che ne avete pensato della manifestazione del centro-destra? (a proposito, quanti erano i manifestanti?)
2.) Sono legittime le accuse di Prodi secondo le quali la manifestazione aveva un ruolo fondamentalmente distruttivo e non costruttivo (ergo piu' insulti che proposte)?
3.) Che ne pensate di tutto il bordello che sta combinando Casini, dichiarando di volersi staccare e compagnia bella?
4.) Chi e' piu' in crisi, la sinistra o la destra.

E ricordate, toni CALMI e nessuno faccia il saccente o l'adolescentello schifato, se volete parlare fatelo per scambiare opinioni con calma e non per esprimere schifo, disgusto, disprezzo, altezzosita', ecc. Apro questa discussione con un po' di incertezze, vedete di non deludermi (sia a destra che a sinistra).

1 Una manifestazione civile soprattutto, ed è una cosa che mi fa molto piacere, con grande partecipazione... io non sono tanto per queste cose in linea di massima, ma devo dire che è andato tutto bene.
2 Non le trovo legittime, ma comprensibili, è chiaro che quando protestano contro quello che fai ti metti sulla difensiva, così fanno tutti. Penso solo però che sia quantomeno usuale che in una manifestazione di protesta si levi più il coro del disappunto che quello delle proposte, probabilmente la sede adatta per questa fase sarà l'aula del parlamento nel periodo successivo...
3 Ti parlo da uomo di centro destra quale ritengo di essere: Mi sembra ridicolo sollevare adesso questi dubbi da parte di Casini... voglio dire, si è sempre saputo che nella Cdl almeno per ora Berlusconi è il boss, e sono sempre stati tutti d'accordo, o quasi, ma fatto sta che nessuno lo obbligava a farne parte, se non ti va bene libero di fare ciò che vuoi. Detto questo, una volta che vedi che il governo ha perso innumerevoli consensi e fiuti la possibilità che cada prima della fine del mandato rivendichi più importanza. insomma, un follini-bis, ed è il rischio con tutti i democristiani che ci sono al centro destra, ossia che passino a sinistra e viceversa (mastella docet).
4 Ora come ora la sinistra ha problemi più importanti delle litigate da collegiali del centro destra. Hanno fatto una finanziaria a mio avviso assurda, piena di tasse e che non credo possa giovare neanche in chiave futura. E poi tutto questo "faccio così, anzi cosà, anzi così ancora, anzi, come la prima volta ma un po' di meno" non fa che peggiorare la loro già instabile posizione.
Sono stato abbastanza pacato? :D
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Diddy Kong - Dicembre, 06, 2006, 19:55
Premetto che non seguo un granchè la politica.

Sinceramente nemmeno io seguo molto la politica. L'importante è per me che chi sta al governo ci faccia vivere tranquillamente, non ho preferenze.
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Giotto 100 - Dicembre, 06, 2006, 19:58
Dato che sono un ragazzo di 16 anni scrivo quel poco che so sulla politica, è un argomento che sta niziando ad interessarmi da qualche mese.

1.) Che ne avete pensato della manifestazione del centro-destra? (a proposito, quanti erano i manifestanti?)
Allora i manifestanti, come ha detto Berlusconi e come ho letto su qualche giornale erano sui 2 milioni-2 milioni e mezzo.
Ma adesso arriviamo al dunque, io sinceramente delle manifestazioni in generale penso che oltre a far perdere una parte del stipendio a dei lavoratori non ci trovo niente di utile (tranne qualcuna come quella delle pensioni). Di questa manifestazione contro la finanziara è secondo me all'incirca un nì, ovvero gli italiani è vero devono spendere una marea di soldi, però lo stato ha bisogno di quei soldi, visto che il governo Craxi, così mi è stato riferito, si è fregato di un incredibile debito con gli stati esteri e adesso in Italia ci sarebbe il bisogno di alzare le tasse per abassare questo debito. Non credo che Prodi abbia fatto così tanto per rompere le palle ai risparmi degli italiani. Tuttavia, ripeto, anche le famiglie italiane hanno anche loro bisogno di soldi perchè molte di queste riescono a mantanersi a calci nel sedere. Insomma questa manifestazione aveva un suo senso, c'è chi l'ho accetta e chi non l'accetta per cause varie.

2.) Sono legittime le accuse di Prodi secondo le quali la manifestazione aveva un ruolo fondamentalmente distruttivo e non costruttivo (ergo piu' insulti che proposte)?
Prodi aveva ragione di prendersela contro la manifestazione visto che ci sono stati più insulti che proteste, ma allora non funziona proprio il sistema delle manifestazioni perchè guarda caso nelle manifestazioni di sinistra sicuramente la gente non si risparmia gli insulti e i frastimi a Berlusconi. Insomma se una persona deve perdere una parte del suo stipendio per offendere un politico non mi sembra molto intelligente.
Alla fine Berlusconi ha fatto questa manifestazione perchè sta ancora rosicando per le elezioni. E' vero il suo governo si è trovato in un periodo sfortunato perchè con la caduta delle torri gemelle quindi la guerra in Afghanistan e successivamente la guerra in Iraq aveva altro a cui pensare che all'economia dello stato visto che l'Italia ha bisogno dell'alleanza con gli USA.

3.) Che ne pensate di tutto il bordello che sta combinando Casini, dichiarando di volersi staccare e compagnia bella?
Conoscendo poco Casini (visto che seguo soltanto la politica da qualche mese) credo che abbia fatto bene a dividersi dalla CDL, perchè alla fine decidono solo Berlusconi e Fini (il primo è un personaggio che oltre al Milan non mi è mai piaciuto e il secondo ne capisce più del primo ma mi ha un pò deluso visto la sua legge per le droghe) e si dimostra quindi poco obiettiva.

4.) Chi e' piu' in crisi, la sinistra o la destra.
Io credo che sia più in crisi la destra, perchè Berlusconi oltre a prendersela contro i comunisti ultimamente non mi sembra che faccia altro, quindi lo trovo poco obiettivo. Fini come ho già scritto prima mi sembra il migliore tra tutti quelli di destra, però in politica non solo una persona fa la differenza. E infine nella destra c'è secondo me uno dei personagi più insopportabili, parlo di Calderoli, fa un sacco di cazzate e poi va a pararsi il culo da Berlusconi offendendo la sinistra.
Anche la sinistra sicuramente non è messa meglio, (Rutelli non è che mi stia tanto simpatico) ma almeno sin dalle elezioni hanno detto che in caso di vittoria ci sarebbe stato un aumento delle tasse (lo ha detto Prodi stesso mica si è nascosto). Quindi la sinistra non è che mi piacia molto però la trovo più obiettiva della destra.
Un ultimo commento personale, l'Italia secondo me non dev'essere così divisa! Questa dopo il grande debito che abbiamo con i paesi esteri è la cosa più scandalosa! :angry7:
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: John Silver - Dicembre, 07, 2006, 01:53
Quando avevo 15/16 anni ed ero convinto di essere di sinistra sono stato a tantissime manifestazioni a ROMA..erano più insulti che altro(ma credo che sia normale), l'importante è sapere per cosa si manifesta, se poi ci sono gli imbecilli che insultano sono fatti loro...

Una domanda Morris. Tu sostieni di essere stato di sinistra (o "credevi" di esserlo), ma come sappiamo le associazioni a questo lato politico comportano non soltanto il modello economico (stato vs privato) ma un sacco di altre posizioni correlate. Per fare qualche esempio l'enfasi sulla laicita' dello stato, la difesa dei diritti delle coppie omosessuali, la tolleranza nei confronti delle droghe leggere, il supporto delle donne nello stato e nel lavoro, l'antimilitarismo domestico e internazionale. Questi valori sono generalmente associati alla sinistra; ne condividi qualcuno oppure, insieme al modello economico di sinistra, hai abbandonato anche tutti questi?
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: John Silver - Dicembre, 07, 2006, 02:04
Cmq sono contento che la destra abbia organizzato una manifestazione dato che vorrei che questo mezzo politico divenisse generalmente accettato, compreso e apprezzato, invece che visto con ostilita' e sospetto dalla meta' della popolazione.

Riguardo la finanziaria, capisco che sia una scelta controversa (molti anche a sinistra infatti ne hanno preso le distanze, i sindaci li capisco ma su rifondazione preferisco non fare commenti perche' se no scoppio), ma personalmente la condivido. L'italia e' economicamente uno sfacelo, questo e' un fatto ed e' inutile stare qui a dirsi che va tutto bene, e servono misure strette e sacrifici per rimetterla in piedi e per evitare che l'italia diventi una nazione tipo l'argentina.
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Sidvicious85 - Dicembre, 07, 2006, 09:43
l'italia comunque non può diventare come l'argentina perchè è un paese dell'unione europea e quindi dipende dalla banca centrale d'europa, però è innegabile come siano largamente diffusi stili di vita che le persone non si possono permettere e il paese si impoverisce sempre di piu'. tutti si lamentano degli stipendi bassi, ma se vai in centro a milano ogni giorno passano milioni di persone che ostentano la loro "ricchezza".. statisticamente, non credo rappresentino solo la classe altolocata. il debito non è stato contratto con i paesi stranieri, è pubblico, e ammonta a 40 milioni di lire a nascituro se non mi sbaglio..bisogna stringere la cinghia e sensibilizzarci tutti, nani e ballerine televisivi non ci sfamano di certo.
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Yoshi - Dicembre, 07, 2006, 12:44
Una domanda Morris. Tu sostieni di essere stato di sinistra (o "credevi" di esserlo), ma come sappiamo le associazioni a questo lato politico comportano non soltanto il modello economico (stato vs privato) ma un sacco di altre posizioni correlate. Per fare qualche esempio l'enfasi sulla laicita' dello stato, la difesa dei diritti delle coppie omosessuali, la tolleranza nei confronti delle droghe leggere, il supporto delle donne nello stato e nel lavoro, l'antimilitarismo domestico e internazionale. Questi valori sono generalmente associati alla sinistra; ne condividi qualcuno oppure, insieme al modello economico di sinistra, hai abbandonato anche tutti questi?

quello che dici è vero, ma molto teorico. Voglio dire, conosco tanta gente idealmente di sinistra ma che non è assolutamente d'accordo con i punti da te elencati.
Io di contro sono tendenzialmente contrario a tutto ciò (a favore della tua tesi dunque), ma non alla questione delle donne, trovo che sia innegabile la totale parità dei sessi, e se ci sono poche donne in politica secondo me è anche un fatto di cultura, ma credo che col passare degli anni la situazione migliorerà sotto questo aspetto.
Un altro aspetto non matematico è il pensiero politico legato alla classe sociale. La mia ragazza per esempio è di centro destra(come tutta la sua famiglia), ma non si può certo dire che siano agiati. Oppure diversi miei amici di centrosinistra hanno tanti di quei soldi da seppellirci tutti con banconote da 500 :D
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: John Silver - Dicembre, 07, 2006, 16:05
quello che dici è vero, ma molto teorico. Voglio dire, conosco tanta gente idealmente di sinistra ma che non è assolutamente d'accordo con i punti da te elencati.

Sono d'accordo, e difatti e' per questo che chiedevo. Penso che uno dei problemi della politica italiana moderna (o per la precisione, un problema della cultura che poi si riflette in politica) sia come ha detto Giotto la divisione. Siccome i punti che ho elencato io vengono percepiti come di sinistra anche se non hanno nulla a che vedere con il modello economico di sinistra, alla fine vengono rigettati automaticamente da chi e' di destra solo perche' la gente tende a dividersi in questa dialettica in cui ognuno vede la propria posizione come quella dei buoni e quella altrui come quella dei demoni e delle oscure forze del Male. In parte che la cultura si divida in sistemi dialettici e' inevitabile (e infatti anche in molti altri paesi i valori di cui parlo sono percepiti come di sinistra) pero' in italia e' esasperato e affossa ogni possibilita' di dialogo o di sviluppo politico sano. O cominciamo a lavorare insieme e a rifiutare gli spaventapasseri demagogici, oppure non se ne uscira' piu'.
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Nintendosa - Dicembre, 07, 2006, 16:44
Oppure diversi miei amici di centrosinistra hanno tanti di quei soldi da seppellirci tutti con banconote da 500 :D
Non necessariamente chi è di sinistra è "povero" e chi di destra è "ricco". Comunque beati i tuoi amici Yoshi!  :D
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Yoshi - Dicembre, 07, 2006, 17:13
infatti nintendosa, lo dicevo per contraddire un luogo comune ahimè troppo diffuso...
io per esempio essendo benestante, ma tutt'altro che ricco, mi sento dire da gente più ndigente(e che pratica una specie di razzismo al contrario): "ci credo che sei di destra, sei pieno di sacchi!"
a me ste cose danno il voltastomaco
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Nintendosa - Dicembre, 07, 2006, 17:59
infatti nintendosa, lo dicevo per contraddire un luogo comune ahimè troppo diffuso...
io per esempio essendo benestante, ma tutt'altro che ricco, mi sento dire da gente più ndigente(e che pratica una specie di razzismo al contrario): "ci credo che sei di destra, sei pieno di sacchi!"
a me ste cose danno il voltastomaco
Infatti lo stesso discorso di destra e sinistra lo sento spesso in giro riguardo all'abbigliamento, se si vede qualcuno vestito bene con giacca e cravatta sento dire subito "quello è di destra perchè ha i soldi" ed il contrario ovviamente per chi "veste" diciamo alla sinistra; almeno qui dove abito io si sente spesso parlare così. Purtroppo certi luoghi comuni anche a me danno fastidio e credo che ci saranno sempre!  :angry7:
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Shandon - Dicembre, 07, 2006, 19:07
Tenendovi naturalmente tutti quanti calmi, razionali e NON-PROVOCATORI (altrimenti prima sospendo chi rompe e se ancora non basta chiudo il topic e peraltro vado pure in depressione), parlatemi un po' di politica. Io che sono stato fuori ho soltanto potuto leggere le notizie tramite internet, ma ho visto che c'e' stato un casino scandaloso (oltre che un casini scandaloso... ochei scusate questa era una cazzata ma la dovevo dire  :D ), che la destra ha fatto una manifestazione enorme, che adesso la cdl si sta spaccando, ecc. Ditemi la vostra sulle seguenti questioni:

1.) Che ne avete pensato della manifestazione del centro-destra? (a proposito, quanti erano i manifestanti?)
2.) Sono legittime le accuse di Prodi secondo le quali la manifestazione aveva un ruolo fondamentalmente distruttivo e non costruttivo (ergo piu' insulti che proposte)?
3.) Che ne pensate di tutto il bordello che sta combinando Casini, dichiarando di volersi staccare e compagnia bella?
4.) Chi e' piu' in crisi, la sinistra o la destra.

E ricordate, toni CALMI e nessuno faccia il saccente o l'adolescentello schifato, se volete parlare fatelo per scambiare opinioni con calma e non per esprimere schifo, disgusto, disprezzo, altezzosita', ecc. Apro questa discussione con un po' di incertezze, vedete di non deludermi (sia a destra che a sinistra).


1) Numero di manifestanti. Per la procura 700.000. Per la CDL 2 milioni. Solita, ampia, forchetta.
La manifestazione: legittima, anche se non credo in queste cose (rese inutili dall'indifferenza dei politici). Volendo esprimere un giudizio politico, penso che la finanziaria sia un provvedimento con alti e bassi. Ha delle parti giuste e delle parti sbagliate. L'unica cosa certa è che è stato venduto malissimo, ed è dunque stato assai facile attaccarlo con una retorica tutto sommato elementare ("è contro il ceto medio".)

2) Legittime, quanto irrilevanti.

3) Casini ha capito sia che c'è in atto uno sfaldamento della leadership di Berlusconi (con la sua fine, finirà FI, salvo sorprese), già iniziata dopo le elezioni (dove ha preso voti al di sopra delle sue possibilità e dei suoi meriti grazie a iniziative mediatiche come al solito efficaci), sia che è in atto una tendenza centrifuga nella rivalutazione dei partiti di centro. E' sempre così, passano qualche decina d'anni, si dimenticano gli scandali e tutto torna ab ovo.  Quindi Casini si stacca da un Centro destra che ha in certe tendenze di FI e nella Lega elementi sostanzialmente stonati e punta a ricreare un grosso centro cattolico, ovviamente supportato dall'elettorato medio, in grado nel futuro di governare il paese. Tra l'altro, io che non sopporto le intromissioni religiose, mi arrendo al fatto che probabilmente un governo di puro centro sarebbe effettivamente la scelta migliore per il paese, prendendo atto dell'impossibilità di certe richieste della sinistra radicale e della grande delusione liberista portata da Fi (paradossalmente meno liberista di un partito come i DS).

4) Non lo so. La sinistra è avvantaggiata in quanto ha il potere, ovvero un collante universale. Quando erano al governo, le differenze di quelli di destra si appianavano meravigliosamente.
Ovvero la conferma della vecchia massima andreottiana.
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Dicembre, 09, 2006, 21:01
L'unica cosa certa è che è stato venduto malissimo

L'anti-comunicatività della sinistra è qualcosa di meraviglioso.
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Shandon - Dicembre, 11, 2006, 12:26
A proposito di politica, è morto Pinochet. Eccolo in una foto col suo illustre "alleato".
 
(http://www.corriere.it/Fotogallery/Tagliate/2006/12_Dicembre/03/cile/08.jpg)
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Claire Redfield - Dicembre, 11, 2006, 13:10
A proposito di politica, è morto Pinochet. Eccolo in una foto col suo illustre "alleato".
 
(http://www.corriere.it/Fotogallery/Tagliate/2006/12_Dicembre/03/cile/08.jpg)
Giovanni Paolo II era alleato di Pinochet?In che senso?
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: John Silver - Dicembre, 11, 2006, 16:11
A proposito di politica, è morto Pinochet.

Un altro. Adesso per coerenza immagino che dovrei piangere pure per lui, eh? :rolleyes:
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Shandon - Dicembre, 11, 2006, 18:45
"alleato" nel senso che tutto sommato il suo regime e la sua terrificante repressione furono viste come una tutto sommato rassicurante posizione anche dalla Chiesa, rispetto a Allende.
Ovviamente non fu solo della chiesa la tolleranza, gran parte dell'occidente guardò tutto sommato al dictator come ad un personaggio scomodo ma non troppo.
 Rimando all'articolo di oggi di S.Romano sul Corriere.
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Dicembre, 11, 2006, 21:05
Il solo pensiero che qualcuno abbia chiesto i funerali di stato mi fa rabbrividire.
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Diddy Kong - Dicembre, 11, 2006, 21:07
A proposito di politica, è morto Pinochet. Eccolo in una foto col suo illustre "alleato".
 
(http://www.corriere.it/Fotogallery/Tagliate/2006/12_Dicembre/03/cile/08.jpg)

Sembra un fotomontaggio. Anzi mi sa che lo è.
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: markolino91 - Dicembre, 11, 2006, 22:21
qualcuno puo fare una breve biografia del personaggio?
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Yoshi - Dicembre, 12, 2006, 00:45
mai sentito parlare di wikipedia? :D cmq è stato un feroce dittatore cileno a cavallo degli anni 70-80(a dire il vero anche di più, mi pare sia caduto nel 91)
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Giotto 100 - Dicembre, 12, 2006, 01:00
Finì di "lavorare" nel 98.
Comunque la foto mi sembra un fotomontaggio anche a me.
Voglio documentarmi.
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Yoshi - Dicembre, 12, 2006, 01:37
potrebbe tranquillamente essere vera, del resto un dittatore è pur sempre il "premier" politico del suo paese, quindi non mi stupisce che abbia incontrato il Papa
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Morris82 - Dicembre, 12, 2006, 11:38
Finì di "lavorare" nel 98.
Comunque la foto mi sembra un fotomontaggio anche a me.
Voglio documentarmi.
Avete mai sentito la canzone dei LITFIBA Santiago del Chile??
Piero Pelù ha rischiato di essere scomunicato... :D

http://www.bloggers.it/IricordidellaLuna/index.cfm?blogaction=permalink&id=9136C9BD-06CA-8F2C-03F417EECD3FC75C

http://it.wikipedia.org/wiki/Litfiba_3

http://www.prato.linux.it/~lmasetti/antiwarsongs/canzone.php?lang=it&id=1023
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Sidvicious85 - Dicembre, 12, 2006, 12:01
Io non lo so se la foto è vera ma i fatti sono BEN chiari. Karol Woijtila è andato in cile nell'87, ospite di Pinochet. ha fatto gli auguri a pinochet per le nozze d'oro negli anni 90. D'altro canto il suo segretario il cardinale Sodano,era stato nunzio apostolico in cile dalla caduta di allende a dieci anni dopo..un altro grande amico di pinochet.
Infine S. (e sottolino S. che se non lo sapete sta per SANTO) Escrivà de Balaguer, attraverso l'opus dei è stato uno dei finanziatori del generale Augusto Pinochet. Fu fatto santo da Woijtila pochi anni fa, se ben vi ricordate.
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Shandon - Dicembre, 12, 2006, 12:53
Sembra un fotomontaggio. Anzi mi sa che lo è.

E' tratta dal sito del Corriere della sera.
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Yoshi - Dicembre, 12, 2006, 15:02
cmq sapete ormai cosa penso della Chiesa, quindi è una polemica che non mi tocca minimamente :D
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Dicembre, 12, 2006, 23:30
Io non lo so se la foto è vera ma i fatti sono BEN chiari. Karol Woijtila è andato in cile nell'87, ospite di Pinochet. ha fatto gli auguri a pinochet per le nozze d'oro negli anni 90. D'altro canto il suo segretario il cardinale Sodano,era stato nunzio apostolico in cile dalla caduta di allende a dieci anni dopo..un altro grande amico di pinochet.
Infine S. (e sottolino S. che se non lo sapete sta per SANTO) Escrivà de Balaguer, attraverso l'opus dei è stato uno dei finanziatori del generale Augusto Pinochet. Fu fatto santo da Woijtila pochi anni fa, se ben vi ricordate.


Vabbè che tra un po' il polacco faceva santo pure te...
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: ElTigno - Dicembre, 14, 2006, 02:02
Sinceramente nemmeno io seguo molto la politica. L'importante è per me che chi sta al governo ci faccia vivere tranquillamente, non ho preferenze.

Probabilmente è la motivazione con cui non pochi hanno eletto Hitler :) In genere la vita tranquilla è specialità delle dittature.

A proposito di politica, è morto Pinochet. Eccolo in una foto col suo illustre "alleato".

Dum de dum...
(http://racal.blogs-de-voyage.fr/images/medium_pinochet-thatcher.jpg)
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: poison - Dicembre, 14, 2006, 13:28


1.) Che ne avete pensato della manifestazione del centro-destra? (a proposito, quanti erano i manifestanti?)
2.) Sono legittime le accuse di Prodi secondo le quali la manifestazione aveva un ruolo fondamentalmente distruttivo e non costruttivo (ergo piu' insulti che proposte)?
3.) Che ne pensate di tutto il bordello che sta combinando Casini, dichiarando di volersi staccare e compagnia bella?
4.) Chi e' piu' in crisi, la sinistra o la destra.

1 penso sia stata una mossa giustissima, un governo con una maggioranza leggera come qulelo di prodi (che secondo le recenti proiezioni avrebbe la minoranza netta in caso di conferma dei voti) non abbia completamee il diritto di essere come non avrebbe diritto di essere un eventuale governo centro destra berlusconiano.
il fatto peggiore poi è che la siistra sta gongolando su i positivi effetti del governo berlusconiano e la gente se ne è accorta.

2 certo che sono legittime, ma non avresti il timore di ssere insultato se fossi u leader sicur e fermo che ragiona bene prima di avviare una piccola osa che si chiama finanziaria , la quale danneggia parecchio tutti gli italiani, secondo me si doveva avviare una politica di controllo del pagamento delle tasse e non di aumento...

3 casini è un inetto non ha ne il carisma ne l'abilità per farlo, sinceramente se lo vuole fare peggio per lui.

4 è piu in crisi la sinistra sicuramente, che ha la cacchetta al sedere di sbagliare, perchè appena si presenterà l'occasione il centro destrasalirà su.
il centro destra mi pare tranquillo, e sta facendo una partita a scacchi col governo prodi, attendendo che sbagli.
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Shandon - Dicembre, 14, 2006, 19:39

il fatto peggiore poi è che la siistra sta gongolando su i positivi effetti del governo berlusconiano e la gente se ne è accorta.


Questa me la segno. Una curiosità: con effetti positivi intendi la stagnazione o il debito pubblico alle stelle? O magari certe magnifiche perle legislative come la Gasparri?
Sarei curioso.
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: poison - Dicembre, 14, 2006, 20:15
il positivo dell industria italiana mai cosi alto come nell ultima anno (guardare la fiat ad esempio)
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Yoshi - Dicembre, 14, 2006, 20:17
Questa me la segno. Una curiosità: con effetti positivi intendi la stagnazione o il debito pubblico alle stelle? O magari certe magnifiche perle legislative come la Gasparri?
Sarei curioso.

o il tasso di disoccupazione, mai così basso. Dai Shandon, sei un ragazzo intelligente, perchè devi proprio far finta di essere scemo?

edit, prima che mi bannino, mi ammazzino, ecc. : intendo che la si può pensare come si vuole, ma proprio dire che fa tutto schifo sapendo che qualcosa di buono c'è mi sembra ridicolo
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Sidvicious85 - Dicembre, 15, 2006, 00:12
a me anche l'elettorato mi annoia..insomma prendiamo l'italiano standard: si, berlusconi fa schifo, prodi fa schifo, gli unici politici che stimo sono D'alema e Fini..è sempre questa la risposta standard, modellata sui gusti elettorali di lino banfi.
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Sidvicious85 - Dicembre, 15, 2006, 00:20
la disoccupazione bassa. a me non sembra che si tratti di vera occupazione, mi sembra un misto tra le corveè medievali (aka master e stage post universitari), il lavoro regionale per il latifondista (la famosa flessibilità).
caso fiat: ci credo che ha ottenuto buoni risultati, ha chiuso un bordello di stabilimenti in italia spostandoli nei paesi dell'est. ma gli stipendiati sono polacchi e ungheresi, non italiani e il mercato fiat è soprattutto interno, ergo il governo da soldi a fiat come ha fatto dagli anni 70... e nel contempo, con certi finanziamenti la fiat porta ricchezza in paesi stranieri. e poi parmalat, cirio..tutti splendidi esempi di secondario italiano, che farebbero passare per pischelli i dirigenti di enron, Imclone e tyco..e macchia nera pure.
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Shandon - Dicembre, 15, 2006, 10:22
il positivo dell industria italiana mai cosi alto come nell ultima anno (guardare la fiat ad esempio)

Ripeto, ma allora pechè c'è stata una crescita 0 nel 2005 (da quante decadi era che non accadeva?)? Dai...dillo che sono stai i cinesi!

Per Yoshi: dai Yoshi, sei un ragazzo intelligente, non venirmi a parlare della disoccupazione, che è un problema talmente in declino che è pure uscito dalle agende dei politici e dalla comunicazione. Senza contare il ruolo dilagante che hanno nella vicenda gli impieghi a tempo determinato estremamente effimeri e l'invecchiamento estremo del nostro popolo.

Con questo tu hai subito inteso male quello che volevo dire. Trovami dove ho scritto che quello fatto dallo scorso governo "fa tutto schifo". Ho solo risposto a Poison che parlava di un governo attuale capace di dormire sugli allori dei successi(economici?!) dello scorso quinquennio.
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Yoshi - Dicembre, 15, 2006, 12:13
Ripeto, ma allora pechè c'è stata una crescita 0 nel 2005 (da quante decadi era che non accadeva?)? Dai...dillo che sono stai i cinesi!

Per Yoshi: dai Yoshi, sei un ragazzo intelligente, non venirmi a parlare della disoccupazione, che è un problema talmente in declino che è pure uscito dalle agende dei politici e dalla comunicazione. Senza contare il ruolo dilagante che hanno nella vicenda gli impieghi a tempo determinato estremamente effimeri e l'invecchiamento estremo del nostro popolo.

Con questo tu hai subito inteso male quello che volevo dire. Trovami dove ho scritto che quello fatto dallo scorso governo "fa tutto schifo". Ho solo risposto a Poison che parlava di un governo attuale capace di dormire sugli allori dei successi(economici?!) dello scorso quinquennio.

chiedi a Diddy che è siciliano se la disoccupazione è cosa superata...
hai scritto indirettamente che fa tutto schifo, perchè citi solo cose negative (enfatizzandole pure, ma questo ci sta essendo tu di opposta casacca)
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: ElTigno - Dicembre, 15, 2006, 15:34
Allora rispondi tu con quelle positive, no?
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Iceman - Dicembre, 15, 2006, 15:45
Allora rispondi tu con quelle positive, no?

Provo io (non parlo di economia eh):
-Patente a punti;
-Legge contro il fumo;
-Alta velocità (almeno ci hanno provato)
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: ElTigno - Dicembre, 15, 2006, 16:07
Concordo.
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Nintendosa - Dicembre, 15, 2006, 16:38
Il problema del lavoro c'è stato, c'è e ci sarà sempre e come ha scritto Shandon, in effetti ormai non se ne parla più di tanto. A tal riguardo però  penso che in "alcuni" ragazzi/e che si affacciano o vorrebbero affacciarsi al mondo del lavoro manchi lo spirito di sacrificio, mi spiego meglio riportando la mia esperienza lavorativa di ormai 10 anni e che ovviamente non può fare da esempio all'intero "problema del lavoro", ma credo che sia comunque significativo in parte.
Quando mi sono diplomata, 10 anni fa, ho avuto un'enorme fortuna a trovare subito un commercialista che cercava dei neodiplomati per fare un pò di pratica, ovvero ti assegnano quei lavori "secondari" che il personale già all'interno dello studio non riesce a sbrigare quotidianamente, ma che comunque vanno svolti. Ho accettato, senza neanche pensarci un minuto in più, di lavorare per 6 mesi senza ricevere neanche una lira, almeno questi erano gli accordi e passato questo tirocinio avrei cominciato a prendere qualcosa e così è stato. Dopo aver acquisito esperienza di ragazzi/e "sotto" di me ne sono passati molti e nessuno e ribadisco nessuno, ha mai accettato di fare la cosidetta gavetta gratis oppure "pretendono" già l'intero stipendio.
Personalmente sono dell'idea che la pratica iniziale debba essere remunerata da subito così si incentiva il personale ad impegnarsi, ma senza avere alcuna esperienza a mio avviso non si può pretendere uno stipendio che prende una persona "qualificata", che per arrivare a quel determinato livello, scusate l'espressione, si è fatto un mazzo tanto come si dice.
Chiusa questa mia parentesi personale torno a ripetere che sicuramente il problema del non trovare lavoro c'è, ma non mi sento di addossare la colpa solo ai politici o a chi dovrebbe produrre posti di lavoro, che comunque hanno l'onere di migliorare questa situazione, ma mi permetto anche di dire che di gente svogliata in giro ce n'è molta.
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: John Silver - Dicembre, 15, 2006, 17:18
2 certo che sono legittime, ma non avresti il timore di ssere insultato se fossi u leader sicur e fermo che ragiona bene prima di avviare una piccola osa che si chiama finanziaria , la quale danneggia parecchio tutti gli italiani, secondo me si doveva avviare una politica di controllo del pagamento delle tasse e non di aumento...

Ritorniamo ancora a questo problema, vorrei pero' che mi spiegaste come risolvere i problemi economici dell'italia senza fare sacrifici. A mali estremi, estremi rimedi, l'italia ha un debito pubblico mostruoso e questo e' un problema che va risolto, di sicuro non possiamo spendere e spandere come pazzi. Non sto dicendo che la finanziaria sia perfetta (va che secondo me doveva essere pure piu' tosta, ma ci sono stati troppi no pure da sinistra, sopratutto radicale), solo che abbiamo un problema e in molti sembrano non volerlo riconoscere.
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Shandon - Dicembre, 15, 2006, 18:06
Provo io (non parlo di economia eh):
-Patente a punti;
-Legge contro il fumo;
-Alta velocità (almeno ci hanno provato)

Sono d'accordo. Le ritengo tutte cose positive.

Citazione
chiedi a Diddy che è siciliano se la disoccupazione è cosa superata...
hai scritto indirettamente che fa tutto schifo, perchè citi solo cose negative (enfatizzandole pure, ma questo ci sta essendo tu di opposta casacca)

Come vedi non intendevo quello che hai capito tu. La mia critica era volta a dire che non c'è per il governo attuale non c'è nessun alloro economico sul quale alloggiarsi, in quanto il paese non viene da un quinquennio di crescita del 3% costante, bensì da una situazione di crisi(attualmente la chiamano "declino industriale") non secondaria.

Evitiamo inoltre di stemperare le idee attraverso il filtro della "casacca". Non ho pregiudizi di sorta, la mia critica va a chi sbaglia. Se critico Forza Italia o la lega non è perchè sono contro di loro, ma perchè ritengo sbaglino. Faccio lo stesso con rifondazione, l'Udeur o con chiunque altro.
Persino il partito che ho votato, che stimo parzialmente (i Radicali), ha delle proposte con non condivido e che sono pronto a lapidare.
Spero che sia così anche da parte degli altri. Ovvero che la croce sulla scheda o la tessera di partito non implichino per forza certe giustificazioni.
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Nintendosa - Dicembre, 15, 2006, 18:06
Ritorniamo ancora a questo problema, vorrei pero' che mi spiegaste come risolvere i problemi economici dell'italia senza fare sacrifici. A mali estremi, estremi rimedi, l'italia ha un debito pubblico mostruoso e questo e' un problema che va risolto, di sicuro non possiamo spendere e spandere come pazzi. Non sto dicendo che la finanziaria sia perfetta (va che secondo me doveva essere pure piu' tosta, ma ci sono stati troppi no pure da sinistra, sopratutto radicale), solo che abbiamo un problema e in molti sembrano non volerlo riconoscere.
La penso esattamente come John, tra lo Stato ed il cittadino non c'è che un semplice rapporto di scambio, lo Stato mi offre dei servizi in cambio delle tasse pagate; che poi ci sono migliaia se non milioni di persone che non le pagano è un altro discorso ed ovviamente è un enorme problema quantomeno da migliorare, perchè eliminarlo è impossibile. Di questa finanziaria in moltissimi si stanno lamentando dei controlli che ci saranno sui conti correnti bancari e postali e ben venga, così verranno alla luce i movimenti di denaro non fatturati e non dichiarati. Sappiate che chi evade le tasse non è di certo il pensionato o il dipendente, che ogni mese le paga avendo le trattenute, ma chi ha un'attività di certo ha molteplici modi di sottrarsi al fisco; quindi se lo Stato si trova nelle proprie casse meno soldi è normale che si introducono nuove tasse o aumentare quelle già esistenti.
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Sidvicious85 - Dicembre, 16, 2006, 16:55
Il problema del lavoro c'è stato, c'è e ci sarà sempre e come ha scritto Shandon, in effetti ormai non se ne parla più di tanto. A tal riguardo però  penso che in "alcuni" ragazzi/e che si affacciano o vorrebbero affacciarsi al mondo del lavoro manchi lo spirito di sacrificio, mi spiego meglio riportando la mia esperienza lavorativa di ormai 10 anni e che ovviamente non può fare da esempio all'intero "problema del lavoro", ma credo che sia comunque significativo in parte.
Quando mi sono diplomata, 10 anni fa, ho avuto un'enorme fortuna a trovare subito un commercialista che cercava dei neodiplomati per fare un pò di pratica, ovvero ti assegnano quei lavori "secondari" che il personale già all'interno dello studio non riesce a sbrigare quotidianamente, ma che comunque vanno svolti. Ho accettato, senza neanche pensarci un minuto in più, di lavorare per 6 mesi senza ricevere neanche una lira, almeno questi erano gli accordi e passato questo tirocinio avrei cominciato a prendere qualcosa e così è stato. Dopo aver acquisito esperienza di ragazzi/e "sotto" di me ne sono passati molti e nessuno e ribadisco nessuno, ha mai accettato di fare la cosidetta gavetta gratis oppure "pretendono" già l'intero stipendio.
Personalmente sono dell'idea che la pratica iniziale debba essere remunerata da subito così si incentiva il personale ad impegnarsi, ma senza avere alcuna esperienza a mio avviso non si può pretendere uno stipendio che prende una persona "qualificata", che per arrivare a quel determinato livello, scusate l'espressione, si è fatto un mazzo tanto come si dice.
Chiusa questa mia parentesi personale torno a ripetere che sicuramente il problema del non trovare lavoro c'è, ma non mi sento di addossare la colpa solo ai politici o a chi dovrebbe produrre posti di lavoro, che comunque hanno l'onere di migliorare questa situazione, ma mi permetto anche di dire che di gente svogliata in giro ce n'è molta.

io sono d'accordo con questo, il problema è che un neodiplomato è diverso da un neolaureato: anche io dopo il diploma ho lavorato per uno stipendio basso in una palestra..ho imparato a lavorare in ufficio e a trattare con la gente.. ma questo perchè nn avevo particolari preoccupazioni economiche. uno che esce dall'università si suppone sia già fuori di casa..non può lavorare gratis 6 mesi!
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: poison - Dicembre, 17, 2006, 14:21
ma questo sicuramente non cambierà col governo attuale anzi credo proprio che con questo governo aumenterà il lavoro in nero e quindi ci sarà una penalità d'occupazione maggiore causata proprio dalla finanziaria.
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: John Silver - Dicembre, 17, 2006, 18:25
ma questo sicuramente non cambierà col governo attuale anzi credo proprio che con questo governo aumenterà il lavoro in nero e quindi ci sarà una penalità d'occupazione maggiore causata proprio dalla finanziaria.

In che modo pensi che la finanziaria avra' questi effetti?
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Yoshi - Dicembre, 17, 2006, 18:42
credo che l'unica risposta di poison potrebbe essere: touchè.  :laughing7:
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Nintendosa - Dicembre, 18, 2006, 12:48
ma questo sicuramente non cambierà col governo attuale anzi credo proprio che con questo governo aumenterà il lavoro in nero e quindi ci sarà una penalità d'occupazione maggiore causata proprio dalla finanziaria.
Scusami ma chi ha introdotto i famosi CO.CO.CO., che poi sono stati trasformati in contratti a progetto, ossia sempre contratti di precariato?
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: poison - Dicembre, 18, 2006, 12:52
non ho detto che in questo è stato meglio il governo precedente.
 :thumbsup:
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Dicembre, 22, 2006, 17:34
Provo io (non parlo di economia eh):
-Patente a punti;
-Legge contro il fumo;
-Alta velocità (almeno ci hanno provato)

OK, grandi cose, ma mi sembrano tutti provvedimenti marginali o comunque assolutamente di secondo piano, rispetto a temi come la disoccupazione (che è stata puntellata con il precariato, e il precariato NON è occupazione) o al debito pubblico disastroso (che Berlusconi non ha assolutamente ridotto).
Poi, ok, la patente a punti, ma vogliamo parlare dei conati di vomito che vengono neggendo il testo di leggi come la salva-Previti o la Gasparri?
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: -Alex- - Dicembre, 22, 2006, 18:15
La legge sullla patente a punti l'hanno firmata fassino e d'amato.
Per il resto ormai sono convinto che bisognerebbe scendere per le strade e mandarli tutti a casa, indipendentemente da sinistra e destra, due termini ormai alieni alla realtà politica del nostro paese.
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Yoshi - Dicembre, 22, 2006, 18:58
OK, grandi cose, ma mi sembrano tutti provvedimenti marginali o comunque assolutamente di secondo piano, rispetto a temi come la disoccupazione (che è stata puntellata con il precariato, e il precariato NON è occupazione) o al debito pubblico disastroso (che Berlusconi non ha assolutamente ridotto).
Poi, ok, la patente a punti, ma vogliamo parlare dei conati di vomito che vengono neggendo il testo di leggi come la salva-Previti o la Gasparri?

ora mi massacrerete, ma vedendo la situazione in italia trovo che la bossi-fini sia una legge più he giusta.
per la salva-previti io non trovo che sia così stupida, magari fatta ad hoc, ok, ma entro certi limiti è applicabile in maniera giusta.
Titolo: Re: Parlatemi di politica ragazzi.
Inserito da: Shandon - Dicembre, 22, 2006, 19:01
La legge sullla patente a punti l'hanno firmata fassino e d'amato.
Per il resto ormai sono convinto che bisognerebbe scendere per le strade e mandarli tutti a casa, indipendentemente da sinistra e destra, due termini ormai alieni alla realtà politica del nostro paese.

Parole sante, amico mio.

Sul governo Berlusconi: a mio avviso la sua mancanza più grave dal punto di vista teorico e pratico è stata l'assenza di una politica realmente liberale, nonostante FI sia il partito che più si richiama a simili ideali. La Gasparri che Gig citava, giustamente, è una legge oligopolistica, inoltre non ho capito questo sperperio di soldi in periodi di magra (vedi sovvenzione al digitale) nè l'oscillazione tra tagli in settori tutto sommato al limite e sovvenzioni a profusione verso istituzioni inutili(vedi le assunzioni di massa tra gli statali in sicilia).

Sulla Bossi Fini detta da Yoshi non mi esprimo, in quanto non la conosco bene.
Titolo: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Gennaio, 21, 2008, 20:33
Lo inauguro sperando di avere più attività discutiva sulla cosa, e dato che abbiamo un "topic di" per tutto e che almeno si evita di aprire nuovi piccoli topic per ogni cosa: eccolo qui.
Sperando di evitare flame, e in barba a tutte le belle dichiarazione sul topic di death note, i miei pensieri sono al momento assorbiti dai mille modi in cui si potrebbe combinare Mastella con una corda, un coltello, un rullo compressore, una frusta e una tigre siberiana. Voi che ne pensate?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Diddy Kong - Gennaio, 21, 2008, 20:36
Se c'è una cosa in cui sono del tutto ignavo è la politica. Spero di eliminare questa lacuna molto presto...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Banjo - Gennaio, 21, 2008, 21:47
Lo inauguro sperando di avere più attività discutiva sulla cosa, e dato che abbiamo un "topic di" per tutto e che almeno si evita di aprire nuovi piccoli topic per ogni cosa: eccolo qui.
Sperando di evitare flame, e in barba a tutte le belle dichiarazione sul topic di death note, i miei pensieri sono al momento assorbiti dai mille modi in cui si potrebbe combinare Mastella con una corda, un coltello, un rullo compressore, una frusta e una tigre siberiana. Voi che ne pensate?

Io, più che con una tigre siberiana, lo combinerei con un Gulag siberiano.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Pollo aviariato - Gennaio, 21, 2008, 21:48
 :laughing7:
io alle medie ero un convinto comunista, a persona debole filosofia forte!
ora sono rinsavito  :laughing7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Giotto 100 - Gennaio, 21, 2008, 22:15
Su ragazzi non iniziamo a mandare a puttane un topic interessante.
Devo essere sincero che di questo caso Mastella ho letto veramente poco, quindi non so nemmeno cosa succederà al governo, cosa sia realmente successo... Insomma sono 4 giorni che non tocco giornali e non vado su siti di informazione. Qualcuno potrebbe spiegarmi bene la situazione? Oggi aspettando the war at home su Italia1 ho zippato per sbaglio su Studio Aperto e stavano come sempre, da brava tv di Mister B, parlando di caduta del governo, ma non mi sono preoccupato più di tanto, è da quando caduto la prima volta che ne parlano.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Gennaio, 21, 2008, 22:44
io alle medie ero un convinto comunista, a persona debole filosofia forte!

Pollo, tra parentesi debbo farti i complimenti. Io sono arrivato ai quasi 19 senza riuscire a intravedere il perchè di tanta passione per dittatori e sterminatori...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Gennaio, 21, 2008, 22:48
io ci ho sempre creduto nel super clementone :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Iceman - Gennaio, 22, 2008, 09:31
io ci ho sempre creduto nel super clementone :D

Lo sai vero che nelle prossime elezioni sarà con il cdx si? :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Gennaio, 22, 2008, 10:00
io credo che per la dignità delle camere dovrebbero fare un arco costituzionale per sbattere fuori dalle scatole mastella e metterlo nel gruppo misto dov'è il suo posto. Cdx e Csx, in fondo quando l'hanno fatto con l'msi avevano davanti un partito almeno molto legalitario, in questo caso come si fa a dare leggi e ministeri in mano a questa gente? raus!

Riassunto delle puntate: il partito di Mastella è un partito di maneggioni; hanno un feudo nel sud della campania che riesce a mettere Mastella in parlamento da circa 30 anni. Questo Mastella nasce democristiano, con De Mita o Pomicino mi pare e quando finisce la cosiddetta prima repubblica e la dc si sfalda inizia a fare un balletto di s. Vito con Buttiglione,Casini per rinsaldare i ranghi, poi non ce l'hanno fatta e si sono spezzati tra le coalizioni di centro sinistra e centro destra. Mastella è andato con berlusconi, poi è saltato sul carro dell'unione di csx, ed è riuscito a ottenere un ministero. Poi quando in questi giorni gli hanno messo sotto indagine l'udeur (già con le perquisizioni di mesi fa del "campanile", il giornale del partito) e la moglie che è presidentessa del consiglio regionale campano per concussione.
Ora, se si tratta solo di pressioni per far assumere gente non è una cosa poi tanto grossa, visto che è una pratica comunissima in tutti i paesi occidentali, anche se in molti l'hanno combattuta, però è indubbio che mastella e il suo partito pur essendo di minoranza estrema rompono assolutamente i coglioni soprattutto in un parlamento eletto con la legge di calderoli, ed è molto sgradevole il loro modo di condurre la politica come conducono gli affari nel loro paese. in definitiva sono dei maneggioni, che non dovrebbero neanche esistere perchè conducono la politica come ai tempi della dc e non riescono a mettersi in testa che quei tempi dovrebbero essere finiti con infamia. o forse non se l'è ancora messo nessuno in testa, chissà.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Gennaio, 22, 2008, 10:59
Io, più che con una tigre siberiana, lo combinerei con un Gulag siberiano.

Ahah, t'aspettavo, Koba il terribile. :D

Comunque quello che veramente mi terrorizza, al di là che il governo stia o meno in piedi(visto ormai la situazione è indifferente), è una nuova tornata di elezioni.
Io non le posso reggere, devo ancora smaltire le scorie della campagna elettorale di 2 anni fa, non ce la faccio a sopportare un'altra simile sfilza di dibattiti, apologie, porte-a-porte e via dicendo.

Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Gennaio, 22, 2008, 13:49
Comunque quello che veramente mi terrorizza, al di là che il governo stia o meno in piedi(visto ormai la situazione è indifferente), è una nuova tornata di elezioni.

La cosa veramente importante a mio avviso e che facciano una legge elettorale che sbatta fuori udeur e simili dal parlamento. Poi anche se risale berlusconi attaccato a un respiratore artificiale e diretto da intelligenze aliene, qualcosa di buono sarà stato fatto.
È questo che mi fa imbestialire della condotta di Mastella, il viscido attaccamento alla poltrona a ogni costo, anche quando hai mezzo partito indagato per associazione a delinquere.
E questi sarebbero i cristiani...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Gennaio, 22, 2008, 18:45
La cosa veramente importante a mio avviso e che facciano una legge elettorale che sbatta fuori udeur e simili dal parlamento. Poi anche se risale berlusconi attaccato a un respiratore artificiale e diretto da intelligenze aliene, qualcosa di buono sarà stato fatto.
È questo che mi fa imbestialire della condotta di Mastella, il viscido attaccamento alla poltrona a ogni costo, anche quando hai mezzo partito indagato per associazione a delinquere.
E questi sarebbero i cristiani...

Il problema è che non è detto che si faccia una nuova legge elettorale prima di rivotare. C'è chi, vedi il respiratore artificiale alieno, vorrebbe andare a domani non da domani, ma da stasera stessa, ergo può darsi che rimanga la legge che lo stesso fautore ha definito "porcata".
C'è l'opzione referendum, ma anche lì vai a sapere. In ogni caso, in qualsiasi ipotesi di voto, sulle prossime elezioni non ci saranno scommesse, il vincitore c'è già, e solo cause soprannaturali possono fermarlo (tra queste c'è l'ipotesi di un "governissimo", madonna quanto è ridicola sta parola, tipo quello chiesto da Casini, ma non lo so quanto possa esser fattibile e quanto possa rimescolare le carte).

In più, personalmente ho un nuovo problema, attualmente non saprei proprio se votare, mi manca un blocco di senza partito.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Gennaio, 22, 2008, 20:14
Il problema è che non è detto che si faccia una nuova legge elettorale prima di rivotare. C'è chi, vedi il respiratore artificiale alieno, vorrebbe andare a domani non da domani, ma da stasera stessa, ergo può darsi che rimanga la legge che lo stesso fautore ha definito "porcata".[/spoiler]

Lo so. Ciò che spero è che prodi vada dal Berlusca, e con la prospettiva allettante di fottere i partitini gli proponga, pur implorando se necessario, di far passare prima la legge elettorale con blocco al 5% come minimo. Poi succeda quel che succeda.

Citazione
e solo cause soprannaturali possono fermarlo (tra queste c'è l'ipotesi di un "governissimo", madonna quanto è ridicola sta parola, tipo quello chiesto da Casini, ma non lo so quanto possa esser fattibile e quanto possa rimescolare le carte).

O un Veltroni versione ubermensch, però...
"Governissimo" è splendido :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Gennaio, 22, 2008, 21:29

C'è l'opzione referendum, ma anche lì vai a sapere. In ogni caso, in qualsiasi ipotesi di voto, sulle prossime elezioni non ci saranno scommesse, il vincitore c'è già, e solo cause soprannaturali possono fermarlo (tra queste c'è l'ipotesi di un "governissimo", madonna quanto è ridicola sta parola, tipo quello chiesto da Casini, ma non lo so quanto possa esser fattibile e quanto possa rimescolare le carte).


Era valida finchè il cavaliere aveva ricevuto una stangata, ora è tutto il solito voltafaccia e salire sul carro del vincitore.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Gennaio, 23, 2008, 11:47
Mastella ha sentito aria di rinnovo della legge elettorale, con tetto minimo del 5%... Tradotto: non avrebbe più avuto la sua bella poltrona, quindi che fa? Fa saltare il governo, così la legge non passa e non si fa; in questo modo ha la possibilità di avere ancora la sua bella poltrona da scaldare (perchè altro non sa fare), cosa che col tetto minoritario non avrebbe avuto. Che vada dove dico io... :angry7: Il bello è che sicuramente ci sarà gente che lo rivoterà! Sono quelle le persone che vorrebbero sotterrate, lui fa solo il suo mestiere, ingannare i creduloni! :BangHead:

Ah, c'era un topic di John, unisco a quello e cambio il titolo con quello nuovo del Tigno.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Gennaio, 23, 2008, 13:36
Mi dicevo "cazzo, 4 pagine in una notte! chissà che discussione infuocata!" :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Diddy Kong - Gennaio, 24, 2008, 20:42
Si torna a votare, ragazzi!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Maligno - Gennaio, 24, 2008, 22:34
Qualcuno è caduto, azz che peccato...  :D A parte gli scherzi, spero che qualcosa vada meglio ora, anche se chi dovrebbe sostituire il governo caduto non è che sia chissà quale alternativa fenomenale. Ancora non ho capito bene tutta questa storia dello scandalo Mastella poi...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Iceman - Gennaio, 24, 2008, 23:04
"Cambiano i cazzi ma i culi sono sempre gli stessi".
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Gennaio, 25, 2008, 01:10
Pensiero primo:
Doversi spuppare un'altra caterva di proclami elettorali e campagne, campagnole e camposanti di dibattiti e spottoni e faccioni appesi ai muri, e sparate e inciuci e coalizioni e mettiti a novanta un'attimo che ti fotto per benino e radici che crescono sotto culi saldati alle poltrone....
No, non ce la faccio. Umanamente, non ce la faccio.

Pensiero secondo:
Sono amareggiato, sconfortato, eccetera eccetera.
Dalla caduta, ma non per le conseguenze, bensì per le cause.
Ingenuo, ero.
Povero scemo, convinto che a qualcuno potesse ancora interessare qualcosa di questo Paese di merda.
Bene collettivo? Welfare? Ahahahah, siamo in Italia, belli miei, in Italia! Non è mica un posto serio, eh!
Altrove è tutto lindo?
Mawwà, il berlusconiano Sarkozy è lì che se la ride nella sua bella Francia a chiavarsi l'italienne e in America nei prati sbocciano tenere e garrule le lobby.
Eppure all'estero tra una concussionuccia e l'altra, qualcosina per il relativo Paese lo fanno.
Quaddanoi la constatazione è disarmante: aborto, rifiuti, Sapienza, immigrazione...
Non gliene fotte un cazzo a nessuno.
A nessuno.
Salvo Rosy Bindi.
Dicevo, a nessuno.
E' tutta politica, tutta marcia politica, non è un discorso grillino, ma davvero, alla quasi totalità di coloro che poggiano il culo in Parlamento (tra cui annovero il padre di un mio amicissimo e il marito della mia prof di filosofia del liceo) non gli importa NIENTE del Paese.
Chi comanda vuole solo starci il più possibile, guadagnare il più possibile e farsi i propri interessi.

Ma porco cazzo, in tutto questo tornerà al potere proprio chi ho governato SOLO e UNICAMENTE per questo...

Prodi è stato messo in croce per 2 anni da chi predicava bene e razzolava male perchè predicava male e razzolava bene... qualcuno se ne rende conto???

A chi dice che Prodi ha fatto disastri:

2002: rapporto deficit/PIL 2,9%
2005: rapporto deficit/PIL 3,5%
2007: rapporto defici/PIL 2.96%


Cmq la spallata più grossa a Prodi l'ha data la Chiesa, senza dubbio.
Ormai il Vaticano fa direttamente e allegramente politica, date un occhio alle ultime sparate di Bagnasco, da mani nei capelli.
Altri argomenti, altri momenti.
Ben tornato Cavaliere. E bentornato anch'io. Sciendon è ghei.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Gennaio, 25, 2008, 01:14
Si torna a votare, ragazzi!

bisogna vedere se Napolitano scioglie le camere o viene formata una nuova coalizione per un governo istituzionale..boh.. ora sta a casini.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Gennaio, 25, 2008, 09:06
Io ripeto: basta non si vada a votare. Facciano un governo tecnico, ne facciano uno istituzionale, quello che gli pare, ma rimettersi di nuovo sotto il fuoco della propaganda dopo due anni appena è insostenibile.

Comunque, in caso di elezioni, le cose andranno sicuramente meglio, statene certi: dai telegiornali lentamente scivoleranno via le notizie sui rom assassini, sulle difficoltà delle famiglie,  sui precari, su napoli e su tutto il resto. I sei telegiornali - pravda torneranno in sincronia, aumenterà lo spazio quotidiano di Gusto e vedrete che il paese si sentirà sicuramente meglio. Come disse quello, l'ignoranza è forza.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Gennaio, 25, 2008, 10:00
Come disse quello, l'ignoranza è forza.
L'ignoranza regna sovrana, questo è il punto. :angry7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Iceman - Gennaio, 25, 2008, 10:01
Io ripeto: basta non si vada a votare. Facciano un governo tecnico, ne facciano uno istituzionale, quello che gli pare, ma rimettersi di nuovo sotto il fuoco della propaganda dopo due anni appena è insostenibile.

Comunque, in caso di elezioni, le cose andranno sicuramente meglio, statene certi: dai telegiornali lentamente scivoleranno via le notizie sui rom assassini, sulle difficoltà delle famiglie,  sui precari, su napoli e su tutto il resto. I sei telegiornali - pravda torneranno in sincronia, aumenterà lo spazio quotidiano di Gusto e vedrete che il paese si sentirà sicuramente meglio. Come disse quello, l'ignoranza è forza.

Sono d'accordo, ma a dire il vero fino ad oggi l'informazione giornalistica italiana rasenta comunque lo schifo.
Ormai se si vuole conoscere veramente quello che succede bisogna informarsi su internet, i giornalisti sono sotto la direzione dei politici.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Gennaio, 25, 2008, 10:58
Oh, ma siamo d'accordo. L'orientamento filo-governativo del TG1 non è migliore rispetto a quello del TG5, o del TG4. Il fatto è che se l'unico modo esistente di fare un TG pare scandalosamente quello di lottizzarlo dal punto di vista politico, allora è meglio avere una distribuzione eterogenea piuttosto che un blocco unico.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Gennaio, 25, 2008, 14:56
Comunque, in caso di elezioni, le cose andranno sicuramente meglio, statene certi: dai telegiornali lentamente scivoleranno via le notizie sui rom assassini, sulle difficoltà delle famiglie, sui precari, su napoli e su tutto il resto.

Mah, mi sa che il numero degli evidenziati (come dei giovani satanisti, delle madri prolecide, dei tunesini stupratori e via dicendo) andrà invece aumentando. Laddove ignoranza non arriva, paura e gusto del sangue fanno il resto.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Gennaio, 25, 2008, 15:39
Diciamo che hai ragione, tignuzz, ma credo piuttosto che la differenza risulterà nel fatto che in futuro i figuri da te citati saranno trattati come figli bastardi di un disegno perfetto a cui non hanno voluto conformarsi (ovviamente a causa dei comunisti), mentre fin'ora quei figli bastardi erano dipinti dai media quasi come un prodotto diretto dell'incapacità di governo.

E' tutto qua il problema, Prodi si è comportato mille volte meglio di Berlusconi in un terzo del tempo, ma ha pagato l'incomunicabilità che gli è propria, e nella nostra epoca è un errore inammissibile. Da un anno e mezzo non ha fatto altro che esporre il fianco alle critiche che si insinuavano in ogni crepa (piccola e grande), riuscendo a farsi criticare, ad esempio, lo spropositato numero di addetti dell'esecutivo (102 tra ministri, vice e sottosegretari) da chi ne aveva scelti BEN 5 in meno (97 sotto il Berlusconi).

Comunicazione, tutto qua: come spiegare altrimenti che milioni di operai, impiegati, poveri votino chi fa gli interessi della grande imprenditoria e del ceto medio-alto?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Gennaio, 25, 2008, 16:41
Diciamo che hai ragione, tignuzz

Grazie per la concessione, Eccellenza :D
Trovata pulita la macchina?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Gennaio, 25, 2008, 18:10

E' tutto qua il problema, Prodi si è comportato mille volte meglio di Berlusconi in un terzo del tempo, ma ha pagato l'incomunicabilità che gli è propria, e nella nostra epoca è un errore inammissibile. Da un anno e mezzo non ha fatto altro che esporre il fianco alle critiche che si insinuavano in ogni crepa (piccola e grande), riuscendo a farsi criticare, ad esempio, lo spropositato numero di addetti dell'esecutivo (102 tra ministri, vice e sottosegretari) da chi ne aveva scelti BEN 5 in meno (97 sotto il Berlusconi).


Non mi sento di darti ragione sulla prima frase. l problemi di incomunicabilità, o meglio, di comunicazione distorta, per ovvie ragioni, ci sono. Li ho tirati io stesso in ballo. Specialmente mettendo a confronto le due epoche governative, siamo passati dal "panino" politico nel TG (governo - reazioni opposizione - governo in replica), a un'enfasi nella contestazione oppositoria (governo - reazioni opposizione), da un'epoca di cronaca nera fine a se stessa (Cogne, Novi, ecc.) ad una che ha un finale politico (Ahmetovic, Reggiani).
Quello che però non è vero è che Prodi ha fatto meglio di Berlusconi. L'inizio non è stato malvagio, ma erano ormai mesi che le cose significative del governo erano al minimo sindacale, ridotte al lumicino. Class action,  legge anti-omofobia, e poi?
Chiaramente questo è meno colpa di Prodi di quanto il nulla degli ultimi due anni di cdx sia colpa di Berlusconi, ma aveva senso continuare a governare così? Con queste mani legate, con questa continua necessità di rivedere qualsiasi cosa per far contenti cani e porci? con questa impossibile sensazione di traballamento?
Secondo me no, perchè èra un anno che il governo, colpa di Prodi o meno, era praticamente incatenato.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Gennaio, 25, 2008, 18:28
Verissimo, non si poteva continuare certo così, ma intanto si era ricomposta un'immagine istituzionale dopo un quinquennio di demenzialità pura, si erano messe tante cose sul piatto, tante riforme necessarie che perfino Bersani è riuscito in parte a portare a termine, si era iniziato a risanare l'economia, certo, il futuro era nebuloso e la crisi prima o poi sarebbe diventata inevitabile...
Il merito non lo do alle abilità di Prodi, quanto piuttosto al risalto che ne danno le follie berlusconiane.
Dopo 5 anni di niente, qualunque pirla sarebbe riuscito a datr un'impressione un po' decente.
Che poi vedasi Turigliatto e Mastella, la decenza non è di nessuno in parlamento, è un dato di fatto.

Io avrei continuato a volere Prodi per poter creare un apripista a Veltroni e al PD.
Lo si insulti quanto si vuole, ma sarebbe stata una delle poche luci in fondo al tunnel, le intenzioni erano di creare qualcosa di davvero diverso per il paese.

Quello che mi rattrista è che nelle prossime elezioni Vetroni è già bollito, silurato, finito: Berlusconi lo sconfiggerà senz'altro e il Partito Democratico non otterrà il suo trampolino di lancio ma resterà all'opposizione, additato da Berlusconi e Gasparri come nient'altro che l'ultima costola sovietica in seno all'Italia.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Claire Redfield - Gennaio, 25, 2008, 20:34
Una discussione così interessante e la connessione mi fa le bizze  :crybaby2:
Scrivo qualcosa anche se nei prossimi gionri non so se posso tornare.
Comunque, io veramente non ho più né la forza né la voglia di cercare di vedere anche un barlume di bontà nei nostri politici. Quando leggo meglio Berlusconi, no meglio Prodi, no speriamo in Veltroni non so se piangere o ridere. Veltroni ho avuto modo di conoscerlo meglio avvicinandomi al meraviglioso Comune di Roma. Lasciate ogni speranza o voi che entrate. Non riesco a descrivere la corruzione e lo schifo del mio Comune. Vi posso solo dire che prima Veltroni mi era perfino simpatico, adesso se qualcuno me lo nomina mi viene da vomitare. Prodi...Boh, francamente lo trovo indifendibile. Ha alzato le tasse, ha abbassato le pensioni (88 euro di meno al mese dalla pensione di mia nonna 82enne...alla faccia dei progressisti!)... Berlusconi: non c'è neanche bisogno di commentare. Già il nome basta.
Io penso che noi italiani non ce ne siamo accorti ma, mentre un po' per disperazione un po' per incoscienza, ancora  cerchiamo vagamente di parlare di ideologia e difendere i nostri favoriti, ci ritroviamo in una amabile dittatura con l'unica differenza che non abbiamo un dittatore solo, come in genere accade, ma ne abbiamo 945 (630 deputati della Camera e 315 senatori) che impoveriscono il Paese, ci privano dei nostri diritti più elementari, ci tassano più di ogni altro cittadino europeo facendoci vivere peggio, mentre loro si spartiscono il potere, trovano posti di lavori d'oro a familiari ed amici e fanno la vita da ricchi. Io non so più che fare né pensare. Non vedo soluzioni. Ci sarebbe bisogno di un ricambio totale ma è impossibile. Alle prossime elezioni, quando saranno, ci ritroveremo ancora a scegliere tra politici inquisiti o addirittura condannati in tanta armonia e lo faremo senza poter porre rimedio ed ancora peggio senza battere ciglio perché ormai siamo assuefatti.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Gennaio, 25, 2008, 21:39
Io penso che noi italiani non ce ne siamo accorti ma, mentre un po' per disperazione un po' per incoscienza, ancora  cerchiamo vagamente di parlare di ideologia e difendere i nostri favoriti, ci ritroviamo in una amabile dittatura con l'unica differenza che non abbiamo un dittatore solo, come in genere accade, ma ne abbiamo 945 (630 deputati della Camera e 315 senatori) che impoveriscono il Paese, ci privano dei nostri diritti più elementari, ci tassano più di ogni altro cittadino europeo facendoci vivere peggio, mentre loro si spartiscono il potere, trovano posti di lavori d'oro a familiari ed amici e fanno la vita da ricchi.

Non parlo per provocare, ma secondo me dire queste cose vuol dire mancare di rispetto ai nostri padri e alle nostri madri che sotto la dittatura ci sono passati veramente... Io non sono stato costretto a far parte di un gruppo Balilla, non sono stato spedito in una guerra e nemmeno ho dovuto fare la leva, se vado in un bar posso dire quanto mi pare che il governo fa schifo senza dover temere che un manganello mi sfondi il cranio, posso scrivere e pubblicare un libro di poesie senza venire sbattuto in galera, ho usufruito del mio diritto all'educazione, alla sanita' e al voto.

I problemi in Italia ci sono e sono gravi, a partire da una classe politica decisamente inetta per arrivare a una popolazione di furbi e incivili. Ma rispondere con questi nichilismi del tipo "viviamo sotto una dittatura" oppure "in Italia non gliene fotte un cazzo a nessuno", mi sembra solo abbandonarsi ad estremismi che sono sintomo e causa degli stessi problemi che vogliono criticare. Questo paese e' passato sotto tempi molto piu' bui di questo, e' sopravvissuto a barbari, inquisitori, austriaci, e fascisti. Sopravvivera' anche a questa generazione di politici incompetenti. E se i problemi ci sono, di sicuro non sara' l'isterismo a risolverli.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Gennaio, 26, 2008, 03:25
Non parlo per provocare, ma secondo me dire queste cose vuol dire mancare di rispetto ai nostri padri e alle nostri madri che sotto la dittatura ci sono passati veramente... Io non sono stato costretto a far parte di un gruppo Balilla, non sono stato spedito in una guerra e nemmeno ho dovuto fare la leva, se vado in un bar posso dire quanto mi pare che il governo fa schifo senza dover temere che un manganello mi sfondi il cranio, posso scrivere e pubblicare un libro di poesie senza venire sbattuto in galera, ho usufruito del mio diritto all'educazione, alla sanita' e al voto.

I problemi in Italia ci sono e sono gravi, a partire da una classe politica decisamente inetta per arrivare a una popolazione di furbi e incivili. Ma rispondere con questi nichilismi del tipo "viviamo sotto una dittatura" oppure "in Italia non gliene fotte un cazzo a nessuno", mi sembra solo abbandonarsi ad estremismi che sono sintomo e causa degli stessi problemi che vogliono criticare. Questo paese e' passato sotto tempi molto piu' bui di questo, e' sopravvissuto a barbari, inquisitori, austriaci, e fascisti. Sopravvivera' anche a questa generazione di politici incompetenti. E se i problemi ci sono, di sicuro non sara' l'isterismo a risolverli.

John ti quoto IN TOTO, direi di brindare :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Gennaio, 26, 2008, 10:44
non viviamo in una dittatura, ma tutta questa corruzione e confusione politica apre le porte a governi reazionari.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Gennaio, 26, 2008, 15:58
non viviamo in una dittatura, ma tutta questa corruzione e confusione politica apre le porte a governi reazionari.

il problema vero è che non è una novità, ma che è così da quando siamo in democrazia... la democrazia ti permette anche di rubare, almeno finchè non ti beccano
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Gennaio, 26, 2008, 16:20
beh allora noi quel limite l'abbiamo passato, diciamo che siamo pure in una plutocrazia  :thumbsup:.. è meglio di dragon ball!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sensei_Link - Gennaio, 26, 2008, 16:21
...oggi..si è dimesso Cuffaro, presidente della regione sicilia...............beh che dire....................................
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Banjo - Gennaio, 26, 2008, 16:22
Cuffaro e i cannoli :happy2:
Noi della Terronia del Sud siamo nel casino più di qualsiasi altro italiano...

...oggi..si è dimesso Cuffaro, presidente della regione sicilia...............beh che dire....................................

Ora tocca a Lombardo e Scapagnini.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sensei_Link - Gennaio, 26, 2008, 16:25
anche al signor miccicche...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Gennaio, 27, 2008, 10:08
John ti quoto IN TOTO, direi di brindare :D

Va bene pero' stavolta alla terza bottiglia ci metto una pezza, l'ultima volta abbiamo bevuto troppo e poi non sai che c**** di risveglio che ho avuto, li mortacci tua.

[youtube=425,350]_o2JT9N5Un0[/youtube]
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Febbraio, 01, 2008, 16:29
Fra un po' di tempo in Spagna torneranno a votare, e i vescovi hanno gia' detto agli spagnoli di votare contro Zapatero. La ragione sarebbe il suo approccio all'ETA, l'organizzazione terroristica iberica (mica la questione dei matrimoni omosessuali, quella non c'entra niente).

http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/esteri/200802articoli/29758girata.asp

Spero davvero che lo rieleggano, un politico cosi' bravo e' veramente un toccasana per l'Europa in questo momento.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 01, 2008, 16:38
visto che sei in loco, cosa ne pensi di Margareth Tatcher? e cosa ne dicono gli inglesi?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Febbraio, 01, 2008, 16:56
visto che sei in loco, cosa ne pensi di Margareth Tatcher? e cosa ne dicono gli inglesi?

Gran bella donna, anche se personalmente preferisco le bionde.

Come politica e' stata un completo disastro. Ha favorito la tipica linea di rendere alcune imprese piu' ricche a scapito della popolazione generale: l'inghilterra aveva dei servizi pubblici fenomenali (alcuni li ha ancora, vedasi la BBC che copre la Rai di vergogna) e li ha svenduti alla grande, la disoccupazione e' raddoppiata, e se non sbaglio ha pure alzato le tasse (alla faccia dei conservatori). Senza contare che ha cementato una cultura anti-europeista da far paura, cominciando a lagnarsi dei soldi che l'inghilterra dava all'unione e ritirando tutti i contributi.

Gli inglesi per lo piu' non ne serbano un gran ricordo, credo sia vista male per le ragioni di cui sopra, pero' la questione qui e' sempre un po' controversa perche' la Thatcher ha cmq rappresentato una grossa svolta da un punto di vista culturale, e c'e' chi dice che questo per certi versi abbia fatto bene al regno unito. E poi era un leader carismatico, basta vedere come si e' comportata con l'Unione Sovietica... non a caso la chiamano la Iron Lady. Cmq credo la maggioranza ne pensi abbastanza male.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Iceman - Febbraio, 01, 2008, 17:18
Non parlo per provocare, ma secondo me dire queste cose vuol dire mancare di rispetto ai nostri padri e alle nostri madri che sotto la dittatura ci sono passati veramente...

Ho letto solo questo, giusto una cosa.

Se ci sono persone che si devono vergognare per la mancanza di rispetto nei confronti di chi è morto per la democrazia.. beh.. quelle persone sono proprio i nostri politici. Di destra e di sinistra, tutti. Sono una manica di vecchiacci schifosi che pensano soltanto al loro interesse. Mi dispiace  che esistano ancora i fanboy di destra e i fanboy di sinistra, gente che crede ancora a questa banda di pregiudicati, mafiosi, corrotti, marci dentro e  che li difende manco fossero giocatori di una squadra di calcio.
Svegliatevi: a loro, di noi, non gliene può fregare di meno.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Febbraio, 01, 2008, 18:04
Gran bella donna, anche se personalmente preferisco le bionde.

Come politica e' stata un completo disastro. Ha favorito la tipica linea di rendere alcune imprese piu' ricche a scapito della popolazione generale: l'inghilterra aveva dei servizi pubblici fenomenali (alcuni li ha ancora, vedasi la BBC che copre la Rai di vergogna) e li ha svenduti alla grande, la disoccupazione e' raddoppiata, e se non sbaglio ha pure alzato le tasse (alla faccia dei conservatori). Senza contare che ha cementato una cultura anti-europeista da far paura, cominciando a lagnarsi dei soldi che l'inghilterra dava all'unione e ritirando tutti i contributi.

Gli inglesi per lo piu' non ne serbano un gran ricordo, credo sia vista male per le ragioni di cui sopra, pero' la questione qui e' sempre un po' controversa perche' la Thatcher ha cmq rappresentato una grossa svolta da un punto di vista culturale, e c'e' chi dice che questo per certi versi abbia fatto bene al regno unito. E poi era un leader carismatico, basta vedere come si e' comportata con l'Unione Sovietica... non a caso la chiamano la Iron Lady. Cmq credo la maggioranza ne pensi abbastanza male.

credo fu particolarmente odiata da un pò tutto il mondo quando Bobby Sands e gli altri 6 indipendentisti irlandesi morivano in carcere dopo mesi di sciopero della fame(vedi boicottaggio dei prodotti inglesi, e chiusura dei porti alle navi britanniche), a dir la verità non so nemmeno se ci fosse lei al comando del paese, fattostà che la posizione intransigente del governo inglese fu giudicata scandalosa da tutti, più o meno.
ma forse non era lei perchè lei ho letto che ha fatto sua il detto di francesco d'assisi ( dove c'è discordia, porteremo l'armonia, dove c' è dubbio la fede, e dove c' è disperazione, la speranza)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 01, 2008, 18:12
Gran bella donna, anche se personalmente preferisco le bionde.

Come politica e' stata un completo disastro. Ha favorito la tipica linea di rendere alcune imprese piu' ricche a scapito della popolazione generale: l'inghilterra aveva dei servizi pubblici fenomenali (alcuni li ha ancora, vedasi la BBC che copre la Rai di vergogna) e li ha svenduti alla grande, la disoccupazione e' raddoppiata, e se non sbaglio ha pure alzato le tasse (alla faccia dei conservatori). Senza contare che ha cementato una cultura anti-europeista da far paura, cominciando a lagnarsi dei soldi che l'inghilterra dava all'unione e ritirando tutti i contributi.

Gli inglesi per lo piu' non ne serbano un gran ricordo, credo sia vista male per le ragioni di cui sopra, pero' la questione qui e' sempre un po' controversa perche' la Thatcher ha cmq rappresentato una grossa svolta da un punto di vista culturale, e c'e' chi dice che questo per certi versi abbia fatto bene al regno unito. E poi era un leader carismatico, basta vedere come si e' comportata con l'Unione Sovietica... non a caso la chiamano la Iron Lady. Cmq credo la maggioranza ne pensi abbastanza male.

E perchè allora Blair s'è visto bene da toccare qualcuna delle modifiche fatte dalla Thatcher (grazie per l'h che avevo perso per strada!)? e qua in Italia le politiche di deregolamentazione e di privatizzazioni che hanno preso il via in Inghilterra le ha addirittura fatte il centrosinistra?
chiedo senza polemica xchè non riesco a inquadrarla la Thatcher. Per alcune cose ha praticamente inaugurato le politiche di destra che ormai dominano quasi ovunque (tant'è che anche clinton ha licenziato e snellito il pubblico..) per altre è stata veramente ridicola (vedi falklands)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Febbraio, 02, 2008, 18:03
Ho letto solo questo, giusto una cosa.

Se ci sono persone che si devono vergognare per la mancanza di rispetto nei confronti di chi è morto per la democrazia.. beh.. quelle persone sono proprio i nostri politici. Di destra e di sinistra, tutti. Sono una manica di vecchiacci schifosi che pensano soltanto al loro interesse. Mi dispiace  che esistano ancora i fanboy di destra e i fanboy di sinistra, gente che crede ancora a questa banda di pregiudicati, mafiosi, corrotti, marci dentro e  che li difende manco fossero giocatori di una squadra di calcio.
Svegliatevi: a loro, di noi, non gliene può fregare di meno.

Ribadisco, per me questo e' semplicemente abbandonarsi alle comodita' dell'estremismo. Non e' possibile fare di tutta l'erba un fascio, nemmeno in un'arena di porci come la politica italiana. La maggior parte dei politici secondo me sono come dici tu, ma tutti no. Per quanto odi Bossi, mi sembra difficile dipingerlo come uno senza ideali. Quello per fare un esempio facile, ma secondo me anche Padoa Schioppa ha fatto un ottimo lavoro, e poi se non gliene frega niente di niente a nessuno, mi spieghi ad esempio perche' sono andati incontro alla furia dei tassisti col decreto Bersani? Cosi' per provocarli?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Febbraio, 02, 2008, 18:09
E perchè allora Blair s'è visto bene da toccare qualcuna delle modifiche fatte dalla Thatcher (grazie per l'h che avevo perso per strada!)? e qua in Italia le politiche di deregolamentazione e di privatizzazioni che hanno preso il via in Inghilterra le ha addirittura fatte il centrosinistra?

Beh credo sia dato dal fatto che citi due casi decisamente atipici. Non so a quali modifiche Thatcheriane ti riferisci nello specifico, ma Blair era di sinistra solo di nome, praticamente tutto cio' che ha fatto il suo governo e' stato di destra (vedasi l'Iraq, l'incremento delle tasse universitarie per gli studenti, per non parlare della recente conversione al cattolicesimo, contro la disattenzione e il risultante declino di roba come il trasporto pubblico o le pensioni... mi pare si distanzi dalla destra tipica soltanto nel discreto sforzo ambientalista). Su come funziona la politica italiana poi, l'espressione "circo a tre piste" non rende l'idea.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Febbraio, 02, 2008, 18:18
Ribadisco, per me questo e' semplicemente abbandonarsi alle comodita' dell'estremismo. Non e' possibile fare di tutta l'erba un fascio, nemmeno in un'arena di porci come la politica italiana. La maggior parte dei politici secondo me sono come dici tu, ma tutti no. Per quanto odi Bossi, mi sembra difficile dipingerlo come uno senza ideali. Quello per fare un esempio facile, ma secondo me anche Padoa Schioppa ha fatto un ottimo lavoro, e poi se non gliene frega niente di niente a nessuno, mi spieghi ad esempio perche' sono andati incontro alla furia dei tassisti col decreto Bersani? Cosi' per provocarli?

Splendidi ideali. Non fa altro che minacciare la lotta armata, la secessione, lo sciopero fiscale. Per di più la Lega coltiva a livello nazionale e/o locale teorie paleonaziste su immigrati, rom, omosessuali e quello che vuoi tu. In quante dichiarazioni Calderoli ha chiamato i neri "Bingo bongo"? Quante volte lui, Borghezio e company si sono abbandonati a scempiaggini da far vergognare l'Italia?
E aggiungici il fatto che usano comportamenti e slogan talmente populisti da essere difficilmente incasellabili anche tra i politici, che hanno la loro cultura politica nei riti mitici(anche questi in odore ariano) del Po, della Padania, delle origini celtiche.

Direi quindi che hai sbagliato esempio, anche perchè se c'è un partito territoriale, limitato, attento solo al proprio circolo di elettori, quello è la Lega, che con la storia del "Nord che produce" non pensa certo al paese(forse se la gioca da questo punto di vista con Ceppaloni&associati).
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Febbraio, 02, 2008, 18:31
Penso che Talla avesse espresso uan constatazione, non un giudizio...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Febbraio, 02, 2008, 18:37
Splendidi ideali. Non fa altro che minacciare la lotta armata, la secessione, lo sciopero fiscale. Per di più la Lega coltiva a livello nazionale e/o locale teorie paleonaziste su immigrati, rom, omosessuali e quello che vuoi tu. In quante dichiarazioni Calderoli ha chiamato i neri "Bingo bongo"? Quante volte lui, Borghezio e company si sono abbandonati a scempiaggini da far vergognare l'Italia?
E aggiungici il fatto che usano comportamenti e slogan talmente populisti da essere difficilmente incasellabili anche tra i politici, che hanno la loro cultura politica nei riti mitici(anche questi in odore ariano) del Po, della Padania, delle origini celtiche.

Direi quindi che hai sbagliato esempio, anche perchè se c'è un partito territoriale, limitato, attento solo al proprio circolo di elettori, quello è la Lega, che con la storia del "Nord che produce" non pensa certo al paese(forse se la gioca da questo punto di vista con Ceppaloni&associati).

Non hai capito, per quanto mi riguarda Umberto Bossi trova il suo uso migliore come combustibile per il camino, semplicemente non mi pare un cinico, uno che non crede in nulla. Poi e' evidente che e' il popolo padano e non italiano a interessargli, ma resta uno che fa quel che fa per una passione e non per puro profitto personale. Che sia una testa di ... mi sembra inutile aggiungerlo.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Iceman - Febbraio, 05, 2008, 11:49
Ribadisco, per me questo e' semplicemente abbandonarsi alle comodita' dell'estremismo. Non e' possibile fare di tutta l'erba un fascio, nemmeno in un'arena di porci come la politica italiana. La maggior parte dei politici secondo me sono come dici tu, ma tutti no. Per quanto odi Bossi, mi sembra difficile dipingerlo come uno senza ideali.
Bossi, come tanti altri, è stato condannato in via definitiva. Ma si, teniamoci i condannati in parlamento, perchè no? Ha degli ideali no?

 
Citazione
Quello per fare un esempio facile, ma secondo me anche Padoa Schioppa ha fatto un ottimo lavoro, e poi se non gliene frega niente di niente a nessuno, mi spieghi ad esempio perche' sono andati incontro alla furia dei tassisti col decreto Bersani? Cosi' per provocarli?
Padoa Schioppa chi? Quell'ONOREVOLE che ha dato dei "bamboccioni" a non so quanti milioni di giovani? Ma perpiacere, che ci viva lui con un contratto a tempo, 1000 euro al mese e un buco di appartamento schifoso a 600 euro al mese, poi mi dice. Questo per dirti quanto LORO siano vicini ai NOSTRI problemi. Sono tutti uguali, stessa "materia anfibia inorganica (cit.)".
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Febbraio, 05, 2008, 19:07
Calmo, Ice, calmo... allora... prima cosa, via quel libro di Grillo dal comodino.
Seconda cosa, puoi avere degli ideali anche se vieni condannato in via definitiva: vedi i vari Cuffaro e Mastella, mafiosi che sono convinti di aiutare davvero i propri sudditi.
Magari non è etico che fai politica, è vero, però gli ideali li puoi avere davvero.

Terza cosa: le parole di Padoa Schioppa sono state ampiamente manipolate e incomprese: era una semplice battuta, magari non riuscitissima, ma una battuta.
Padoa Schioppa è tutto tranne un politico, è un economista, non ha mai ricoperto incarici politici fino alla nomina da parte di Prodi, è un tecnico con una vasta esperienza ed è tra gli economisti più quotati d'Europa, tra i primi che hanno contribuito alla nascita della moneta unica nei primi anni 80.

Non credo che un possessore di un Master al MIT di Boston non capisca come funzionino le cose.
Se andiamo a vedere la battuta,.poi, Padoa schioppa aveva detto: "Mandiamo i bamboccioni fuori di casa".
Se i grillini di turno avessero dato più importanza al resto della frase anzichè a quella parola...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 05, 2008, 20:06
io sono convinto che gente condannata per concussione, corruzione, e vilipendio alle istituzioni (tra le altre.. e non mi riferisco nel particolare a bossi) non dovrebbe entrare in parlamento. Ma non perchè c'è una legge, ma per dignità personale. E quando viene a mancare la dignità del signore di turno, dovrebbe essere il popolo con decoro e senza alzare forche a far capire che quel signore non deve piu' metterci piede in parlamento. Perchè tanto di leggi l'Italia ne ha prodotte piu' di molti altri paesi civili. abbiamo un'ottima costituzione e ce ne facciamo vanto: beh, in Inghilterra la costituzione non ce l'hanno eppure i politici e le persone per quanto possano essere in disaccordo sui contenuti e anche tanto sono tutte d'accordo sulle regole del gioco. Questo non credo che ce lo possano inculcare le leggi, ma ci vuole tempo, istruzione e rigidità nell'applicare le leggi, anche.
Giusto per fare un esempio che ho letto riguardo a Re Gustavo nei paesi scandinavi: nel 14 fu eletto il primo parlamento socialista, e il capo del governo prese questa consacrazione popolare come una delegittimazione della monarchia, annunciando che la Svezia sarebbe diventata repubblica. A questo la popolazione rispose andando in massa, silenziosamente sotto il palazzo reale e togliendosi il cappello. Il capo del governo capì l'antifona e rassegnò le dimissioni, e il Re le rifiutò dandogli una pacca sulla spalla e dicendo che essendo la sua prima esperienza di governo aveva diritto a sbagliare.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Claire Redfield - Febbraio, 05, 2008, 20:20
Non quoto perché sono pigra però vorrei rispondere un po' a tutti.
La frase sulla dittatura non era assolutamente una provocazione, lo penso sul serio  :)
La dittatura non è fatta solo per mezzo della violenza ma anche attraverso sistemi più subdoli e "presentabili", che possono togliere libertà ai cittadini con altrettanta efficacia. E a noi di libertà ne hanno tolte diverse. Faccio solo alcuni esempi.
La libertà di stampa (fondamentale in un Paese che voglia dirsi democratico) è pessima.Ogni anno il nostro Paese finisce in fondo alle classifiche circa la libertà e la qualità dell'informazione. Troppo facile dare la colpa ad un "mediocre giornalismo" senza andare ad indagare le motivazioni di tale mediocrità (il controllo da parte della nostra classe politica di televisioni e giornali).
Il controllo politico delgi elettori sull'operato dei nostri politici è stato annullato dalla riforma del 2005 che non permette più di votare il singolo politico ma solo la lista decisa dalle segreterie di partito.
Il controllo giuridico si è affievolito enormemente: la magistratura è ormai oggetto di sistematici attacchi per toglierle credibilità. Ammesso e non concesso che in alcuni casi tali attacchi fossero giustificati, ed ho i miei dubbi, ci ritroviamo con Demagistris (un gip) sottoposto a procedimento disciplinare perché ha osato fare indagini su Mastella. Ma stiamo scherzando? E questa è democrazia? Con Nicola Mancino (ex democristiano) vicepresidente del CSM? E questo dovrebbe garantire l'indipendenza dei giudici? La magistratura è l'ultimo baluardo per il rispetto della legalità: messole il bavaglio a noi cittadini non rimane altro (anche perché pure il controllo politico ce lo siamo giocato).
Grazie poi alla zelante opera di delegittimazione dei nostri politici contro la magistratura ormai buona parte dei cittadini odia i giudici e li vede come nemici.
Taccio poi della corruzione e dello schifo nella nostra amministrazione e vi dico solo una cosa: quando ci capitate in mezzo vi rendete conto che è molto peggio di quanto immaginavate e che i vostri diritti basta poco perché spariscano nel nulla.

Non vi ammorbo oltre e comunque vorrei ricordare, senza alcuna voglia di provocare, credetemi, che anche Hitler aveva degli ideali: questo solo per dire che un politico con ideali non è equivalente di politico buono (e neanche onesto) e quindi mi consola poco sapere che c'è un Bossi in Parlamento.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Febbraio, 06, 2008, 18:27
Bossi, come tanti altri, è stato condannato in via definitiva. Ma si, teniamoci i condannati in parlamento, perchè no? Ha degli ideali no?

Stai cambiando discorso. Hai detto che non esistono politici con ideali nella politica italiana, io ti ho citato Bossi per fare un esempio facile, elementare, uno che gli ideali li porta addirittura all'estremismo. Adesso te ne esci dicendomi che Bossi non e' un buon politico pur di appiccicarti al tuo filo logico secondo il quale l'unico modo di reagire a qualsiasi discorso di politica e' alzare le braccia e gridare "fa schifo tutto!" (anzi, "vaffanculo", se sei di quelli).

Che mi si stia parlando come se fossi un difensore di Bossi e' roba da "ai confini della realta' ".

Citazione
Padoa Schioppa chi? Quell'ONOREVOLE che ha dato dei "bamboccioni" a non so quanti milioni di giovani? Ma perpiacere, che ci viva lui con un contratto a tempo, 1000 euro al mese e un buco di appartamento schifoso a 600 euro al mese, poi mi dice. Questo per dirti quanto LORO siano vicini ai NOSTRI problemi. Sono tutti uguali, stessa "materia anfibia inorganica (cit.)".

Il lavoro di Padoa Schioppa non e' di venire a casa tua, prepararti una torta con gli zuccherini, farti un bel massaggio e rendere la tua vita "Il Giardino dell'Eden Parte Seconda". La sua responsabilita' e' l'andamento dell'economia italiana. E i dati sul debito pubblico e la crescita degli ultimi due anni, per quanto mi risulta, sono positivi, e di conseguenza, per me, lui e' un ministro competente. Il tuo cinismo e' fuori luogo, e il fatto che ti appigli alla battutina sui "bamboccioni" per liquidare una magistratura di due anni lo rende ancora meno penetrante. Dico questo specificando che non sono affatto un esperto su Padoa Schioppa, semplicemente a me sembra che abbia fatto un buon lavoro e mi piacerebbe vederlo nel PD, poi se non vi piace va bene, ma usate un minimo di argomenti piuttosto che rintanarvi in questa aneddotica da bar.

Citazione
La frase sulla dittatura non era assolutamente una provocazione, lo penso sul serio 
La dittatura non è fatta solo per mezzo della violenza ma anche attraverso sistemi più subdoli e "presentabili", che possono togliere libertà ai cittadini con altrettanta efficacia. E a noi di libertà ne hanno tolte diverse.

Beh, io in Italia ci ho vissuto e non mi sono mai sentito ne' schiavo, ne' prigioniero, ne' particolarmente represso. Questo non vuol dire che non ci siano ingiustizie o repressioni, il discorso e' piu' semplice, e' tutto qua: io dall'italia ho avuto 15 anni di educazione, servizio sanitario gratis di cui usufruisco tuttora e che ha salvato la vita a mio padre, trasporto pubblico, un'infinita' di eventi culturali spesso gratuiti (il flauto magico a piazza del popolo e' stata una delle cose piu' belle che abbia mai vissuto in musica), la possibilita' di farmi una patente, autostrade, biblioteche, universita', televisione pubblica, la liberta' di manifestare contro cose che non mi piacevano e di cui ho usufruito, ecc. ecc. e in cambio di tutto questo -- che non sempre sara' stato al massimo dell'efficienza, ma i cui benefici sono cmq per me innegabili -- che cosa ho dovuto dare? Forse un servizio militare di vent'anni, come nell'Unione Sovietica? Un'infanzia passata nei cortili della Balilla, come si faceva qui? I carroarmati per le strade? Uno che venisse a sfondarmi la casa e la testa col manganello? No. Niente. I miei hanno dovuto pagare le tasse, come in ogni paese civilizzato. Ma poi basta.

Non sono un ammiratore della classe politica italiana, sono il primo a denunciarla per inefficienza. Penso che questo paese sia martoriato da problemi enormi, che ci vorranno generazioni intere a risolvere. E sono stanco dei politici, della corruzione, di questi guai. Ma ancor piu' che dei politici, sono stanco di questa cultura del cinismo che state propagando, sono stanco dei vari Diogene della strada, sono stanco della vostra disillusione, della vostra incapacita' non dico di realizzare ma di visualizzare un futuro, della vostra nausea, delle vostre lagne, della vostra entropia. Nel college in cui vivo c'e' un Cinese, con cui mi e' capitato di scambiare due chiacchiere. A casa sua si viene arrestati se si parla contro il governo, e se scoprono che su internet vai su siti "non permessi dallo stato," ti sbattono in galera. Mia nonna ha vissuto attraverso il fascismo, ha ottant'anni, ancora oggi si sveglia in lacrime con gli incubi dei soprusi che ha subito e degli amici che gli hanno ammazzato. Io non vivo in una situazione analoga, e con che coraggio potrei dir loro che conosco la dittatura, non lo so.

Cmq se tanto siete disillusi la soluzione c'e', ed e' tanto semplice: fate le valigie e andatevene. Io l'ho gia' fatto e sapete quali straordinarie vicissitudini ho dovuto attraversare per fuggire da questo stato tiranno? Ho mostrato il passaporto all'aeroporto. Opla'.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 06, 2008, 19:41
Bhe Padoa Schioppa ha fatto quello che doveva fare, nè piu' nè meno. Chi lo critica addossandogli responsabilità sulle tasse etc. sa meglio di lui che non potevamo fare altro, d'altro canto abbiamo ben piu' dell'1,5% del debito pubblico della germania e non c'è nessun altro modo di alleggerirlo che questo. Siamo nell'unione monetaria e abbiamo certi vincoli da rispettare, oltre al fatto che se lo stato fa bancarotta noi ce la rompiamo n..etcetc.
Il governo di Prodi ha fatto cose storicamente da "governo di destra": politica del bilancio rigida e rigorosa, lotta all'evasione fiscale, e soprattutto ha limitato le chiacchere dei politici. Nè piu' nè meno ha fatto quello che mi ero aspettato: che lavorasse e basta, lasciando da parte pacs, etc.; inoltre la riforma della scuola mi è piaciuta molto. Se vedete ha fatto quello che hanno fatto i governi liberali fino al 1870, la tassa sul macinato non l'ha introdotta di certo Crispi. L'unica cosa che veramente non mi è piaciuta è stato il condono. Berlusconi 2  (ahimè) legislature fa ha inaugurato una politica del bilancio demagogica che (nei fatti) mischiava confusamente Keynes con Houdini: ossia bassa pressione fiscale con grandi opere, che poi è quello che ha fatto Craxi prendendoci per il culo tutti.
Sapete se Prodi fosse stato veramente lo stronzo che tutti dicono cosa avrebbe fatto? Avrebbe fatto un anno di governo per fare una legge elettorale a favore della sinistra, avrebbe speso tutto per ingraziarsi l'elettorato e dato le dimissioni dopo un anno di ludi e quant'altro. Invece ha fatto la strada che ha fatto consapevole di rovinarsi e l'ha portata fino in fondo affrontando il parlamento e quel verme di Mastella.
Io riconosco che l'Italia ha bisogno di un governo che faccia politiche di destra, ma per assurdo la sinistra che ha governato ha rispettato molto di piu' i principi liberali di rigore e serietà del precedente governo, che visto che si trattava di una sola persona, Berlusconi, e nient'altro, aveva il rigore di questo personaggio.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Febbraio, 07, 2008, 01:43
Un grande applauso alle parole di John Silver.
Sono totalmente d'accordo con te, hai inquadrato perfettamente la situazione.
Perchè Mastella farà vomitare, ma Grillo di più.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Claire Redfield - Febbraio, 07, 2008, 12:03
Non c'è niente da fare. Noi italiani quando prendiamo i calci in bocca non solo non reagiamo ma ringraziamo pure. Mi sembrate come quelli che 50 anni fa negavano l'esistenza della mafia. Quanto all'esempio della Cina, ribadisco: noi possiamo lamentarci del nostro Paese ma a parte questo c'è rimasto ben poco. Basta guardare il linciaggio della nostra magistratura, come ho scritto e a cui nessuno a risposto. Comunque non voglio convincere nessuno. Se vi piace così  :)

P.S. mia nonna ha 82 anni, ha vissuto anche lei la dittatura e manderebbe al rogo tutti i nostri politici  :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Febbraio, 07, 2008, 15:16
P.S. mia nonna ha 82 anni, ha vissuto anche lei la dittatura e manderebbe al rogo tutti i nostri politici  :D

Mia nonna ne ha 76, non ha visto la dittatura ma sparerebbe agli operai così rumorosi che lavorano vicino a casa sua  :icon_tongue:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Nintendosa - Febbraio, 07, 2008, 15:54
P.S. mia nonna ha 82 anni, ha vissuto anche lei la dittatura e manderebbe al rogo tutti i nostri politici  :D
Prendo spunto da questa frase di Claire solo per illustrarvi in quale provincia abito, Latina.
Per chi non lo sapesse Latina è stata fondata circa 75 anni fà proprio da Mussolini che fece una grande opera di bonifica delle terre pontine e da qui la nascita anche di piccoli centri come Sabaudia ad esempio.
Da questo punto di vista ammiro la grandissima idea di Mussolini nel ridare vita ad una e vera palude e se penso che 75 anni questa zona era un acquitrino rimango meravigliata per l'enorme lavoro svolto da migliaia di famiglie (per lo più venete) che sono state anche ricompensate. Infatti i nonni paterni e materni del mio ragazzo hanno avuto come "regalo" per l'opera svolta 2 poderi dell'ormai ex ONC (Opera Nazional Combattenti).

Tutto questo per dirvi che se passate per la piazza centrale di Latina sentite ancora i vecchietti dire "Eh ai tempi di Mussolini sì che si stava bene non adesso...", vi sono molti uomini che hanno ricevuto, in segno di ringraziamento, da parte dei loro genitori, il nome Benito o Romano (tra l'altro credo che chi chiamasse così i propri figli Mussolini desse dei soldi) e posso assicurarvi che qui ci sono molti ragazzi che hanno come hanno come tatuaggio il famossimo dittatore (per non parlarvi del mio datore di lavoro che nella sua stanza in bella vista un calendario di Mussolini ed una sua effige di bronzo! :confused1:)

Qui è praticamente idolatrato semplicemente per la bonifica (ripeto opera meravigliosa e maestosa) benchè in moltissime famiglie hanno vissuto al limite della decenza e della dignità personale (troppe volte il nonno paterno del mio ragazzo, comunista convinto e dichiarato, ha dovuto bere l'olio di ricino e per sostenere l'Italia ha dovuto donare le fedi nuziali). :angry7:

Chiusa piccola parentesi storica.  :)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Maligno - Febbraio, 07, 2008, 16:16
Be, mi sembra indubbio che il fascismo, per quanto (tanto) male abbia fatto all'Italia, non era solo olio di ricino e camicie nere: non è tutto oro quel che luccica così come non è tutta fece ciò che puzza (che perla di saggezza :D). Alla fine discorsi come quello dei nonni passati attraverso la dittatura non hanno senso, perchè le opinioni sono le più disparate a seconda del luogo e dell'effetto prodotto dal regime. Però mi posso dire perfettamente d'accordo sul discorso fatto da John, è praticamente quello che penso io detto molto meglio. Io penso che se si fa un paragone tra come si vive oggi e come si viveva 50, 100 anni fa la differenza sia abissale e che da sempre sia un corso un continuo, enorme miglioramento: è vero che l'Italia soffre di molti e gravi problemi (non solo nell'ambito politico), ma penso anche che a volte guardare il tutto con meno disprezzo e un pizzico in più di ottimismo faccia bene non solo alla salute, ma proprio a ciò che tanto viene criticato. Rispetto a praticamente ogni altra epoca storica, possiamo dirci veramente fortunati.

Poi l'egoismo umano non potrà essere mai debellato del tutto a causa della natura stessa dell'uomo, ma con un pò più di fiducia e tanta pazienza matureremo. E magari chi studierà fra qualche secolo i giorni nostri attraverso i libri di storia proverà lo stesso disgusto che proviamo noi leggendo dei regimi del Novecento.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Febbraio, 07, 2008, 16:44
Eh giaggià, che gran belle cose che ha fatto mussolini.
Le bonifiche, l'EUR....

Ma vi prego!
Vi prego!
Sono cose che sarebbero state fatte comunque, mentre ci sono mlioni di cose che nessun altro avrebbe fatto.
Una casa a Latina vale un ebreo italiano in un campo di concentramento?
Vale Balilla, retorica neoromana, inquadramento, squadrismo, saluto romano, leggi razziali, soppressione e repressione dei dissidenti e della libertà di parola e di stampa?
Vale Gramsci, vale Matteotti, vale la campagna di Russia, vale l'entrata in guerra, vale Salò, vale le fosse ardeatine?
Chi cita i "benefici" di Mussolini, pur ammettendone le pecche, non fa altro che dare benzina al fuoco revisionista.
Evitate certe uscite che sono di pessimo, pessimo gusto, nel rispetto di ragazzi della mia e della tua età, Malo, che presero i fucili e andarono in montagna a morire contro i "bonificatori".


E a chi crede nella capacità urbanistica di Mussolini, leggetevi "Mussolini urbanista" di Antonio Cederna, un magnifico ritratto degli sfaceli mussoliniani nell'"abbellimento" di Roma.
Studiate, va': dal Colosseo ridotto a spartitraffico a quell'abominio chic di Via Della Conciliazione, chi conosce un po' Roma (è la mia seconda città, in pratica) capirà cosa intendo quando mi riferisco a un intero borgo medievale spazzato via per costruire un vialone scenografico per San Pietro realizzando rovinando completamente le idee di Bernini.
Per non parlare di milioni di altre follie, come chiese del seicento abbattute per far posto a viali o altre amenità.

Il Foro Italico è ancora lì a conferma di quegli anni.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Nintendosa - Febbraio, 07, 2008, 17:22
Eh giaggià, che gran belle cose che ha fatto mussolini.
Le bonifiche, l'EUR....

Ma vi prego!
Vi prego!
Sono cose che sarebbero state fatte comunque, mentre ci sono mlioni di cose che nessun altro avrebbe fatto.
Una casa a Latina vale un ebreo italiano in un campo di concentramento?
Vale Balilla, retorica neoromana, inquadramento, squadrismo, saluto romano, leggi razziali, soppressione e repressione dei dissidenti e della libertà di parola e di stampa?
Vale Gramsci, vale Matteotti, vale la campagna di Russia, vale l'entrata in guerra, vale Salò, vale le fosse ardeatine?
Chi cita i "benefici" di Mussolini, pur ammettendone le pecche, non fa altro che dare benzina al fuoco revisionista.
Evitate certe uscite che sono di pessimo, pessimo gusto, nel rispetto di ragazzi della mia e della tua età, Malo, che presero i fucili e andarono in montagna a morire contro i "bonificatori".


E a chi crede nella capacità urbanistica di Mussolini, leggetevi "Mussolini urbanista" di Antonio Cederna, un magnifico ritratto degli sfaceli mussoliniani nell'"abbellimento" di Roma.
Studiate, va': dal Colosseo ridotto a spartitraffico a quell'abominio chic di Via Della Conciliazione, chi conosce un po' Roma (è la mia seconda città, in pratica) capirà cosa intendo quando mi riferisco a un intero borgo medievale spazzato via per costruire un vialone scenografico per San Pietro realizzando rovinando completamente le idee di Bernini.
Per non parlare di milioni di altre follie, come chiese del seicento abbattute per far posto a viali o altre amenità.

Il Foro Italico è ancora lì a conferma di quegli anni.
Premetto che non voglio fare alcuna polemica, però Gig vorrei farti una semplicissima domanda:
C'è per te una e dico una figura politica che ha fatto solo ed esclusivamente del bene e non ha danneggiato nessuno o cose?

Indubbiamente tu sei molto più acculturato di me in materia storica non lo metto in dubbio, ma quando dici certe cose e soprattutto nel tono in cui le dici (anche se non dirette a me nello specifico) mi fai sentire una persona ignorante, che non capisce un c***o e quasi che tu volessi imporre il tuo pensiero sugli altri, mi dispiace dirlo ma è quello che penso. :)

Io sono la prima a dispiacermi nel vedere degli scempi a Roma che è anche la mia città; ma allora perchè non provi tu a fare un bel progetto urbanistico per la capitale atto a mantenere possibilmente intatti tutti i suoi monumenti millenari e centenari e nel contempo a gestire ormai 5-6 milioni di abitanti! Credi che riusciresti nel tuo intento senza penalizzare nessuno o qualcosa? :)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Febbraio, 07, 2008, 17:49
Non c'è niente da fare. Noi italiani quando prendiamo i calci in bocca non solo non reagiamo ma ringraziamo pure.

Claire, non so piu' che dirti, io in italia mi trovo bene, ho avuto una vita facendo bene o male quel che mi pare. Se veramente stai venendo sottoposta a tanti abusi, come ho detto la soluzione c'e': fai le valigie e alza i tacchi.

Citazione
Quanto all'esempio della Cina, ribadisco: noi possiamo lamentarci del nostro Paese ma a parte questo c'è rimasto ben poco.

Scusa, ma cos'e' esattamente che vuoi fare e che ti impediscono? Vuoi votare? E vai. Vuoi organizzare una manifestazione? Metti insieme la gente e vai, l'hai anche fatto se non sbaglio. Vuoi andare a dire in faccia a un politico che e' uno stronzo? Vai, puoi fare anche questo e nessuno puo' arrestarti. ( ). Vuoi organizzare un partito? Metti insieme le firme e vai. Vuoi pubblicare un libro che dica come stanno i fatti? Paga i costi di stampa e poi distribuiscilo. Vuoi farti una canna? Persino questo puoi farlo senza problemi. Vuoi che l'intero comune di roma si metta in moto e faccia cio' che desideri tu per farti contenta, oppure vuoi sparare in faccia a un politico e poi bruciare le auto per strada?... beh, questo effettivamente non e' possibile.

Sul paragone con la Cina e' meglio se lasci perdere, se dai un assaggio alla vita che conduce un prigioniero politico laggiu' o se ricevi un paio di frustate sulla schiena, mi sa che cambi idea. Ci sara' pure rimasto poco a parte lamentarci del nostro paese, ma di sicuro di questo diritto ne usufruite alla grande.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Febbraio, 07, 2008, 17:54
Tutto questo per dirvi che se passate per la piazza centrale di Latina sentite ancora i vecchietti dire "Eh ai tempi di Mussolini sì che si stava bene non adesso..."

Guarda, sono discorsi normali, e' un atteggiamento che esiste dalla notte dei tempi dire "eh, quanto si stava bene all'epoca." L'opera omerica e' costruita sulla nozione di un'eta' d'oro dell'umanita', il cristianesimo e' basato sull'idea della perdita del giardino, la cultura europea sta sempre a fare paragoni con l'epoca classica, ci sono vecchietti che vivevano sotto Stalin e hanno nostalgia, ecc. ecc. (vedasi a tal proposito il bel saggio di Carlyle "Segni dei tempi", e' anche abbastanza breve).

In generale questi discorsi non mi preoccupano. La cosa malata e' che qua in Italia li sento in bocca a ragazzi di vent'anni.  :bs:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Nintendosa - Febbraio, 07, 2008, 18:48
Guarda, sono discorsi normali, e' un atteggiamento che esiste dalla notte dei tempi dire "eh, quanto si stava bene all'epoca."
Questo lo so ed infatti dato che si stava parlando di dittatura ho solo riportato la piccola realtà in cui vivo, ovvero persone che tuttora rimpiangono il fascimo e che hanno trovato qualcosa di buono in esso, anche se è stato quel che è stato. Poi da qui a dire "bella roba il fascismo", "ma vi prego, una casa a Latina vale quanto un ebreo italiano in un campo di concentramento" sinceramente mi vengono i nervi, anche per il modo in cui vengono dette, perchè se apprezzo un'opera fatta durante il periodo fascita ciò non significa che mi piace l'intero periodo storico con tutti gli annessi e connessi.
Che volete fare, sono una persona che cerca di trovare sempre qualcosa di bello anche in ciò che è negativo.
Spero di aver terminato la puntualizzazione su ciò che ho detto. :)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Maligno - Febbraio, 07, 2008, 22:59
Eh giaggià, che gran belle cose che ha fatto mussolini.
Le bonifiche, l'EUR....

Ma vi prego!
Vi prego!
Sono cose che sarebbero state fatte comunque, mentre ci sono mlioni di cose che nessun altro avrebbe fatto.
Una casa a Latina vale un ebreo italiano in un campo di concentramento?
Vale Balilla, retorica neoromana, inquadramento, squadrismo, saluto romano, leggi razziali, soppressione e repressione dei dissidenti e della libertà di parola e di stampa?
Vale Gramsci, vale Matteotti, vale la campagna di Russia, vale l'entrata in guerra, vale Salò, vale le fosse ardeatine?
Chi cita i "benefici" di Mussolini, pur ammettendone le pecche, non fa altro che dare benzina al fuoco revisionista.
Evitate certe uscite che sono di pessimo, pessimo gusto, nel rispetto di ragazzi della mia e della tua età, Malo, che presero i fucili e andarono in montagna a morire contro i "bonificatori".
Posso essere in disaccordo? Sembra quasi che abbia in qualche modo giustificato o sostenuto Mussolini... Mai detto questo, ti chiedo anche se puoi di evidenziarmi il passaggio incriminato che reputi così di pessimo gusto, Gig... Magari mi sono espresso male. Quello che volevo dire è che non esistono il bene e il male assoluto e mi sembra un pò un pregiudizio vedere Mussolini come il male più nero, giudicandolo solo in base al (tanto) male che ha fatto. Nel complesso per carità, lungi da me stimarlo come personaggio o come politico (d'altra parte il clima di oppressione del suo regime è per me qualcosa di insostenibile e la sua decisione di portare l'Italia in guerra come minimo sconsiderata) ma non sarebbe giusta un'analisi su di lui se non si considerasse anche quel poco di buono che ha fatto. Che c'entra il paragone tra la casa di Latina e l'ebreo deportato? Non hanno nesso, la casa a Latina mica rende Mussolini un buon politico: non sarebbe giusto però non ammettere che qualcosa di buono c'è stato. Stalin, forse il personaggio storico che più disprezzo al pari con Hitler, ha aumentato di molto la produttività russa con il sistema dei gulag: ciò non lo rende di certo un personaggio positivo, ma non si può non rendergli merito della crescita economica del paese, sebbene questo non giustifichi minimamente i milioni di morti. Tutto qui, nessuno voleva mancare di rispetto a nessuno e idolatrare il personaggio più negativo della storia italiana.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Febbraio, 08, 2008, 00:13
Stalin, forse il personaggio storico che più disprezzo al pari con Hitler, ha aumentato di molto la produttività russa con il sistema dei gulag: ciò non lo rende di certo un personaggio positivo, ma non si può non rendergli merito della crescita economica del paese, sebbene questo non giustifichi minimamente i milioni di morti.

certo, i piani quinquennali si sono dimostrati efficaci, la schiavitù, è efficace se ci pensi. La crescita economica c'è stata, poi ovviamente è stata distrutta dall'uccisione di milioni di contadini(perdita per la quale l'agricoltura ne risente ancora oggi, in russia).

Bah a me sembra assurdo dare meriti di tipo culturale e/o artistico a una dittatura(che per sua natura è SEMPRE sbagliata). L'arte va avanti da sola, le dittature al massimo possono sopprimerla.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Febbraio, 08, 2008, 01:04
Bah a me sembra assurdo dare meriti di tipo culturale e/o artistico a una dittatura(che per sua natura è SEMPRE sbagliata). L'arte va avanti da sola, le dittature al massimo possono sopprimerla.

Mi trovo daccordo, ma dipingere qualcosa come "male assoluto", anche quando ci si avvicina molto, mi puzza sempre. Alla fine il bilancio pende sempre da una parte, ma se per certi aspetti sono uscite cose buone non vedo perchè non citarle. Si fa lo stesso gioco dei fascisti che dicono "emmammussolini se non faceva l'errore di entrare in guerra stava tutto apposto, cioè", si guarda solo dove si vuole vedere. È mera questione di correttezza che non banalizza minimamente gli orrori.

C'è poi un altro aspetto, che non so quanto centri ma che credo sia interessante, ed è che a volte sembra quasi che personaggi come Hitler siano richiesti e forgiati dalla Storia stessa. Hitler è stato l'uomo giusto al momento giusto, è stata la catarsi di 1500 anni (e più, risalendo!) di guerre intra-europee, senza di lui non avremmo l'unione europea, dopo di lui non abbiamo avuto una sola guerra tra potenze che si scannavano regolarmente ogni vent'anni. Arrivo quasi a vedere Hitler come un ingranaggio di un meccanismo inesorabile, più che una creatura maligna che ha forgiato il male: sembra quasi a volte che la Germania era lì ad aspettarselo. Questo rivaluta il suo operato benignamente? No, assolutamente no! Questo gli toglie la responsabilità delle sue azioni? Neanche, però credo che la storia a volte abbia bisogno di distruttori.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Febbraio, 08, 2008, 01:27
Un grande amico (meridionale, fascista e tesserato) di mio padre (nordista, comunista e tesserato), 4 anni fa con AN al governo, andò alla sede di AN dove ha amici, chiedendo come muoversi per ricevere dei sostentamenti (giustissimi e dovuti) a causa di un ictus (o come si scrive); grossi ma mi e mo, ma poca sostanza. Essendo un ex-poliziotto, aveva conoscenze anche lì, ma non lo seppero indirizzare bene. Mio padre gli disse "Vai al patronato della CGIL", "No, da voi comunisti non ci vado"... Mio padre insistette e alla fine il suo amico ci andò, ora riceve la pensione! :dontknow:

Uno zio di mia madre, solo perchè non volle fare la tessera che Mussolini gli imponeva di fare, finii in un campo di concentramento (bella la democrazia di Mussolini), poi venne liberato dai partigiani!

Dulcis in fundo: utile rinverdire un angolo di Lazio, per radere al suolo l'Italia intera!
Nintendosa, dì col tuo datore di lavoro che non passi per Modena, potrebbe pentirsene. :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Nintendosa - Febbraio, 08, 2008, 10:45
Nintendosa, dì col tuo datore di lavoro che non passi per Modena, potrebbe pentirsene. :D
Ma guarda Dragha, se a Modena ci sia stato non lo so, però a Predappio ne ho la certezza! :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Febbraio, 08, 2008, 14:29
Posso essere in disaccordo? Sembra quasi che abbia in qualche modo giustificato o sostenuto Mussolini... Mai detto questo, ti chiedo anche se puoi di evidenziarmi il passaggio incriminato che reputi così di pessimo gusto, Gig... Magari mi sono espresso male. Quello che volevo dire è che non esistono il bene e il male assoluto e mi sembra un pò un pregiudizio vedere Mussolini come il male più nero, giudicandolo solo in base al (tanto) male che ha fatto. Nel complesso per carità, lungi da me stimarlo come personaggio o come politico (d'altra parte il clima di oppressione del suo regime è per me qualcosa di insostenibile e la sua decisione di portare l'Italia in guerra come minimo sconsiderata) ma non sarebbe giusta un'analisi su di lui se non si considerasse anche quel poco di buono che ha fatto. Che c'entra il paragone tra la casa di Latina e l'ebreo deportato? Non hanno nesso, la casa a Latina mica rende Mussolini un buon politico: non sarebbe giusto però non ammettere che qualcosa di buono c'è stato. Stalin, forse il personaggio storico che più disprezzo al pari con Hitler, ha aumentato di molto la produttività russa con il sistema dei gulag: ciò non lo rende di certo un personaggio positivo, ma non si può non rendergli merito della crescita economica del paese, sebbene questo non giustifichi minimamente i milioni di morti. Tutto qui, nessuno voleva mancare di rispetto a nessuno e idolatrare il personaggio più negativo della storia italiana.

Secondo me è nella frase evidenziata il "problema". Ovvero, il "rendere merito" è una cosa che non ha assolutamente senso, neppure in una prospettiva di critica democratica come è quella attuale nostra. Questo perchè Mussolini, così come gli altri due o tre cervelloni citati, è un personaggio i cui errori sono stati tali da impedire un qualsiasi bilancio. Non si può dire "molto male, qualcosa bene", perchè come accennava emozionalmente il Gig ne viene fuori un'idea di "punteggio" che non è ammissibile in percorsi politici ove c'è stata la soppressione della libertà, la deportazione, l'omicidio di stato.
Stalin ha fatto circa 60 milioni di morti in URSS. Dopo una cosa simile, si può forse dire: "ma ha il merito dei piani quinquennali"? oppure "è stato bravo a costruire l'università di Mosca"?
60 milioni di morti annientano qualsiasi merito, così come lo annientano le leggi razziali. Che merito c'è nel far crescere l'industria(ho inoltre il sentore che si vagheggi circa i "piani quinquennali" e circa il "grande balzo" senza sapere le bestialità che si sono trascinati dietro questi provvedimenti) se la gente muore? A che serve il PIL se ne beneficiano solo i quadri del partito?

Con questo non è che voglia io mistificare la storia o fare l'oscurantista. Parliamo del fascimo tout court, parliamo dello stalinismo. Diciamo pure "Mussolini ha bonificato, ha fatto la battaglia del grano ecc.". Ma, per favore, evitiamo di dare giudizi di valore a singole cose, peraltro di importanza dozzinale, che semplicemente non hanno un senso in una visione aggregata del fenomeno "fascismo" o del fenomeno "stalinismo". Evitiamo di dire "La bonifica è stata la parte buona del fascismo", perchè non è possibile giudicare ed incasellare in simili logiche di merito e di demerito fenomeni di tale natura.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Nintendosa - Febbraio, 08, 2008, 16:03
Evitiamo di dire "La bonifica è stata la parte buona del fascismo", perchè non è possibile giudicare ed incasellare in simili logiche di merito e di demerito fenomeni di tale natura.
Allora dato che il tema della bonifica l'ho riportato io, cerco di dare l'ultima mia spiegazione perchè spero di non postare più in merito.
Ho mai detto che grazie alla bonifica Mussolini ha acquistato un minimo di punteggio a suo favore? Se ho detto una cosa del genere segnalatemi dove.

Mi dà l'impressione, nel mio caso specifico, che da un semplice riporto della storia della città in cui vivo (il mio discorso non è assolutamente di parte perchè sono romana e non ho alcun parente che abbia partecipato all'opera della bonifica) abbiate travisato in quello che hai detto tu Shandon, ovvero che la "bonifica è stata la parte buona del fascismo" e di conseguenza può essere in qualche modo giudicato positivo.
Voi altri avete capito questo, qui mi pare che nessuno (Malo ed io) abbia detto una cosa del genere!

Poi spiegatemi una cosa per favore, qui ci sono utenti molto ma molto acculturati che non fanno altro che citare tale autore, tale opera,ad affermare questo è giusto o questo è sbagliato ed io, che ho visitato qui da me un museo bellissimo sulla bonifica, ho riportato piccole storie di persone che hanno vissuto durante il fascismo (di cui anch'essi hanno fatto parte di un piccolissimo frammento di quel periodo storico e vi assicuro che se venite a Latina è ancora tangilbile il ricordo di quel periodo negli edifici e soprattutto nelle persone), mi azzardo a giudicare positiva la bonifica e devo leggere "evitate certe uscite che sono di pessimo, pessimo gusto" o "ma per favore, evitiamo di dare giudizi di valore a singole cose, peraltro di importanza dozzinale, che semplicemente non hanno un senso in una visione aggregata del fenomeno "fascismo" o del fenomeno "stalinismo".

Ripeto per l'ultima volta, qui nessuno ha detto che il fascismo è positivo o che
Mussolini è stato un brav'uomo , però non trovo corretto il tono ed il modo di alcuni vostri commenti, personalmente non mi sono mai permessa di togliere la parola a nessuno di voi, credo che qui ci sia ancora la libertà di dire ciò che si pensa senza offendere nessuno. :)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Febbraio, 08, 2008, 17:52
Rispondo separatamente a tutti voi.


Anzitutto a Nintendosa, a cui devo per forza delle scuse.
Non volevo essere totalitario, proprio perchè è il totalitarismo che stavo criticando...
Solo mi sono un po' lasciato prendere la mano dal mio antifascismo radicato, non volevo considerarti ignorante come io non volevo sembrare un professorone.
Non lo sei e non lo sono, hai tutto il diritto di esprimere il pensiero, così come ho tutto il diritto di criticarlo.
Alla fine è una questione formale, ho usato solo toni un po' forti. Chiedo ancora scusa se ti sei offesa.

Troppe volte però sento attacchi continui a partigiani e Resistenza (ultimo il PD che non basa il suo fondamento su di essa), portati da chi sembra ignorare lo sfacelo in cui il Paese era stato condotto da Mussolini...
Non è il tuo caso, non hai difeso la dittatura, ma hai fatto un discorso in cui hai lodato certe cose che ha fatto mussolini, obiettivamente condivisibili, come le bonifiche.
Ma siamo proprio sicuri che un qualunque altro politico non avrebbe potuto fare la stessa cosa?

Al di là di questo, la mia ira funesta fu causata soprattutto da Maligno, più che dalle tue parole.
Malo ha amplificato il giudizio di valore che era tra le righe del tuo post, predicando che "anche qualcosa di buono il fascismo l'ha fatto".
Per andare a cercare la democraticità assoluta, avete cercato di non vedere certe cose come il Male Assoluto, giustamente.
Però nella vostra buona fede vi siete avvicinati pericolosamente alle vuote argomentazioni dei neofascisti che ovunque sorgono come funghi.
Sono posizioni che, anche se dette innocentemente, come ho già detto, non fanno che alimentare il revisionismo, anche se sono CERTO che non era la vostra intenzione.

Ogni azione eventualmente buona di politica interna che possa aver fatto mussolini (posso citare anche la decisione di ideare la 500, anche se la cecità dei leccapiedi mussoliniani ne ha ritardato la produzione) però svanisce di fronte a tutto quello che ha fatto prima durante e dopo.
E' assurdo dare giudizi positivi a una parte tanto minuscola dell'operato di Mussolini, sostendendo che "pur tra tante nefandezze, qualcosa di buono è stato fatto".
E' come voler lodare la bontà di un cioccolatino in un lago di merda.
A che prezzo abbiamo dovuto pagare quelle bonifiche?
Le pompe idrauliche erano alimentate con il denaro proveniente dalle requisizioni a ogni dissidente, e come si può dire bene delle case di Latina donate al popolo se per averle l'unico modo era fare il saluto romano e avere la tessera del PNF?



Io fare un bel progetto urbanistico per una città in crescita senza rovinarne il decoro millenario?
Io non ci riuscirei, ma tanti che sono venuti dopo di lui sì.
Il problema era che Via Della COnciliazione non fu ideata per migliorare la vita dei Romani (anzi, gli abitanti del borgo medioevale vennero brutalmente sfrattati), ma solo per scimmiottare le capitali europee, per creare scenografie adatte a dare lustro alla capitale del nuovo Impero, mentre gli architetti si affrettavano a proporre idee ancora più assurde di quelle che la mente del Duce partoriva... Roma fu devastata non per aumentarne la viabilità ma per renderla più maestosa e pacchiana possibile, sullo stile delle scenografie berlinesi di Hitler.




X MALIGNO, Shandon ti ha risposto più che bene, esprimendo il mio pensiero.


X TiGNO: Sul primo aspetto, vedi sopra.
Sul seocndo aspetto hai pienamente ragione: è infatti dversissimo giudicare positivamente la figura dal giudicare positivamente la sua funzione di ingranaggio fondamentale dell'epoca moderna.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Febbraio, 08, 2008, 18:34
E' come voler lodare la bontà di un cioccolatino in un lago di merda.

Hai ragione che è molto facile che si creino pretese di revisionismo e nuovi luoghi comuni dal dire che "anche il fascismo ha fatto del bene" passando poi magari a "massì dai che il fascismo non era poi così male" e finendo con "apparte quei due errorucci mussolini è stato un grande statista". Però, se il cioccolatino c'è, non vedo perchè non demarcarne la presenza :) Certo, mi pare un po' sterile anche solo stare a indicarlo, tantomeno sperare di poterselo gustare, però c'è, e non credo che ne Malo ne Nintendosa lo stessero indicando per rivalutare il duce.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Claire Redfield - Febbraio, 08, 2008, 19:54
Claire, non so piu' che dirti, io in italia mi trovo bene, ho avuto una vita facendo bene o male quel che mi pare. Se veramente stai venendo sottoposta a tanti abusi, come ho detto la soluzione c'e': fai le valigie e alza i tacchi.

Scusa, ma cos'e' esattamente che vuoi fare e che ti impediscono? Vuoi votare? E vai. Vuoi organizzare una manifestazione? Metti insieme la gente e vai, l'hai anche fatto se non sbaglio. Vuoi andare a dire in faccia a un politico che e' uno stronzo? Vai, puoi fare anche questo e nessuno puo' arrestarti. ( ). Vuoi organizzare un partito? Metti insieme le firme e vai. Vuoi pubblicare un libro che dica come stanno i fatti? Paga i costi di stampa e poi distribuiscilo. Vuoi farti una canna? Persino questo puoi farlo senza problemi. Vuoi che l'intero comune di roma si metta in moto e faccia cio' che desideri tu per farti contenta, oppure vuoi sparare in faccia a un politico e poi bruciare le auto per strada?... beh, questo effettivamente non e' possibile.

Sul paragone con la Cina e' meglio se lasci perdere, se dai un assaggio alla vita che conduce un prigioniero politico laggiu' o se ricevi un paio di frustate sulla schiena, mi sa che cambi idea. Ci sara' pure rimasto poco a parte lamentarci del nostro paese, ma di sicuro di questo diritto ne usufruite alla grande.
John sono io che non so che dirti...Nel mio post precedente ho riportato tre esempi di, a mio avviso ovviamente, gravi lesioni della democrazia. Nessuno ha risposto. Se non lo capite non so che farvi  :dontknow: Se ritieni democratico un Paese dove un gip che indaga su Mastella si ritrova con la carriera stroncata col beneplacito di tutti, Presidente della Repubblica compreso (il quale teoricamente sarebbe il presidente del CSM!!!), accomodati. Quanto ad andarmene dall'Italia è una cosa a cui ho pensato ma, comunque, la mia vita privata non è affare che ti riguardi  :)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Febbraio, 08, 2008, 20:02
sono davvero indeciso su chi votare... la posizione politica la sapete, ma davvero non so dove sbattere la testa
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Febbraio, 08, 2008, 21:55
Citazione
John sono io che non so che dirti...Nel mio post precedente ho riportato tre esempi di, a mio avviso ovviamente, gravi lesioni della democrazia. Nessuno ha risposto. Se non lo capite non so che farvi :dontknow:

Visto che premi tanto torno indietro e cerco di rispondere a cio' che dicevi, cmq permettimi di farti qualche richiesta: 1.) Sappiamo leggere tutti e puoi star certa che i tuoi post vengono letti; se non sono resi soggetto di una disamina punto per punto ti prego di non dare per scontato che stiano venendo ignorati. E' piu' probabile che si stia rispondendo in maniera indiretta attraverso altri argomenti, o che un utente non abbia una voglia matta di dedicarsi a decostruzioni del genere (come sei la prima a sapere, non tutti hanno ore libere da buttare via). O magari semplicemente non sanno cosa dire ma vogliono dire qualcos'altro lo stesso, cosa anche questa che si puo' fare. 2.) Ti prego di essere precisa con i termini. Se il tuo argomento e' che stanno venendo effettuate lesioni al sistema democratico, maro', ma dirlo prima! Sono completamente d'accordo. Se stai dicendo che stiamo vivendo in una DITTATURA, ergo la situazione della gente che viveva sotto Stalin, Mussolini, Pinochet o Mao, capirai se lo taccio di estremismo (anche per rispetto a chi in quelle situazioni ci vive o ci ha vissuto davvero). 3.) Permettimi di sottolineare l'ironia della frase Grazie poi alla zelante opera di delegittimazione dei nostri politici contro la magistratura ormai buona parte dei cittadini odia i giudici e li vede come nemici nel tuo ultimo post... dato che la mia critica va verso quella parte dei cittadini che odia i politici e li vede come nemici e che, guarda caso, tende a sovrapporsi con la frazione di cui parli tu. Come puoi dire che questa gente non ha diritto ad assolutismi anti-magistratura quando tu ti abbandoni con una facilita' disarmante ad assolutismi anti-politica.

In particolare penso che atteggiamenti quali i tuoi siano ciechi al fatto che la situazione attuale non e' altro che una contingenza storica. Non e' un caso se ho parlato di unni, inquisitori e austriaci, prima. Ogni periodo storico ha le sue difficolta', e ognuno vede quelle difficolta' come una crisi senza uscita, come il periodo piu' nero. Eppure malgrado invasioni, repressioni, dittature, brigate rosse, ecc. ecc. l'Italia e' ancora qui e per condizioni di vita e' ancora tra le prime otto nazioni (su 194) del mondo. I politici incompetenti sono solo un problema come tanti altri (e assai meno grave di quelli affrontati in passato), e' un'ombra che finira' anch'essa col passare, facciamo il possibile per risolverlo e mettiamoci il cuore in pace che l'Eden sulla terra non lo avremo mai.

La libertà di stampa (fondamentale in un Paese che voglia dirsi democratico) è pessima.Ogni anno il nostro Paese finisce in fondo alle classifiche circa la libertà e la qualità dell'informazione. Troppo facile dare la colpa ad un "mediocre giornalismo" senza andare ad indagare le motivazioni di tale mediocrità (il controllo da parte della nostra classe politica di televisioni e giornali).

Personalmente leggo la Repubblica e a me sembra un quotidiano ottimo. Scalfari e Serra offrono critiche splendide, e i temi vengono trattati in maniera esaustiva. E' inoltre a volte uno splendido forum di eventi culturali (vedasi I Barbari di Baricco). Ogni tanto ho dato una scorsa al Corriere e non mi sembra pessima come pubblicazione.

Quanto alle altre pubblicazioni, mi pare che vadano in direzioni che spesso sfiorano l'estremismo (la padania... dio santo), sia da un lato che dall'altro. E in ogni caso praticamente tutti i giornali che leggo sparano a zero sul governo e sono di un caustico spesso incredibile. Non mi pare siano mai stati arrestati per questo.

Se poi stiamo parlando di pubblicare un libro, vai in qualsiasi libreria e anche li' trovi di tutto, testi filo-fascisti accanto a pamphlet marxisti. Se vuoi pubblicarne uno anche tu, ti servono i soldi per pagare i prezzi di stampa e poi devi darti da fare come una matta per distribuirlo, ma questo e' semplicemente l'industria ed e' cosi' in tutto il mondo.

Insomma, non dico l'Italia abbia il miglior giornalismo del mondo, ma non ci vedo tutta questa brutale repressione ed incarceramenti di chi pubblica qualcosa di sgradito. Mi pare liberta' di stampa in Italia ci sia.

Citazione
Il controllo politico delgi elettori sull'operato dei nostri politici è stato annullato dalla riforma del 2005 che non permette più di votare il singolo politico ma solo la lista decisa dalle segreterie di partito.

Condivido la critica, come ho detto prima pero' c'e' un abisso tra dire che il controllo politico degli elettori e' stato diminuito e dire che ormai viviamo in dittatura. Se ad ogni elezione siamo costretti a subirci inondazioni di campagne pubblicitarie, la ragione e' proprio che al senato salgono soltanto i partiti votati dagli elettori. Se Prodi e' caduto e' perche' non aveva una maggioranza abbastanza ampia, e sai perche' e' successo questo? Perche' un sacco di gente si e' alzata ed e' andata a votare contro di lui.

Di nuovo, si tratta semplicemente di una distinzione di prospettiva, io la vedo da un punto di vista relativista, tu da un punto di vista assolutista / estremista (che ti rende, come cittadina, un'ostruzionista, e quindi colpevole di essere tu stessa lesiva al sistema democratico che vuoi difendere). Mi dirai che stiamo discutendo di semantica, ma la differenza come vedi non e' mica da poco.

Citazione
Il controllo giuridico si è affievolito enormemente: la magistratura è ormai oggetto di sistematici attacchi per toglierle credibilità. Ammesso e non concesso che in alcuni casi tali attacchi fossero giustificati, ed ho i miei dubbi, ci ritroviamo con Demagistris (un gip) sottoposto a procedimento disciplinare perché ha osato fare indagini su Mastella. Ma stiamo scherzando? E questa è democrazia? Con Nicola Mancino (ex democristiano) vicepresidente del CSM? E questo dovrebbe garantire l'indipendenza dei giudici?

Ne sai chiaramente piu' di me. Da parte mia posso solo dire che di recente i miei genitori hanno intrapreso e vinto una causa contro una persona che voleva truffarli, senza drammi. Per il resto a questa parte del discorso chiaramente non posso rispondere, visto che e' la tua disciplina e ne so poco o nulla.

(ah adesso che ho risposto voglio vedere se cominci a smontare questo post riga per riga come sembri richiedere).
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Banjo - Febbraio, 08, 2008, 23:05
Personalmente leggo la Repubblica e a me sembra un quotidiano ottimo. Scalfari e Serra offrono critiche splendide, e i temi vengono trattati in maniera esaustiva. E' inoltre a volte uno splendido forum di eventi culturali (vedasi I Barbari di Baricco). Ogni tanto ho dato una scorsa al Corriere e non mi sembra pessima come pubblicazione.

Quanto alle altre pubblicazioni, mi pare che vadano in direzioni che spesso sfiorano l'estremismo (la padania... dio santo), sia da un lato che dall'altro. E in ogni caso praticamente tutti i giornali che leggo sparano a zero sul governo e sono di un caustico spesso incredibile. Non mi pare siano mai stati arrestati per questo.

In provincia di Catania non pubblicano la pagine siciliane di Repubblica per non fare concorrenza alla Sicilia :BangHead:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Febbraio, 09, 2008, 01:11
Hai ragione che è molto facile che si creino pretese di revisionismo e nuovi luoghi comuni dal dire che "anche il fascismo ha fatto del bene" passando poi magari a "massì dai che il fascismo non era poi così male" e finendo con "apparte quei due errorucci mussolini è stato un grande statista". Però, se il cioccolatino c'è, non vedo perchè non demarcarne la presenza :) Certo, mi pare un po' sterile anche solo stare a indicarlo, tantomeno sperare di poterselo gustare, però c'è, e non credo che ne Malo ne Nintendosa lo stessero indicando per rivalutare il duce.

Leggi quello che ho scritto. Non riesco a considerarle buone azioni neppure quelle.
Che senso ha donare una casa a chi ha aiutato a costruire la città se i beneficiari sono solo i seguaci del capo?
Un intervento politico dev'essere mirato a tutti, mica solo a chi manifesta per te in piazza, sono cose talmente ovvie che non capisco come non possano essere considerate.

Volendo attribuirmi virtù poetiche incredibili, l'immagine del cioccolatino riassume quello che voglio dire: il cioccolatino poteva anche essere buono, prima, ma è contaminato dal lago di cui sopra.
Mussolini, avrà anche costruito Latina, ma a che prezzo?


PS: m'è venuto in mente che Mussolini negli anni 30 aveva in testa di unificare Pisa e Livorno in un'unica città ribattezzata per l'occasione Pisorno.
A parte la comicità della cosa, chi conosce un po' i toscani di quelle città sa bene che sarebbe impossibile dato l'odio feroce tra i due campanili.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Febbraio, 09, 2008, 09:44

Ho mai detto che grazie alla bonifica Mussolini ha acquistato un minimo di punteggio a suo favore? Se ho detto una cosa del genere segnalatemi dove.

tu Shandon, ovvero che la "bonifica è stata la parte buona del fascismo" e di conseguenza può essere in qualche modo giudicato positivo.


Poi spiegatemi una cosa per favore, qui ci sono utenti molto ma molto acculturati che non fanno altro che citare tale autore, tale opera,ad affermare questo è giusto o questo è sbagliato ed io, che ho visitato qui da me un museo bellissimo sulla bonifica, ho riportato piccole storie di persone che hanno vissuto durante il fascismo (di cui anch'essi hanno fatto parte di un piccolissimo frammento di quel periodo storico e vi assicuro che se venite a Latina è ancora tangilbile il ricordo di quel periodo negli edifici e soprattutto nelle persone), mi azzardo a giudicare positiva la bonifica e devo leggere "evitate certe uscite che sono di pessimo, pessimo gusto" o "ma per favore, evitiamo di dare giudizi di valore a singole cose, peraltro di importanza dozzinale, che semplicemente non hanno un senso in una visione aggregata del fenomeno "fascismo" o del fenomeno "stalinismo".


Guarda, io non è che sono venuto a risponderti così, tanto per fare. Leggi il tuo post iniziale, dove scrivi "ammiro tantissimo Mussolini per questa cosa" o dove dici che i vecchi si ricordano ancora di lui con affetto e che i giovani se ne tatuano l'immagine. Non so, forse a te non paiono lodi. A me pare un discorso della serie "non era poi un tanto male, se qui c'è ancora chi lo apprezza". E le opinioni contenute in queste "piccole storie", come le chiami tu, mi fanno solo sentir male, poichè, come ho scritto, sono solo un guardare la storia con l'occhio al proprio portafogli, senza osservare quella che era l'Italia. Ha ragione Gig: dire "ai tempi di Mussolini si stava bene" equivale a dire "la mia stabilità e la mia sicurezza valgon bene le deportazioni e i manganelli", perchè se uno rimpiange quei tempi, li rimpiange in toto.

Ripeto, dunque:

evitiamo di dare giudizi di valore a singole cose, peraltro di importanza dozzinale, che semplicemente non hanno un senso in una visione aggregata del fenomeno "fascismo"
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Febbraio, 09, 2008, 14:21
Volendo attribuirmi virtù poetiche incredibili, l'immagine del cioccolatino riassume quello che voglio dire: il cioccolatino poteva anche essere buono, prima, ma è contaminato dal lago di cui sopra.
Mussolini, avrà anche costruito Latina, ma a che prezzo?

Ma io non sto dicendo che il lago di merda sia una squisitezza perchè c'è il cioccolatino, solo che il cioccolatino c'è. Punto. Poi se uno mi chiede "com'è quel lago?" non gli dirò "una delicatesse al cioccolato" ma "una merda", e non vedo che cambi.
Ma, di fatto, un sacco di persone quel cioccolatino se lo sono fatte bastare eccome, e sono sicuro che ci sarebbe un mare di gente ancor'oggi pronto a farselo bastare. E se non si guarda anche a quel cioccolatino, e si giudica soltanto la merda, non si potrà mai agire in contromisura alla cosa. Il fascismo ha un lato che attrae, ha un lato che fa leva sui bassi istinti e sulle paure e lo fa benissimo, e se non lo si riconosce, se non si riconosce magari addirittura che c'è una piccola parte che fa leva pure su di noi, ogni condanna morale e ogni giudizio per quanto giusto saranno solo parole di fronte a quegli istinti. Finché non si capisce che magari (anzi, probabilmente) anche noi avremmo venduto pace e amicizie per la stabilità, il giudizio non avrà senso.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Febbraio, 09, 2008, 15:46
Ma io non sto dicendo che il lago di merda sia una squisitezza perchè c'è il cioccolatino, solo che il cioccolatino c'è. Punto. Poi se uno mi chiede "com'è quel lago?" non gli dirò "una delicatesse al cioccolato" ma "una merda", e non vedo che cambi.
Ma, di fatto, un sacco di persone quel cioccolatino se lo sono fatte bastare eccome, e sono sicuro che ci sarebbe un mare di gente ancor'oggi pronto a farselo bastare. E se non si guarda anche a quel cioccolatino, e si giudica soltanto la merda, non si potrà mai agire in contromisura alla cosa. Il fascismo ha un lato che attrae, ha un lato che fa leva sui bassi istinti e sulle paure e lo fa benissimo, e se non lo si riconosce, se non si riconosce magari addirittura che c'è una piccola parte che fa leva pure su di noi, ogni condanna morale e ogni giudizio per quanto giusto saranno solo parole di fronte a quegli istinti. Finché non si capisce che magari (anzi, probabilmente) anche noi avremmo venduto pace e amicizie per la stabilità, il giudizio non avrà senso.

Ma il fastto è che quel cioccolatino non è più buono, è immerso nella merda, da cui è infettato e che ne rende impossibile la degustazione!
Il resto del tuo discorso vede il fascismo come parte dell'ingranaggio della storia, e come già detto sono d'accordissimo...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Febbraio, 09, 2008, 16:33
Centrava, ma solo in parte. Se si dimentica il cioccolatino, se si dimentica il perchè tanta gente l'ha gustato pur se imbrattato di merda e ha pure ringraziato, si dimentica il come e il perchè il fascismo ha avuto successo, e si apre la strada a un futuro ritorno. Perchè quando il giudizio diventa negativo a priori inizia ad appoggiarsi sul nulla, e diventa molto facile allora per i sostenitori tirar fuori le poche cose positive a mo' di "questo non ce l'avete mica detto però!". Un po'come con le droghe: la droga è cattiva, la droga è il male assoluto, e qui e lì ed ecco che uno prova una canna e toh, "non è mica poi così terribile!", e magari continuerà con "chissà se anche l'eroina non è solo una balla...". Serve solo distacco e documentazione chiara di quello che è stato il fascismo (che, mi sembra, parli da sola), non giudizio, ognuno poi è in grado di giudicare di per se.
Alla fine è quasi un dibattito formale, ma trovo sia importante.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Febbraio, 09, 2008, 17:41
Ma io non sto dicendo che il lago di merda sia una squisitezza perchè c'è il cioccolatino, solo che il cioccolatino c'è. Punto. Poi se uno mi chiede "com'è quel lago?" non gli dirò "una delicatesse al cioccolato" ma "una merda", e non vedo che cambi.
Ma, di fatto, un sacco di persone quel cioccolatino se lo sono fatte bastare eccome, e sono sicuro che ci sarebbe un mare di gente ancor'oggi pronto a farselo bastare. E se non si guarda anche a quel cioccolatino, e si giudica soltanto la merda, non si potrà mai agire in contromisura alla cosa. Il fascismo ha un lato che attrae, ha un lato che fa leva sui bassi istinti e sulle paure e lo fa benissimo, e se non lo si riconosce, se non si riconosce magari addirittura che c'è una piccola parte che fa leva pure su di noi, ogni condanna morale e ogni giudizio per quanto giusto saranno solo parole di fronte a quegli istinti. Finché non si capisce che magari (anzi, probabilmente) anche noi avremmo venduto pace e amicizie per la stabilità, il giudizio non avrà senso.

(http://www.downloadsquad.com/media/2006/05/confusion.gif)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Nintendosa - Febbraio, 10, 2008, 13:03
Mussolini che fece una grande opera di bonifica delle terre pontine

Leggi il tuo post iniziale, dove scrivi "ammiro tantissimo Mussolini per questa cosa"

Ripeto non voglio fare alcuna polemica, però a mio avviso credo che ci sia una bella differenza nel giudicare una singola opera di una persona in un contesto particolare (in questo caso la bonifica di Mussolini durante il fascismo) per finire nell'affermare la mia completa ammirazione verso questo personaggio politico negativo! Non ho detto una cosa del genere e ripeto di nuovo ho solo riportato quello che vedo con i miei occhi e quello che sento con le mie orecchie!
Ma scrivo così male l'italiano, perchè comincio ad avere dei seri dubbi! :D
Faccio un paragone stupidissimo: se giudico "bello" un ragazzo che magari è antipatico, stronzo, volgare e via dicendo, questo non significa che ci devo andare a letto, che me lo sposo e ci faccio pure dei figli!
Non so se rendo l'idea, io ho giudicato Mussolini solo ed esclusivamente per l'opera di bonifica della pianura pontina e basta, se poi come dice Gig l'avrebbe comunque fatto qualcun'altro questo è probabilissimo, però la storia ci dice che è stato Mussolini, che vi piaccia o no.
Con questo termino definitivamente con questo discorso perchè, come ha postato John, veramente non ha vie d'uscita. :)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Febbraio, 10, 2008, 18:12
Il punto è che tu hai scritto: "da questo punto di vista ammiro moltissimo l'opera di mussolini che ha edificato eccetera eccetera".
E' un giudizio positivo fuori luogo, che lascia il tempo che trova, tutto qua.
Quello che dà fastidio non è la citazione del fatto, e ti invito a ritornare al mio psot della pagina precedente, ma la lode con cui l'hai presentato.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Febbraio, 10, 2008, 20:25
Ripeto non voglio fare alcuna polemica, però a mio avviso credo che ci sia una bella differenza nel giudicare una singola opera di una persona in un contesto particolare (in questo caso la bonifica di Mussolini durante il fascismo) per finire nell'affermare la mia completa ammirazione verso questo personaggio politico negativo! Non ho detto una cosa del genere e ripeto di nuovo ho solo riportato quello che vedo con i miei occhi e quello che sento con le mie orecchie!
Ma scrivo così male l'italiano, perchè comincio ad avere dei seri dubbi! :D
Faccio un paragone stupidissimo: se giudico "bello" un ragazzo che magari è antipatico, stronzo, volgare e via dicendo, questo non significa che ci devo andare a letto, che me lo sposo e ci faccio pure dei figli!
Non so se rendo l'idea, io ho giudicato Mussolini solo ed esclusivamente per l'opera di bonifica della pianura pontina e basta, se poi come dice Gig l'avrebbe comunque fatto qualcun'altro questo è probabilissimo, però la storia ci dice che è stato Mussolini, che vi piaccia o no.
Con questo termino definitivamente con questo discorso perchè, come ha postato John, veramente non ha vie d'uscita. :)

Ho capito la tua idea, ma tu capisci la mia domanda, ovvero è possibile giudicare Mussolini in maniera positiva per qualcosa ignorando il resto, che è stato scandalosamente negativo?
E' possibile dire, "Oh, che meraviglia gli articoli di Stalin sulla linguistica", quando Stalin ha scritto anche articoli dove parlava dell'eliminazione come soluzione di classe? E' possibile dire "Ammiro Hitler per la sua politica contro la disoccupazione", sapendo poi che faceva estrarre i denti d'oro agli ebrei prima di bruciarli?
Secondo me fare discorsi simili è un po' di cattivo gusto, ecco tutto. Se per te non è così, niente di male, ma non condivido la tua opinione.  :)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Febbraio, 10, 2008, 21:02
Insomma, prova a pensare a un TG che apre con un servizio su Latina e testualmente parte la lodare: "Rimaniamo colpiti di fronte all'abilità governativa di Mussolini nel bonificare le paludi laziali"... andiamo...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 10, 2008, 21:03
Eh giaggià, che gran belle cose che ha fatto mussolini.
Le bonifiche, l'EUR....

Ma vi prego!
Vi prego!
Sono cose che sarebbero state fatte comunque, mentre ci sono mlioni di cose che nessun altro avrebbe fatto.
Una casa a Latina vale un ebreo italiano in un campo di concentramento?
Vale Balilla, retorica neoromana, inquadramento, squadrismo, saluto romano, leggi razziali, soppressione e repressione dei dissidenti e della libertà di parola e di stampa?
Vale Gramsci, vale Matteotti, vale la campagna di Russia, vale l'entrata in guerra, vale Salò, vale le fosse ardeatine?
Chi cita i "benefici" di Mussolini, pur ammettendone le pecche, non fa altro che dare benzina al fuoco revisionista.
Evitate certe uscite che sono di pessimo, pessimo gusto, nel rispetto di ragazzi della mia e della tua età, Malo, che presero i fucili e andarono in montagna a morire contro i "bonificatori".


E a chi crede nella capacità urbanistica di Mussolini, leggetevi "Mussolini urbanista" di Antonio Cederna, un magnifico ritratto degli sfaceli mussoliniani nell'"abbellimento" di Roma.
Studiate, va': dal Colosseo ridotto a spartitraffico a quell'abominio chic di Via Della Conciliazione, chi conosce un po' Roma (è la mia seconda città, in pratica) capirà cosa intendo quando mi riferisco a un intero borgo medievale spazzato via per costruire un vialone scenografico per San Pietro realizzando rovinando completamente le idee di Bernini.
Per non parlare di milioni di altre follie, come chiese del seicento abbattute per far posto a viali o altre amenità.

Il Foro Italico è ancora lì a conferma di quegli anni.

guarda che quei ragazzi della nostra età erano quasi tutti balilla da giovani. fino al 37 mussolini aveva il consenso assoluto; se l'è bruciato con la porcata delle leggi razziali, la germania e la guerra. Ma prima aveva così tanto consenso che i capi dell'antifascismo a parigi non pensavano a "combattere" il fascismo, ma piuttosto proponevano di "migliorarlo". Avevo letto Pertini che raccontava che a gramsci era arrivata una palla di neve contenente un sasso indirizzatagli dai compagni, quando era in carcere..questo per dire come funzionava bene l'antifascismo in Italia prima che il fascismo gli desse motivo di funzionare. E comunque di partigiani ce n'erano tipo 300'000, poi lo sono diventati tutti. Ti sbagli proprio a dire che è revisionismo riconoscere quello che di buono ha fatto mussolini, perchè si tratta semplicemente di realismo, e di andare un po' avanti senza sto clima da guerra civile spagnola che c'è da mezzo secolo. poi pensala come ti pare, ma anche el campesino era meno rigido di così.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Maligno - Febbraio, 10, 2008, 21:48
A me sembra che si stia facendo tutta una discussione senza fine per un semplice punto di vista formale. Non ho molto da aggiungere a quello che hanno detto Tigno, Nintendosa e Sid, semplicemente mi sembra che ci si stia accanendo un pò eccessivamente sull'equazione Mussolini=male, non volermene Gig :D. Rileggendo tutti i post si nota che nessuno ha cercato di fare il revisionista nè di salvare l'immagine di un personaggio storico che mi sembra visto negativo in toto da tutti noi. Lo so che associare il personaggio di Mussolini al concetto di buono o giusto viene difficile, ma se qualcosa di buono c'è effettivamente stato, perchè non ammetterlo? Non prendendo in considerazione anche quel poco di buono che è stato fatto, si rischia solo di venire a conoscenza di una realtà parziale. E' come prendere in matematica il valore assoluto di un numero negativo, anche con un meno davanti il valore assoluto è sempre positivo... Non vedo il pessimo gusto nel lodare un'azione a prescindere da chi l'ha fatta, se essa di per sè meriti: sarebbe di pessimo gusto dire "Mussolini è stato un grande statista a parte qualche piccolo errore". Una cosa giusta non rende buoni gli errori e gli errori non rendono sbagliata un'azione giusta.

Ultima cosa: non ha senso dire "se Mussolini non l'avesse fatto l'avrebbero sicuramente fatto altri dopo di lui" perchè il merito resta sempre del primo che ha avuto una determinata idea. E' come il celebre esempio dell'uovo di Colombo: l'avrebbe potuto fare chiunque, ma nessuno l'aveva ancora pensato.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Febbraio, 10, 2008, 21:51
Ti sbagli proprio a dire che è revisionismo riconoscere quello che di buono ha fatto mussolini, perchè si tratta semplicemente di realismo, e di andare un po' avanti senza sto clima da guerra civile spagnola che c'è da mezzo secolo. poi pensala come ti pare, ma anche el campesino era meno rigido di così.

Ecco, detto senza il mio caos, straquoto :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 11, 2008, 09:29
Ultima cosa: non ha senso dire "se Mussolini non l'avesse fatto l'avrebbero sicuramente fatto altri dopo di lui" perchè il merito resta sempre del primo che ha avuto una determinata idea. E' come il celebre esempio dell'uovo di Colombo: l'avrebbe potuto fare chiunque, ma nessuno l'aveva ancora pensato.

il fatto è che a bonificare la maremma e l'agropontino c'avevano già provato in molti; praticamente dalla caduta dell'impero romano ai governi liberali dell'italia, con vari risultati. Mussolini comunque è stata una persona che non avrebbe mai dovuto prendere il potere: tolto che ha indirettamente spianato la strada a Hitler, aveva idee che hanno potuto funzionare per qualche tempo finchè c'erano Dino Grandi, Gentile, Bottai e altre (poche) buone personalità che mettevano pezze agli strafalcioni di Mussolini (che era intelligente, in ogni caso); l'autarchia e il corporativismo era come mettere il busto a una mummia, e questo spettacolo in piccola parte abbiamo continuato a vederlo con tutte le imprese semipubbliche dell'italia (chessò: FIAT). Poi quando Mussolini ha iniziato a diventare una specie di bronzo di sè stesso e a credersi quasi onnipotente ha iniziato a fare cose disastrose, come la guerra in etiopia e il RoBerTo che ha comportato per noi le leggi razziali (che non sono state un'infamia proprio italiana, piucchealtro del regime, visto che non sono nate da un sentimento di popolo ma da accordi con la germania, e da tutti sono sempre state avversate: e non dimentichiamoci che quando gli italiani di origini ebraiche furono deportati l'italia era già un paese occupato dai tedeschi - anche Mussolini non era razzista, quello che lo era stato fin da subito era Farinacci, che è stata la peggiore persona emersa dal fascismo)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Nintendosa - Febbraio, 11, 2008, 09:30
sono davvero indeciso su chi votare... la posizione politica la sapete, ma davvero non so dove sbattere la testa
Sebbene io sia di idee opposte alle tue, anch'io non so dove sbattere la testa; da una parte il mio dovere da brava cittadina mi porterà sicuramente a votare, ma dall'altra parte non vorrei proprio andarci!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 11, 2008, 09:35
Io come sempre voterò per i pensionati in parlamento e stavolta, giusto per (contribuire a) mettere una spina nel culo al popolo della libertà, partito democratico in senato.
Venderò caro il mio 0,0000000003% di connivenza!!!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Febbraio, 11, 2008, 10:10
Personalmente non ho mai condiviso niente col Berlusca, tantomeno ora, che sembra si coalizzi, di nuovo, con quel voltafaccia di Mastella, Dini e compagnia bella... :angry7: Torniamo da punto e daccapo, con Mastella di nuovo al governo, magari vice di Berlusca! Ma certo, continuiamo così, basta che non ci lamentiamo poi... :BangHead:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 11, 2008, 10:30
si io non dico per rifondazione e la lega..che vabbè hanno fatto i loro danni ma tutto sommato ormai sono quasi ragionevoli. Ma almeno per sbattere fuori dalle palle l'udeur un arco costituzionale (trattasi di una misura per cui se i voti di un partito sono determinanti, le parti si accordano per non contarli - è un'infamata, in pratica) ci vorrebbe: in passato ha funzionato benissimo, senza quello col cavolo che Fini avrebbe fatto a pezzi l'msi. Quando c'era il patto segni, che ha portato al (precedente?) sistema elettorale misto, non doveva produrre questo in pratica? quanto ci vorrà perchè si mettano ragionevolmente d'accordo?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Febbraio, 11, 2008, 13:03
Io come sempre voterò per i pensionati in parlamento e stavolta, giusto per (contribuire a) mettere una spina nel culo al popolo della libertà, partito democratico in senato.
Venderò caro il mio 0,0000000003% di connivenza!!!

I pensionati stanno col PDL...e inoltre, hai l'età per votare al senato?

Detto questo, che vinca il centro destra è scontato, ma il mutamento che sta portando Veltroni è comunque molto significativo, specie per quel che riguarda l'associazione tra partiti.
Da questo punto di vista l'unione tra FI e AN, complice anche l'ennesima capriola di Fini (in questi anni ha fatto il cursus honorum al contrario, da politico serio a giullare che alza la voce dicendo una cosa per poi scodinzolare a fare l'opposto, vedi fusione nel PDL), a mio avviso leverà molti voti ad AN, e abbasserà i risultati che i partiti, da soli, potrebbero ottenere.

Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Febbraio, 11, 2008, 14:50
sulla questione Mussolini vorrei solo dire che NEGARE i meriti che ha avuto dal punto di vista funzionale\urbanistico è ridicolo. Parlano tutti di latina e imperia, poi si dimenticano che il 99% delle strade sono state costruite o ampliate sotto il fascismo, le ferrovie, ecc, guardano tutti gli archi di trionfo posticci. Davvero non capisco questo accanimento, è chiaro che se parli di mussolini in ambito di foibe e compagnia bella il giudizio è unanime, ma se domani un serial killer mi salvasse la vita gli sarei grato in ogni caso per il suo gesto. Detto questo, io sto continuando a ponderare il mio voto. Non mi piace affatto quest'ottica del calderone in cui votare fini è uguale a votare mastella, ma temo altresì che nonostante mi girino le pale votare al di fuori serva solo a disperdere il voto.
Per questioni di ideali legati a certi punti "caldi", e anche di un (seppur irrisorio) distaccamento dall'ottica sopra citata, sto valutando di votare (ora mi fucilerete :D) la Lega.
Nonostante certi personaggi discutibili, ma mi sto rendendo conto che OVUNQUE mi giri c'è sempre qualche personaggio che eliminerei. tipo nella lega aborro calderoli (o peggio che mai borghezio, che però è stato un po' messo da parte), ma mi piace EL CASTELLUN :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Maligno - Febbraio, 11, 2008, 15:14
il fatto è che a bonificare la maremma e l'agropontino c'avevano già provato in molti; praticamente dalla caduta dell'impero romano ai governi liberali dell'italia, con vari risultati. Mussolini comunque è stata una persona che non avrebbe mai dovuto prendere il potere: tolto che ha indirettamente spianato la strada a Hitler, aveva idee che hanno potuto funzionare per qualche tempo finchè c'erano Dino Grandi, Gentile, Bottai e altre (poche) buone personalità che mettevano pezze agli strafalcioni di Mussolini (che era intelligente, in ogni caso); l'autarchia e il corporativismo era come mettere il busto a una mummia, e questo spettacolo in piccola parte abbiamo continuato a vederlo con tutte le imprese semipubbliche dell'italia (chessò: FIAT). Poi quando Mussolini ha iniziato a diventare una specie di bronzo di sè stesso e a credersi quasi onnipotente ha iniziato a fare cose disastrose, come la guerra in etiopia e il RoBerTo che ha comportato per noi le leggi razziali (che non sono state un'infamia proprio italiana, piucchealtro del regime, visto che non sono nate da un sentimento di popolo ma da accordi con la germania, e da tutti sono sempre state avversate: e non dimentichiamoci che quando gli italiani di origini ebraiche furono deportati l'italia era già un paese occupato dai tedeschi - anche Mussolini non era razzista, quello che lo era stato fin da subito era Farinacci, che è stata la peggiore persona emersa dal fascismo)
Ma questo è ovvio, per non parlare poi del disastro di Mussolini che si è messo dalla parte della Germania (con lager annessi) contro mezzo mondo, o del suicidio della spedizione in Russia...

Comunque una domanda da ignorante ai massimi livelli: i risultati di queste elezioni avranno durata 5 anni o si dovrà tornare alle urne al termine di quello che sarebbe dovuto essere i ciclo vitale del governo appena caduto?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Febbraio, 11, 2008, 15:19
Per questioni di ideali legati a certi punti "caldi", e anche di un (seppur irrisorio) distaccamento dall'ottica sopra citata, sto valutando di votare (ora mi fucilerete :D) la Lega.
La lega non entrerà nel PDL di BerlusFini, ma ne farà parete coalizzandosi, quindi anche con Mastella: che cambia? :dontknow:

Comunque una domanda da ignorante ai massimi livelli: i risultati di queste elezioni avranno durata 5 anni o si dovrà tornare alle urne al termine di quello che sarebbe dovuto essere i ciclo vitale del governo appena caduto?
Si riparte da Zero, quindi 5, sempre che Mastella non lo faccia cadere appena si paventa l'idea di cambiare la legge elettorale. :laughing7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Maligno - Febbraio, 11, 2008, 15:22
Si riparte da Zero, quindi 5, sempre che Mastella non lo faccia cadere appena si paventa l'idea di cambiare la legge elettorale. :laughing7:
Ah ok, capito. :laughing7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Febbraio, 11, 2008, 16:56
La lega non entrerà nel PDL di BerlusFini, ma ne farà parete coalizzandosi, quindi anche con Mastella: che cambia? :dontknow:


lo so, e l'ho anche scritto se vai a leggere bene, ma mi sembra il giusto compromesso tra votare quello che penso e non disperdere il voto (senza contare che cmq per me non c'è alternativa al trittico FI - AN - Lega, l'udc è il peggio del peggio e gli altri non li considero neanche)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Febbraio, 11, 2008, 19:31
guarda che quei ragazzi della nostra età erano quasi tutti balilla da giovani. fino al 37 mussolini aveva il consenso assoluto; se l'è bruciato con la porcata delle leggi razziali, la germania e la guerra.

Mi sembra un controsenso dire una cosa del genere quando lo stesso concetto di "consenso" esiste in ambito di un discorso democratico, e serve a spiegare il supporto popolare ad un partito o un altro. Come si fa a parlare di consenso quando non esistono opposizioni politiche alle quali alternare il consenso? Come si parla di consenso quando non esiste il dissenso? Tutti i dati o i censimenti su un eventuale consenso del popolo italiano erano "raccolti" e pubblicati da organi di propaganda interni al regime, e di conseguenza sono inattendibili. Mi dirai che se non ci fosse stato questo consenso, avremmo visto piu' sintomi di rivolta. Ma se negli anni 20 non abbiamo avuto guerre in etiopia e compagnia bella e' proprio perche' quel decennio (almeno fino al 28) e' stato speso per soffocare e sopprimere sistematicamente ogni possibile fonte di dissenso, e per piantare le radici del regime all'interno di ogni possibile istituzione.

Anche nei confronti di Pinochet le rivolte erano praticamente a livello zero, dato anche il supporto degli americani nei crimini che ha commesso, poi pero' a causa della costituzione che lui stesso aveva scritto si trovo' costretto ad andare al voto. Mesi e mesi di propaganda martellante per consolidare il regime dell'uomo che aveva (dicevano) il consenso unanime, e che cos'e' successo? Che il popolo ha detto no. Secondo me se con Mussolini si andava al voto, sbattevano fuori anche lui, anche molto prima del 37.

Citazione
Ti sbagli proprio a dire che è revisionismo riconoscere quello che di buono ha fatto mussolini, perchè si tratta semplicemente di realismo, e di andare un po' avanti senza sto clima da guerra civile spagnola che c'è da mezzo secolo. poi pensala come ti pare, ma anche el campesino era meno rigido di così.

Sulla necessita' di un clima meno polarizzato in Italia sono completamente d'accordo. Ma il discorso che facevano il Gig e il Shandon era diverso, ed era semplicemente su come e dove dare un giudizio di valore a un periodo storico (ergo vederlo in toto o spezzettarlo a seconda dell'argomento che si vuole addurre). Riporto il discorso di Shandon non perche' credo ti sia sfuggito, ma perche' cose del genere vale la pena dirle due volte:

E le opinioni contenute in queste "piccole storie", come le chiami tu, mi fanno solo sentir male, poichè, come ho scritto, sono solo un guardare la storia con l'occhio al proprio portafogli, senza osservare quella che era l'Italia. Ha ragione Gig: dire "ai tempi di Mussolini si stava bene" equivale a dire "la mia stabilità e la mia sicurezza valgon bene le deportazioni e i manganelli", perchè se uno rimpiange quei tempi, li rimpiange in toto.

Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 11, 2008, 21:04
Mi sembra un controsenso dire una cosa del genere quando lo stesso concetto di "consenso" esiste in ambito di un discorso democratico, e serve a spiegare il supporto popolare ad un partito o un altro. Come si fa a parlare di consenso quando non esistono opposizioni politiche alle quali alternare il consenso? Come si parla di consenso quando non esiste il dissenso? Tutti i dati o i censimenti su un eventuale consenso del popolo italiano erano "raccolti" e pubblicati da organi di propaganda interni al regime, e di conseguenza sono inattendibili. Mi dirai che se non ci fosse stato questo consenso, avremmo visto piu' sintomi di rivolta. Ma se negli anni 20 non abbiamo avuto guerre in etiopia e compagnia bella e' proprio perche' quel decennio (almeno fino al 28) e' stato speso per soffocare e sopprimere sistematicamente ogni possibile fonte di dissenso, e per piantare le radici del regime all'interno di ogni possibile istituzione.

Anche nei confronti di Pinochet le rivolte erano praticamente a livello zero, dato anche il supporto degli americani nei crimini che ha commesso, poi pero' a causa della costituzione che lui stesso aveva scritto si trovo' costretto ad andare al voto. Mesi e mesi di propaganda martellante per consolidare il regime dell'uomo che aveva (dicevano) il consenso unanime, e che cos'e' successo? Che il popolo ha detto no. Secondo me se con Mussolini si andava al voto, sbattevano fuori anche lui, anche molto prima del 37.

Sulla necessita' di un clima meno polarizzato in Italia sono completamente d'accordo. Ma il discorso che facevano il Gig e il Shandon era diverso, ed era semplicemente su come e dove dare un giudizio di valore a un periodo storico (ergo vederlo in toto o spezzettarlo a seconda dell'argomento che si vuole addurre). Riporto il discorso di Shandon non perche' credo ti sia sfuggito, ma perche' cose del genere vale la pena dirle due volte:

E le opinioni contenute in queste "piccole storie", come le chiami tu, mi fanno solo sentir male, poichè, come ho scritto, sono solo un guardare la storia con l'occhio al proprio portafogli, senza osservare quella che era l'Italia. Ha ragione Gig: dire "ai tempi di Mussolini si stava bene" equivale a dire "la mia stabilità e la mia sicurezza valgon bene le deportazioni e i manganelli", perchè se uno rimpiange quei tempi, li rimpiange in toto.



Le opposizioni ci sono ovunque, anche all'interno del fascismo erano presenti due fronde: una era rappresentata tra l'altro da Longanesi che fu censurato non so quante volte, anche se ogni volta riapriva il giornale. Questo per dire quanto era lasca la censura; Mussolini nei primi anni di regime non si preoccupò di reprimere tanto gli oppositori:  è risaputo che l'omicidio matteotti, in cui fu coinvolto farinacci, giungeva quando mussolini tentò di fare un accordo sottobanco con i suoi ex compagni socialisti, accordo che sarebbe riuscito se matteotti non si fosse opposto e una banda di fascisti troppo zelanti non l'avesse ucciso. Questo fatto, aprì molte ostilità contro Mussolini, e sarebbe stata un'occasione ottima per scalzarlo, se non chè l'opposizione era all'epoca guidata da un moralista che si mise a fare "l'Aventino", che di fatto distrusse sul nascere qualsiasi opposizione e diede mano libera a Mussolini per instaurare il regime. Tuttavia, nel periodo precedente a questi fatti, all'interno del partito fascista, mussolini cercò di isolare farinacci e di dare legalità e rispettabilità al movimento fascista, che se nei primi tempi rappresentava le campagne (farinacci appunto), adesso era piu' vicino alla borghesia industriale.La stessa cosa la fece Hitler, ma in un'ottica piu' militare quando fece uccidere Rohm e sterminare le camice brune. Mussolini in Italia trovò una soluzione piu' intelligente e pacifica: ossia diede il partito in mano all'oca Starace, che con le sue buffonate lo rese una specie di involucro vuoto,un tubo vuoto, come lo chiamava pirandello, e il partito iniziò ad identificarsi del tutto con Mussolini; comunque fino al 36, l'opposizione al duce era nulla, ripeto non per la dittatura teribile (gli effetti dello squadrismo furono contenuti al biennio rosso e un paio d'anni dopo, ossia mentre era ancora in auge lo stato liberale per così dire; e i confini furono veramente pochi, tanto che se noti uno degli impiccati di piazzale loreto fu Niccolò Bombacci, che in un vero totalitarismo non avrebbe mai e poi mai avuto un simile onore) ma per la fiducia che gli italiani riponevano in lui, e anche gli antifascisti malgrado le privazioni e i disagi riuscivano a vivere: tutta la mia famiglia si era trasferita in maremma dopo gli anni dello squadrismo (un mio parente fu letteralmente linciato e il fratello si vendicò e dovette scappare addirittura in america) comunisti risaputi e poi partigiani, ma non ebbero troppe grane, a parte il fatto che il babbo della mi' nonna non potè mai avanzare di grado.

Ah, Mussolini non c'entra un cazzo con Pinochet: Mussolini ha ottenuto il potere da politico, Pinochet da generale con un golpe; ovviamente Pinochet non aveva nessuna possibilità di mantenerlo se non con la forza..ma ripeto, Mussolini non ebbe mai troppo bisogno di esercitare così il potere. Puoi paragonare Pinochet a Franco, e ci sta, però a mussolini proprio no, anche perchè non si adatta minimamente al costume italiano un qualcosa del genere.
Infine, per il richiamo al discorso di Shandon mi trovo pienamente d'accordo con lui. Non sono d'accordo col sentirmi addosso lo stesso peso che un tedesco dovrebbe sentirsi per gli stermini, però: quello di cui sento piu' il peso è stata la carognata fatta da noi italiani ai francesi (il conto ce l'hanno portato i goumiers) e l'8 settembre.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Febbraio, 11, 2008, 21:41
Infine, per il richiamo al discorso di Shandon mi trovo pienamente d'accordo con lui. Non sono d'accordo col sentirmi addosso lo stesso peso che un tedesco dovrebbe sentirsi per gli stermini, però: quello di cui sento piu' il peso è stata la carognata fatta da noi italiani ai francesi (il conto ce l'hanno portato i goumiers) e l'8 settembre.

Aggiungerei, se mi è permesso, quello che "avete" fatto in jugoslavia ed etiopia, tra gas, lager, rastrellamenti e massacri. Credo che questi siano stati i veri orrori del regime.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Febbraio, 11, 2008, 21:46
lo so, e l'ho anche scritto se vai a leggere bene
ops... avevo perso un pezzo! :icon_tongue:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 11, 2008, 21:58
Aggiungerei, se mi è permesso, quello che "avete" fatto in jugoslavia ed etiopia, tra gas, lager, rastrellamenti e massacri. Credo che questi siano stati i veri orrori del regime.

assolutamente si!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Febbraio, 13, 2008, 19:05
Evvivaccasini fonda il suo centro, evviva la grande stabilità del prossimo governo, trallallerollerollà!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 13, 2008, 21:43
immagino che se andrà così ci sarà una specie di ballo del qua qua e ribaltoni au go go!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Banjo - Febbraio, 13, 2008, 21:50
Chi è così volenteroso da spiegarmi come funzioneranno le coalizioni nel futuro prossimo?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 13, 2008, 22:54
se hai presente le elezioni comunali dove le maggioranze si decidono prima del ballottaggio, questa è la stessa cosa. diciamo che ci sono due grossi "partiti" "maggioritari", partito democratico (con italia dei valori, pare) e popolo delle libertà (non so se con i liberali di Dini), e delle coalizioni di partiti che non vogliono restare chiusi fuori dalla soglia di sbarramento "la sinistra" con rif.comunista, comunisti italiani, verdi (credo la rosa nel pugno ma non so), poi il "centro", con udc che prenderà accordi pre elettorali con la rosa bianca che è una nuova formazione che si è staccata dalla sinistra. Questo è una specie di pronostico: il popolo delle libertà vincerà di 3 punti percentuali sul pd, e a quel punto i partiti piu' piccoli, quello di centro e la sinistra si ricompatteranno con i loro referenti piu' grossi, e la composizione del parlamento sarà pressappoco uguale a quello che c'è oggi. Ovviamente ci sarà piu' movimento, piu' ricatto, piu' azione, piu' suspence, meno leggi e meno governo  :happy1:

edit: a meno che il "centro" di casini non si piazzi abbastanza bene da poter determinare le maggioranze e in quel caso sarebbero loro a governare.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Febbraio, 14, 2008, 23:30
Da Repubblica:
Citazione
Il ritorno del maschio
di NATALIA ASPESI

Non era mai capitato neppure ai tempi tragici della clandestinità, quando i giornali non pubblicavano per pudore la parola infamante, aborto; quando prosperavano cliniche con professoroni che liberavano a caro prezzo dall'incomodo le signore abbienti.

Mentre le altre, una moltitudine silenziosa di donne umiliate, precipitava nelle mani di improvvisate mammane (che venivano anche chiamate per non offendere i lettori, fabbricanti di angeli) o si arrangiavano malamente da sole. Di clandestinità, allora, sino all'approvazione della legge 194 nel 1978, spesso le donne morivano o restavano per sempre rovinate.

Pare insopportabile, in tempi che dovrebbero essere civili, essere costretti dal vergognoso episodio al Policlinico di Napoli, a ricordare, riraccontare per l'ennesima volta, storie del passato di solitudini femminili desolate, dato che quella legge vige da 30 anni e ha fatto precipitare il numero di aborti (dal 1982 del 44%).

Ai tempi della criminalizzazione, quando per il nostro codice l'aborto era ancora un delitto 'contro l'integrità e la sanità della stirpe', per esempio nel 1968, al 53° congresso di ostetricia a Bologna, si parlò di 3.500.000 aborti procurati l'anno, stabilendo quindi che nel periodo fecondo due donne su tre abortivano. Era probabilmente una esagerazione, tanto che l'Onu parlò per l'Italia di 1.200.000 aborti: nel 2006 sono stati 130.033, un bel salto.

La legge puniva da 2 a 5 anni sia la donna che chi l'aiutava ad abortire, se si arrangiava da sola, il delitto pareva meno grave e la pena era più mite, da 1 a 4 anni. In realtà la legge chiudeva tutti e due gli occhi: in dieci anni, dal 1955 al 1965, le statistiche giudiziarie parlano di 150 casi di aborto procurato, mentre quelle mediche ne registrano milioni.

Quel dolore solo femminile ce l'hanno ricordato il bel film rumeno 4 mesi tre settimane e 2 giorni di Cristian Mungiu, Palma d'oro a Cannes nel 2007, (che ha scioccato per la ripresa del feto) e ancor prima Mike Leigh in Il segreto di Vera Drake, Leone d'oro alla Mostra di Venezia 2004, e addirittura nel 1988, Claude Chabrol, con Un affare di donne.

Ma ciò che è avvenuto nell'ospedale napoletano, è talmente clamoroso e cinico da rasentare un atto di terrorismo, come terroristica sta diventando la campagna pro-life che potrebbe stravolgere sino alla ferocia l'andamento di quella elettorale.

Susanna Tamaro, che lancia in questi giorni il suo nuovo romanzo, Luisito, invitata da Giuliano Ferrara a entrare nella lista dei suoi candidati anti-aborto, ha gentilmente rifiutato, con una lettera pubblicata ieri sul Foglio, dichiarandosi tuttavia con lui 'nella passione con cui tu porti avanti questa tua lotta per la vita'.
Probabilmente non sapeva ancora dell'irruzione di ben sette poliziotti nell'ospedale napoletano, con interrogatori alla madre ancora sotto anestesia, ai medici, alla vicina di letto, e al sequestro del 'corpo di reato', il feto.

Un evento così punitivo, tenebroso e inutile (l'intervento rispettava la legge) segna l'inizio di una guerra per niente etica e del tutto politica, per assicurare al movimento di Ferrara e quindi alla destra l'appoggio elettorale della potente macchina del clero, una guerra che potrebbe farsi sempre più feroce e vergognosa. E intanto i già pochi medici che non si sono dichiarati obiettori di coscienza, dopo questa offensiva poliziesca, adesso saranno sempre più tentati di farlo; ma non basterà a convincere le donne che hanno deciso di abortire, a cambiare idea, solo che potrebbe succedere che, pur in presenza di una legge che lo consente, non avranno altra scelta che tornare ai tempi della clandestinità, rivolgendosi a medici magari obiettori e molto costosi, come è già capitato, o a Vere Drake si spera più abili del passato, o a trafficanti di Ru486.

Le nuove vittime saranno soprattutto le immigrate, abbandonate a se stesse e a una vita precaria che potrebbero non voler imporre a un incolpevole nascituro. E' interessante che i nostri pro-life che odiano la vita e soprattutto il potere delle donne sul loro corpo, un tempo patrimonio maschile di scambio, abbiano scelto come primo campo di battaglia quella parte della legge che sposta al secondo trimestre di gravidanza la liceità dell'aborto terapeutico se il feto risulta malformato al punto da assicurargli, se dovesse nascere, una morte precoce o una vita-non vita, e alla madre, ai genitori, un futuro di inevitabile quotidiana sofferenza. E alla società quell'organizzazione di cure e aiuto che oggi non riesce ad assicurare a tutti i cittadini e non solo a quelli colpiti da handicap.

Puntando per ora sull'aborto terapeutico lo ingigantiscono come una specie di genocidio, che non è, arrivando al 2,7% di interventi dopo la 13esima settimana; e cui obbligano a immaginare una parvenza di vita in quel feto malato, con inevitabili dubbi, disagio, sensi di colpa. E' inevitabile che poi si passerà, malgrado le attuali assicurazioni, all'assalto agli articoli di legge che consentono l'aborto nel primo trimestre, in uno scontro assurdo attorno a una legge di cui qualsiasi donna credente e no può non servirsi, non impedendo però alle altre, sempre di meno, di farlo.

Ciò che è impressionante in questa offensiva lunatica è che tutti quei raduni di alte gerarchie in veste nera e zucchetto cremisi, tutte le perorazioni di agguerriti e spesso mendaci predicatori cosiddetti laici, avvengono tra maschi. A parte qualche sporadica donna (Binetti, Scaraffia, Tamaro, e altre) è soprattutto maschile la piccola folla che vuole decidere su qualcosa che riguarda solo il corpo della donna, il suo cuore, il suo futuro, il suo legame col figlio. Una sofferenza, un senso di impotenza, una paura che gli uomini non conosceranno mai, per cui alla loro spietata etica in difesa astratta di una generica vita, dovrebbe sovrapporsi il rispetto per chi sceglie di non diventare madre, di non volere mettere al mondo un figlio non desiderato o casuale cui non potrà assicurare il necessario amore.

Questi paladini di qualcosa che chiamano vita soprattutto pensando di dare lustro politico alla loro, sanno poco dei tempi, sino a qualche decennio fa, in cui gli uomini erano bravissimi a far di tutto per portare a letto una ragazza, a lasciarla disgustati perché un gentiluomo sposa solo una vergine e, nel caso la sedotta pasticciona rimanesse incinta, a lavarsene le mani, nell'approvazione generale: 'Non sono stato io!' era il nobile grido. Mi assicurano che anche oggi, le sventate che non si preoccupano da sole di difesa contraccettiva, se lo sentono dire da quelli che si chiamano sportivamente partners, cui non passa per la testa che anche loro hanno delle responsabilità.

Prima del liberatorio '68, c'erano ancora genitori che cacciavano di casa le ragazze madri il cui figlio senza padre diventava il bastardo. Adesso la modernità suggerisce altro: e per esempio in Desperate Housewives la perfetta Bea per non fare brutta figura coi vicini, nasconde la figlia nubile incinta e fa finta di essere lei la madre attempata del bambino che nasce. Ma in passato, importava a qualcuno il destino di una madre e di un figlio colpevoli di non avere un pater familias? Importa oggi a qualcuno che si inginocchia davanti a una non meglio specificata vita (pur che sia in forma di embrione o feto, perché le migliaia di donne, vecchi e bambini che muoiono orrendamente in Darfur non suscitano il minimo interesse)?.

In tutto questo sterile vociare, con eventi vergognosi come quello di Napoli, manca una voce, non quella dei politici o dei teologi o dei medici che infatti dicono la loro, manca quella degli eventuali padri. Le donne alla fine, sono sempre sole, ogni responsabilità di vita è troppo spesso solo loro. Non basta offrire elemosine, come se avere o non avere un figlio fosse solo una questione di soldi. Non basta chiamarle assassine come ha fatto ridicolmente e colpevolmente Ferrara: si tratta di un termine storico, anzi antico.

Un indimenticabile vecchio articolo di Guido Ceronetti, lo scrittore che sosteneva la necessità della legge che liberasse le donne dal marchio di criminali (contro la stirpe poi) cominciava più o meno: "Un'assassina ogni mattina mi rifà il letto, un'assassina mi prepara la colazione, un'assassina...".

E non c'è null'altro da dire. Non dovrebbe neanche essere una questione politica.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 15, 2008, 00:16
Personale opinione: Ferrara è la feccia che risale la sentina.
Sulla questione penso che non ci sia dubbio che l'episodio di quei poliziotti sia una cosa ancora piu' vergognosa di tutte le sciagure che stanno capitando in questo paese, la polizia dovrebbe chiedere scusa pubblicamente. Poi su questa questione dovrebbero avere il diritto di esprimersi solo le donne e non di certo i politici. Ma comunque è un diritto che non va messo in dubbio neanche minimamente.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Febbraio, 15, 2008, 01:45
Quoto la Aspesi... incredibile che sull'aborto ci voglia ancora mettere il becco chi non c'entra un fico secco.  :angry7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Febbraio, 15, 2008, 09:58
Si, guardate, son tempi difficili e reazionari. Non mi voglio spingere a commentare fatti e opinioni perchè su tale argomento non sono in grado di controllarmi, e qualche cattolico potrebbe prendersela a male.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 15, 2008, 10:02
<object width="425" height="355"><param name="movie" value=" name="wmode" value="transparent"></param><embed src=" type="application/x-shockwave-flash" wmode="transparent" width="425" height="355"></embed></object>

 :laughing4:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Febbraio, 15, 2008, 19:27
Si, guardate, son tempi difficili e reazionari. Non mi voglio spingere a commentare fatti e opinioni perchè su tale argomento non sono in grado di controllarmi, e qualche cattolico potrebbe prendersela a male.

Senza alcuna polemica, sottolineo l'ironia: l'unico soggetto sul quale non riesci piu' a parlare senza rimanere civile, e' anche l'unico in cui non c'entri un c****. E noto anche come tutti quelli che si sono (ci siamo) definiti disgustati sono uomini.

Forse dovremmo fare attenzione all'aspetto di casa nostra prima di andare a lanciar uova contro quella di Ferrara. :angel13:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 15, 2008, 20:29
..e non solo: uno è anche svizzero!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Febbraio, 15, 2008, 20:55
Senza alcuna polemica, sottolineo l'ironia: l'unico soggetto sul quale non riesci piu' a parlare senza rimanere civile, e' anche l'unico in cui non c'entri un c****. E noto anche come tutti quelli che si sono (ci siamo) definiti disgustati sono uomini.

Forse dovremmo fare attenzione all'aspetto di casa nostra prima di andare a lanciar uova contro quella di Ferrara. :angel13:

Ritengo riduttivo restringere la questione dell'aborto a una battaglia per sole donne, giusto perchè l'atto clinico(ma solo quello) non riguarda che loro. Anche l'imposizione forzata del burqua riguarda la popolazione femminile, eppure penso sia un dovere di tutti l'impegnarsi in una protesta politica contro di essa. La questione è di libertà e riguarda, per l'ennesima volta, il giogo clericale che vuole essere imposto da chi, ironia della sorte, secondo i tuoi ragionamenti non dovrebbe aver proprio diritto di parola: i preti(ovvero coloro che di figli, di atti sessuali etc. non dovrebbero avere alcuna esperienza).

Inoltre, per quel che mi riguarda, non solo sono incavolato nero sulla questione dell'aborto, ma penso che l'intero movimento di emancipazione femminile stia andando a passo di gambero, per non dire a gambe all'aria. L'ultimo libro (http://www.internetbookshop.it/code/9788807171390/lipperini-loredana/ancora-dalla-parte.html) di Loredana Lipperini penso sia eloquente, in questo senso.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Febbraio, 15, 2008, 21:21
Ritengo riduttivo restringere la questione dell'aborto a una battaglia per sole donne, giusto perchè l'atto clinico(ma solo quello) non riguarda che loro. Anche l'imposizione forzata del burqua riguarda la popolazione femminile, eppure penso sia un dovere di tutti l'impegnarsi in una protesta politica contro di essa. La questione è di libertà e riguarda, per l'ennesima volta, il giogo clericale che vuole essere imposto da chi, ironia della sorte, secondo i tuoi ragionamenti non dovrebbe aver proprio diritto di parola: i preti(ovvero coloro che di figli, di atti sessuali etc. non dovrebbero avere alcuna esperienza).

Inoltre, per quel che mi riguarda, non solo sono incavolato nero sulla questione dell'aborto, ma penso che l'intero movimento di emancipazione femminile stia andando a passo di gambero, per non dire a gambe all'aria. L'ultimo libro (http://www.internetbookshop.it/code/9788807171390/lipperini-loredana/ancora-dalla-parte.html) di Loredana Lipperini penso sia eloquente, in questo senso.

Eppure continui ad ignorare la questione principale -- che nel campo dei media, una questione come quella dell'aborto viene svuotata del suo significato reale e ridotta solo ad un'arma ideologica, che non fa distinzioni di sesso, bandiera o fazione. E' chiaro che sono dalla tua parte nella questione sull'aborto, e l'ho dimostrato postando un messaggio identico. Semplicemente sottolineo come chi critica questi "paladini della vita" di svalutare il reale nell'ideologico (leggasi uomini che si fanno gli affari delle donne) tende a parlare come se fosse immune a questa stessa critica, cose che e' per me fonte di gran gusto poiche' mi permette di criticarla dal piedistallo in cui mi trovo a mia volta (o di alzare il mio piedistallo anche sopra il vostro).  :brave:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Febbraio, 15, 2008, 21:35
Eppure continui ad ignorare la questione principale -- che nel campo dei media, una questione come quella dell'aborto viene svuotata del suo significato reale e ridotta solo ad un'arma ideologica, che non fa distinzioni di sesso, bandiera o fazione. E' chiaro che sono dalla tua parte nella questione sull'aborto, e l'ho dimostrato postando un messaggio identico. Semplicemente sottolineo come chi critica questi "paladini della vita" di svalutare il reale nell'ideologico (leggasi uomini che si fanno gli affari delle donne) tende a parlare come se fosse immune a questa stessa critica, cose che e' per me fonte di gran gusto poiche' mi permette di criticarla dal piedistallo in cui mi trovo a mia volta (o di alzare il mio piedistallo anche sopra il vostro).  :brave:

Ma io non li critico perchè svalutano il reale nell'ideologico, ma li accuso proprio su quest'ultimo piano di fare una battaglia liberticida perchè, come hai detto, riportare la questione sui media pur con tutte le manfrine del caso (della serie "non vogliamo vietare l'aborto") equivale a cercare di ingrassare un'opinione che in realtà è sostenuta da tre pellegrini di comunione e liberazione. E basta.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 15, 2008, 23:02
personalmente non mi sono espresso in merito alla questione in sè, ho solo giudicato delle cose che da cittadino posso giudicare: 1- Ferrara, ma non sulla questione 2- i poliziotti per la mancanza di tatto 3- la prerogativa delle signore di decidere a questo proposito.

comunque una cosa è decidere, un'altra è formarsi un opinione; in questo forum non si decide, si esprimono opinioni. Altrimenti non potremmo neanche parlare delle elezioni negli stati uniti, no?

edit: comunque se la signora Ferrara non fosse d'accordo, state sicuri che il marito non direbbe una parola!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Febbraio, 16, 2008, 09:12
La signora Ferrara, con la volontà del marito, per quel che ne so io, ha già abortito due volte.
E non per cause di forza maggiore.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 16, 2008, 10:51
ahah ah! e come l'avrebbe messa incinta sentiamo?
e comunque se il signor Ferrara è d'accordo sulla guerra preventiva per evitare orrori maggiori, figuratevi cosa pensa la signora Ferrara sull'aborto preventivo..  :laughing7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Febbraio, 16, 2008, 11:28
ahah ah! e come l'avrebbe messa incinta sentiamo?


Chiedilo a lui, che l'ha pure ammesso.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Febbraio, 17, 2008, 18:04
Non so se anche da voi è così, ma oggi è tutto il giorno che sentivo strombazzamenti in macchina e mi chiedevo per che partita si festeggiasse, poi scendo a comprare qualcosa da mangiare e le strade e le auto stra-piene di bandiere albanesi e svizzere! Grandissimi, è bello vedere festeggiare così per qualcosa che non sia il calcio, viva il Kosovo e viva l'Albania che se lo meritano!

p.s. Per chi non sapesse, oggi il Kosovo ha dichiarato l'indipendenza dalla Serbia.
p.p.s. In culo alla russia!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Pollo aviariato - Febbraio, 17, 2008, 19:25
svizzere?
io nei tg ne avevo viste solo di inglesi e americane
ora vedremo però cosa faranno in un buco grosso come l'umbria pieno di disoccupati, analfabeti e senza risorse
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Merone - Febbraio, 17, 2008, 19:34
svizzere?
io nei tg ne avevo viste solo di inglesi e americane
ora vedremo però cosa faranno in un buco grosso come l'umbria pieno di disoccupati, analfabeti e senza risorse

mettendo da parte le mie idee, io prevedo una nuova guerra onestamente... dubito che belgrado si lasci sfuggire un'intera regione. Ora aveva contro sia l'UE che gli USA, però lasciate passare qualche tempo e sono sicuro che farà rivendicazioni.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Febbraio, 17, 2008, 20:11
svizzere?
io nei tg ne avevo viste solo di inglesi e americane

Beh sono in Svizzera, mettono bandiere svizzere... :P Non parlavo dei tg, parlavo di qui, per strada.

Citazione
ora vedremo però cosa faranno in un buco grosso come l'umbria pieno di disoccupati, analfabeti e senza risorse

Credo che potranno pensarci domani, orsù...
...tralaltro, pare che tipo il 60% del pil del kosovo si basi sul narcotraffico :D

mettendo da parte le mie idee, io prevedo una nuova guerra onestamente... dubito che belgrado si lasci sfuggire un'intera regione. Ora aveva contro sia l'UE che gli USA, però lasciate passare qualche tempo e sono sicuro che farà rivendicazioni.

È possibile in futuro, ma ora come ora la regione pullula di soldati NATO e l'esercito serbo credo sia abbastanza allo sfascio.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Banjo - Febbraio, 17, 2008, 20:54
Non so se anche da voi è così, ma oggi è tutto il giorno che sentivo strombazzamenti in macchina e mi chiedevo per che partita si festeggiasse, poi scendo a comprare qualcosa da mangiare e le strade e le auto stra-piene di bandiere albanesi e svizzere! Grandissimi, è bello vedere festeggiare così per qualcosa che non sia il calcio, viva il Kosovo e viva l'Albania che se lo meritano!

Tsk. Da me se qualcuno lo sa è già tanto.

p.p.s. In culo alla russia!

Con grande compiacimento del caro Vladimir :laughing7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Merone - Febbraio, 17, 2008, 21:28
È possibile in futuro, ma ora come ora la regione pullula di soldati NATO e l'esercito serbo credo sia abbastanza allo sfascio.

tanto meglio, magari guerriglia da parte dei soldati serbi allo sbando, dopotutto ci saranno malumori in serbia. cmq fatti loro, per me l'importante è che non vengano con i loro barconi semi distrutti a rompere le balle a noi italiani :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Febbraio, 17, 2008, 23:27
tanto meglio, magari guerriglia da parte dei soldati serbi allo sbando, dopotutto ci saranno malumori in serbia.

Oh guarda, io non andrei a fare lo sbandato da serbo in un paese all'ottanta per cento composto da albanesi incazzosi e ancora risentiti per le fosse comuni, che è tralaltro un bel ritrovo di tutte le mafie d'europa e ha un paio di decine di migliaia di soldati americani e europei di stanziamento. Proprio no.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Febbraio, 26, 2008, 02:19
Berlusconi dice che "non presenterà parlamentari anche solo indagati per crimini gravi". E io mi chiedo: "e lui allora?". Però sovviene subito la risposta/giustificazione: "tranne i perseguitati dalla giustizia". Quindi ora io mi chiedo: CHI decide chi è perseguitato o no dalla giustizia?
cmq sia lasciamo stare perchè davvero quell'uomo è sempre ma sempre più ridicolo.

Inoltre, mi chiedo: la chiesa non ha altro da fare che criticare il programma politico di Veltroni?

e mi chiedo: Veltroni è veramente di sinistra?
e mi chiedo: Casini e Bertinotti, rinuncieranno davvero, a elezioni fatte, ad un possibile posto importante nel futuro governo, decidendo di far parte nell'opposizione(come hanno detto pensano di fare)?

e mi chiedo: chi devo votare?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 26, 2008, 08:31
anche se non dovessero rinunciare a riattaccarsi alla maggioranza, comunque, il numero dei loro deputati sarebbe veramente rappresentativo dei voti presi, e se gli va male potrebbe essere veramente risibile. Credo sia il banco di prova del sistema "maggioritario": se funziona avremo forse un governo piu' stabile all'interno!
Quanto alle altre domande: dipende cosa intendi con "di sinistra"; la "chiesa" non può per natura smettere di rompere i coglioni, Berlusconi reintrodurrebbe il 5 braccio del carcere di san vittore per dimostrare a tutti che è un perseguitato politico e visto il numero di emuli c'è riuscito benissimo a lanciare uno stile; vota pensionati!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Febbraio, 26, 2008, 13:39
vota pensionati!

Argh no, la gerontocrazia no! Di questo passo avremo la metà della popolazione vecchia che vota solo leggi vecchie e piene di paura e politici che fanno di tutto per accontentare i geronti.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 26, 2008, 14:48
sai Tigno, il fatto che ti sia affezionato alla politica italiana a tal punto da parlare al plurale mi riempie di orgoglio..E' la prova che anche se tutto va a rotoli, almeno c'è da divertirsi  :D e poi sono convinto anche che studiare la politica inglese o tedesca sia del tutto inutile, quando uno capisce le sgamuffe a cui sono rotti i nostri politici ha in sè il potere di conquistare qualsiasi governo, ahr ahr ahr!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Febbraio, 26, 2008, 14:49
sai Tigno, il fatto che ti sia affezionato alla politica italiana a tal punto da parlare al plurale mi riempie di orgoglio..E' la prova che anche se tutto va a rotoli, almeno c'è da divertirsi  :D

Ahahahah questo è vero, è la politica più interessante d'europa, apparte quando ti lacereresti le braccia a unghiate di fronte a certe cose :D Anzi, anche lì!

Cmq è anche questione di vicinato, oltre al fatto che la gerontocrazia credo diventerà sempre più un problema comune.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Febbraio, 26, 2008, 17:42
Berlusconi dice che "non presenterà parlamentari anche solo indagati per crimini gravi". E io mi chiedo: "e lui allora?". Però sovviene subito la risposta/giustificazione: "tranne i perseguitati dalla giustizia". Quindi ora io mi chiedo: CHI decide chi è perseguitato o no dalla giustizia?

Beh, lui lo decide, ovviamente.
Tanto ormai è così. Berlusconi ruba un mandarino. Un poliziotto lo vede e gli dice "Alt, lei ha commesso reato". Berlusconi replica "No, è lei che si accanisce contro di me perchè è un comunista".


Citazione
Inoltre, mi chiedo: la chiesa non ha altro da fare che criticare il programma politico di Veltroni?
e mi chiedo: Veltroni è veramente di sinistra?
e mi chiedo: Casini e Bertinotti, rinuncieranno davvero, a elezioni fatte, ad un possibile posto importante nel futuro governo, decidendo di far parte nell'opposizione(come hanno detto pensano di fare)?

e mi chiedo: chi devo votare?

1) E cosa vuoi che abbia da fare la chiesa, scusa? E' li per ragionare su qualsiasi cosa gli interessi. Ratzinger fa quello di lavoro, l'opinionista.
2)Non direi.
3)Non lo so. Sicuramente le elezioni dipendono dal rendimento di Casini, da quello di Storace(pericolosamente, purtroppo), e dagli elettori che Veltroni riuscirà a scippare alla sinistra.
4) Scheda bianca, la scelta giusta.  :evil5:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 27, 2008, 01:18
Mettendomi nel novero, non credo che mezzo italiano alzi il culo da casa per andare a mettere scheda bianca (non avremmo "conquistato" due volte il mondo se avessimo sprecato le energie così). Quindi Shandon, quando ti troverai in cabina sono sicuro che farai la scelta giusta, del futuro (prossimo): i PENSIONATI
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Febbraio, 27, 2008, 07:50
Mettendomi nel novero, non credo che mezzo italiano alzi il culo da casa per andare a mettere scheda bianca (non avremmo "conquistato" due volte il mondo se avessimo sprecato le energie così). Quindi Shandon, quando ti troverai in cabina sono sicuro che farai la scelta giusta, del futuro (prossimo): i PENSIONATI
Ma a noi neanche ci toccherà la pensione  :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 27, 2008, 09:36
Che ne sai?Conosco una persona che è 10 anni(più o meno) che non vota.

non votare non significa mettere scheda bianca.
Ironia, elasticità, freschezza, simpatia! usted comprende?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 27, 2008, 09:45
Ma a noi neanche ci toccherà la pensione  :D
DISFATTISTA!!! effettivamente comunque penso che noi pagheremo la pensione ai nostri vecchi e poi il debito pubblico costringerà lo stato a dire "oh, vi abbiamo preso le pensioni, sempre meglio che fare bancarotta":
ipotesi 1: scoppia la rivoluzione ma viene bloccata in tempo convocando di urgenza i mondiali di calcio che ci fanno riscoprire la gioia di essere italiani.
ipotesi 2: rimettiamo sul trono i savoja, rivalutiamo il duce e la moneta corrente diventano i mezzi busti di vittorio emanuele e di benito da mezzo quintale l'uno
ipotesi 3 (quella che preferisco): chiediamo l'anschluss con l'austria e da bolzano a pantelleria diventiamo tutti tirolesi. Radetzky aveva un certo onore almeno.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 27, 2008, 12:14
ogni tanto penso a una cosa, è una fantasia: alleanza nazionale torna sempre sul tema della castrazione chimica per gli stupratori..mi piacerebbe sapere cosa ha pensato Fini nel momento in cui ha saputo dello stupro di Franca Rame da parte di alcuni suoi camerati, durante gli anni di piombo.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Banjo - Febbraio, 27, 2008, 12:38
Argh no, la gerontocrazia no! Di questo passo avremo la metà della popolazione vecchia che vota solo leggi vecchie e piene di paura e politici che fanno di tutto per accontentare i geronti.

Breznev?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Pollo aviariato - Febbraio, 27, 2008, 14:09
quando è che abbiamo conquistato il mondo?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Maligno - Febbraio, 27, 2008, 14:34
ogni tanto penso a una cosa, è una fantasia: alleanza nazionale torna sempre sul tema della castrazione chimica per gli stupratori..mi piacerebbe sapere cosa ha pensato Fini nel momento in cui ha saputo dello stupro di Franca Rame da parte di alcuni suoi camerati, durante gli anni di piombo.
Ma chi se ne frega di cosa ne pensi, sarebbe una cosa giustissima a prescindere, IMHO.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Febbraio, 27, 2008, 15:34
Vai a votare e non segni nessuno. Se non voti semplicemente se ne sbattono, se fai scheda bianca sanno che sei incazzato con tutti, soprattutto se le schede bianche son tante.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Febbraio, 27, 2008, 15:39
quando è che abbiamo conquistato il mondo?

uè guarda che noi abbiamo vinto tutte le guerre! Abbiamo una tattica fenomenale!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Maligno - Febbraio, 27, 2008, 16:43
Mi sbaglierò, ma secondo me lasciare la scheda bianca è una cazzata fenomenale... Chi se ne frega di far vedere a chi fa lo spoglio che sei incavolato con tutti, non gliene sbatte niente a nessuno e si tolgono voti che, nel bene o nel male, sarebbero utili per una maggioranza seria.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Febbraio, 27, 2008, 18:07
sarebbero utili per una maggioranza seria.

...me la indichi col dito? :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 27, 2008, 19:35
True love is ageless - true love overcomes handicap:
(http://www.politicalink.it/images/simboli_partiti/pensionati_e_invalidi.jpg)
vote for us. vote for true love.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 27, 2008, 19:38
quando è che abbiamo conquistato il mondo?

all'epoca degli antichi rumeni, all'epoca rinascimentale il mondo cul-turale, e il nostro dominio è continuato fino all'ARCADIA!!!!
quando c'era LUI poi avremmo riconquistato ben piu' che tutto il mondo se i plutocrati bolscevichi non avessero nottetempo ordito contro di noi! ahhh!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 27, 2008, 20:17
Mi sbaglierò, ma secondo me lasciare la scheda bianca è una cazzata fenomenale... Chi se ne frega di far vedere a chi fa lo spoglio che sei incavolato con tutti, non gliene sbatte niente a nessuno e si tolgono voti che, nel bene o nel male, sarebbero utili per una maggioranza seria.

invece è un segnale a cui danno molto conto, prima di tutto perchè le schede bianche vengono conteggiate, seconda cosa perchè uno che mette scheda bianca non è un'assenteista ma uno che si interessa e dà un segnale chiaro, di delegittimazione; in sintesi: uno che sta a casa è solo un numero, uno che va a votare mettendo scheda bianca fa politica.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Maligno - Febbraio, 28, 2008, 15:40
...me la indichi col dito? :D
Vabbè ma questi sono altri discorsi! :D Però seriamente, per fare un esempio: ora quante probabilità ci sono che la sinistra torni al governo? Sono davvero esigue, indi per cui mi sembra che sia molto più costruttivo votare a destra invece che lasciare scheda bianca. Poi uno può essere di sinistra, destra, alto o basso, ma almeno non ci si ritrova con una maggioranza risicata che viene ostacolata dall'opposizione per qualsiasi decisione. Perlomeno la vedo così...

invece è un segnale a cui danno molto conto, prima di tutto perchè le schede bianche vengono conteggiate, seconda cosa perchè uno che mette scheda bianca non è un'assenteista ma uno che si interessa e dà un segnale chiaro, di delegittimazione; in sintesi: uno che sta a casa è solo un numero, uno che va a votare mettendo scheda bianca fa politica.
Si ma di fatto, che guadagno si ha nel lasciare scheda bianca? Chi ne dà molto conto? Nessuno, è una cosa simbolica che non ha nessun tipo di ripercussione. Certo meglio fare scheda bianca che non votare, ma molto meglio ancora votare per qualcuno.....e molto molto meglio ancora non votare per Diliberto! :D

Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Febbraio, 28, 2008, 15:49
Vabbè ma questi sono altri discorsi! :D Però seriamente, per fare un esempio: ora quante probabilità ci sono che la sinistra torni al governo? Sono davvero esigue, indi per cui mi sembra che sia molto più costruttivo votare a destra invece che lasciare scheda bianca.

ma che diavolo di ragionamento è?? °_°
Cioè uno non convinto della sinistra deve votare a destra solo per poter regalare una maggioranza assoluta?? Tanto per avere un governo "voluto" solo su carta?...
Tralaltro le possibilità che salga la sinistra non credo siano esigue.

Premetto che non voterò scheda bianca e premetto pure che da un lato mi dispiace non farlo.
E' pure un modo per far politica votare scheda bianca: cioè sensibilizzi le persone, l'opinione pubblica, dimostri che non sei contento di quello che c'è, dimostri che non devi essere costretto a votare determinate persone, dimostri che non vuoi essere costretto a ragionare in certi termini. che è qualcos'altro che cerchi, e ci deve essere una risposta da parte di qualcuno che una maggioranza lascia la scheda bianca
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Maligno - Febbraio, 28, 2008, 16:01
Non è che deve, in una situazione come questa in cui - perlomeno a me sembra così - dovrebbe essere evidente l'esito delle elezioni ritengo meglio votare per una maggioranza solida, non assoluta, in modo che non sia intralciata in ogni decisione.
Non so, mi sbaglierò ma la scheda bianca mi sembra solo un'espressione formale e priva di efficacia. Del resto per lo stato sei solo un numero, non è importante per nessuno sapere che non sei soddisfatto individualmente da quello che c'è: se anche si ottenesse una maggioranza di schede bianche come si cercherebbe di proporre un'alternativa a chi non è soddisfatto? Con un altro partito? Ce ne sono fin troppi in Italia, sarebbe un'ennesima dispersione del voto IMHO...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Febbraio, 28, 2008, 17:31
Non è che deve, in una situazione come questa in cui - perlomeno a me sembra così - dovrebbe essere evidente l'esito delle elezioni ritengo meglio votare per una maggioranza solida, non assoluta, in modo che non sia intralciata in ogni decisione.
Non so, mi sbaglierò ma la scheda bianca mi sembra solo un'espressione formale e priva di efficacia. Del resto per lo stato sei solo un numero, non è importante per nessuno sapere che non sei soddisfatto individualmente da quello che c'è: se anche si ottenesse una maggioranza di schede bianche come si cercherebbe di proporre un'alternativa a chi non è soddisfatto? Con un altro partito? Ce ne sono fin troppi in Italia, sarebbe un'ennesima dispersione del voto IMHO...

ma a parte che non è sicuro affatto l'esito delle elezioni °_°
Non puoi votare un movimento politico che non ti rappresenta solo per poter dire "oh quello si che è un gruppo voluto da popolo" quando il popolo magari ha altri interessi. 

La scheda bianca è in verità la scelta più coerente che una persona che non crede in nessuno di quelli candidati possa fare, se ti senti di votare scheda bianca nessuno ti può dire niente, è l'espressione della tua opinione, ed è senz' altro una grande dimostrazione di coerenza pura.

PS. Quello è il TUO punto di vista, ovvio che non puoi fare un discorso sull'utilità del voto quando alla base del tuo ragionamento ci sono le TUE impressioni, difatti per quanto mi riguarda la destra non mi sembra un gruppo solido, se non nelle continue demonizzazioni rivolte alla sinistra e al governo prodi. Significativa la scissione dall'udc(il partito che in teoria dovrebbe essere il più vicino a forza italia).  Ma per me Forza Italia-AN-Lega-AS rappresentano un miscuglio di personaggi e idee difficile da gestire...

Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 28, 2008, 19:23
prova ne è il fatto che i partiti politici hanno accolto le obiezioni di grillo senza ammetterlo chi piu' o chi meno..quindi qualcosa conta anche la scheda bianca. se ci fosse una maggioranza di schede bianche sarebbe proprio la fine dell'attuale classe politica, delegittimazione totale..è un ipotesi gravissima, altro che formale.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Maligno - Febbraio, 28, 2008, 23:10
ma a parte che non è sicuro affatto l'esito delle elezioni °_°
Non puoi votare un movimento politico che non ti rappresenta solo per poter dire "oh quello si che è un gruppo voluto da popolo" quando il popolo magari ha altri interessi. 

La scheda bianca è in verità la scelta più coerente che una persona che non crede in nessuno di quelli candidati possa fare, se ti senti di votare scheda bianca nessuno ti può dire niente, è l'espressione della tua opinione, ed è senz' altro una grande dimostrazione di coerenza pura.

PS. Quello è il TUO punto di vista, ovvio che non puoi fare un discorso sull'utilità del voto quando alla base del tuo ragionamento ci sono le TUE impressioni, difatti per quanto mi riguarda la destra non mi sembra un gruppo solido, se non nelle continue demonizzazioni rivolte alla sinistra e al governo prodi. Significativa la scissione dall'udc(il partito che in teoria dovrebbe essere il più vicino a forza italia).  Ma per me Forza Italia-AN-Lega-AS rappresentano un miscuglio di personaggi e idee difficile da gestire...


Continuo ad essere dell'idea che la scheda bianca sia si una dimostrazione di coerenza e quello che vuoi, ma in pratica non serva a una cippa. Si può parlare tanto di valori, espressione dell'opinione ecc, ma se poi politicamente non cambia nulla rimane aria fritta... Mi sbaglierò io, ma a me queste elezioni sembrano tremendamente scontate! Anche per un semplice meccanismo di "salto sul carro del vincitore", e penso sia proprio per questo che Berlusconi abbia combattuto tanto per tornare alle urne, sa benissimo che la vittoria in questo caso è quasi sicuramente sua. E non dico di votare la maggioranza per mostrare che quello è il gruppo voluto dal popolo, semplicemente per lasciargli modo di agire senza continui blocchi degli oppositori. In questo periodo più che mai c'è bisogno di sostanza...

Poi che la destra non sia compatta non c'è dubbio, ma certamente è molto meno frazionata della sinistra, e comunque penso e spero che una volta ottenuto il governo (come penso che accadrà) le alleanze tornino all'incirca come prima della separazione dell'udc.

prova ne è il fatto che i partiti politici hanno accolto le obiezioni di grillo senza ammetterlo chi piu' o chi meno..quindi qualcosa conta anche la scheda bianca. se ci fosse una maggioranza di schede bianche sarebbe proprio la fine dell'attuale classe politica, delegittimazione totale..è un ipotesi gravissima, altro che formale.
Non so, a me sembra un'ipotesi assai improbabile; e poi chi verrebbe a sostituire l'attuale classe politica? Non abbiamo grandi politici e ok, questo è appurato, ma non mi sembra di vedere grandi alternative alle loro spalle...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 28, 2008, 23:48
beh le alternative ci sono quando c'è lo spazio..difficilmente ci saranno alternative stando così le cose. Però c'è da dire che l'occasione c'è stata con tangentopoli, non abbiamo saputo scegliere di meglio di chi c'è oggi al potere e quindi questo fa supporre che non lo saremo neanche domani..abbiamo quello che ci meritiamo secondo voi?

comunque Maligno, i governi in questi anni sono caduti per fragilità interne alle coalizioni, come sempre in Italia. Parlano tanto di spallate ma in verità, per fare cadere un governo devono corrompere parlamentari, senatori..Berlusconi è l'ultima persona a favore della stabilità, quando serve a lui non la invoca di certo, anzi, fa leggi elettorali ad hoc per ridurre lo stacco. Comunque si paventa un pareggio al senato. E non è detto affatto che vinca per l'effetto bandwagon, o del carro del vincitore..c'è anche l'effetto opposto, ossia l'effetto underdog, per cui il voto si sposta in favore del candidato che si da perdente..Esempio tipico, Truman nel 48..visto che ti piacciono i Rush (mi sembra) dovresti aver notato "dewey defeats truman" da qualche parte.. :D
(comunque in Italia lo vedo poco probabile, è piu' da paesi con il maggioritario..quello vero)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Febbraio, 29, 2008, 18:25

Si ma di fatto, che guadagno si ha nel lasciare scheda bianca? Chi ne dà molto conto? Nessuno, è una cosa simbolica che non ha nessun tipo di ripercussione. Certo meglio fare scheda bianca che non votare, ma molto meglio ancora votare per qualcuno.....e molto molto meglio ancora non votare per Diliberto! :D


Guadagni? Ma qualunque sia l'esito dei prossimi mesi, dalla sommossa anarchica ai neofascisti al potere, tu vedi dei guadagni?
Io non li vedo affatto e anche avere la sicurezza di un governo stabile e quinquennale non è una garanzia. L'unico e l'ultimo governo quinquennale è stato quello Berlusconi, che lo si ricorda per la legge sul fumo, per la patente a punti e per qualche legge su Tv e processi (puntualmente entrata in funzione di recente). Poi anche in quel caso, nonostante cinque anni di governo e una maggioranza abbondante, è il centrodestra stesso ad ammettere di non avere fatto abbastanza (ah, già, soldati in Iraq e Afghanistan).
E a quei tempi avevano vinto con un'altra legge elettorale, non con questa dai mille colori.

E, poi, con tutta la buona volontà possibile, come si fa a tapparsi il naso per votare a destra, quando vengono tenute in ballo ipotesi contro l'aborto, sul nucleare, ecc.?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 29, 2008, 18:57
il nucleare è considerato da tutti. E l'aborto è stata un'inaccortezza di berlusconi, e una trovata pubblicitaria di un giornalista, niente di piu'..anche Fini ha bocciato la cosa. Non sono queste le cose che uno dovrebbe guardare in questo momento.Bisogna guardare a chi proporrà le manovre economiche migliori per non uscire dall'area euro, per compensare l'inflazione e per trovare le finanze per ripianare il deficit. NON sono elezioni che si dovrebbero giocare sull'aborto, nucleare etc. visto che abbiamo un deficit di 1200 miliardi di euro e rischiamo di uscire dalla uem , e in quel caso diventeremo la discarica dei rifiuti radioattivi del mondo civile e gli aborti si tornerebbe a farli con uno spillone. Io avrei voluto di nuovo prodi, penso che l'unico modo non sia sfraccarsi i coglioni sulle leggi a parte alcune mirate sull'istruzione e su finanziarie/bilanci preventivi ben mirati (che continuino a cercare di raggiungere il risparmio pubblico piuttosto che il disavanzo, visto che entro il 2012 dovrà essere non superiore dell'1,5 percento di quello della germania e siamo di ben sopra a tale stima); piuttosto ci sarà bisogno di ottimi amministratori, che conoscano bene la cosa pubblica e facciano si che quello che dagli anni 90 si misura qua a nord con ottimi risultati (gestione economica) inizi a funzionare per davvero anche al sud.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Febbraio, 29, 2008, 20:43
il nucleare è considerato da tutti.

Non mi pare proprio. Considerato in maniera positiva, almeno, no.

Citazione
E l'aborto è stata un'inaccortezza di berlusconi, e una trovata pubblicitaria di un giornalista, niente di piu'..anche Fini ha bocciato la cosa.

Sarà pure un'inaccortezza, ma non l'ho tirata in ballo io la cosa, che poi la si prenda sul serio o no. "Le parole sono importanti", diceva Moretti. Quindi se uno va a sbandierare, chessò, "la rivolta armata del nord", io lo prendo in considerazione al di là che lo dica o meno con l'intenzione concreta.

Citazione
Non sono queste le cose che uno dovrebbe guardare in questo momento.Bisogna guardare a chi proporrà le manovre economiche migliori per non uscire dall'area euro, per compensare l'inflazione e per trovare le finanze per ripianare il deficit. NON sono elezioni che si dovrebbero giocare sull'aborto, nucleare etc. visto che abbiamo un deficit di 1200 miliardi di euro e rischiamo di uscire dalla uem , e in quel caso diventeremo la discarica dei rifiuti radioattivi del mondo civile e gli aborti si tornerebbe a farli con uno spillone. Io avrei voluto di nuovo prodi, penso che l'unico modo non sia sfraccarsi i coglioni sulle leggi a parte alcune mirate sull'istruzione e su finanziarie/bilanci preventivi ben mirati (che continuino a cercare di raggiungere il risparmio pubblico piuttosto che il disavanzo, visto che entro il 2012 dovrà essere non superiore dell'1,5 percento di quello della germania e siamo di ben sopra a tale stima); piuttosto ci sarà bisogno di ottimi amministratori, che conoscano bene la cosa pubblica e facciano si che quello che dagli anni 90 si misura qua a nord con ottimi risultati (gestione economica) inizi a funzionare per davvero anche al sud.

Che le elezioni si dovrebbero giocare su altro è ovvio, così come lo è il fatto che non saranno giocate su quello. Nessuno può permettersi di buttare in propaganda la riduzione del debito o i problemi macroeconomici, perchè rischia di essere cancellato elettoralmente, come è acaduto a Prodi (che, nonostante questo (http://www.corriere.it/economia/08_febbraio_29/pil_tasse_deficit_0aec70f8-e6b7-11dc-84b2-0003ba99c667.shtml), oggi è politicamente e comunicativamente un paria, un innominabile la cui sola menzione è fonte/causa di attacchi o percosse mediatiche).
Le elezioni si giocheranno su temi molto più cari al borsellino medio: guarda il programma presentato da Berlusconi oggi. No Tax, Bonus bebè, via l'Ici, ecc.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Febbraio, 29, 2008, 22:14
ma io vorrei sapere se qualcuno ci crede che possano diminuire le tasse senza cambiare niente. Se vogliono diminuire le tasse devono anche trovare il modo di diminuire la spesa, l'articolo 81 cost. dice che non si può fare leggi senza copertura finanziaria. Prima aggiravano il problema con i cosiddetti "fondi globali", ossia quelli usati per far fronte a situazioni di emergenza, catastrofi, sicurezza pubblica  e leggi non ancora approvate al momento del bilancio, spese impreviste . oggi non possono piu' farlo: abbiamo un deficit mostruoso e di questo passo l'italia va in bancarotta (malgrado l'unione europea ci copre un po' le spalle). Quindi non è piu' possibile fare così. Se vogliono ridurre le tasse possono fare solo questo: 1- togliere soldi dalle pensioni/aumentare i contributi 2- mettere larghi settori della sanità nazionale a pagamento (e anche questo non basterebbe) 3- licenziare un casino di gente dalla p.a. 4- aumentare l'iva, o l'irpef o l'irap o qualsiasi altra controparte regionale dell'ici 5-tagliare fondi alle scuole, agli enti previdenziali
quindi per abbassare le tasse uno si deve confrontare con una di queste cose: può essere che le facciano tutte, in ogni caso a fronte di una diminuzione di tasse (chessò, sparisce l'ici) facciamo fronte ad altre perdite generalizzate. Non mi ricordo quale ministro di luigi XIV (anche se sono sicuro che non l'ha detta lui ma gliel'hanno attribuita dopo) diceva che la tassazione è l'arte di spennare una gallina ottenendo il maggior numero di piume con il minimo starnazzo.
Secondo me l'unica via praticabile è quella che hanno praticato inghilterra, stati uniti etc. ossia, ridurre drasticamente il numero di lavoratori pubblici, spostandoli al privato (è quello che abbiamo già avuto con le asl in piccola parte), liberalizzare, liberalizzare. le liberalizzazioni in Italia le hanno fatte solo i governi di centrosinistra negli anni 90, berlusconi si è ridotto a fare un po' di collage e lasciare tutto com'era con risultati disastrosi.I polli che ci sono rimasti in mezzo, l'abbiamo visto ultimamente coi farmacisti e i tassisti (che sono cosine piccole) hanno scioperato, e ora voteranno centrodestra pensando che li protegga. Votano un partito che si chiama liberale per cose che da sempre dovrebbe fare la sinistra: ossia paternalismo, protezionismo e populismo (non che la sinistra non lo faccia, però per fortuna hanno uomini responsabili che hanno fatto cose anche nell'altro senso, che è l'unico praticabile oggi). è assurdo che le elezioni si giochino sull'immigrazione, le droghe e promesse velleitarie di abbassare le tasse.Mi fa paura anche il fatto che alla guida del centrosinistra ci sia Veltroni quando dovrebbe esserci uno come Prodi che almeno conosce bene la macchina pubblica.

riguardo gli altri 2 punti: il nucleare lo considera anche il csx, d'altro canto come altra alternativa abbiamo le centrali a carbone che sono peggio. Io ho paura di una centrale nucleare in italia, non tanto per la centrale nucleare in sè quanto per i tecnici e i progettisti che sarebbero italiani..
La storia dell'aborto penso sia stata tirata fuori perchè la chiesa ha fatto vedere i dentini con prodi e ora tutti se la fanno addosso. Curioso come chi si dice liberale baci il popò alla chiesa come un qualunque democristiano.. li vedesse Ernesto Nathan o Giolitti o Cavour o De Gasperi (dc ok ma liberale) non so cosa direbbero..io che mi ritengo liberale dico "mah!" però d'altro canto non do peso a queste cose che sono specchietti per allodole (come le cazzate sui pacs che hanno spostato tanti voti a destra le scorse elezioni e che sono le cose che piacciono a noi giovani).
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Marzo, 01, 2008, 08:20
ma io vorrei sapere se qualcuno ci crede che possano diminuire le tasse senza cambiare niente. Se vogliono diminuire le tasse devono anche trovare il modo di diminuire la spesa, l'articolo 81 cost. dice che non si può fare leggi senza copertura finanziaria. Prima aggiravano il problema con i cosiddetti "fondi globali", ossia quelli usati per far fronte a situazioni di emergenza, catastrofi, sicurezza pubblica  e leggi non ancora approvate al momento del bilancio, spese impreviste . oggi non possono piu' farlo: abbiamo un deficit mostruoso e di questo passo l'italia va in bancarotta (malgrado l'unione europea ci copre un po' le spalle). Quindi non è piu' possibile fare così. Se vogliono ridurre le tasse possono fare solo questo: 1- togliere soldi dalle pensioni/aumentare i contributi 2- mettere larghi settori della sanità nazionale a pagamento (e anche questo non basterebbe) 3- licenziare un casino di gente dalla p.a. 4- aumentare l'iva, o l'irpef o l'irap o qualsiasi altra controparte regionale dell'ici 5-tagliare fondi alle scuole, agli enti previdenziali
quindi per abbassare le tasse uno si deve confrontare con una di queste cose: può essere che le facciano tutte, in ogni caso a fronte di una diminuzione di tasse (chessò, sparisce l'ici) facciamo fronte ad altre perdite generalizzate. Non mi ricordo quale ministro di luigi XIV (anche se sono sicuro che non l'ha detta lui ma gliel'hanno attribuita dopo) diceva che la tassazione è l'arte di spennare una gallina ottenendo il maggior numero di piume con il minimo starnazzo.
Secondo me l'unica via praticabile è quella che hanno praticato inghilterra, stati uniti etc. ossia, ridurre drasticamente il numero di lavoratori pubblici, spostandoli al privato (è quello che abbiamo già avuto con le asl in piccola parte), liberalizzare, liberalizzare. le liberalizzazioni in Italia le hanno fatte solo i governi di centrosinistra negli anni 90, berlusconi si è ridotto a fare un po' di collage e lasciare tutto com'era con risultati disastrosi.I polli che ci sono rimasti in mezzo, l'abbiamo visto ultimamente coi farmacisti e i tassisti (che sono cosine piccole) hanno scioperato, e ora voteranno centrodestra pensando che li protegga. Votano un partito che si chiama liberale per cose che da sempre dovrebbe fare la sinistra: ossia paternalismo, protezionismo e populismo (non che la sinistra non lo faccia, però per fortuna hanno uomini responsabili che hanno fatto cose anche nell'altro senso, che è l'unico praticabile oggi). è assurdo che le elezioni si giochino sull'immigrazione, le droghe e promesse velleitarie di abbassare le tasse.Mi fa paura anche il fatto che alla guida del centrosinistra ci sia Veltroni quando dovrebbe esserci uno come Prodi che almeno conosce bene la macchina pubblica.

riguardo gli altri 2 punti: il nucleare lo considera anche il csx, d'altro canto come altra alternativa abbiamo le centrali a carbone che sono peggio. Io ho paura di una centrale nucleare in italia, non tanto per la centrale nucleare in sè quanto per i tecnici e i progettisti che sarebbero italiani..
La storia dell'aborto penso sia stata tirata fuori perchè la chiesa ha fatto vedere i dentini con prodi e ora tutti se la fanno addosso. Curioso come chi si dice liberale baci il popò alla chiesa come un qualunque democristiano.. li vedesse Ernesto Nathan o Giolitti o Cavour o De Gasperi (dc ok ma liberale) non so cosa direbbero..io che mi ritengo liberale dico "mah!" però d'altro canto non do peso a queste cose che sono specchietti per allodole (come le cazzate sui pacs che hanno spostato tanti voti a destra le scorse elezioni e che sono le cose che piacciono a noi giovani).


Sid, il tuo discorso è perfetto, e sull'analisi politica degli operati mi trovi perfettamente d'accordo, il problema è che non mi sembra la logica a dominare il tema elettorale. Dire "meno tasse", per quanto sia una cosa poco realizzabile, porta molti più voti di una promessa di liberalizzazione o di un'analisi programmatica realista.
E' assurdo che le elezioni si giochino su immigrazione, droghe, ecc., ma è questo che interessa al popolo, alla gente "minuta". Tu studi scienze politiche e vedi la situazione da un punto di vista aggregato. A un pensionato fregano un portafoglio con la pensione e da quel momento il suo interesse principe diventa quello di votare un partito che rispedisca tutti i neri a casa con un calcio in culo. Un operaio si vede tassare la tredicesima e s'affida a chi gliela vuole detassare.
Guarda solo cosa passa la propaganda televisiva: tasse-criminalità-rincari-papa. Può forse la gente interessarsi ad altro? L'agenda setting è fondata su per giù su queste tre questioni e da queste non si può fuggire.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Marzo, 01, 2008, 11:06
si in fin dei conti penso che nessuno potrebbe fare diversamente..quello che mi piaceva di Prodi è che parlava poco e faceva tanto, ed essendo vincolato da una camera risicatissima si affidava piu' agli atti amministrativi per governare. Peccato che sia caduto. io non credo che vadano fatte tante riforme, a parte per la scuola e i salari. Penso si debbano costruire case, carceri, deportare gli amministratori di Bolzano a lavorare in Sicilia. Le tasse ce le terremo sul groppone perchè tanto non si può fare diversamente.
Almeno i toni di questa campagna sono piu' pacati e anche berlusconi non si propone come superuomo..
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Pollo aviariato - Marzo, 02, 2008, 19:49
mastella corre da solo  :laughing7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Nintendosa - Marzo, 04, 2008, 15:53
mastella corre da solo  :laughing7:
E magari trovasse un bel fosso per la strada!

Comunque ancora oggi sono così confusa ed indecisa che non so proprio chi votare.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Pollo aviariato - Marzo, 04, 2008, 17:43
Comunque ancora oggi sono così confusa ed indecisa che non so proprio chi votare.
vota veltroni  :laughing7:
scherzi a parte, ma l'unica scelta civile non è veltroni?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Banjo - Marzo, 04, 2008, 17:56
vota veltroni  :laughing7:
scherzi a parte, ma l'unica scelta civile non è veltroni?

No, l'unica scelta civile è per i Pensionati.
In alternativa c'è sempre Storace, sapete com'è...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Marzo, 04, 2008, 18:46
A proposito di pagliacci e di pagliacciate, guardate quanti diavolo di partiti sono stati registrati per le elezioni.

http://download.repubblica.it/pdf/2008/elezioni2008_contrassegni1.pdf

http://download.repubblica.it/pdf/2008/elezioni2008_contrassegni2.pdf

http://download.repubblica.it/pdf/2008/elezioni2008_contrassegni3.pdf
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Marzo, 04, 2008, 19:14
Ahahahah, c'è il partito dei Casinò del Centro Italia :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Diddy Kong - Marzo, 05, 2008, 16:54
Lol, che simboli squallidi!

(http://img120.imageshack.us/img120/9223/100ot3.png)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Marzo, 06, 2008, 16:47
Ma perchè, il "Sacro romano impero" non l'avete visto? E gli "impotenti esistenziali"?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Diddy Kong - Marzo, 06, 2008, 17:04
Ma perchè, il "Sacro romano impero" non l'avete visto? E gli "impotenti esistenziali"?

Il partito degli impotenti l'avevo visto, ma il Sacro Romano Impero dove sta?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Marzo, 06, 2008, 17:23
Terza posizione.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Pollo aviariato - Marzo, 06, 2008, 17:29
ma che pretendono di fare le liste sudamerica, nordamericane, o quelle sudtirolesi con i nomi tedeschi  :laughing7:, sicilia libera, sardegna nazione  :laughing7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Marzo, 10, 2008, 01:34
Ha rivinto Zapatero! Ma vieeeeeeeeeniiiiiiii!!!!!!  :happy2: :happy2:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Pollo aviariato - Marzo, 10, 2008, 14:37
Ha rivinto Zapatero! Ma vieeeeeeeeeniiiiiiii!!!!!!  :happy2: :happy2:
uno che porta la spagna a bussare alle porte dell' europa che conta se lo merita ne
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Marzo, 10, 2008, 20:53
Grande Zapa!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Marzo, 10, 2008, 21:07
Zapatero ha fatto leggi politiche moderne. Però l'economia non l'ha portata in crescita di certo lui!
comunque sono contento perchè sta facendo delle politiche liberiste che mi rendero orgoglioso se fossi spagnolo!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Marzo, 10, 2008, 23:19
Zapatero ha fatto leggi politiche moderne. Però l'economia non l'ha portata in crescita di certo lui!

E chi sarebbe stato? Aznar?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Marzo, 11, 2008, 08:48
come dire che Craxi è stato il responsabile della crescita del benessere italiano negli anni 80. tu hai abbastanza pelo sullo stomaco?
Che poi in spagna in realtà di scelte economiche da fare non ce ne sono molte, basta lasciare tutto com'è e che lo stato se ne tiri fuori, siamo noi che dopo solo 40 anni abbiamo bisogno del busto di gesso.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Nintendosa - Marzo, 11, 2008, 15:49
Una curioità: ma il Ciarrapico di cui si sta parlando molto in questi giorni è  quel Ciarrapico ex presidente della Roma, da me odiato mai sopportato?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Marzo, 11, 2008, 17:13
Sì. Detto anche "Dux mea lux".
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Nintendosa - Marzo, 11, 2008, 17:54
Sì. Detto anche "Dux mea lux".
Sempre peggio, chissà dove andremo a finire... :confused2:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Marzo, 11, 2008, 19:06
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Politica/2008/03_Marzo/11/popup_saluto.shtml
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Marzo, 11, 2008, 19:09
Chi preferiste vedere come presidente americano? Obama, la Clinton o McCain?

Io vorrei Obama, mi piace molto il suo pensiero.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Marzo, 11, 2008, 19:13
spero vi scandalizzi piu' della paccottaglia da predappio di Ciarrapico il fatto che qua se un partito decide di far diventare senatore il suo asino ci possa tranquillamente riuscire.

Porca puttana. Già piazzale loreto..ma Ciarrapico, Ciarrapico fa proprio gridare di vergogna per lo scempio che si fa del cadavere di Mussolini!
Mussolini santo! subito!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Marzo, 11, 2008, 19:14
Chi preferiste vedere come presidente americano? Obama, la Clinton o McCain?

Io vorrei Obama, mi piace molto il suo pensiero.

Io Ciarrapico, non mi piacciono molto gli Usa.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Pollo aviariato - Marzo, 11, 2008, 21:07
Chi preferiste vedere come presidente americano? Obama, la Clinton o McCain?

Io vorrei Obama, mi piace molto il suo pensiero.
perchè, obama pensa?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Marzo, 12, 2008, 14:39
come dire che Craxi è stato il responsabile della crescita del benessere italiano negli anni 80. tu hai abbastanza pelo sullo stomaco?
Che poi in spagna in realtà di scelte economiche da fare non ce ne sono molte, basta lasciare tutto com'è e che lo stato se ne tiri fuori, siamo noi che dopo solo 40 anni abbiamo bisogno del busto di gesso.

Vabbeh ma secondo questa logica nessun governo puo' dirsi direttamente responsabile dell'andamento dell'economia, e a questo punto non vedo che senso ha criticare Zapatero per questo... a me sembra che la sua gestione dell'economia sia stata piu' che competente, e cmq non c'entra niente con Craxi!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Marzo, 12, 2008, 14:40
Chi preferiste vedere come presidente americano? Obama, la Clinton o McCain?

Io vorrei Obama, mi piace molto il suo pensiero.

Obama di gran lunga. E' proprio un mito quell'uomo. La Clinton prende soldi da gente che non mi piace, ed e' militarista quanto Bush... no, non mi piace.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Giotto 100 - Marzo, 12, 2008, 15:33
Chi preferiste vedere come presidente americano? Obama, la Clinton o McCain?

Io vorrei Obama, mi piace molto il suo pensiero.
Obama, la Clinton è una raccomandata del cazzo e come ha detto John anche per me è militarista quanto Bush.

Scusate l'ignoranza, ma chi è Ciarrapico?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Banjo - Marzo, 12, 2008, 16:15
Scusate l'ignoranza, ma chi è Ciarrapico?

Uno leggermente fascista. Leggermente, non tanto, eh! :laughing7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Marzo, 12, 2008, 16:51
Non mi piace la Clinton appunto per queelo che ha detto John. Obama vuole dialogare con Cuba, con l'Iran, con il Pakistan, la Clinton è contro tutto questo e secondo lei l'unica via è la guerra. :angry7:

E poi Obama (che oggi ha vinto nel Mississippi) sarebbe il primo presidente nero. :happy2:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Pollo aviariato - Marzo, 12, 2008, 18:01
Obama di gran lunga. E' proprio un mito quell'uomo. La Clinton prende soldi da gente che non mi piace, ed e' militarista quanto Bush... no, non mi piace.
ma a voi i sofisti piacciono proprio eh?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Marzo, 12, 2008, 18:04
ma a voi i sofisti piacciono proprio eh?

Sei per la Clinton?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Pollo aviariato - Marzo, 12, 2008, 18:09
Sei per la Clinton?
secondo te?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Marzo, 12, 2008, 18:14
secondo te?

C'è anche McCain...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Marzo, 12, 2008, 20:34
ma a voi i sofisti piacciono proprio eh?

Uhm, se i discorsi di Obama sono sofistici, allora queste tue domandine retoriche vuote che sarebbero?

Vedi di sostenere le tue accuse, e con argomentazioni serie, perche' a parlare cosi' davvero non mi sembri nelle condizioni di lanciare la prima pietra (sopratutto non quella del sofismo).
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Marzo, 12, 2008, 22:00
Vabbeh ma secondo questa logica nessun governo puo' dirsi direttamente responsabile dell'andamento dell'economia, e a questo punto non vedo che senso ha criticare Zapatero per questo... a me sembra che la sua gestione dell'economia sia stata piu' che competente, e cmq non c'entra niente con Craxi!

l'economia specie nei paesi in crescita si misura sulle basi gettate: vedi de gasperi/einaudi in Italia, che hanno lavorato per il boom economico. L'inghilterra era col culo a terra negli anni 70, parentesi thatcher, rinascimento di Blair. é stata solo una parentesi per quanto i metodi fossero discutibili (discutiamone pure) ? oppure la tassa del macinato in Italia. L'appianamento del deficit lo conseguirono i successori di Cavour (il quale, aveva aperto il deficit per dare all'Italia ferrovie - e per dare all'Italia l'Italia-) quando fu conseguito il risultato si aprirono diversi decenni di governi di liberali "di sinistra" che diedero a noialtri  le riforme sulle scuole (de pretis) le colonie (ah! ah! ah! --> crispi) il suffragio universale maschile (giolitti). Ciò non toglie che questo, e la crescita di noialtri burocrati, benchè sia stata su iniziativa della sinistra (e gliene siamo grati) si sia innestata sull'accortezza di governanti di destra (e anche qua, tanto di cappello). Che in un sistema bilanciato, destra e sinistra siano indispensabili e funzionino bene assieme, nessun dubbio. Persino il capitalismo americano sarebbe niente senza il correttivo "socialista", che apportò Roosvelt (grandissimo individuo). Ma oggi in Italia abbiamo una buona sinistra che deve fare anche il lavoro della destra, incapace, populista e per niente destra. E questo secondo me è aberrante.Perdonatemi la bestemmia ma oggi una persona di destra si dovrebbe turare il naso e votare sinistra. Basta dare una controllata alle riforma Bassanini, chi l'ha fatta era con l'ulivo (allora)..eppure il federalismo sappiamo tutti chi lo strombazzava.
Concludo la mia dicendo che abbiamo bisogno di un partito liberale che sventoli la meritocrazia, i valori di correttezza, onestà e rigore. Purtroppo come diceva Montanelli, non sappiamo andare a destra senza invocare i manganelli: e la destra che continuiamo ad avere è la triste prova di questo.
(non esento certo in questa sviolinata le tremende cantonate della sinistra ai tempi della "prima repubblica", che si fanno sentire anche oggi, ma che rispetto al casino che c'è a "destra" è acqua di rose)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Pollo aviariato - Marzo, 12, 2008, 22:56
Vedi di sostenere le tue accuse, e con argomentazioni serie, perche' a parlare cosi' davvero non mi sembri nelle condizioni di lanciare la prima pietra (sopratutto non quella del sofismo).
parlando di discorsetti vuoti mi viene da pensare a quelli di obama  :laughing7:.
in ogni caso cosa abbiamo per obama: ci troviamo di fronte a un individuo con una ottima capacità di parlare e di arrigare la folla, ma come giustamente la clinton prende in giro, sembra di trovarsi davanti a un predicatore che cerca di convertire masse di fedeli.
guardando la BBC ho visto la clinton che parlava di dio e di una missione divina, inizialmente ho detto tra me e me, ma che cazz!, poi ho capito che prendeva in giro obama.
obama è un volto giovane, nuovo, capace di infondere nuova linfa alla politica americana e di portare i giovani ad essa, ed è normale perciò che riceva un sacco di finanziamenti un pò da tutti, in america non è il politico a vincere, ma la sua immagine.
hillary invece ha sicuramente molta più esperienza del povero obama, anche per il solo fatto di aver avuto il marito che ha avuto, e la sua personalità e sicuramente più forte e seria di quella di un obama qualsiasi.
perchè obama spesso e volentieri evita lo scontro frontale nei dibattiti con hillary? semplicemente perchè sa che finche è da solo ad arringare le folle parlando di missioni divine e dicendo yes we can può vincere, in un confronto serio e serrato no.
massi, votiamolo perchè è un nero (tralaltro il suo sangue nero non è proprio sangue di schiavo), votiamolo perchè rinnova la politca, evvai
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Marzo, 13, 2008, 01:12
ma hai la scheda elettorale americana tu? maledetta pollitica
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Pollo aviariato - Marzo, 13, 2008, 12:55
ma hai la scheda elettorale americana tu? maledetta pollitica
eh?  :laughing7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Marzo, 13, 2008, 17:14
parlando di discorsetti vuoti mi viene da pensare a quelli di obama  :laughing7:.
in ogni caso cosa abbiamo per obama: ci troviamo di fronte a un individuo con una ottima capacità di parlare e di arrigare la folla, ma come giustamente la clinton prende in giro, sembra di trovarsi davanti a un predicatore che cerca di convertire masse di fedeli.
guardando la BBC ho visto la clinton che parlava di dio e di una missione divina, inizialmente ho detto tra me e me, ma che cazz!, poi ho capito che prendeva in giro obama.
obama è un volto giovane, nuovo, capace di infondere nuova linfa alla politica americana e di portare i giovani ad essa, ed è normale perciò che riceva un sacco di finanziamenti un pò da tutti, in america non è il politico a vincere, ma la sua immagine.
hillary invece ha sicuramente molta più esperienza del povero obama, anche per il solo fatto di aver avuto il marito che ha avuto, e la sua personalità e sicuramente più forte e seria di quella di un obama qualsiasi.
perchè obama spesso e volentieri evita lo scontro frontale nei dibattiti con hillary? semplicemente perchè sa che finche è da solo ad arringare le folle parlando di missioni divine e dicendo yes we can può vincere, in un confronto serio e serrato no.
massi, votiamolo perchè è un nero (tralaltro il suo sangue nero non è proprio sangue di schiavo), votiamolo perchè rinnova la politca, evvai

Ma cosa c'entra? Sai quante persone esistono che la pensano diversamente da te? Tutte quelle che votano Obama! Un senso ci sarà, se Obama è in testa e se viene votato da tantissime persone, e quel senso non è quello del colore della pelle. Comunque vorrei ricordarti che ci sono stati numerosi scotri frontali in Tv (3 se non mi sbaglio) e Obama non ha mai sfigurato, resistendo alle accuse della Clinton usando spesso l'ironia. Gli scontri sono finiti sostanzialmente pari, e ciò non ha fatto altro che avvantaggiare Obama. Quindi non è vera la tua tesi, secondo cui Obama sarebbe in testa solo per la sua capacità di convincere la folla.
Comunque sono d'accordo con te solo sul fatto che la Clinton ha più esperienza di Barack.

E comunque, come puoi ritenere adatta alla presidenza degli Stati Uniti, la maggiore potenza mondiale, una persona che crede che il dialogo non esista e che la guerra sia l'unico modo per portare la pace fra due stati??
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Marzo, 13, 2008, 19:12
E comunque, come puoi ritenere adatta alla presidenza degli Stati Uniti, la maggiore potenza mondiale, una persona che crede che il dialogo non esista e che la guerra sia l'unico modo per portare la pace fra due stati??

Da simpatizzante di Obama: la Clinton ha davvero detto cose del genere?  :icon_scratch:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Pollo aviariato - Marzo, 13, 2008, 19:24
beh mope, se dici che c'è gente che vota obama io posso ribattere che c'è gente che vota i fascisti o berlusconi...
una persona che viene votata non è necessariamente la migliore, anzi.
eppoi se sei daccordo con me che la clinton ha più esperienza, allora perchè preferiresti il più inesperto?
preferiresti fare sesso con una prostituta esperta di alto borgo o con una poverella senza esperienza?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Marzo, 13, 2008, 19:34
preferiresti fare sesso con una prostituta esperta di alto borgo o con una poverella senza esperienza?

Apparte le questioni sulla differenza di prezzo, la poverella può portare entusiasmo, dolcezza e un pizzico d'ingenuità ormai sopite nell'esperta battona. Per dirla fuor di metafora, c'è la speranza che cambi davvero qualcosa dal classico duopolio. Poi staremo a vedere quanto la speranza diverrà realtà, ma tentar non nuoce.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Marzo, 13, 2008, 20:47
Non per difendere Obama, che personalmente non voterei, ma da che pulpito chi sostiene la Clinton viene a parlare di retorica, di faccia tosta, di credibilità. Obama tirerà pure perchè è nero, perchè ha gli slogans ecc., ma la Clinton che esiste solo in quanto moglie di un ex-presidente, che paraltro non manca mai di andarle dietro, è migliore? Voglio dire, ma che senso ha questa ridicola continuità che non è neppure lobbystica, ma di "stirpe"? Bush padre e Bush figlio, Mr. Clinton e Lady Clinton, ma per favore. Paradossalmente trovo più credibile il candidato classico repubblicano, MCCain, che tira in ballo le solite storie del Vietnam o del terrorismo o chessò io.
Poi Obama può stare sui coglioni, può anche essere vero che fa retorica, ma guardiamo il lago in cui sguazza, che è pieno di elementi di livello ben più infimo, prima di dire che è il peggio.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Pollo aviariato - Marzo, 14, 2008, 14:18
vedremo chi vincerà e cosa combinerà allora, resta il fatto che al carisma per essere una cosa positiva serve l'intelligenza
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Marzo, 14, 2008, 14:23
un po' come la potenza è nulla senza il controllo (v. berlusconi davanti alle tettone)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Marzo, 14, 2008, 16:04
Alle nazionali non so proprio chi votare...
Per le regionali voto la sinistra con la Finocchiaro(assieme a lei c'è la borsellino e il tuo sindaco credo, diddy), chissà se vincerà la sinistra in Sicilia almeno stavolta.

(e Berlusconi parla della sua grande collaborazione con il sud tramite l'MPA...l'MPA! ma scherziamo? :D cazzo è l'MPA? nato con la LEGA??? non l'ho capita bene questa storia tralaltro molti di stò partito sono indagati)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Marzo, 14, 2008, 17:43

(e Berlusconi parla della sua grande collaborazione con il sud tramite l'MPA...l'MPA! ma scherziamo? :D cazzo è l'MPA? nato con la LEGA??? non l'ho capita bene questa storia tralaltro molti di stò partito sono indagati)


Davvero strano. Sul serio, chi se lo sarebbe aspettato.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Marzo, 14, 2008, 17:46
Davvero strano. Sul serio, chi se lo sarebbe aspettato.

oh come vuoi aiutare la sicilia se non candidando qualcuno che la conosca bene che abbia le mani in pasta???
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Marzo, 14, 2008, 17:52
Da simpatizzante di Obama: la Clinton ha davvero detto cose del genere?  :icon_scratch:

La Clinton era assolutamente contro quando Obama parlava del dialogo. Di conseguenza lei sostiene la guerra.

beh mope, se dici che c'è gente che vota obama io posso ribattere che c'è gente che vota i fascisti o berlusconi...
una persona che viene votata non è necessariamente la migliore, anzi.
eppoi se sei daccordo con me che la clinton ha più esperienza, allora perchè preferiresti il più inesperto?
preferiresti fare sesso con una prostituta esperta di alto borgo o con una poverella senza esperienza?

Scusa, ma qua in Italia con Veltroni non è la stessa cosa? Berlussconi è certamente più esperto, essendo più anziano ed avendo più esperienza, in quanto è già stato premier, ma comunque molta gente (e anche te mi sembra di capire) sostiene Walter? Come mai?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Pollo aviariato - Marzo, 14, 2008, 17:58
Scusa, ma qua in Italia con Veltroni non è la stessa cosa? Berlussconi è certamente più esperto, essendo più anziano ed avendo più esperienza, in quanto è già stato premier, ma comunque molta gente (e anche te mi sembra di capire) sostiene Walter? Come mai?
berlusconi più esperto? :laughing7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Marzo, 14, 2008, 18:00
berlusconi più esperto? :laughing7:


Quante volte Veltroni è stato presidente del consiglio?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Pollo aviariato - Marzo, 14, 2008, 18:01
Quante volte Veltroni è stato presidente del consiglio?
:laughing7:
tanto il mio msn lo possiedi, andiamo li  :laughing7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Marzo, 14, 2008, 18:21
berlusconi è sbucato in politica da chissà dove e in un anno mesi è diventato presidente del consiglio(chissà come ha fatto)

avrà certamente più esperienza come imprenditore ma mi sembra che per quanto riguardi le tematiche sociali, economiche e altra roba amministrativa/governativa sia molto più preparato veltroni(non significa che lo considero un dio di certo).

Poi vabbè non ci posso fare niente ma a sentir parlare berlusconi a me vien da ridere
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Marzo, 14, 2008, 21:01
berlusconi è sbucato in politica da chissà dove e in un anno mesi è diventato presidente del consiglio(chissà come ha fatto)

Potere mediatico col quale ha aspirato i voti degli scornati da mani pulite.

Citazione
avrà certamente più esperienza come imprenditore ma mi sembra che per quanto riguardi le tematiche sociali, economiche e altra roba amministrativa/governativa sia molto più preparato veltroni(non significa che lo considero un dio di certo).

Non so quanto Veltroni possa essere preparato, ho dei dubbi, visto che di Roma non è che si parli benissimo. Tuttavia il confronto è inutile perchè Berlusconi è un'altra cosa. Ha poco senso parlare riguardo a lui di esperienza, età, coerenza, requisiti. E' un paradosso umano, un "adynaton", se visto coi canoni della vecchia politica. Visto coi canoni della nuova (ovvero la politica-show-merce) è indubbiamente il favorito, perchè nessuno come lui sa aggrapparsi alla "bassezza intellettuale" degli italiani. E la riprova è che FI è un partito sostanzialmente popolare, votato tra i ceti più bassi, pur essendo sulla carta il partito-delfino degli imprenditori. Anche le continue gaffe che fa, come ebbe a dire non ricordo chi, non sono mai buttate lì a caso, ma sono sempre delle uscite che a mio avviso fanno tanta presa sulla gente.Alla fine Berlusconi, che si dice un appassionato di Erasmo da Rotterdam, coglie in pieno il succo di molte meravigliose pagine dell'Elogio della follia, dove Erasmo ironizza sul fatto che sia proprio la pazzia a muovere la vita delle persone, mentre la razionalità, a ben vedere, resta sempre beffata mostruosamente.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Marzo, 14, 2008, 21:39
Non so quanto Veltroni possa essere preparato, ho dei dubbi, visto che di Roma non è che si parli benissimo.

Premesso che Roma ha recentemente ottenuto la quarta posizione mondiale in uno studio americano sulla qualita' della vita, ma per quel che riguarda la mia esperienza personale, di Roma ho da dire solo belle cose. Molto meno cara delle altre grandi citta' del mondo, e letteralmente esplosiva quanto ad eventi culturali (che alle volte sono addirittura gratis). So che Claire la pensa l'esatto contrario, ma la citta' che ho conosciuto io negli ultimi anni e' veramente un posto speciale.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Marzo, 15, 2008, 11:41
No, ecco, ditemi voi romani che ci vivete, io ci sono stato qualche anno fa e per il resto sento solo l'eco mediatico. Mi tolgo dal giudizio.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Claire Redfield - Marzo, 17, 2008, 16:07
Premesso che Roma ha recentemente ottenuto la quarta posizione mondiale in uno studio americano sulla qualita' della vita
Hai per caso il link di questa notizia? No, perché secondo me gli americani si sono bevuti il cervello  :D

Quanto a Veltroni: io ho preferito di gran lunga la gestione Rutelli, per quanto concerne sicurezza, pulizia, viabilità, ecc., in pratica per tutti gli aspetti pratici inerenti la vivibilità della città.
Per quel che riguarda le varie manifestazioni organizzate da Veltroni: io adoro l'arte, col mio fidanzato siamo sempre in giro per mostre e musei,  ma non è certo da qualche manifestazione o festival del cinema che può giudicarsi un Sindaco (e comunque non è che sotto i predecessori a Roma non si facesse nulla).
Poi Roma è una città speciale di suo, come può esserlo Firenze o Venezia o tante altre città italiane bellissime e particolarissime, a prescindere da qualsivoglia sindaco.
Questa è la mia opinione ovviamente  :)

Edit: ho trovato questa classifica delle città più vivibili:

1. Zurich, Switzerland (1)
2. Geneva, Switzerland (2)
3. Vancouver, Canada (3)
4. Vienna, Austria (3)
5. Auckland, New Zealand (8)
6. Dusseldorf, Germany (5)
7. Frankfurt, Germany (6)
8. Munich, Germany (7)
9. Bern, Switzerland (9)
9. Sydney, Australia (9)
11. Copenhagen, Denmark (11)
12. Wellington, New Zealand (14)
13. Amsterdam, Netherlands (12)
14. Brussels, Belgium (13)
15. Toronto, Canada (16)
16. Berlin, Germany (16)
17. Melbourne, Australia (14)
18. Luxembourg, Luxembourg (18)
18. Ottawa, Canada (21)
20. Stockholm, Sweden (19)
21. Perth, Australia (20)
22. Montreal, Canada (22)
23. Nuremberg, Germany (22)
24. Dublin, Ireland (22)
25. Calgary, Canada (25)
26. Hamburg, Germany (25)
27. Honolulu, HI (25)
28. San Francisco, CA (28)
29. Adelaide, Australia (29)
29. Helsinki, Finland (29)
31. Brisbane, Australia (31)
31. Oslo, Norway (32)
33. Paris, France (33)
34. Singapore, Singapore (35)
35. Tokyo, Japan (34)
36. Boston, MA (36)
37. Lyon, France (37)
37. Yokohama, Japan (37)
39. London, UK (39)
40. Kobe, Japan (40)
41. Washington, DC (41)
41. Chicago, IL (52)
43. Portland, OR (42)
44. Barcelona, Spain (43)
45. Madrid, Spain (44)
46. New York City, NY (45)
47. Seattle, WA (46)
48. Lexington, KY (47)
49. Pittsburgh, PA (48)
49. Winston Salem, NC (48)
51. Osaka, Japan (50)
51. Milan, Italy (51)...
Penso abbia un paio d'anni, ed è presa da qui (http://www.lifegate.it/ambiente/articolo.php?id_articolo=2123).
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Marzo, 17, 2008, 17:38
Io a vienna ci sono stato, questo inverno, ci sono stato 3 giorni ok. Ma mi sono bastati: le raffinerie sono alle porte della città, le chiese sono nere peggio del duomo prima di 80 restauri fa, mi hanno fottuto il portafoglio e alcuni monumenti (c'era una villa di un savoia) sono tenuti in totale merdume.
Non ci sono meno cacche per terra che a Milano: però fa molto piu' freddo (e cazzo, io una città la reputo vivibile anche in base a questo!)  e i mezzi sono molto peggiori rispetto alla capitale meneghina! Ora, se questa classifica fosse vera ditemi perchè, per esempio, Radetzky scelse di morire a Milano, dopo che era tornata Italiana e non a Vienna..no avanti, ditemelo.
io non so come l'abbiano stilata sta classifica, per esempio "Berlino" che sia di così tanto meno vivibile di Vienna..oddio mi viene da ridere. o norimberga! sono molto meglio della capitale austriaca!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Marzo, 17, 2008, 17:50
Io a vienna ci sono stato, questo inverno, ci sono stato 3 giorni ok. Ma mi sono bastati: le raffinerie sono alle porte della città, le chiese sono nere peggio del duomo prima di 80 restauri fa, mi hanno fottuto il portafoglio e alcuni monumenti (c'era una villa di un savoia) sono tenuti in totale merdume.
Non ci sono meno cacche per terra che a Milano: però fa molto piu' freddo (e cazzo, io una città la reputo vivibile anche in base a questo!)  e i mezzi sono molto peggiori rispetto alla capitale meneghina! Ora, se questa classifica fosse vera ditemi perchè, per esempio, Radetzky scelse di morire a Milano, dopo che era tornata Italiana e non a Vienna..no avanti, ditemelo.
io non so come l'abbiano stilata sta classifica, per esempio "Berlino" che sia di così tanto meno vivibile di Vienna..oddio mi viene da ridere. o norimberga! sono molto meglio della capitale austriaca!

Dai, io a Vienna ci sono stato un anno fa, e non è poi così brutta come tu la descrivi.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Marzo, 17, 2008, 17:54
ma diresti che è la 4 città piu' vivibile del mondo??
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Marzo, 17, 2008, 17:57
ma diresti che è la 4 città piu' vivibile del mondo??

No, quello no di sicuro. Anche perchè ci sono città piccole non inserite ovviamente in questa classifica che sono molto più vivibili di tutte le altre.
A proposito, su cosa è basata quella classifica?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Marzo, 17, 2008, 18:07
No, quello no di sicuro. Anche perchè ci sono città piccole non inserite ovviamente in questa classifica che sono molto più vivibili di tutte le altre.

Credo che nella vibilità includano anche il lavoro, gli stipendi, i trasporti, lo svago, le possibilità, e via dicendo. Sennò è chiaro che qualsiasi paesino batte qualsiasi grande città.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Marzo, 17, 2008, 20:53
Secondo me Berlino è veramente ottima in quanto a vivibilità. Io ne sono rimasto molto impressionato, quest'estate.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Marzo, 18, 2008, 00:35
Idem io! e anche considerando Berlino est, che anche se è su standard piu' bassi non è affatto male. E poi poche macchine, parcheggi ovunque, verde. No, francamente mi è sembrata molto meglio di Vienna pur avendo almeno il triplo degli abitanti..
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Marzo, 18, 2008, 08:10
Idem io! e anche considerando Berlino est, che anche se è su standard piu' bassi non è affatto male. E poi poche macchine, parcheggi ovunque, verde. No, francamente mi è sembrata molto meglio di Vienna pur avendo almeno il triplo degli abitanti..

Berlino est è da lacrimuccia. Per il resto, impressionato dalle stesse cose di cui parli tu: grande pulizia, puntualità dei mezzi, aria discreta. Non so, quando studiavo a Firenze e ci passavo le giornate mi sembrava di stare nel pantano: smog, sudicio per le strade e negli ambienti, traffico imperante e strabordante...
Siena, dove studio ora, è un po' meglio, ma anche lì, tuti i giorni è slalom tra le macchine nelle viuzze del centro storico.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Giotto 100 - Aprile, 02, 2008, 22:18
Faccio parte di un popolo di coglioni:
http://www.corriere.it/politica/08_aprile_02/giuliano_ferrara_contestato_bologna_24027098-00e2-11dd-aec1-00144f486ba6.shtml
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Aprile, 02, 2008, 22:25
Faccio parte di un popolo di coglioni:
http://www.corriere.it/politica/08_aprile_02/giuliano_ferrara_contestato_bologna_24027098-00e2-11dd-aec1-00144f486ba6.shtml

Chi sono i coglioni? quelli sul palco o quelli sotto?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 02, 2008, 23:05
Non ci si è comportati in modo civile, indubbiamente si poteva contestare Ferrare in altro modo.

Ma Ferrare merita, a mio parere, tutti gli insulti che si è guadagnato in questi duri anni di giornalismo.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Giotto 100 - Aprile, 02, 2008, 23:10
Chi sono i coglioni? quelli sul palco o quelli sotto?
Quelli sotto, di Ferrara posso dire che sull'aborto ha pure completamente ragione e lotta per una giusta causa e mi auguro pure per lui che guadagni alle elezioni quel 4,2% di voti per salire in Parlamento e attuare le sue idee, inutile dire che avrà anche i suoi conflitti di interesse nel salire ma quello che sta presentando mi sembra comunque qualcosa di buono. Mi riferisco invece a quanto è vergognoso un comportamento simile, stiamo diventando sempre di più un popolo di buffoni che stanno facendo scendere sempre più in basso il campo della politica, vedere immagini simili le puoi sopportare allo stadio ma non di certo in piena campagna elettorale, aldilà dell'individuo, per me poteva essere qualsiasi politico come Berlusconi che rimaneva un fatto di un'inciviltà unica. A mio modesto parere ormai non solo la stragrande maggioranza dei politici sta scendendo in basso, ma anche una buona parte degli elettori e devo essere sincero: se il passo è questo non riesco nemmeno a immaginare come potrà essere un post governo dopo quello, probabile, di Berlusconi.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 02, 2008, 23:17
Ti quoto quando parli di inciviltà, ti quoto decisamente meno quando dici che uno come lui ha ragione...


Quelli sotto, di Ferrara posso dire che sull'aborto ha pure completamente ragione e lotta per una giusta causa e mi auguro pure per lui che guadagni alle elezioni quel 4,2% di voti per salire in Parlamento e attuare le sue idee

A prescindere che è il TUO punto di vista, e non che il Ferrare abbia ragione così a prescindere, lui si impiccia di fatti che se non sono suoi. In pratica vorrebbe costringere le donne a non abortire, togliendo loro una legittima scelta, e poi son proprio i cattolici che parlano (e spesso a sproposito) di libero arbitrio. Credo che lui, almeno fino a prova contraria, non dovrebbe impicciarsi di fatti che non lo riguardano (e potrei far battute sulla stazza e l'aborto, ma evito). Stesso personaggio che negli anni70' scendeva in piazza con gli operai e a favore dell'aborto. Davvero un personaggio subdolo e insopportabile.

Tirare le uova è un gesto di incinviltà, quindi mi sento di condannare i centri sociali autori del gesto, ma Ferrara (almeno metaforicamente) se le è guadagnate le sue uova....
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Giotto 100 - Aprile, 02, 2008, 23:38
Di certo i fatti non sono nemmeno suoi e apprezzo anche che tu rispetti la mia opinione, però alla fine credo che si debba leggere anche tutto il programma (http://www.ilfoglio.it/lista) che sinceramente io ho trovato obbiettivo e confortante per migliorare il tasso di natalità in Italia.
Premetto, io essendo molto giovane e ancora minorenne Ferrara come personaggio lo conosco molto poco e ti ringrazio pure anche per avermi informato su cosa ha pure fatto in passato, ma alla fine si dovrebbe anche considerare che tutti i politici in Italia hanno tanti scheletri nell'armadio (vabbè Ferrara dovrebbe fare il giornalista, in realtà) e se si vota secondo l'ormai principio "voto il meno peggio" o il bellissimo "voto tappandomi il naso" di Montanelli, Ferrara in questo caso preferirei considerarlo più di tanti altri.
Tralaltro nell'intervista di ieri a Matrix (sia chiaro non sono un fissato di Ferrara, mi è capitato di sentirlo proprio per la prima volta ieri dopo aver visto South Park in tv :icon_tongue:) Ferrara stesso ha detto che si sta basando su principi laici nemmeno cristiani.
E soprattutto trovo anche incomprensibile il tuo pensiero "si faccia pure gli affari suoi", perchè mi sembra anche un modo per sminuire il problema dell'aborto, che trovo sia un problema comunque da affrontare in qualche modo, visto che abortire sta diventando sempre di più una moda (anche se è ovviamente colorito abbastanza dai media) e si sottovaluta sempre di più il valore della vita.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 03, 2008, 00:54
Abortire diventa una moda? ma per favore!Lascia che ti racconti la mia esperienza: mia madre ha lavorato per qualche tempo anche con donne che volevano abortire, lavorando in una asl. Lei ama i bambini, e fa l'ostetrica, ed è a favore dell'aborto. Ma ha smesso dopo poco di assistere le donne che volevano interrompere la gravidanza perchè è un gesto opprimente. Non lo è solo per chi (come i medici) si deve occupare di questo, ma anche per le donne che lo compiono, perchè è fisico e comunque si tratta di una perdita. Molte rimangono scioccate. Ma almeno, visto che queste pratiche non sono affatto gli omicidi di cui parla ferrara, e che una donna deve decidere finchè è possibile del proprio corpo (chiaro, dal 3 mese è giustissimo che non si possa piu'), è meglio che vengano fatti in sicurezza piuttosto che ricorrere a metodi casalinghi e a fughe all'estero. Prova è il fatto che gli aborti sono in diminuzione. Anche perchè aumenta la "prevenzione".
In ogni caso, il programma di Ferrara è contraddittorio: il punto 1 prevede la sepoltura dei feti (che bella cosa, civile), il punto 4 parla di pari diritti dal concepimento alla morte per i cittadini. Tolto che si diventa cittadini per nascita e non per concepimento, allora vista la parificazione dei diritti del feto con un uomo a tutti gli effetti, bisognerebbe considerare omicidio l'aborto. Pertanto, non vedo quali feti seppellire, se l'aborto venisse vietato.
il punto 2 si richiama alla 194, quindi questo presuppone che il punto 4 sia una cazzata buttata lì per fare colpo: in ogni caso la ru486 viene somministrata negli ospedali, ed è un metodo abortivo meno traumatico, ma di certo non solitario. Inoltre viene usata al 2 mese e non al 3'.
per il punto 8: gli aborti comunque non sono una roba self service, si cerca sempre di convincere la madre a portare a termine la gravidanza, e c'è un numero verde per le "madri segrete".
Ci credo che Ferrara non si basa su principi cristiani: S.Agostino lo negava, infatti anche oggi nessun prete battezza o da l'estrema unzione ai feti; questa è una provocazione dell'ex comunista Giuliano Ferrara.

Ex comunista? Ferrara è stato comunista negli anni 70, socialista negli anni 80 e ora filoberlusconiano e liberale dell'ultima ora. Questi non sono scheletri nell'armadio: questo è pianificare la propria carriera in maniera viscida e servile, seguire il vento. Non confondiamo con errori giovanili: sono sicuro che se domani andasse al governo un partito stalinista lui si candiderebbe a commissario del popolo. Questo è puro opportunismo,e le provocazioni che fa non sono minoritarie, sono semplicemente spregiudicate ma condivise. Semplicemente osa per mettersi in mostra, e non per stare dalla parte delle streghe.
Ora ha già fiutato la fine di Berlusconi ed è pronto a saltare su un altro carro. Forse tra qualche anno lo vedremo a gongolare con un partito popolare o sarà il papa piu' opulento mai visto.

chiarimento: l'invito di Montanelli a "turarsi il naso", non era certo una regola generale, Montanelli votava il partito liberale e il partito repubblicano per affinità ideologica (in certi frangenti in cui li votò); specialmente con La Malfa e Spadolini. Tutto questo senza risparmiare critiche e litigandoci anche pesantemente. Nel '76 poteva avvenire il sorpasso del PCI alla democrazia cristiana, e Montanelli, avvertendo il pericolo di un governo a forte composizione comunista aveva invitato tutti a votare la dc che puzzava parecchio (erano gli anni dello scandalo lockheed, cioè la fornitura di materiale aereonautico mediante bustarelle, che aveva coinvolto anche altri paesi oltre all'Italia), ma che comunque faceva fronte a un pericolo che Montanelli sentiva molto forte (e il partito repubblicano e La Malfa parlavano del compromesso storico tra le forze di governo e il pci, "governo di larghe vedute" come lo chiameremmo oggi).
Pertanto il suo invito era riferito a una situazione, una spada di damocle che per fortuna ora non abbiamo piu' sul groppone.
In quegli anni era comunista Giuliano Ferrara, ci credo bene che Montanelli ne avesse paura.



Sulla storia della contestazione, mi fa ridere che faccia la vittima. A sto punto poteva andare vestito da Goring ad Harlem e lamentarsi del razzismo dei negri. Ma per carità!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Aprile, 03, 2008, 01:50
Di certo i fatti non sono nemmeno suoi e apprezzo anche che tu rispetti la mia opinione, però alla fine credo che si debba leggere anche tutto il programma (http://www.ilfoglio.it/lista) che sinceramente io ho trovato obbiettivo e confortante per migliorare il tasso di natalità in Italia.

Secondo te quindi il problema della scarsa natalità di risolve imponendo figli a chi non li vuole e a chi non può permettersi di mantenerli? Chiariamo: io non riuscirei mai ad abortire (non ho l'utero ma vabbè, spero ci siamo capiti) perchè lo sentirei come mio figlio dal concepimento (ma aggiungo: in quella situazione per fortuna non ci son mai stato), però è un dato di fatto che la proibizione dell'aborto fa solo danni: spinge all'aborto illegale (clinico per chi può permetterselo, malsano per chi non può), spinge a una scarsa considerazione delle necessità della donna, spinge figli malvoluti o ben poco accuditi e soprattutto è un'ingerenza squallida dello stato in cose che non lo riguardano. Io non mi permetterei mai di imporre la mia sensibilità in merito ad altri, o di pretendere che la pensino come me perchè è così e basta, la responsabilità individuale deve restare una priorità.
E spero che tu non vada a paragonarlo all'omicidio.

Citazione
E soprattutto trovo anche incomprensibile il tuo pensiero "si faccia pure gli affari suoi", perchè mi sembra anche un modo per sminuire il problema dell'aborto, che trovo sia un problema comunque da affrontare in qualche modo, visto che abortire sta diventando sempre di più una moda (anche se è ovviamente colorito abbastanza dai media) e si sottovaluta sempre di più il valore della vita.

...dov'è che abortire starebbe diventando una moda? In Italia avete la legislazione più stretta d'europa sull'aborto, avete suore che rompono il cazzo alle abortenti arrivando al ricatto psicologico, non consentite una pillola abortiva che nel resto d'europa è in libera vendita (anche negli usa) e nel contempo se due ragazzi cercano una prescrizione per la pillola del giorno dopo (anche questa in libera vendita in altri paesi) devono girare mezza città per due giorni (guardati l'ultimo servizio delle iene in merito) trovandosi solo dottori obiettori (per una cosa per cui non esiste la possibilità di obiezione perchè non è abortiva!) e scuse false e ignobili, mentre il papa continua a dar contro ai preservativi... e avete il tasso di natalità tra i più bassi d'Europa... son io o c'è qualcosa che non quadra?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Aprile, 03, 2008, 08:10
Beh, è stato già detto quasi tutto, in maniera molto adeguata, da Tigno e da Sid.
Aggiungo soltanto che il tema della battaglia "demografica" sulle nascite è tutto tranne che risolvibile con qualche legge sull'aborto, ed è paradossale, oltrechè strumentale, tirare in ballo l'aborto per giustificarla.
La tendenza al calo delle nascite è in atto, anche in Italia, da oltre un secolo. Neppure Mussolini, che incentivava pesantemente le famiglie numerose e tassava gli scapoli, riuscì a invertire un trend che non può (e non deve) essere controllato.  Così va sostanzialmente anche in Europa e così deve andare: è un frutto del progresso che è libero di essere colto, e che non vieta, a quelli che li vogliono, di avere dieci figli.
Inoltre non è l'aborto ad essere il freno alle nascite, quanto la volontà stessa della coppia messa in atto con la contraccezione. Pensa che difficilmente due persone abbiano rapporti senza contraccettivi, sicuri che "tanto dopo si può abortire". Non è un giro di giostra, l'aborto.

Inoltre , un paio di ulteriori osservazioni:

- Siamo 60 milioni in Italia, oltre 6 miliardi nel mondo. Con tutto quello che consumiamo, c'è davvero questa necessità di forzare la riproduzione?

- Scherzosamente: visto il futuro come appare all'orizzonte, bisogna farsi un esame di coscienza serio prima di mettere al mondo un povero cristo.



Ah, scusate, dimenticavo. Sul Ferrara "laico", ma stiamo parlando dello stesso personaggio che ha dichiarato Darwin un "uomo barbuto molto sopravvalutato?".
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 03, 2008, 10:04
Togliamo l'aborto, così i figli abbandonati saranno sempre di più con smercio di infanti, cassonetti pieni, per non parlare degli organi... :angry7: Non condivido il metodo dei manifestanti, in quanto la violenza non è mai cosa buona, ma il pensiero che hanno voluto dare rispecchia pienamente il mio!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 03, 2008, 10:35
Inutile che io ripeta quanto detto su, comunque gente come Ferrare davvero è meglio che eviti certe sparate inutili e offensivi contro le donne. Che cominci a farsi un pò i caxxi suoi, cosa che non ha mai fatto, e cerchi di essere un pò coerente(almeno con sè stesso). Il problema più grande dell'Italia, almeno politicamente, è l'essere attanagliati (non tanto da lui) ma da gente ultraconservatrice (e c'è uno staterello a Roma di cui sto parlando), che impedice la naturale evoluzione costituzionale-civile al nostro paese. Da notare quante manifestazioni, pacifiche, ha subito Ferrara a Bologna e non solo da donne (non da altri Ferrara, ma da persone interessate in prima persona all'argomento...), che se avessero potuto penso lo avrebbero bastonato...altro che due uova. Tra l'altro, credo ieri, su Skytg24 ha parlato un'allucinata rappresentante della sua lista, dicendo una frase che ci ha fatto ridere a tavola "NOI renderemo le donne LIBERE DI NON ABORTIRE" XD Insomma libere di fare come VOGLIAMO NOI....fai tu se questa è libertà....
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 03, 2008, 10:38
se vuoi mettere in atto una crescita demografica devi avere anche lo spazio per mettere i nati, per esempio Mussolini pensava di risolvere con l'eritrea, durante il boom si è risolto con l'allargamento delle città del nord, piu' generalmente milioni di italiani hanno emigrato. Certo che senza spazio difficilmente  si fa crescita demografica; piu' che mettere mano all'aborto sono i piani regolatori dei comuni a contare veramente molto. Visto che sta riforma del titolo V l'hanno tanto strombazzata...

In cina si attua una politica di decrescita demografica, è semplicissimo: se una coppia fa solo un figlio, nel giro di qualche generazione la popolazione dovrebbe quasi dimezzarsi. Infatti oggi il tasso di crescita è sotto l'1%, mi sembra 0,9%.
E comunque meglio le pratiche malthusiane di contenimento della popolazione che i metodi alla spiccia: guerre, pestilenze, carestie.(tolto che non sono un malthusiano e che le considero ovviamente solo su base volontaria, cioè di dare gli strumenti per scegliere)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 03, 2008, 10:49
Don Calò (Vizzini) che era un mafioso siciliano, aveva permesso che nel suo paese si tenesse un comizio di un senatore comunista. Poi quando il senatore arrivò, nella piazza non c'era nessuno, a parte don Calò che quando fu interrogato dal senatore sul dove fosse la gente rispose "e iu chi ni sacciu? iu 'ca sugnu. mi manciavi tanticchia di pasta e staiu passiannu pi' digiriri" .
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 03, 2008, 14:56
detta terra terra, secondo me Ferrara si è fumato il cervello
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 10, 2008, 12:49
già ieri quando ha proposto (si ha proprio proposto uno scambio, non facciamo sottigliezze e non nascondiamoci dietro fraintendimenti) al PRESIDENTE della REPUBBLICA di dimettersi, io sono sprofondato di 1 metro sottoterra per la vergogna che ho provato.

ma oggi a leggere questa notizia

"Non daremo il Senato alla sinistra perchè delle tre cariche più importanti ha quella più importante: il Quirinale". Lo ha detto Silvio Berlusconi registrando la trasmissione otto e mezzo a 'La7'"

ho capito che è come provare vergogna per un bambino di 5 anni che si mette le dita nel naso mentre scambia le figurine.
Il bello è che mi viene in mente la sua frase cult prima delle scorse elezioni.."non posso credere che in Italia ci siano così tanti..."
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 10, 2008, 13:12
Una vergogna infinita, e vergogna chi lo voterà....e questa gente purtroppo c'è sempre...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Aprile, 10, 2008, 14:39
Io credo che la Sinistra sbagli totalmente approccio nei confronti di Berlusconi: dovrebbe trattarlo come il buffone com'è. Stan sempre lì a scandalizzarsi e fare i seri e fare proteste e lamentarsi rinchiudendosi nello stereotipo in cui li vuole il cavaliere, dovrebbero ridergli in faccia, fargli le pernacchie e non rispondere assolutamente mai in modo serio alle sue richieste e proposte, o al massimo rispondere "lo vedete anche voi che razza di proposta sia, non mi pare ci sia niente d'aggiungere". Ignorarlo, perchè l'attenzione gli da potere.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 10, 2008, 14:56
ma infatti veltroni era partito bene, non lo nominava, faceva la sua proposta in modo serio e via..poi c'è ricascato e ora Berlusconi ha ricominciato a buffoneggiare qua e là.
 siccome non abbiamo per storia nazionale molti punti fermi (vedi il fatto che l'omicidio di matteotti che aveva fatto vacillare i fascisti passò dopo poco in secondo piano davanti al caso "girolimoni"), Berlusconi con questo suo modo di fare ha spinto molto in là il dibattito politico, su punti che in qualsiasi paese forse non sarebbero manco concepiti: esempio conflitto d'interessi, legittimo sospetto, finanza creativa, secessioni e cuffaro etc. come fa a farlo? cazzo, lo fa e basta! e funziona alla grande!!!
Ora sta spingendo ancora piu' in là: vuole far credere che in una repubblica PARLAMENTARE il garante della TERZIETA' (ossia carica che deve essere SOPRA LE PARTI e garantire l'interesse delle istituzioni) faccia parte del gioco delle LOTTIZZAZIONI  e possa essere preda di questa o quest'altra parte politica. non è proprio così. E' come se un laburista andasse dalla regina e le dicesse: "hey, facciamo che tu mi dai la corona e io ti do la camera dei comuni, scusa ma ho vinto le elezioni e tu mi sembri una tory".
Vi pare logico?
ma ha ragione Tigno, bisogna ignorarlo. Ignorarlo, ignorarlo.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Aprile, 10, 2008, 15:07
E' come se un laburista andasse dalla regina e le dicesse: "hey, facciamo che tu mi dai la corona e io ti do la camera dei comuni, scusa ma ho vinto le elezioni e tu mi sembri una tory".

Ahahahah bellissima :D Peccato non siete una monarchia, il teatrino diverrebbe sempre più interessante.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 10, 2008, 15:16
basta prendere un libro di storia, quando Mussolini si fece nominare primo maresciallo d'italia assieme a vittorio emanuele (cioè, non credo fosse stato proprio Mussolini a volerlo, ma in ogni caso i fatti andarono così)
2 primi marescialli d'italia. Quando non siamo santi,poeti, navigatori, siamo anche dei geniali costituzionalisti che possono fare tutto meglio di tutti anche in deroga alla matematica, basta crederci.


OOOOO MMMIA PATRIAAAAA SSSììììì BBELLAAAA E PERDUU U U UUUUUTAAAAAAAAA!!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Aprile, 10, 2008, 15:24
Si ma vuoi mettere Berlusconi E il Re? Sembra già da solo il titolo di un film comico :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 10, 2008, 15:33
forse un giorno qualcuno potrà dire lo stesso di Berlusconi, leggiti questo brano che ti ho tosto ricopiato:


tratto da Mussolini buonuomo di Montanelli
"questo secondo progetto consisteva nella esibizione di un'Italia miserabile e rachitica, esattamente il contrario della germania che avevamo ammirata. Secondo esso io avrei dovuto farmi incontro al mio ospite al brennero, non soltanto vestito in tight e ghette invece che in divisa, ma con una papalina in testa e uno scialle sul groppone, nonchè circondato dai piu' piccoli esemplari della razza italiana, come Ermanno Amicucci e il pittore Bartoli. Le fanfare, all'arrivo del convoglio presidenziale, avrebbero dovuto intonare "Funicolì, funicolà", dopodichè il treno, messosi in moto con l'augusto ospite a bordo avrebbe subito una serie interminabile di arresti e di ritardi dovuti a continui guasti e a mancanza di combustibile. Dal finestrino intanto Hitler avrebbe avuto tutto l'agio di passare in rivista un fitto pattugliamento di scostumati appositamente reclutati che, lungo la strada ferrata, si sarebbero fatti cogliere dallo sguardo del Fuhrer nell'atto di fare i propri bisogni corporali; e sarebbe stato accolto alle varie stazioni da sfilate di tubercolotici e da cori di sordomuti eseguiti con l'alfabeto dei gesti. Alla parata aerea che sarebbe seguita a Roma, due apparecchi sarebbero precipitati, altri non sarebbero riusciti a prendere il volo; mentre a quella navale di napoli i centoventi sottomarini, dopo un'immersione eseguita con peretta sincronia, non sarebbero riapparsi alla superficie che all'indomanti della partenza dell'ospite. eccetera.
Il brillante paolo monelli aveva, dal suo punto di vista, ragione: egli pensava che il mio proposito fosse quello di sottrarre l'Italia alla voglia tedesca di farsene un'alleata: il suo era il pensiero di tutti gl'italiani di mediocre buon senso, incapaci di vedere oltre gl'immediati vantaggi di una comoda neutralità. Ma io volevo ben altro: io volevo, con la sconfitta tedesca, anche quella italiana..

Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 10, 2008, 16:37
"Non daremo il Senato alla sinistra perchè delle tre cariche più importanti ha quella più importante: il Quirinale". Lo ha detto Silvio Berlusconi registrando la trasmissione otto e mezzo a 'La7'"

Perchè è una frase così scandalosa?? :icon_scratch:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 10, 2008, 16:42
Perchè è una frase così scandalosa?? :icon_scratch:

Perchè non si può attaccare, o incitare le dimissioni, della più alta carica dello Stato. Tra l'altro, come penso si sappia, questi non è altro che una carica rappresentativa, garante della costituzione e rappresentante estero...Insomma certo che berlusca farebbe bene a starsi zitto...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 10, 2008, 16:44
Perchè non si può attaccare, o incitare le dimissioni, della più alta carica dello Stato. Tra l'altro, come penso si sappia, questi non è altro che una carica rappresentativa, garante della costituzione e rappresentante estero...Insomma certo che berlusca farebbe bene a starsi zitto...

Non mi sembra che abbia incitato a fare qualcosa. Ha solo detto che la sinistra ha in mano la carica più importante. E ha ragione.
Va bene, è una carica rappresentativa, ma comunque rimane una delle cariche più importanti, se non la più importante.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 10, 2008, 16:46
Non mi sembra che abbia incitato a fare qualcosa. Ha solo detto che la sinistra ha in mano la carica più importante. E ha ragione.
Va bene, è una carica rappresentativa, ma comunque rimane una delle cariche più importanti, se non la più importante.

Ha detto che se la sinistra vorrà la camera del senato si dovrà dimettere il capo dello stato....

A me sembra pesante e fuori luogo
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 10, 2008, 16:51
Ha detto che se la sinistra vorrà la camera del senato si dovrà dimettere il capo dello stato....

A me sembra pesante e fuori luogo

Le sue parole sono state quelle, non quelle girate in altri modi da chi le ascolta.

Solo per curiosità, ma era D'Alema il presidente del Senato del governo Prodi o sbaglio?? :icon_scratch: :icon_scratch:
E chi c'era alla Camera?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 10, 2008, 16:57
Le sue parole sono state quelle, non quelle girate in altri modi da chi le ascolta.

Solo per curiosità, ma era D'Alema il presidente del Senato del governo Prodi o sbaglio?? :icon_scratch: :icon_scratch:
E chi c'era alla Camera?

Senato: Marini
Camera: Bertinotti
Governo: Prodi
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 10, 2008, 17:04
Senato: Marini
Camera: Bertinotti
Governo: Prodi

Allora D'Alema era vice capo del Governo, vero??

Bertinotti e Prodi di sinistra, sommati a Napolitano.
Marini non lo conosco.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 10, 2008, 17:04
D'Alema agli esteri
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 10, 2008, 17:05
Marini è di destra o sinistra??
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 10, 2008, 17:06
Marini è di destra o sinistra??

Storicamente di sinistra  :)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 10, 2008, 17:08
Storicamente di sinistra  :)

Allora Berlusconi, se venisse eletto, avrebbe tutto il diritto di dare Camera  e Senato alla destra.
Ovvio che non è bello dirlo adesso, però ha ragione.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 10, 2008, 17:10
Allora Berlusconi, se venisse eletto, avrebbe tutto il diritto di dare Camera  e Senato alla destra.
Ovvio che non è bello dirlo adesso, però ha ragione.

I presidenti di camera e senato vengono eletti in base a votazione segreta, in quanto comunque cariche di rappresentanza e con pochi poteri (almeno tecnicamente) in mano. Difatto la votazione è segrete in quanto uno di destra potrebbe preferire un rappresentante di sinistra, parlo in linea teorica, e dare la sua preferenza senza il rischio di essere visto male dal partito.

Vincere e avere le rappresentenza non è nè matematico nè vincolante
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Giotto 100 - Aprile, 10, 2008, 17:11
Allora D'Alema era vice capo del Governo, vero??

Bertinotti e Prodi di sinistra, sommati a Napolitano.
Marini non lo conosco.
No. Bertinotti di sinistra, Prodi invece (per adesso, era) centrosinistra. E aggiungere una cosa come "sommati a Napolitano" è una fesseria incredibile. Perchè il nostro presidente si sta dimostrando all'altezza del suo ruolo, ogni volta che ha parlato ha sempre detto cose indiscutibili e di una chiarezza assoluta, può avere avuto un passato da comunista-partigiano quello che è, ma la cretinata che ha detto Berlusconi ieri non ha quasi limiti.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 10, 2008, 17:13
No. Bertinotti di sinistra, Prodi invece (per adesso, era) centrosinistra. E aggiungere una cosa come "sommati a Napolitano" è una fesseria incredibile. Perchè il nostro presidente si sta dimostrando all'altezza del suo ruolo, ogni volta che ha parlato ha sempre detto cose indiscutibili e di una chiarezza assoluta, può avere avuto un passato da comunista-partigiano quello che è, ma la cretinata che ha detto Berlusconi ieri non ha quasi limiti.


Si, non ti dico contro la costituzione ma poco ci manca...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 10, 2008, 17:15
No. Bertinotti di sinistra, Prodi invece (per adesso, era) centrosinistra. E aggiungere una cosa come "sommati a Napolitano" è una fesseria incredibile. Perchè il nostro presidente si sta dimostrando all'altezza del suo ruolo, ogni volta che ha parlato ha sempre detto cose indiscutibili e di una chiarezza assoluta, può avere avuto un passato da comunista-partigiano quello che è, ma la cretinata che ha detto Berlusconi ieri non ha quasi limiti.

Sommati a Napolitano significava che c'erano tre rappresentanti della sinistra, che sia centro o estrema.

Comunque secondo me Napolitano ha fatto bene ed è all'altezza della sua carica, come secondo me lo erano gli altri.
Solo ceh quando Berlusconi si mette in testa un'idea, quella rimane. Credo sia molto difficile arrivare ad accordi con Berlusconi, in quanto è il politico più potente di tutti. Per questo il governo è caduto.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Giotto 100 - Aprile, 10, 2008, 17:22
Si, non ti dico contro la costituzione ma poco ci manca...
Infatti, tralaltro quando uno dice così è sempre più chiaro perchè non vuole fare uno scontro in diretta tv, non vuole fare la fine di Royal in Francia! :laughing7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 10, 2008, 17:41
Sommati a Napolitano significava che c'erano tre rappresentanti della sinistra, che sia centro o estrema.

Comunque secondo me Napolitano ha fatto bene ed è all'altezza della sua carica, come secondo me lo erano gli altri.
Solo ceh quando Berlusconi si mette in testa un'idea, quella rimane. Credo sia molto difficile arrivare ad accordi con Berlusconi, in quanto è il politico più potente di tutti. Per questo il governo è caduto.

Che stupidaggini! prima di tutto, il PRESIDENTE della REPUBBLICA rappresenta TUTTI gli Italiani, non è nè di destra nè di sinistra. Ha le sue opinioni, e presidenti del passato (Scalfaro che era di centro e veniva dalla dc lo dimostra, idem Pertini, ma prima la carica veniva concepita diversamente e solo da Ciampi si è entrati in un ambito diverso anche per le riforme costituzionali) le hanno espresse, ma per l'alta dignità dell'istituzione che rappresenta, la presidenza della repubblica, non può assolutamente farsi partigiano. Infatti il metodo di elezione non è la maggioranza semplice, ma c'è un percorso (informatevi su come è stato eletto Napolitano) per così dire "aggravato" che riflette il bisogno di conciliare gli interessi dell'intero paese.
Quindi smettiamola di dire che la sinistra ha il quirinale perchè facendo così si attacca al cuore della vita repubblicana, si avvelena l'aria che respiriamo come è stata avvelenata la rai, la magistratura e qualsiasi terreno di lottizzazione politica. e cosa piu' grave si peggiora il clima di fiducia nelle istituzioni. Chi non rispetta questo non è degno di governare, perchè rovina veramente il clima generale piu' di quanto non sia rovinato. Io toglierei la par condicio, i garanti e tutte queste cose che sono solo dei busti di gesso. A decidere dovrebbe essere il buon senso dei politici e dei cittadini (ma il "SENSO DI STATO" non avete idea di cosa sia? c'è qualcuno che abbia presente cosa vuol dire??), non legiferare ovunque. Ricordatevi cari miei che Napolitano era a fianco di Togliatti quando questo guardasigilli (che pure non stimo per i suoi trascorsi filosovietici) decise l'amnistia per i fascisti nel 46, quando tutti dovrebbero sapere che la campagna di epurazioni e il tribunale speciale per i crimini fascisti aveva colpito piu' i piccoli burocrati che non si erano macchiati di crimini piu' che i veri colpevoli ed era stata molto velleitaria come cosa.

Tolto questo, il centrosinistra nella legislatura uscente quando ha avuto l'incarico di formare il nuovo governo, aveva maggioranza alla camera e al senato (risicata, si, ma maggioranza). Quindi aveva pieno diritto a dare queste cariche a membri di questa maggioranza. Berlusconi parla di dare una camera all'opposizione in caso di pareggio al senato, e questa è una questione di merito ben diversa. Per favore, fate un favore a voi stessi: non cascate nel giochetto facile di specchiare le azioni di uno nelle azioni di un altro, perchè è la cosa piu' stupida che possa esistere a livello logico. Esprimete i vostri giudizi facendo i paragoni pertinenti e smettetela di pensare che nel bipolarismo i politici si comportino allo stesso modo. Fidatevi, sarebbe un bene per tutti quanti.

p.s perdonatemi il voi generico, ogni tanto mi dimentico di essere a piano terra e non al balcone di palazzo venezia  :laughing7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 10, 2008, 17:49
Che stupidaggini! prima di tutto, il PRESIDENTE della REPUBBLICA rappresenta TUTTI gli Italiani, non è nè di destra nè di sinistra. Ha le sue opinioni, e presidenti del passato (Scalfaro che era di centro e veniva dalla dc lo dimostra, idem Pertini, ma prima la carica veniva concepita diversamente e solo da Ciampi si è entrati in un ambito diverso anche per le riforme costituzionali) le hanno espresse, ma per l'alta dignità dell'istituzione che rappresenta, la presidenza della repubblica, non può assolutamente farsi partigiano. Infatti il metodo di elezione non è la maggioranza semplice, ma c'è un percorso (informatevi su come è stato eletto Napolitano) per così dire "aggravato" che riflette il bisogno di conciliare gli interessi dell'intero paese.
Quindi smettiamola di dire che la sinistra ha il quirinale perchè facendo così si attacca al cuore della vita repubblicana, si avvelena l'aria che respiriamo come è stata avvelenata la rai, la magistratura e qualsiasi terreno di lottizzazione politica. e cosa piu' grave si peggiora il clima di fiducia nelle istituzioni. Chi non rispetta questo non è degno di governare, perchè rovina veramente il clima generale piu' di quanto non sia rovinato. Io toglierei la par condicio, i garanti e tutte queste cose che sono solo dei busti di gesso. A decidere dovrebbe essere il buon senso dei politici e dei cittadini (ma il "SENSO DI STATO" non avete idea di cosa sia? c'è qualcuno che abbia presente cosa vuol dire??), non legiferare ovunque. Ricordatevi cari miei che Napolitano era a fianco di Togliatti quando questo guardasigilli (che pure non stimo per i suoi trascorsi filosovietici) decise l'amnistia per i fascisti nel 46, quando tutti dovrebbero sapere che la campagna di epurazioni e il tribunale speciale per i crimini fascisti aveva colpito piu' i piccoli burocrati che non si erano macchiati di crimini piu' che i veri colpevoli ed era stata molto velleitaria come cosa.

Sono d'accordo con il tuo discorso, ma non dobbiamo dimenticarci che Napolitano era di sinistra, è di sinistra e sarà di sinistra. Magari non lo farà notare, ma dentro di se sarà comunque influenzato. Io non ho niente contro quelli di sinistra, ce l'ho con quelli che credono di fare il bene dello stato e inveecee stanno rovinando tutto. E Napolitano non è uno di questi.

Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 10, 2008, 17:57
Sono d'accordo con il tuo discorso, ma non dobbiamo dimenticarci che Napolitano era di sinistra, è di sinistra e sarà di sinistra. Magari non lo farà notare, ma dentro di se sarà comunque influenzato. Io non ho niente contro quelli di sinistra, ce l'ho con quelli che credono di fare il bene dello stato e inveecee stanno rovinando tutto. E Napolitano non è uno di questi.

E allora? cambiando un po' Mirabeau, solo gli imbecilli non hanno opinioni! Ma Berlusconi non sta facendo un discorso che tradotto terra terra è: al senato i bruni perchè al quirinale c'è uno coi capelli biondi. Berlusconi dice che i presidenti delle camere saranno uomini di destra e di parte perchè al quirinale c'è un uomo che esercita gli interessi della parte politica opposta.
Il che, capisci bene, è ben diverso. C'è proprio un abisso, riflettici.
Se poi pensi che il Presidente della Repubblica sia tendenzioso per le sue opinioni, beh, mi dispiace per te..io se avessi questo sospetto cambierei paese, piuttosto che avere sfiducia nel collante massimo del paese. Oltretutto questi pensieri si aprono alla bocca di un pozzo che si chiama liste di proscrizione e guerra civile.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 10, 2008, 17:59
E allora? cambiando un po' Mirabeau, solo gli imbecilli non hanno opinioni! Ma Berlusconi non sta facendo un discorso che tradotto terra terra è: al senato i bruni perchè al quirinale c'è uno coi capelli biondi. Berlusconi dice che i presidenti delle camere saranno uomini di destra e di parte perchè al quirinale c'è un uomo che esercita gli interessi della parte politica opposta.
Il che, capisci bene, è ben diverso. C'è proprio un abisso, riflettici.

Hai ragione, ma il compito di formare un governo affidabile sarà probabilemente suo, e alla fine deciderà lui, come sempre.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 10, 2008, 18:02
Hai ragione, ma il compito di formare un governo affidabile sarà probabilemente suo, e alla fine deciderà lui, come sempre.

Se il paese è così spaccato da non riuscire a dare una maggioranza, la responsabilità di rappresentare il nostro supremo interesse deve stare aldilà delle parti, proprio per questo il Presidente della Repubblica sceglierà con la dignità di cui è portatore. E se qualcuno oserà attaccarlo per la scelta che fa, sia che la scelta favorisca la destra che la sinistra, è un miserabile e porta pericolo in tutto il paese, anche inconsapevolmente.

edit: non si tratta di ribaltare tutto col sofismo, qua c'è in ballo una cosa piu' importante di qualsiasi discorso, uno si deve mettere la mano sul cuore e pensare bene a cosa conduce questo, e chiedersi se è preparato per affrontarlo. Si può gettare merda su tutto e così è stato fatto da tangentopoli, ma il senso stesso delle Istituzioni piu' alte non deve essere messo in pericolo, perchè è da questo che dipende il nostro Stato. Pertanto se non ci arriva la ragione e i sofismi, si può anche avere fede per una volta, se si ha a cuore l'esistenza stessa della nostra Repubblica.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 10, 2008, 18:09
Se il paese è così spaccato da non riuscire a dare una maggioranza, la responsabilità di rappresentare il nostro supremo interesse deve stare aldilà delle parti, proprio per questo il Presidente della Repubblica sceglierà con la dignità di cui è portatore. E se qualcuno oserà attaccarlo per la scelta che fa, sia che la scelta favorisca la destra che la sinistra, è un miserabile e porta pericolo in tutto il paese, anche inconsapevolmente.

edit: non si tratta di ribaltare tutto col sofismo, qua c'è in ballo una cosa piu' importante di qualsiasi discorso, uno si deve mettere la mano sul cuore e pensare bene a cosa conduce questo, e chiedersi se è preparato per affrontarlo. Si può gettare merda su tutto e così è stato fatto da tangentopoli, ma il senso stesso delle Istituzioni piu' alte non deve essere messo in pericolo, perchè è da questo che dipende il nostro Stato. Pertanto se non ci arriva la ragione e i sofismi, si può anche avere fede per una volta, se si ha a cuore l'esistenza stessa della nostra Repubblica.

Hai ragione. Viviamo in un paese dove non si sa cosa sia la stabilità politica, e dove tutti vogliono governare, fregandosene dello Stato e curandosi solo delle proprie tasche...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 10, 2008, 18:22
il discorso è piu' sottile. L'instabilità politica ci può stare ed è parte del gioco..vedi teorema dell'impossibilità di Arrow. Ma se l'instabilità politica corrode la macchina (lo Stato) vuol dire che la democrazia degenera in demagogia. Si può essere avversari, ma le regole del gioco devono essere chiare e CONDIVISE. parlare di brogli è scorretto. gettare discredito sul Presidente della Repubblica è male assoluto. Parlare di rivolte fiscali, parlare di secessione anche. di palingenesi. di revisionismo.
Forse questi pensano che prendendo il potere cavalcando l'insofferenza che aumenta sempre di piu' possano plasmare poi le coscienze dei cittadini. Però stanno solo nauseando tutti quanti e tra noi si stanno covando molti futuri Danton e Robespierre. io almeno la penso così.
E voto perchè da parte mia vedo che una parte ha cercato di non precipitare le cose, e questa parte politica merita il mio rispetto, almeno per questo, anche se non rappresenta in pieno le mie idee politiche, rappresenta il senso di stato che sento di avere, ora piu' che mai.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 10, 2008, 18:24
il discorso è piu' sottile. L'instabilità politica ci può stare ed è parte del gioco..vedi teorema dell'impossibilità di Arrow. Ma se l'instabilità politica corrode la macchina (lo Stato) vuol dire che la democrazia degenera in demagogia. Si può essere avversari, ma le regole del gioco devono essere chiare. parlare di brogli è scorretto. gettare discredito sul Presidente della Repubblica è male assoluto. Parlare di rivolte fiscali, parlare di secessione anche. di palingenesi. di revisionismo.
Forse questi pensano che prendendo il potere possano plasmare le coscienze dei cittadini. Però stanno solo nauseando tutti quanti e tra noi si stanno covando molti futuri Danton e Robespierre. io almeno la penso così.

E hai ragione. Se bisogna sempre andarsi contro, e non pensare al bene dello Stato, delle persone che si sono fidate di te, meglio ritirarsi dalla politica.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 10, 2008, 18:26
E hai ragione. Se bisogna sempre andarsi contro, e non pensare al bene dello Stato, delle persone che si sono fidate di te, meglio ritirarsi dalla politica.

 :icon_salut:  :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Caribe - Aprile, 11, 2008, 00:01
Scusate se mi intrometto con una domandina, ma... voi pensate che l'Italia possa davvero invertire il suo trend? Che davvero un prossimo governo possa ridare forza a una nazione che sta lentamente e inesorabilmente colando a picco? Secondo me è abbastanza inutile parlare di istituzioni, senso dello stato, giustizia, politica, quando stanno passando gli anni e praticamente non cambia nulla. Si parla di fuffa, ci si indigna per delle parole, ci si straccia le vesti e poi?

L'Italia è a crescita 0 e gli stipendi sono a crescita 0. L'inflazione è al 3% e il mondo cresce del 4%. Abbiamo un debbito pubblico esagerato. La gente si sente sempre più povera e abbandonata a se stessa, sempre più indifesa. E meno male che c'è l'Euro che altrimenti non potremmo comprarci la benzina e il riscaldamento. Più passa il tempo più la situazione peggiora.

Eppure abbiamo privatizzato, liberalizzato, abbiamo chiamato gli stranieri per coprire i posti di lavoro vacanti. Risultati? Niente. Forse perché queste cose le abbiamo fatto per finta? Forse perché non sono adatte a noi? Bho.

Secondo me andando avanti così non andiamo da nessuna parte, al massimo tiriamo a campare. E secondo voi? Sid dovrebbe affacciarsi a piazza Venezia?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Aprile, 11, 2008, 00:45
Che davvero un prossimo governo possa ridare forza a una nazione che sta lentamente e inesorabilmente colando a picco?

Questi discorsi sono sempre stati fatti, dall'alba dei tempi, e non solo in Italia. Ma io penso che sia proprio questo cinismo, che da noi e' molto piu' diffuso che altrove, che sta facendo danni all'Italia. Avendo vissuto in tanti altri grandi paesi, posso testimoniare che in Italia io almeno sono sempre stato benissimo. Non vuol dire che l'Italia non ha problemi, solo che non sono nulla di strano o di atipico a livello storico: prima o poi passeranno, e ne arriveranno altri, come ci sono e ci saranno cose buone. Se tu stai tanto male, ti do' lo stesso consiglio che ho dato a Claire: fai le valigie e parti per un altro paese.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Caribe - Aprile, 11, 2008, 01:50
Questi discorsi sono sempre stati fatti, dall'alba dei tempi, e non solo in Italia.

Il fatto che si siano sempre fatti questi discorsi cosa vorrebbe dire? Che è sempre andato tutto bene? Quando ci sono periodi di entusiamo e la gente guarda il futuro come un miglioramento del presente. Quando le cose vanno male e se ne prende atto il pessimismo è quasi d'obbligo. La storia è fatta di cicli a quanto pare, prima si sale, si tocca un picco, poi si scende, magari si tocca il fondo, infine si risale oppure si affonda. La storia è sempre stata così, dall'alba dei tempi. Non mi sembra proprio che siamo in fase ascendente, quindi vogliamo domandarci se le domande che ci poniamo sono quelle giuste?

Citazione
Ma io penso che sia proprio questo cinismo, che da noi e' molto piu' diffuso che altrove, che sta facendo danni all'Italia. Avendo vissuto in tanti altri grandi paesi, posso testimoniare che in Italia io almeno sono sempre stato benissimo.
Non vuol dire che l'Italia non ha problemi, solo che non sono nulla di strano o di atipico a livello storico: prima o poi passeranno, e ne arriveranno altri, come ci sono e ci saranno cose buone.

D'accordo allora, mettiamoci in posizione di riposo e aspettiamo che passi. Aspettiamo che saltino per aria un altro pò pezzi della nostra bella nazione, di essere colonizzati in qualche maniera e di rinascere in qualche altra forma. Sperando che la cosa non sia troppo troppo violenta.

Citazione
Se tu stai tanto male, ti do' lo stesso consiglio che ho dato a Claire: fai le valigie e parti per un altro paese.

Se ho fatto delle domande non era per dire: "ragazzi qui va tutto a pallino, andiamo in Cina che lì rinunciamo a qualche libertà, ma almeno c'è la possibilità di realizzarsi", ma era per invitare ad avere una visione diversa della situazione pre-elettorale. Inutile scandalizzarsi perché uno dice una cosa qualsiasi contro qualcun'altro, perché tanto la politica, specie in questo periodo, è praticamente pubblicità e la migliore pubblicità è quella che colpisce.
E non trovo neanche tanto eretico criticare le istituzioni, perché se le vediamo come degli esseri superiori infallibili quando ci diranno che va tutto bene allora noi crederemo sempre che vada tutto bene?

Citazione da: Sidvicious85
Si può essere avversari, ma le regole del gioco devono essere chiare e CONDIVISE

Se le regole sono sbagliate è tutto inutile. Ci sono regole che puoi rispettare alla lettera ed arrivare a distruggere un pianeta. A volte le regole sono imposte da altri. Generalmente la regola protegge se stessa. A quel punto cosa fai?


Quello che in sintesi voglio dire è che non sono certo che votando rosso, bianco, blu o nero le cose possano cambiare perché in Italia, in questo momento, qualcuno dovrebbe poter fare delle scelte lungimiranti proteggendo gli italiani dai loro difetti e mettendoli nelle condizioni di dare il meglio di sé perché, nelle giuste condizioni, siamo uno dei migliori popoli del mondo.

Buonanotte
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Aprile, 11, 2008, 03:44
Il fatto che si siano sempre fatti questi discorsi cosa vorrebbe dire?

Vuol dire che non sono attendibili a livello critico. Generalmente sono motivati da sentimenti e tradizioni retoriche indipendenti dalla situazione attuale dello stato in cui si vive, proprio come le argomentazioni opposte (quelle secondo cui il mondo va continuamente migliorando poco a poco).

Citazione
Che è sempre andato tutto bene? Quando ci sono periodi di entusiamo e la gente guarda il futuro come un miglioramento del presente. Quando le cose vanno male e se ne prende atto il pessimismo è quasi d'obbligo. La storia è fatta di cicli a quanto pare, prima si sale, si tocca un picco, poi si scende, magari si tocca il fondo, infine si risale oppure si affonda. La storia è sempre stata così, dall'alba dei tempi. Non mi sembra proprio che siamo in fase ascendente, quindi vogliamo domandarci se le domande che ci poniamo sono quelle giuste?


Veramente a me le tue domande sembravano retoriche. E cmq questo intero discorso non lo condivido, non penso sia possibile parlare del periodo storico presente e dargli un giudizio di valore come se lo stessimo guardando 'obiettivamente', da fuori. Del presente abbiamo necessariamente una percezione parziale perche' ne viviamo solo una parte, quindi non e' possibile collocarlo all'interno di un quadro storico generale, non piu' di quanto si possa parlare dell'andamento economico della Sony perche' si lavora in un negozio di elettrodomestici.

Citazione
D'accordo allora, mettiamoci in posizione di riposo e aspettiamo che passi. Aspettiamo che saltino per aria un altro pò pezzi della nostra bella nazione, di essere colonizzati in qualche maniera e di rinascere in qualche altra forma. Sperando che la cosa non sia troppo troppo violenta.

Predico l'esatto contrario, e anzi, criticavo il cinismo che esprimevi proprio in quanto porta solamente all'inerzia, sia politica (perche' dovrei andare a votare se tanto non cambia niente?) che critica (non e' il caso di guardare cosa dice il singolo politico, tanto sono tutti una classe di corrotti e incompetenti).

Citazione
E non trovo neanche tanto eretico criticare le istituzioni, perché se le vediamo come degli esseri superiori infallibili quando ci diranno che va tutto bene allora noi crederemo sempre che vada tutto bene?

E' proprio questo che sto cercando di dirti, che il nichilismo con cui parli tu (supportato da quest'idea di poter guardare il nostro periodo storico "dall'alto," e vedere scuotendo la testa che siamo al momento nel punto che scende dalla montagna) non e' una forma di critica. La critica vera, la critica quella che aiuta, e' un discorso molto piu' attinente a problemi specifici piuttosto che quadri generali... e di sicuro non si fonda su frasi fatte come lo sono i vari discorsi "eh son tempi bui".

E non ho scritto da nessuna parte che non si puo' criticare le istituzioni, suvvia, non mettermi in bocca frasi non mie.

Citazione
Quello che in sintesi voglio dire è che non sono certo che votando rosso, bianco, blu o nero le cose possano cambiare perché in Italia, in questo momento, qualcuno dovrebbe poter fare delle scelte lungimiranti proteggendo gli italiani dai loro difetti e mettendoli nelle condizioni di dare il meglio di sé perché, nelle giuste condizioni, siamo uno dei migliori popoli del mondo.

Se vuoi dire che il prossimo governo non riuscira' a far sparire la "furbizia" italiana, allora ale', una bella pacca sulla spalla e complimentoni per aver scoperto l'america. Se invece intendi che non fara' alcuna differenza chi vince le prossime elezioni, allora non posso accettare il tuo argomento e mi sembra una semplificazione bestiale dell'istituzione politica piu' che una "critica" profonda o elaborata.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 11, 2008, 08:07
Scusate se mi intrometto con una domandina, ma... voi pensate che l'Italia possa davvero invertire il suo trend? Che davvero un prossimo governo possa ridare forza a una nazione che sta lentamente e inesorabilmente colando a picco? Secondo me è abbastanza inutile parlare di istituzioni, senso dello stato, giustizia, politica, quando stanno passando gli anni e praticamente non cambia nulla. Si parla di fuffa, ci si indigna per delle parole, ci si straccia le vesti e poi?

Secondo me ha senso parlare di istituzioni, di stato perchè non custodiscono solo il nostro benessere sociale, ma anche le nostre tradizioni, le nostre conquiste civili, i nostri diritti liberali, la nostra indipendenza. Senza le istituzioni sicuramente ci sarebbe caos e arbitrio, ma perchè dobbiamo perdere tutto questo, per una crisi economica?
Dopo l'esplosione di tangentopoli, l'Italia era veramente nel caos, e a tirarci fuori sono state le istituzioni, con Scalfaro e il governo tecnico di Ciampi che si sono dati da fare e hanno inanellato un casino di buoni risultati, senza strombazzare niente. Ci hanno permesso di entrare nell'area euro, hanno fatto molte delle leggi per ammodernare il paese (le altre, le liberalizzazioni le ha realizzate il centrosinistra...ovviamente) e ci hanno portato in netta crescita. L'inflazione è in crescita dal 2001..ma il problema è davvero di tutta la politica? io non credo. Dico solo che nel 98 stavo molto meglio (sono moderato nel lodare quel periodo: figuratevi che non avevo ancora scoperto l'onanismo!!!!!!!!!)

 Comunque, abbiamo ottenuto tanto anche nel campo economico e sociale, e rispetto ad altri paesi abbiamo scelto che il benessere fosse piu' condiviso; forse questo è stato un'errore perchè nonostante tutto, a guardare la produzione interna del paese, abbiamo aree, come il nord e il centro italia che ottengono risultato molto consolanti (il nord produce rispetto alla media europea circa il 130% del pil, il centro e il lazio qualcosina di meno ma sempre sopra al 120%) e altre che a parte tutti gli investimenti non riescono a decollare (le isole e il sud sono tra il 60% e il 70%).Non so cosa vada fatto anche lì, ne parlano da decenni ma una ricetta non si è ancora trovata.. a cosa porterà il regionalismo? e i fondi strutturali europei? boh...
comunque io di questa crisi riesco a vederne l'inizio, e sono giovane.Quando ero ancora piu' piccolo, c'è stata una crisi peggiore di questa, e ce l'abbiamo fatta anche quella volta. Questo è un buon segno, vuol dire che non è stato fatto niente d'irrecuperabile ancora.

Poi lascio da parte il considerare se il lamentarsi è retorico o meno, è una posizione che può diventare facilmente strumentale ed essere usata sia da chi è convinto che le proteste siano infondate (la retorica della protesta c'è sempre ovunque) sia da chi protesta (è facile non ascoltare le proteste smarcandole in retorica).
I dati economici grazieaddio sono abbastanza chiari, siamo in crisi e non basta un colpo di bacchetta magica per riprenderci, e secondo me non vale niente coinvolgere le nostre istituzioni nella crisi, perchè questo, ripeto, attacca al cuore quello che c'è ancora di buono nel nostro paese. Le regole del gioco, la costituzione e quello che rappresenta la nostra storia repubblicana, sono un buon punto di partenza e un punto dove le polemiche politiche non devono arrivare.. il resto spetta al buon senso di noi italiani e dei parlamentari che ci stiamo apprestando ad eleggere..
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 11, 2008, 09:51
Quest'uomo è riuscito a condensare tutto il mio pensiero in termini piu' civili dei miei, e vi invito a leggerlo.
io per il 13-14 sono fiducioso!



"Berlusconi inadatto a democrazia
Ecco perché sceglierò il Pd"
di NANNI MORETTI

<B>"Berlusconi inadatto a democrazia<br>Ecco perché sceglierò il Pd"</B>

NON mi piace l'espressione e il concetto di "voto utile", ma personalmente non ho mai avuto dubbi sul mio voto: il Partito democratico è la novità della politica italiana e forse l'ultima opportunità per non regalare definitivamente il paese all'estremismo di Berlusconi e Bossi. Purtroppo, tra gli elettori di sinistra e centrosinistra, persiste una tentazione irresponsabile ad astenersi dal voto.

Gli incerti sono tali per delusione, stanchezza, assuefazione. La delusione nei confronti del governo di centrosinistra è in parte condivisibile, ma non può far dimenticare il vero e proprio abisso politico, culturale ed etico che c'è tra il centrosinistra e la destra italiana. La stanchezza si esprime con l'infastidito "Ma come è possibile, dobbiamo ancora occuparci di Berlusconi?!". Sì, il protagonista negativo purtroppo è ancora lui e, cosa impossibile da immaginare nel '94, si tratta di un Berlusconi addirittura peggiore: per aggressività, assenza di senso dello Stato e disprezzo delle istituzioni. Assuefazione: siamo arrivati al punto che ormai quasi tutti consideriamo normali cose che in democrazia non lo sono per niente, e che infatti non sono mai accadute in altri paesi: per esempio, il monopolio televisivo privato in mano a una sola persona, che, incredibilmente, si candida per la quinta volta in quindici anni a governare con le sue improvvisazioni il paese. Come non sono normali le aggressioni verbali di Bossi e Berlusconi nei confronti degli avversari politici, delle istituzioni, della magistratura, del presidente della Repubblica. Parlare di "imbracciare le armi", non può essere considerata un'innocua battuta (anzi, Berlusconi ha detto: "E' una metafora", ma mi sembra che non gli sia ben chiaro il concetto).

Molto pericolosa e inquinante è l'ossessione di Berlusconi verso i brogli elettorali. Tutti hanno dimenticato che purtroppo è una sua costante, infatti già nel '96 disse che Prodi aveva vinto grazie ai brogli. L'ha ripetuto quasi in tempo reale nell'aprile di due anni fa, convincendo milioni di elettori di essere stati derubati. Questo è un modo inaccettabile per delegittimare il voto e quindi minare le basi della democrazia. Si è poi visto, quando molti voti sono stati ricontati, che di poco era stato penalizzato il centrosinistra. In Berlusconi c'è una estraneità direi "naturale" alle regole e al rispetto dei risultati che non gli sono favorevoli.

Purtroppo l'opinione pubblica in Italia non esiste. Basti fare il confronto con quello che scrivono di Berlusconi giornali stranieri non certo di sinistra: esprimono incredulità per le sue continue affermazioni anti-istituzionali, severità e durezza per i suoi continui attacchi alle norme elementari della convivenza democratica, e una autentica preoccupazione verso un suo possibile ritorno al governo. Oltretutto, per la quinta volta, c'è un candidato che parte avvantaggiato nella competizione elettorale, perché ancora controlla tre reti televisive e giornali e radio. Io sono una persona competitiva, un appassionato di gare, mi piace farle e vederle, ma le nostre elezioni assomigliano alla finale dei cento metri, la gara più bella delle Olimpiadi, con sette concorrenti allineati e l'ottavo che arriva col suo blocchetto di partenza e si sistema 15 metri più avanti. Una gara falsata... Trovo perciò insensato il gran parlare che si fa di Berlusconi come personaggio "carismatico" e "grande comunicatore". Secondo me, oggi, non è né l'uno né l'altro.

A proposito di Veltroni e Berlusconi, non capisco come ci sia qualcuno che possa sostenere che i due uomini politici e i loro programmi si assomiglino o addirittura siano uguali... Tra i due politici le differenze sono enormi, Berlusconi è un disco sempre più incantato e sempre più finto. Lo si è visto anche nel suo rifiuto di confrontarsi in tv con Veltroni. Una vera e propria fuga. Sa che perderebbe voti. Purtroppo, questo suo rifiuto qui da noi non scandalizza, viene considerato normale: "E' in vantaggio, è giusto che non faccia il duello con Veltroni". In altri paesi l'opinione pubblica, che qui non esiste, ti farebbe pagare politicamente ed elettoralmente un comportamento del genere.

Il centrosinistra, per non diventare come la destra, giustamente evita di usare, con segno opposto, la stessa aggressività... Per non spaventare i moderati, il centrosinistra evita di ricordare le condanne, per mafia e corruzione della magistratura, di importanti esponenti di destra: in questo modo fa due passi indietro, ma la destra ne fa otto avanti. Il centrosinistra considera molte delle argomentazioni a suo favore dei possibili boomerang, mentre la destra aggredisce e insulta. E' un problema di metodo che però è anche di sostanza: va bene non diventare come il tuo avversario, ma bisogna solamente subire?...

Non ho mai usato l'espressione "regime", perché quest'espressione generica può significare tutto e niente. E' una rassicurante coperta di Linus, è un plaid linguistico che uno usa per lamentarsi e poi restare fermo. Preferirei essere più preciso, forse più duro: la nostra è una democrazia in parte svuotata dal quasi monopolio televisivo di Berlusconi.

L'irresponsabilità è una caratteristica molto italiana. Bossi, Berlusconi, Dell'Utri e tanti altri nella destra, si permettono delle affermazioni gravissime. Poi si rettifica, in parte si smentisce e tutto finisce lì. Vengono considerate, con incredibile indulgenza, "dichiarazioni in libertà", "folklore", "esagerazioni pittoresche". Tanti hanno considerato troppo cupo e pessimista il finale del "Caimano", ma le frasi di Berlusconi sull'esame di sanità mentale da fare ai magistrati si spingono molto oltre. Eppure non succede nulla (ma i giornalisti stranieri, anche quelli moderati, rimangono allibiti).

Il direttore di un telegiornale di Mediaset da anni sbeffeggia, ridicolizza, schernisce politici e giornalisti di sinistra e centrosinistra, e gli si risponde con corsivi ironici, invitandolo alle trasmissioni comiche, considerandolo addirittura più onesto di altri perché più schierato. Si ride. Ma non c'è niente da ridere. Milioni di persone vedono la televisione, che è uno strumento molto più prepotente dei giornali, e nei confronti del quale abbiamo meno difese...

Berlusconi si è lanciato ripetutamente in affermazioni molto gravi contro Napolitano, trattandolo come "uno dei loro". Dopo l'ultima di queste incredibili uscite contro il presidente della Repubblica, alcuni giornali hanno titolato: "Lite Berlusconi-Veltroni sul Quirinale". Ma qui non c'è nessuna lite, non c'è nessun derby, c'è solo un uomo inadatto a governare, che non ha ancora capito cos'è lo Stato, le istituzioni, la democrazia liberale.

Da molti anni, politici democristiani vengono accusati da Berlusconi di essere "comunisti" (dal '94 in Italia questo è ormai un insulto, a differenza di quando esisteva il Pci). Mentre molti fascisti, che restano fascisti e purtroppo non percepirebbero questo come un insulto, hanno avuto ruoli importanti nello schieramento di Berlusconi. Che, è bene ricordarlo, da capo del governo non ha mai partecipato alla festa del 25 Aprile, la festa di Liberazione.

Questo testo è la sintesi di un intervento di Nanni Moretti tratto dal sito www.micromega.net, online da questa mattina.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Aprile, 11, 2008, 18:14
ma chi diavolo vota berlusconi, e PERCHE'?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Novanoid - Aprile, 11, 2008, 20:52
tipo, tutti i delusi del governo prodi
tutti quelli che votano berlusconi sempre e comunque perché "è simpatico" e "ha carisma"
le care vecchiette che lo guardano in tv e si sentono rassicurate
quelli che piuttosto che votare a sinistra si taglierebbero le palle (anche se il PD poi di sinistra non è)

boh, io spero che a suon di gaffe si mangi il suo stesso elettorato. o che la lega faccia cadere un possibile governo tempo tre secondi. ma vabbè.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 11, 2008, 22:26
Chi non è di centro sinistra non si sente invogliato a votarla solo perchè chi vota a destra viene considerato un coglione!
Ci sono molte persone poi che pensano "a sto giro ci ha fregato uno, ora facciamoci fregare dall'altro"
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 11, 2008, 22:43
Credo che le possibilità di vittoria veltroniana siano a zero proprio per quello di cui parlava Novanoid. Non penso ci sia possibilità che la gente più distratta colga le differenze tra Prodi e Veltroni, sperare non costa nulla....ma....

Comunque se la campagna fosse durata altri 15 giorni il PD avrebbe potuto vincere, visto che ogni volta che il berlusca parla si mangia voti con le sue sparate leggendarie
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 11, 2008, 23:01
a rigà, basta parlare di Berlusconi. Basta dare attenzione a sto ragazzino di 70 anni!
io vi dico una cosa, e ve la dice anche Walter:

SE
PO'
FFA'

Walter è avanti anni luce, e mi sembra degno della carica..io non ho dubbi su chi votare
E GUARDATEVI TUTTA L'INTERVISTA!!!
http://tv.repubblica.it/home_page.php?playmode=player&cont_id=19229
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 11, 2008, 23:10
a rigà, basta parlare di Berlusconi. Basta dare attenzione a sto ragazzino di 70 anni!
io vi dico una cosa, e ve la dice anche Walter:

SE
PO'
FFA'

Walter è avanti anni luce, e mi sembra degno della carica..io non ho dubbi su chi votare
E GUARDATEVI TUTTA L'INTERVISTA!!!
http://tv.repubblica.it/home_page.php?playmode=player&cont_id=19229

Magari fosse vero...comunque è finito ora Matrix, effettivamento Veltroni in uno scontro diretto avrebbe fatto di berlusca un pacchetto di sigaretta schiacciato  :laughing7: peccato che il berlusca se ne è accorto XD
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 11, 2008, 23:48
basta con sto disfattismo, stavolta se po ffà per davvero! e comunque io non mi ci metto nello stato d'animo di vedere 5 anni in cui l'italia viene fatta a pezzi..col cavolo..voglio crederci fino in fondo!
è da quando voto che sono disfattista, quest'anno no!ù

E ARRICORDATI DI NAPOLEONE A WATERLOO, GIOVANE SCETTICOSO!!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 12, 2008, 00:04
basta con sto disfattismo, stavolta se po ffà per davvero! e comunque io non mi ci metto nello stato d'animo di vedere 5 anni in cui l'italia viene fatta a pezzi..col cavolo..voglio crederci fino in fondo!
è da quando voto che sono disfattista, quest'anno no!ù

E ARRICORDATI DI NAPOLEONE A WATERLOO, GIOVANE SCETTICOSO!!

Sono disfattista si XD ma non giovane, anche mio papà mi vorrebbe più ottimista. Vedremo la scaramanzia porta bene  :thumbsup: Scherzi a parte la vedo dura lo stesso  :angry7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 12, 2008, 00:39
comunque Veltroni ha fatto una piccola rivoluzione, e non ha perso mai il controllo, ha giocato pulito e io ne sono straentusiasta. è questa la politica di cui ho bisogno per uscire di casa, tirare un respirone e credere di poter essere sempre migliore. Io sono sicuro che questo lo premierà, e comunque assieme a Veltroni siamo arrivati molto in alto, qualunque sia il risultato sono orgoglioso di un politico come lui.
E poi dai, è qualcosa di entusiasmante, come parla, come pensa..la trasmette la sua ispirazione, e questo anche al contrario di molti leader del centrosinistra, non solo del centrodestra! io gli do ben piu' di una chance, mi ha veramente entusiasmato e non nego che quando penso SE PO FFA mi emoziono alla grande, come non mi è mai successo in politica!
E per me SE PO' 'FFA DAVVERO!!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 12, 2008, 20:26
comunque Veltroni ha fatto una piccola rivoluzione, e non ha perso mai il controllo, ha giocato pulito e io ne sono straentusiasta. è questa la politica di cui ho bisogno per uscire di casa, tirare un respirone e credere di poter essere sempre migliore. Io sono sicuro che questo lo premierà, e comunque assieme a Veltroni siamo arrivati molto in alto, qualunque sia il risultato sono orgoglioso di un politico come lui.
E poi dai, è qualcosa di entusiasmante, come parla, come pensa..la trasmette la sua ispirazione, e questo anche al contrario di molti leader del centrosinistra, non solo del centrodestra! io gli do ben piu' di una chance, mi ha veramente entusiasmato e non nego che quando penso SE PO FFA mi emoziono alla grande, come non mi è mai successo in politica!
E per me SE PO' 'FFA DAVVERO!!

Effettivamente anche io sono entusiasta, e sotto sotto spero possa farcela. Poi torna il mio lato meno ottimista, a metà tra rassegnato e scaramanticamente disilluso...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Aprile, 12, 2008, 21:44
comunque Veltroni ha fatto una piccola rivoluzione, e non ha perso mai il controllo, ha giocato pulito e io ne sono straentusiasta. è questa la politica di cui ho bisogno per uscire di casa, tirare un respirone e credere di poter essere sempre migliore. Io sono sicuro che questo lo premierà, e comunque assieme a Veltroni siamo arrivati molto in alto, qualunque sia il risultato sono orgoglioso di un politico come lui.
E poi dai, è qualcosa di entusiasmante, come parla, come pensa..la trasmette la sua ispirazione, e questo anche al contrario di molti leader del centrosinistra, non solo del centrodestra! io gli do ben piu' di una chance, mi ha veramente entusiasmato e non nego che quando penso SE PO FFA mi emoziono alla grande, come non mi è mai successo in politica!
E per me SE PO' 'FFA DAVVERO!!

E' affascinante seguire le tue parabole. Fino a due anni fa avresti sputato su tutta questa gente. :confused1:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 13, 2008, 11:55
E' affascinante seguire le tue parabole. Fino a due anni fa avresti sputato su tutta questa gente. :confused1:

Come dice il saggio Mirabeau: "solo gli imbecilli non cambiano mai opinione"!
Comunque avevo sostenuto anche Prodi, tutto sommato individualista, ma non mi chiamo mica Mosley.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 13, 2008, 14:04
Qui da me si dice "A-s pol fèr!"  :laughing7:
Mi sa che vado oggi a votare.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 13, 2008, 14:32
Qui da me si dice "A-s pol fèr!"  :laughing7:
Mi sa che vado oggi a votare.

Io sono appena tornato a casa dal seggio, e consiglio a tutti di farlo...perchè si può fare!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Aprile, 13, 2008, 18:57
Penso che non voterò, non andando al seggio.
Comunque noto che il contagio veltroniano sta dilagando: a mio avviso è merito della sua retorica, tendente all'utopia e che, in certi casi, è quasi cristologica(ad esempio sulle stagioni dell'odio).
Questo non significa che il risultato elettorale sia diverso da quello atteso: molta importanza hanno il rendimento de La Destra e dell'UDC, così come molta importanza ha il dissolvimento della sinistra arcobaleno, che a mio avviso può veramente crollare (così come AN, che tende al forte declino).
Stiamo a vedere, sono molto curioso.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Aprile, 13, 2008, 19:12
mi son fidato di veltroni...

siciliaaani? Chi avete votato??  :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 13, 2008, 23:58
Penso che non voterò, non andando al seggio.
Comunque noto che il contagio veltroniano sta dilagando: a mio avviso è merito della sua retorica, tendente all'utopia e che, in certi casi, è quasi cristologica(ad esempio sulle stagioni dell'odio).
Questo non significa che il risultato elettorale sia diverso da quello atteso: molta importanza hanno il rendimento de La Destra e dell'UDC, così come molta importanza ha il dissolvimento della sinistra arcobaleno, che a mio avviso può veramente crollare (così come AN, che tende al forte declino).
Stiamo a vedere, sono molto curioso.


francamente a me non interessa la sua retorica o il suo pensiero utopico. Mi piace il modo in cui ha schivato gli attacchi di Berlusconi, ha invitato al rispetto e si è posto da protagonista..Nelle scorse campagne dominava sempre Berlusconi, questa volta, comunque vada, il pd ci ha fatto una bella figura
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Aprile, 14, 2008, 00:46
Penso che non voterò, non andando al seggio.

Perche'?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Novanoid - Aprile, 14, 2008, 02:03
votato SA, sia alla camera che alla regione..
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Aprile, 14, 2008, 02:13
Penso che non voterò, non andando al seggio.

shandon, mi devi scusare: io credo che questa sia la più grossa cazzata che si possa fare.
la scheda bianca non è conveniente dato che ho saputo che alla fine vale come punto alla maggioranza, quella nulla(ovvero con scritte varie) è considerata errore e basta, quindi  non conteggiata. Non votare e basta io penso sia una gran cazzata e basta oltre che la solita storia del mancato rispetto per un diritto sacrosanto, che è il diritto e il dovere di esprimere una tua opinione.

Quindi vai al seggio, vai dal presidente del seggio, e dichiari come procedura comanda che "nessuno dei candidati ti rappresenta"

mi sembra la scelta più rispettosa e giusta
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Aprile, 14, 2008, 11:30
Ma infatti non do scheda bianca, mi astengo, non vado al seggio. Non penso sia la stessa cosa, correggetemi se sbaglio.
Sul perchè mi sembra evidente, non mi sento rappresentato da nessuno. Anticipo chiunque mi voglia parlare di voto "anti" o di "turarsi il naso": potrei essere anche d'accordo e sono stato tentato (l'editoriale di ieri di Scalfari è stato a tal proposito quasi micidiale), ma alla fine mi parebbe un tradimento di coscienza il votare un partito dove ci sono persone che trovo ripugnanti.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Aprile, 14, 2008, 12:13
Si, l'ho capito che non vai al seggio, e la considero una scelta molto molto peggiore.
Ripeto che se nessuno dei candidati ti rappresenta vai dal presidente del seggio e lo dichiari.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sark - Aprile, 14, 2008, 12:42
si esatto shandon, se non vai non è voto quindi non se lo prende nessuno; secondo me però...è meglio andare e votare quello che più si avvicina alle tue idee politiche anche se ti schifano i canditati...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Aprile, 14, 2008, 13:15
Si, l'ho capito che non vai al seggio, e la considero una scelta molto molto peggiore.
Ripeto che se nessuno dei candidati ti rappresenta vai dal presidente del seggio e lo dichiari.


La differenza?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Aprile, 14, 2008, 13:45
La differenza?

la differenza è che così facendo non solo eserciti un diritto che ci siamo guadagnati con fatica, ma esprimi una tua opinione: comunichi con chi di dovere che quello che ti viene proposto non ti piace, non lo vuoi. Se non vai a votare sei un niente ininfluente
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Merone - Aprile, 14, 2008, 14:15
shandon, mi devi scusare: io credo che questa sia la più grossa cazzata che si possa fare.
la scheda bianca non è conveniente dato che ho saputo che alla fine vale come punto alla maggioranza, quella nulla(ovvero con scritte varie) è considerata errore e basta, quindi  non conteggiata. Non votare e basta io penso sia una gran cazzata e basta oltre che la solita storia del mancato rispetto per un diritto sacrosanto, che è il diritto e il dovere di esprimere una tua opinione.

Quindi vai al seggio, vai dal presidente del seggio, e dichiari come procedura comanda che "nessuno dei candidati ti rappresenta"

mi sembra la scelta più rispettosa e giusta


e dopo che ha detto ciò? cosa succede dopo? non viene conteggiata la sua scheda?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 14, 2008, 14:21

e dopo che ha detto ciò? cosa succede dopo? non viene conteggiata la sua scheda?

oh ma TUTTI di sinistra :D

andiamo a vincere per MAMMA ROSA!!! :laughing7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Merone - Aprile, 14, 2008, 14:43
oh ma TUTTI di sinistra :D

andiamo a vincere per MAMMA ROSA!!! :laughing7:

hem... per piacere, non diciamo spropositi... io sono un fascistone  :icon_salut:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 14, 2008, 14:45
hem... per piacere, non diciamo spropositi... io sono un fascistone  :icon_salut:

se sei un FASCISTONE è quasi meglio se fossi di sinistra :D

ma confido nel fatto che la tua giovane età ti faccia assumere facili estremismi :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Merone - Aprile, 14, 2008, 14:51
se sei un FASCISTONE è quasi meglio se fossi di sinistra :D

ma confido nel fatto che la tua giovane età ti faccia assumere facili estremismi :D


confidi male  :laughing7:    ma in ogni caso, per me ora come ora è tutta una presa per il culo, non sto nè con quelli di sinistra (ovvio) ne con quelli di destra, per me c'è bisogno di gente nuova, non sti vecchioni che son da 100 anni in politica... bisogna cambiare
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Aprile, 14, 2008, 14:55

e dopo che ha detto ciò? cosa succede dopo? non viene conteggiata la sua scheda?

eeh??

per me come diceva prima Sid, bisogna rispettare le istituzioni, puoi criticare i governi, andare contro, ma le istituzioni sono una conquista. Il voto è una conquista, e se hai la possibilità di scegliere NESSUNO, non vedo perchè non farlo andando a votare.

Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Aprile, 14, 2008, 15:31
Non era una domanda provocatoria credo, anch'io sono curioso: cosa succede se fai come hai suggerito a Shandon?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Nintendosa - Aprile, 14, 2008, 15:34
Tra le persone che conosco (e non sono tantissime) ci sono state ben 6 persone che hanno deciso di non andare a votare perchè "stufi" e "presi i giro". Gli ho semplicemente detto "se già a 30 anni vi sentiti stanchi di andare a votare, a chi penserà al nostro futuro? (se futuro poi ce l'avremmo...).
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Claire Redfield - Aprile, 14, 2008, 15:38
Non era una domanda provocatoria credo, anch'io sono curioso: cosa succede se fai come hai suggerito a Shandon?
Credo che accada che il presidente del seggio deve mettere a verbale la dichiarazione dell'elettore e quindi la scheda non viene considerata bianca e quindi non viene conteggiata nel premio di maggioranza.
Credo... :confused1:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Aprile, 14, 2008, 17:41
Credo che accada che il presidente del seggio deve mettere a verbale la dichiarazione dell'elettore e quindi la scheda non viene considerata bianca e quindi non viene conteggiata nel premio di maggioranza.
Credo... :confused1:

si dovrebbe essere così.

Non succede niente insomma, succede solo che hai scelto di non scegliere
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Aprile, 14, 2008, 17:42
Comunque mi pare abbia vinto Berlusconi. O almeno la strada è segnata.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 14, 2008, 17:46
Comunque mi pare abbia vinto Berlusconi. O almeno la strada è segnata.

Si, al Senato è in vantaggio.
Ma si sapeva già da prima.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Aprile, 14, 2008, 17:57
cazz...
sorpreso alla sinistra arcobaleno cmq...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Nintendosa - Aprile, 14, 2008, 18:03
Comunque mi pare abbia vinto Berlusconi. O almeno la strada è segnata.
Ok, adesso posso cadere in depressione! :angry7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Merone - Aprile, 14, 2008, 18:34
tanto può andare chiunque, ciò che cambia è solo la persona da chi verremo presi per i fondelli... e cmq la mia era sì, una domanda per nulla provocatoria, non sapevo proprio che cosa sarebbe successo :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 14, 2008, 18:38
Cdl in vantaggio al Senato, Pd alla Camera.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 14, 2008, 19:05
Cdl in vantaggio al Senato, Pd alla Camera.

forse in camera TUA  :laughing7:

Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 14, 2008, 19:09
forse in camera TUA  :laughing7:

 :angry7:

Perchè?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Aprile, 14, 2008, 19:17
Perchè anche alla camera il vantaggio del PDL è netto
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 14, 2008, 20:12
Sconfitta annunciata, non ci resta che fare una dignitosa (e costruttiva) opposizione.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Pikmin o zazà - Aprile, 15, 2008, 04:04
:angry7:

Perchè?

Ha in camera(o aveva) il poster di Berlusconi  :angry7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Aprile, 15, 2008, 08:38
Sconfitta annunciata, non ci resta che fare una dignitosa (e costruttiva) opposizione.
Site in minoranza netta.. neanche al senato..
L'opposizione sarà dura ^^
Buona fortuna :)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Nintendosa - Aprile, 15, 2008, 09:53
Come canta l'inno del PDL "Meno male che Silvio c'è"!!!!!!!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 15, 2008, 10:34
Tutto si sta palesando. 2008-2013, maledetti strafottuti maya, avevano ragione!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Leroy - Aprile, 15, 2008, 10:42
Tutto si sta palesando. 2008-2013, maledetti strafottuti maya, avevano ragione!
:laughing7: :laughing4:
Prepariamoci a 5 anni di inevitabile merda.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Aprile, 15, 2008, 11:07
:laughing7: :laughing4:
Prepariamoci a 5 anni di inevitabile merda.
Non è che in questi mesi con la sinistra abbiamo avuto cose diverse dalla MERDA  :dontknow:

Cmq vedremo.. Peggio di cosi c'è solo da scavare  :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 15, 2008, 11:12

Cmq vedremo.. Peggio di cosi c'è solo da scavare  :D

Il nano in quanto ha scavare ha fatto sempre segnare nuovi record e dettato nuovi standard per il futuro. Meno male che il nano c'è, io onestamente se non c'è un pluripregiudicato alla guida del mio paese non mi sento rappresentato  :laughing7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Banjo - Aprile, 15, 2008, 11:18
Meno male che Verga era pessimista, sulla Sicilia, perchè se fosse stato ottimista avremmo detto che si accannava.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Diddy Kong - Aprile, 15, 2008, 12:10
Berlusconi intende abolire l'ICI, ma non ho capito dove...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Aprile, 15, 2008, 12:47
Berlusconi intende abolire l'ICI, ma non ho capito dove...
ha detto che leva ICI alle 1° case
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Aprile, 15, 2008, 13:24
Sul perchè mi sembra evidente, non mi sento rappresentato da nessuno. Anticipo chiunque mi voglia parlare di voto "anti" o di "turarsi il naso": potrei essere anche d'accordo e sono stato tentato (l'editoriale di ieri di Scalfari è stato a tal proposito quasi micidiale), ma alla fine mi parebbe un tradimento di coscienza il votare un partito dove ci sono persone che trovo ripugnanti.

Mi deludi profondamente, e per la prima volta perdo grande rispetto nei tuoi confronti. Il tuo individualismo mi fa venire la pelle d'oca... quello della destra e' motivato da interesse personale, discutibile ma cmq razionale, questo mi sembra dettato puramente da vanita'.

Diceva Burke: "L'unica cosa che serve perche' sorga il male, e' che la gente giusta non faccia nulla." Ale'.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Aprile, 15, 2008, 13:36
In ogni caso, allacciamoci le cinture per quello che dovrebbe essere l'ultimo governo Berlusconi, se non altro perche' con un po' di fortuna presto schiatta. Altri anni di gaffe europee, tresche con la chiesa, congelamento di diritti, censure televisive, schiamazzi, volgarita' e naturalmente declino economico. Spero solo che non duri troppo, magari la Lega (che e' il partito che in assoluto piu' mi fa orrore, e la cui ascesa mi preoccupa sempre piu') fa il suo e riesce a farlo cadere entro tre anni.

Personalmente mi mette in imbarazzo il fatto che i miei compaesani possano farsi sedurre cosi' facilmente da un personaggio cosi' amorale come Berlusconi. Come sia potuta avvenire una cosa del genere non lo so proprio, ma io, in assenza di altre conoscenze, la colpa la do alla scena culturale italiana, dove la gente sveglia si e' chiusa nei loro salottini di elite a parlare di "arte" e ha lasciato il resto del paese andare in scatafascio. Basta vedere i commenti in questo topic per capire che nessuno crede piu' alla politica. :(
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Aprile, 15, 2008, 14:27
Suvvia, se la si prende come un giro di giostra non è poi tanto male. Non vedo l'ora di scoprire cosa farà come prima cosa.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sark - Aprile, 15, 2008, 15:26
In ogni caso, allacciamoci le cinture per quello che dovrebbe essere l'ultimo governo Berlusconi, se non altro perche' con un po' di fortuna presto schiatta. Altri anni di gaffe europee, tresche con la chiesa, congelamento di diritti, censure televisive, schiamazzi, volgarita' e naturalmente declino economico. Spero solo che non duri troppo, magari la Lega (che e' il partito che in assoluto piu' mi fa orrore, e la cui ascesa mi preoccupa sempre piu') fa il suo e riesce a farlo cadere entro tre anni.

Personalmente mi mette in imbarazzo il fatto che i miei compaesani possano farsi sedurre cosi' facilmente da un personaggio cosi' amorale come Berlusconi. Come sia potuta avvenire una cosa del genere non lo so proprio, ma io, in assenza di altre conoscenze, la colpa la do alla scena culturale italiana, dove la gente sveglia si e' chiusa nei loro salottini di elite a parlare di "arte" e ha lasciato il resto del paese andare in scatafascio. Basta vedere i commenti in questo topic per capire che nessuno crede piu' alla politica. :(
non posso fare altro che quotare prima di venir colto dal pessimismo cosmico per 5 anni di governo...mi hanno lasciato di stucco anche i voti di destra delle regioni del sud che in pratica si sono date la zappa sui piedi
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sensei_Link - Aprile, 15, 2008, 15:29
non posso fare altro che quotare prima di venir colto dal pessimismo cosmico per 5 anni di governo...mi hanno lasciato di stucco anche i voti di destra delle regioni del sud che in pratica si sono date la zappa sui piedi

Guarda la cosa positiva..adesso la metà dei politici non c'è piu...è finito UNA PARTE del magna magna
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Banjo - Aprile, 15, 2008, 15:36
Io mi domando come farà Berlusconi a fare gli interessi sia della Lega che di Lombardo, se non spezzando l'Italia in Terronia e Padania.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sensei_Link - Aprile, 15, 2008, 15:42
Io mi domando come farà Berlusconi a fare gli interessi sia della Lega che di Lombardo, se non spezzando l'Italia in Terronia e Padania.


come?


si anche io ci pensavo...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Banjo - Aprile, 15, 2008, 16:01
come?

La chiamiamo "Italia Meridionale"?
Tanto è a quella maniera (Terronia) che i leghisti indicano il Meridione, se non peggio.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Diddy Kong - Aprile, 15, 2008, 16:05
Suvvia, se la si prende come un giro di giostra non è poi tanto male. Non vedo l'ora di scoprire cosa farà come prima cosa.

Niente più ICI alle prime case. :laughing7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 15, 2008, 16:08
non posso fare altro che quotare prima di venir colto dal pessimismo cosmico per 5 anni di governo...mi hanno lasciato di stucco anche i voti di destra delle regioni del sud che in pratica si sono date la zappa sui piedi

Quoto...bisogna essere deficienti
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Diddy Kong - Aprile, 15, 2008, 16:10
Io mi domando come farà Berlusconi a fare gli interessi sia della Lega che di Lombardo, se non spezzando l'Italia in Terronia e Padania.

Non le spezzerà, le unirà con un ponte sullo stretto. :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Aprile, 15, 2008, 16:17
Quoto...bisogna essere deficienti
O.. disperati.. e molto ma molto delusi..

Non credo che  milioni di persone si sono Indeficentite tutte insieme.
Piantiamola di dare dei deficenti alle persone.

Proviamo a pensare al perchè!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 15, 2008, 16:17
Non le spezzerà, le unirà con un ponte sullo stretto. :D

Detto da uno che abita lì vicino...bhe spero che non verrà mai costruito un tale abominio
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Nintendosa - Aprile, 15, 2008, 16:19
Guarda la cosa positiva..adesso la metà dei politici non c'è piu...è finito UNA PARTE del magna magna
Tu pensi che sia finito il Magna Magna?
Credo proprio di no, anche se cambiano le persone (che poi son sempre le stesse, è un modo di dire) la minestra che ci fanno mangiare a noi è sempre la stessa.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Aprile, 15, 2008, 16:23
Quoto...bisogna essere deficienti

Vedi di moderare i termini, Mik, e di non dare dei deficienti agli altri solo perche' non votano uguale a te.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 15, 2008, 16:28
Vedi di moderare i termini, Mik, e di non dare dei deficienti agli altri solo perche' non votano uguale a te.

Scusami, non è il votare come dico io ma è un discorso di coscienza. Perchè al meridione dovrebbero votare per un partito che promette federalismo fiscale? Quando già al sud non c'è lavoro così, e incentivare disoccupazione e federalismo, in una regione storicamente insufficiente nel ricoprire il proprio fabbisogno si dovrebbe votare in massa verso questa fazione? Praticamente ti tiri davvero la zappa sui piedi, e te lo dice uno che abita in Calabria. John non puoi immaginare quanto sia frustrante.

Probabilmente è un tono un pò forte, e se ha dato fastidio me ne scuso, però sinceramente c'è un'ignoranza politica e arroganza che chi non abita qui non può immaginare o conoscere. Stessa arroganza di chi poi dirà "Ah ma io non seguo, ho votato per lui perchè è fascita", gente che non ha una grande cultura politica. Certo, è sbagliato geralizzare, ma si tratta purtroppo di una grossa fetta degli aventi diritto.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 15, 2008, 16:52
Comunque Berlusconi non potrà fare peggio di Prodi. Inoltre è comunque un politico esperto,, anche se viene guaradato male da molti.

Ma se ha vinto, un motivo ci sarà...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 15, 2008, 16:58
Comunque Berlusconi non potrà fare peggio di Prodi. Inoltre è comunque un politico esperto,, anche se viene guaradato male da molti.

Ma se ha vinto, un motivo ci sarà...

Guarda, una persona che non ha mai fatto una riforma economica e viene eletta per la terza volta...bhe è preoccupante.

Conta che da ora ti anticipo profeticamente che i lavoratori di Alitalia finiranno per perdere tutti il lavoro, perchè lui riuscirà a farla fallire pur di non venderla per un prurito nazionalista.

Questo sarà solo il primo passo trionfale per ostentare la propria "esperienza" politica, poi verrà subito dopo il federalismo fiscale, perchè il suo governo è e sarà sotto scacco dalla Lega Nord (sembrava fantapolitica, ma al peggio non c'è mai fine...). Io penso che il popolo italiano sia un popolo che dimentica troppo facilmente errori, gaffè e politiche sbagliate in passato...basta un sorriso accattivante e rassicurante, aiutanto da un meraviglioso volto rifatto in computer graphic, per rubare i voti. Basta essere, semplicemente, furbi.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sensei_Link - Aprile, 15, 2008, 17:06
Tu pensi che sia finito il Magna Magna?
Credo proprio di no, anche se cambiano le persone (che poi son sempre le stesse, è un modo di dire) la minestra che ci fanno mangiare a noi è sempre la stessa.

no, avevo detto UNA PARTE..perche ora riinizia...ma spero non come prima
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 15, 2008, 17:08
Guarda, una persona che non ha mai fatto una riforma economica e viene eletta per la terza volta...bhe è preoccupante.

Conta che da ora ti anticipo profeticamente che i lavoratori di Alitalia finiranno per perdere tutti il lavoro, perchè lui riuscirà a farla fallire pur di non venderla per un prurito nazionalista.

Questo sarà solo il primo passo trionfale per ostentare la propria "esperienza" politica, poi verrà subito dopo il federalismo fiscale, perchè il suo governo è e sarà sotto scacco dalla Lega Nord (sembrava fantapolitica, ma al peggio non c'è mai fine...). Io penso che il popolo italiano sia un popolo che dimentica troppo facilmente errori, gaffè e politiche sbagliate in passato...basta un sorriso accattivante e rassicurante, aiutanto da un meraviglioso volto rifatto in computer graphic, per rubare i voti. Basta essere, semplicemente, furbi.

Vedremo. Tu fai questi discorsi solo perchè sei contro Silvio.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Aprile, 15, 2008, 17:11
Conta che da ora ti anticipo profeticamente che i lavoratori di Alitalia finiranno per perdere tutti il lavoro, perchè lui riuscirà a farla fallire pur di non venderla per un prurito nazionalista.

Per come la vedo io lo scopo è farla fallire, per poi ri comprarla a prezzo nettamente inferiore e farla diventare sua  :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 15, 2008, 17:30
Vedremo. Tu fai questi discorsi solo perchè sei contro Silvio.

Io non sono contro Silvio così a priori...ci sono dei motivi validi per cui io non voterei per lui nemmeno sotto tortura. Un imprenditore, proprio per la sua natura, non potrà mai fare gli interessi del popolo. E questa mi sembra una cosa così semplice che non ha bisogno di ulteriori spiegazioni...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 15, 2008, 17:33
Per come la vedo io lo scopo è farla fallire, per poi ri comprarla a prezzo nettamente inferiore e farla diventare sua  :D

Mica scemo.

Io non sono contro Silvio così a priori...ci sono dei motivi validi per cui io non voterei per lui nemmeno sotto tortura. Un imprenditore, proprio per la sua natura, non potrà mai fare gli interessi del popolo. E questa mi sembra una cosa così semplice che non ha bisogno di ulteriori spiegazioni...

Mah.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Banjo - Aprile, 15, 2008, 17:51
Per come la vedo io lo scopo è farla fallire, per poi ri comprarla a prezzo nettamente inferiore e farla diventare sua  :D

Di questo passo mi chiedo se in Italia resterà qualcosa non di Berlusconi... :laughing7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Nintendosa - Aprile, 15, 2008, 18:25
no, avevo detto UNA PARTE..perche ora riinizia...ma spero non come prima
Tranquillo Sensei, lo avevo letto  :thumbsup: ma adesso sicuramente c'è l'ALTRA PARTE!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 15, 2008, 18:28
Mah.

Perchè mah? Se pensi che sia sbagliato dimmi perchè, io una persona che si candida per la sesta volta promettendo ANCORA le stesse riforme che non ha MAI fatto quando ha potuto (certo, prima c'era da pararsi il culo per non andare in galere, lo capisco anche) non credo lo faccia nè ora nè mai, perchè ha già mostrato il suo volto. Dal sorriso inquietante peraltro.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 15, 2008, 18:33
Perchè mah? Se pensi che sia sbagliato dimmi perchè, io una persona che si candida per la sesta volta promettendo ANCORA le stesse riforme che non ha MAI fatto quando ha potuto (certo, prima c'era da pararsi il culo per non andare in galere, lo capisco anche) non credo lo faccia nè ora nè mai, perchè ha già mostrato il suo volto. Dal sorriso inquietante peraltro.

E allora cosa pensi di quelli che l'hanno votato? Un motivo dev'esserci!!!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 15, 2008, 18:43
E allora cosa pensi di quelli che l'hanno votato? Un motivo dev'esserci!!!

Il motivo è che una persona che ha disposizione almeno due giornali e almeno tre reti televisice, e un nome imprenditoriale grosso riesce sempre a accappararsi il consenso della gente. Lui sa come accattivarsi la simpatia e l'italiano ci casca sempre, per vizio. I furbi hanno sempre governato in Italia, lui è il re dei furbi.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 15, 2008, 18:56
Io non sono contro Silvio così a priori...ci sono dei motivi validi per cui io non voterei per lui nemmeno sotto tortura. Un imprenditore, proprio per la sua natura, non potrà mai fare gli interessi del popolo. E questa mi sembra una cosa così semplice che non ha bisogno di ulteriori spiegazioni...

ma io veramente mi chiedo come fai a parlare di cose che NON sai.
la tua ultima frase è il più grande abominio che una persona possa dire (è risaputo che un imprenditore --->IL MALE<--- vive SENZA bisogno del popolo, tanto le sue fabbriche, le sue aziende, il suo TUTTO va avanti da solo, mica servono i dipendenti, il suo unico scopo è quello di licenziare tutti, chi se ne frega se poi l'economia va a rotoli, mica rischia il culo un imprenditore, chissà dove avevo letto quella VACCATA chiamata "rischio imprenditoriale")
Qui si tratta di vera ignoranza, non volermene.
Perchè le opinioni sono sacrosante, mai mi permetterei di definire un cretino o quant'altro chi ha votato qualsiasi altra cosa (e per la cronaca ci infilo pure la Destra eh, sia chiaro), ma se uno che capisce un MINIMO ma proprio basta poco non solo di politica, ma di economia nel senso proprio più elementare della parola, non può non farsi delle grassissime risate su tutti i tuoi post in cui fai le tue elucubrazioni sulla politica e l'economia, e ripeto, questo assolutamente senza entrare nel merito di chi critichi, perchè mi fermo prima, non ce n'è neanche bisogno.
Il problema del mezzogiorno, se mi ascolti un attimo, non è certo una boiata, perciò spiegami come può pensare uno che governerà TUTTO il paese a -passatemi il termine- "fottersi" milioni di cittadini, non solo lavoratori. Il federalismo fiscale e il federalismo in generale, mi dispiace deluderti, non vuol dire "al nord ci pappiamo tutto e al sud che muoiano di fame o nella spazzatura", ma si pone vari obiettivi, che valgono per tutti. Sicuramente è innegabile che uno sia di dare un taglio a quello che al nord costano certi problemi del sud, che se permetti se a me rubassero la macchina e tu mi dovessi dare la tua non saresti mica tanto contento. Ma in chiave generale, il federalismo si propone di evitare alo stato (che tra le altre cose ci mette il doppio inevitabilmente) di occuparsi univocamente allo stesso tempo della Val d'Aosta e della Sicilia, che hanno caratteristiche LIEVEMENTE diverse. Il decentramento dei poteri per le politiche locali punta proprio a questo, che comporterebbe minori sprechi, minori lungaggini burocratiche, e maggiore qualità della vita.
Poi uno può legittimamente pensare che questo venga attuato male, mica dico che si debba accettare per forza con benevolenza. Ma ti assicuro che se davvero il nord mandasse a bagno il sud ci sarebbero tali conseguenze a livello nazionale, che neppure l'ultimo dei deficienti (Borghezio) si porrebbe tale scopo. E la CEE comprerebbe un bel barattolone di vaselina da sistemare in Pianura Padana.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 15, 2008, 19:11
Per come la vedo io lo scopo è farla fallire, per poi ri comprarla a prezzo nettamente inferiore e farla diventare sua  :D
Ma non mi dire, non lo sapeva nessuno...

Del resto dico solo che il mio pensiero rispecchia quasi al 100% quello di Mik64, soprattutto sotto questo punto:
Io non sono contro Silvio così a priori...ci sono dei motivi validi per cui io non voterei per lui nemmeno sotto tortura. Un imprenditore, proprio per la sua natura, non potrà mai fare gli interessi del popolo.
La prova è che nel settembre 2001 o giù di lì, appena asceso al governo, una delle prime riforme è stato il voler togliere l'articolo 18, così da liberalizzare il mercato del lavoro, tradotto: licenziare non a destra e a manca, ma a comodo proprio, anche senza giusta causa. Aveva tutti i sindacati contro, anche l'UGL (destra estrema), ma avendo le reti Mediaset, mettendo alla guida della Rai chi gli pareva e togliendo personaggi scomodi (Biagi e Santoro senza motivo, ma dai!!!), avendo diverse testate giornalistiche, ha imposto il silenzio d'informazione. Fortunatamente, grazie ai sindacati CGIL in primis (ovvio è la più grande e potente), si è riuscito a sminuire il suo operato e a non portare a termine questo martirio, in più il consiglio Rai venne sciolto perchè troppo spudoratamente pro Berlusca. Follini, prima della fine della legislatura, è uscito dal governo dicendo che "Non si può sempre fare i comodi di Berlusconi!". L'articolo 18 è l'articolo simbolo dei lavoratori, quello che gli ha fatto conquistare una dignità sociale. Questa è storia ragazzi e il 2001 pure, non ignoranza e chi lo vuole togliere a priori, è uno che meriterebbe di stare sottoterra, ma qui va al governo! :angry7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 15, 2008, 19:19

Del resto dico solo che il mio pensiero rispecchia quasi al 100% quello di Mik64, soprattutto sotto questo punto:La prova è che nel settembre 2001 o giù di lì, appena asceso al governo, una delle prime riforme è stato il voler togliere l'articolo 18, così da liberalizzare il mercato del lavoro, tradotto: licenziare non a destra e a manca, ma a comodo proprio, anche senza giusta causa. Aveva tutti i sindacati contro, anche l'UGL (destra estrema), ma avendo le reti Mediaset, mettendo alla guida della Rai chi gli pareva e togliendo personaggi scomodi (Biagi e Santoro senza motivo, ma dai!!!), avendo diverse testate giornalistiche, ha imposto il silenzio d'informazione. Fortunatamente, grazie ai sindacati CGIL in primis (ovvio è la più grande e potente), si è riuscito a sminuire il suo operato e a non portare a termine questo martirio, in più il consiglio Rai venne sciolto perchè troppo spudoratamente pro Berlusca. L'articolo 18 è l'articolo simbolo dei lavoratori, quello che gli ha fatto conquistare una dignità sociale. Questa è storia ragazzi e il 2001 pure, non ignoranza e chi lo vuole togliere a priori, è uno che meriterebbe di stare sottoterra, ma qui va al governo! :angry7:

quella di Alitalia non la commento manco... spero che max fosse ironico ma tu Dragha mi deludi molto.
per quanto riguarda l'art.18 TOGLIERE?? ahah questa è proprio bella. E, così per fare il rompipalle, leggiti la proposta di Treu, precedente alla Biagi, e mettile a confronto, poi mi dici.
Ma dai ragazzi, siate seri, io sono l'uomo più di parte del mondo ma mi rendo conto che non sapete accettare una sconfitta. Io nel 2006 me lo sono preso in quel posto in silenzio, e mi sono lamentato dopo, quando oltre che ideologicamente me lo sono preso in quel posto anche fisicamente, insieme a 60 milioni di italiani, con in prima fila quelli che hanno voluto quella gente al governo.

ah vabbè ma uno che viene da una città dove ti CINGHIANO se hai la suoneria di forza italia è parzialmente perdonato :laughing7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 15, 2008, 19:23
quella di Alitalia non la commento manco... spero che max fosse ironico ma tu Dragha mi deludi molto.
Parole di Berlusconni di qualche giorno fa:
"Sono per una cordata di imprendotori nel salvare Alitalia e nel caso mi "Offro" per guidarla e finanziarla pure..."
Devo aggiungere altro?

Citazione
per quanto riguarda l'art.18 TOGLIERE?? ahah questa è proprio bella. E, così per fare il rompipalle, leggiti la proposta di Treu, precedente alla Biagi, e mettile a confronto, poi mi dici.
Leggiti tutti i reclami sindacali dell'epoca, diffidando delle false informazioni, poi dimmi tu. Gli ho fatti gli scioperi e ci sono passato in prima persona, fidati tu!

Citazione
Ma dai ragazzi, siate seri, io sono l'uomo più di parte del mondo ma mi rendo conto che non sapete accettare una sconfitta. Io nel 2006 me lo sono preso in quel posto in silenzio, e mi sono lamentato dopo, quando oltre che ideologicamente me lo sono preso in quel posto anche fisicamente, insieme a 60 milioni di italiani, con in prima fila quelli che hanno voluto quella gente al governo.
Io non sono in quella prima fila, anzi... Poi nessuno dice di non accettare una sconfitta, riporto solo i fatti.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 15, 2008, 19:27
ma io veramente mi chiedo come fai a parlare di cose che NON sai.
la tua ultima frase è il più grande abominio che una persona possa dire (è risaputo che un imprenditore --->IL MALE<--- vive SENZA bisogno del popolo, tanto le sue fabbriche, le sue aziende, il suo TUTTO va avanti da solo, mica servono i dipendenti, il suo unico scopo è quello di licenziare tutti, chi se ne frega se poi l'economia va a rotoli, mica rischia il culo un imprenditore, chissà dove avevo letto quella VACCATA chiamata "rischio imprenditoriale")
Qui si tratta di vera ignoranza, non volermene.
Perchè le opinioni sono sacrosante, mai mi permetterei di definire un cretino o quant'altro chi ha votato qualsiasi altra cosa (e per la cronaca ci infilo pure la Destra eh, sia chiaro), ma se uno che capisce un MINIMO ma proprio basta poco non solo di politica, ma di economia nel senso proprio più elementare della parola, non può non farsi delle grassissime risate su tutti i tuoi post in cui fai le tue elucubrazioni sulla politica e l'economia, e ripeto, questo assolutamente senza entrare nel merito di chi critichi, perchè mi fermo prima, non ce n'è neanche bisogno.
Il problema del mezzogiorno, se mi ascolti un attimo, non è certo una boiata, perciò spiegami come può pensare uno che governerà TUTTO il paese a -passatemi il termine- "fottersi" milioni di cittadini, non solo lavoratori. Il federalismo fiscale e il federalismo in generale, mi dispiace deluderti, non vuol dire "al nord ci pappiamo tutto e al sud che muoiano di fame o nella spazzatura", ma si pone vari obiettivi, che valgono per tutti. Sicuramente è innegabile che uno sia di dare un taglio a quello che al nord costano certi problemi del sud, che se permetti se a me rubassero la macchina e tu mi dovessi dare la tua non saresti mica tanto contento. Ma in chiave generale, il federalismo si propone di evitare alo stato (che tra le altre cose ci mette il doppio inevitabilmente) di occuparsi univocamente allo stesso tempo della Val d'Aosta e della Sicilia, che hanno caratteristiche LIEVEMENTE diverse. Il decentramento dei poteri per le politiche locali punta proprio a questo, che comporterebbe minori sprechi, minori lungaggini burocratiche, e maggiore qualità della vita.
Poi uno può legittimamente pensare che questo venga attuato male, mica dico che si debba accettare per forza con benevolenza. Ma ti assicuro che se davvero il nord mandasse a bagno il sud ci sarebbero tali conseguenze a livello nazionale, che neppure l'ultimo dei deficienti (Borghezio) si porrebbe tale scopo. E la CEE comprerebbe un bel barattolone di vaselina da sistemare in Pianura Padana.

Io ho studiato politica e economia a scuola e anche in proprio, e so benissimo cos'è il rischio impreditoriale e proprio perchè lo so che parlo, scusami adesso dimmi se sbaglio visto che conosci bene anche te l'argomento:

Fine dell'imprenditore e fine dello stato. Differenze?

L'imprenditore ha come fine unico il LUCRO PERSONALE, da dividere con gli azionisti ovviamente, mentre lo stato (parlo ovviamente in linea teorica) mira unicamente al soddisfacimento dei bisogni collettivi. Un imprenditore, che per natura punta al massimo guadagno con il minimo sforzo, è portato per natura a pensare prima ai suoi interessi e dopo (ma magari più tardi...) a quelli degli altri. Io sarò anche ignorante, ma quando stavo parlando di devoluzione volevo essere ben più sottile di quanto hai scritto tu.

Premettendo che conosco che significhi federalismo fiscale, volevo esporti il problema della calabria: la ndrangheta (che poi è lo stesso della sicilia, chiamato diversamente). Il federalismo fiscale, per quanto ineccepibile come significato e concetto di fondo, è un'arma a doppio taglio per le regioni del sud proprio per questo problema. Se i soldi non vanno allo stato e, come vorrebbe l'apprendista imbracciatore di fucili, restano in mano agli enti territoriali (quindi regioni, provincie e comuni) i soldi verrebbero probabilmente ottimizzati. Ma al sud non è così, in quanto la malavita è fortemente radicata proprio in queste istituzioni, con il risultato che il magna-magna andrebbe a finire proprio alla malavita. Inoltre, anche se non vi fosse questa piaga, c'è un altro grosso problema che porterebbe la devoluzione (parlando del meridione attuale) ed è l'accentuamento delle arretratezza e divisioni tra nord e sud. Il nord avrebbe maggior denaro a disposizione del sud perchè al sud si produce di meno, non perchè si lavori di meno ovviamente ma perchè i salari sono più deboli. Risultato? La calabria, faccio st'esempio qua ricorrente, avrebbe meno soldi da investire per rinnovarsi, risultando tagliata fuori dallo stato in quanto a risorse e fondi economici, mentre il nord aumenterà ancora più rapidamente il suo sviluppo. Così facendo si crearà un divario enorme nel giro di pochissimi anni, e io ho considerato l'ipotesi che in queste regioni non vi sia la piaga della malavita organizzata.

Dimmi se sono ignorante...

Comunque sono contento che Dragha la pensi come me, almeno non sono minacciato dall'Alabarda  :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 15, 2008, 19:29
Parole di Berlusconni di qualche giorno fa:
"Sono per una cordata di imprendotori nel salvare Alitalia e nel caso mi "Offro" per guidarla e finanziarla pure..."
Devo aggiungere altro?
Leggiti tutti i reclami sindacali dell'epoca, diffidando delle false informazioni, poi dimmi tu. Gli ho fatti gli scioperi e ci sono passato in prima persona, fidati tu!
Io non sono in quella prima fila, anzi... Poi nessuno dice di non accettare una sconfitta, riporto solo i fatti.


A) sì, aggiungimi cosa pensi del fatto che se la comprasse, col patrimonio che ha, e il GENIO imprenditoriale che lo contraddistingue (e provate a contraddirmi qui)sarebbe SUO STESSO interesse farci avere un servizio di una qualità che non ci siamo mai sognati, nonostante sia così in tutta europa.

B) ah perchè tu assurgi a verità assoluta i reclami sindacali? certo, allora è anche vero che è meglio laziale che FROCIO, come ha detto Storace.

C) e allora riporta i fatti di cosa ha combinato il governo che è appena caduto, riporta un commento intelligente e non fazioso del TONFO della sinistra COMUNISTA (e io faccio fatica a pensare di usare una parola del genere nel 2008) e della sconfitta comunque netta della sinistra sensata, sono tutti scemi tranne te e chi non ha votato berlusconi?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 15, 2008, 19:37
Io ho studiato politica e economia a scuola e anche in proprio, e so benissimo cos'è il rischio impreditoriale e proprio perchè lo so che parlo, scusami adesso dimmi se sbaglio visto che conosci bene anche te l'argomento:

Fine dell'imprenditore e fine dello stato. Differenze?

L'imprenditore ha come fine unico il LUCRO PERSONALE, da dividere con gli azionisti ovviamente, mentre lo stato (parlo ovviamente in linea teorica) mira unicamente al soddisfacimento dei bisogni collettivi. Un imprenditore, che per natura punta al massimo guadagno con il minimo sforzo, è portato per natura a pensare prima ai suoi interessi e dopo (ma magari più tardi...) a quelli degli altri. Io sarò anche ignorante, ma quando stavo parlando di devoluzione volevo essere ben più sottile di quanto hai scritto tu.

Premettendo che conosco che significhi federalismo fiscale, volevo esporti il problema della calabria: la ndrangheta (che poi è lo stesso della sicilia, chiamato diversamente). Il federalismo fiscale, per quanto ineccepibile come significato e concetto di fondo, è un'arma a doppio taglio per le regioni del sud proprio per questo problema. Se i soldi non vanno allo stato e, come vorrebbe l'apprendista imbracciatore di fucili, restano in mano agli enti territoriali (quindi regioni, provincie e comuni) i soldi verrebbero probabilmente ottimizzati. Ma al sud non è così, in quanto la malavita è fortemente radicata proprio in queste istituzioni, con il risultato che il magna-magna andrebbe a finire proprio alla malavita. Inoltre, anche se non vi fosse questa piaga, c'è un altro grosso problema che porterebbe la devoluzione (parlando del meridione attuale) ed è l'accentuamento delle arretratezza e divisioni tra nord e sud. Il nord avrebbe maggior denaro a disposizione del sud perchè al sud si produce di meno, non perchè si lavori di meno ovviamente ma perchè i salari sono più deboli. Risultato? La calabria, faccio st'esempio qua ricorrente, avrebbe meno soldi da investire per rinnovarsi, risultando tagliata fuori dallo stato in quanto a risorse e fondi economici, mentre il nord aumenterà ancora più rapidamente il suo sviluppo. Così facendo si crearà un divario enorme nel giro di pochissimi anni, e io ho considerato l'ipotesi che in queste regioni non vi sia la piaga della malavita organizzata.

Dimmi se sono ignorante...

Comunque sono contento che Dragha la pensi come me, almeno non sono minacciato dall'Alabarda  :D

allora, intanto così si può parlare, prima no.
Il massimo guadagno col minimo sforzo mi spiace ma ti devo di nuovo correggere, perchè un imprenditore, a meno che non nasca milionario, rischia tutto quello che ha, e si indebita fino al collo, rischiando di pagare debiti per tutta la vita, finire pignorato e anche in galera. Non mi sembra uno sforzo piccolo.

Per il resto, sono previsti organi di controllo a livello nazionale, è chiaro che non puoi dare a tutti la libertà assoluta senza pensare che si controlli. Il ruolo della mafia (in generale) sarà lo stesso di prima, nè più nè meno. Purtroppo io penso che sia un problema irrisolvibile, almeno con mezzi leciti.
E poi non ti credere che solo perchè le grandi fabbriche sono a nord il sud sia economicamente inutile. I settori economici sono 3, e non esiste solo il secondario. Quindi secondo me il divario tenderebbe a stabilizzarsi se non addirittura a diminuire. E poi è vero che al sud guadagnate meno, ma vieni un po' qui a Chiavari a prenderti una cocacola al bar o vai a cena fuori in un posto appena decente e poi mi dici cosa ne pensi del conto.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 15, 2008, 19:39
A) sì, aggiungimi cosa pensi del fatto che se la comprasse, col patrimonio che ha, e il GENIO imprenditoriale che lo contraddistingue (e provate a contraddirmi qui)sarebbe SUO STESSO interesse farci avere un servizio di una qualità che non ci siamo mai sognati, nonostante sia così in tutta europa.

B) ah perchè tu assurgi a verità assoluta i reclami sindacali? certo, allora è anche vero che è meglio laziale che FROCIO, come ha detto Storace.

C) e allora riporta i fatti di cosa ha combinato il governo che è appena caduto, riporta un commento intelligente e non fazioso del TONFO della sinistra COMUNISTA (e io faccio fatica a pensare di usare una parola del genere nel 2008) e della sconfitta comunque netta della sinistra sensata, sono tutti scemi tranne te e chi non ha votato berlusconi?

Per quanto mi riguarda, anche se ora stavi parlando con Dragha, io non ti ho dato dell'ignorante.

Tu parli di genio imprenditoriale. Chi lo discute? Io discuto che una persona che abbia dei suoi servizi privati di informazione possa governare in un paese democratico.

Alitalia non è che la prende lui e per magia si rialza...il debito della compagnia, e il rischio esuberi, è veramente spaventoso e troppo anche per il suo capitale. Di fatto è solo uno screzio/capriccio nazionalista, senza badare alla gente che finirà in strada.

Per quanto sia comunque d'accordo con te quando parli di debacle della sinistra, vittima delle proprie scelte sbagliate. Io non sto protestando perchè ha vinto lui XD sia chiaro, è che mi dispiace che ora che c'era un'alternativa vera la gente non abbia pensato al rinnovamente, almeno politico e di persona (visto che berlusca è dal 91 che è lì, almeno veltroni è stato fuori per un bel pò di anni dal governo) abbiano ridato fiducia a lui. Dimenticandosi del contratto con gli italiani XD
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 15, 2008, 19:45
allora, intanto così si può parlare, prima no.
Il massimo guadagno col minimo sforzo mi spiace ma ti devo di nuovo correggere, perchè un imprenditore, a meno che non nasca milionario, rischia tutto quello che ha, e si indebita fino al collo, rischiando di pagare debiti per tutta la vita, finire pignorato e anche in galera. Non mi sembra uno sforzo piccolo.


Non sono d'accordo, tu parli di inizio attività ora stiamo parlando di signore di 72 anni con un patrimonio non indifferente, non di un ragazzetto che gioca il tutto per tutto.

Per il riscorso relativo al federalismo, qui in calabria non sarà mai attuabile perchè non c'è alcun tipo di attività. Non è il secondario che manca, è anche il primario (che dovrebbe essere ancora di salzavezza) a essere venuto meno. Un imprenditore, che io non vedo come il male incarnato aldilà di quanto possa far erroneamente pensare con questi post XD, in calabria non può fare niente senza il permesso della malavita, con tutti i problemi produttivi che ne derivano. Io vedrei di buon occhio, per usare un eufimismo, l'arrivo di una cordata (vera) di imprenditori qui al sud a sfruttare le risorse, la verità è che la gente scappa dal sud per andare al nord (come negli anni80...) e al nord già non c'è niente...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 15, 2008, 19:49
Non sono d'accordo, tu parli di inizio attività ora stiamo parlando di signore di 72 anni con un patrimonio non indifferente, non di un ragazzetto che gioca il tutto per tutto.

Per il riscorso relativo al federalismo, qui in calabria non sarà mai attuabile perchè non c'è alcun tipo di attività. Non è il secondario che manca, è anche il primario (che dovrebbe essere ancora di salzavezza) a essere venuto meno. Un imprenditore, che io non vedo come il male incarnato aldilà di quanto possa far erroneamente pensare con questi post XD, in calabria non può fare niente senza il permesso della malavita, con tutti i problemi produttivi che ne derivano. Io vedrei di buon occhio, per usare un eufimismo, l'arrivo di una cordata (vera) di imprenditori qui al sud a sfruttare le risorse, la verità è che la gente scappa dal sud per andare al nord (come negli anni80...) e al nord già non c'è niente...

e vabbè ma signori è anche n problema vostro... perchè si lascia che sia così? come si può combattere la malavita se si accetta tutto a testa bassa? finche non si decideranno tutti a denunciare le cose, non cambierà niente, qualsiasi governo ci sia.

e sulla prima frase non rigirare la frittata: tu hai parlato di imprenditore come DA DEFINIZIONE dell'imprenditore stesso, quindi non parlavi solo di Berlusconi, mi spiace che ti stia sulle palle, ma io accetto solo critiche costruttive, non a priori

ah piccola aggiunta sull'altro post: mi dovete spiegare che novità ci sono in un partito che presenta GLI STESSI di prima, mettendo in cima uno che fa la staffetta tra candidato premier e sindaco di Roma con quell'altro genio di Rutelli. Certo, non avete più la sinistra radicale, ma visto che uno dei motivi per cui è andata così male alle urne è proprio perchè gli elettori erano delusi del fatto che non contasse NULLA nel governo Prodi, fate un po' due calcoli.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 15, 2008, 19:59
e vabbè ma signori è anche n problema vostro... perchè si lascia che sia così? come si può combattere la malavita se si accetta tutto a testa bassa? finche non si decideranno tutti a denunciare le cose, non cambierà niente, qualsiasi governo ci sia.

e sulla prima frase non rigirare la frittata: tu hai parlato di imprenditore come DA DEFINIZIONE dell'imprenditore stesso, quindi non parlavi di Berlusconi, mi spiace che ti stia sulle palle, ma io accetto solo critiche costruttive, non a priori

Non sto rigirando la frittata, vuoi dirmi che è falso? Vuoi dire che il berlusca alla sua età rischierebbe ancora il culo per l'Alitalia? Suvvia dai io non penso sia così, aldilà della correttezza o meno della definizione di imprenditore che ho dato su (che peraltro credo sia da attribuire unicamente a scuole di pensiero diverse).

Credo che ci voglia una presenza più ferrea dello stato, perchè si vede (scusa se lo dico, non vorrei sembrarti presuntuoso, mi piace trovare qualcuno che non la pensa come me e confrontarmi) che non sei a contatto con questa brutta realtà. Ribellarsi da soli, con la ndrangheta che ti brucia la casa, il negozio o ti fora il cranio, non è il massimo. Se lo stato non offre garanzie, cosa che nè berlusca nè altri prima di lui di colore diverso, hanno offerto il problema resterà sempre lo stesso. Ho conosciuto persone che convivono con questi problemi, e che hanno anche provato a ribellarsi, ma credimi per uno che non vive a Reggio (o qualunque parte afflitta da questa piaga) è veramente difficile comprendere fino in fondo. Se tutte le regioni fossero allo stesso piano anche io sarei favorevole al federalismo, ma così è quasi un "me ne fotto di chi sta dietro, saranno problemi vostri". Poi magari vince l'italia il mondiale e siamo tutti amici (non parlo di te ovviamente).
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 15, 2008, 20:05
Non sto rigirando la frittata, vuoi dirmi che è falso? Vuoi dire che il berlusca alla sua età rischierebbe ancora il culo per l'Alitalia? Suvvia dai io non penso sia così, aldilà della correttezza o meno della definizione di imprenditore che ho dato su (che peraltro credo sia da attribuire unicamente a scuole di pensiero diverse).

Credo che ci voglia una presenza più ferrea dello stato, perchè si vede (scusa se lo dico, non vorrei sembrarti presuntuoso, mi piace trovare qualcuno che non la pensa come me e confrontarmi) che non sei a contatto con questa brutta realtà. Ribellarsi da soli, con la ndrangheta che ti brucia la casa, il negozio o ti fora il cranio, non è il massimo. Se lo stato non offre garanzie, cosa che nè berlusca nè altri prima di lui di colore diverso, hanno offerto il problema resterà sempre lo stesso. Ho conosciuto persone che convivono con questi problemi, e che hanno anche provato a ribellarsi, ma credimi per uno che non vive a Reggio (o qualunque parte afflitta da questa piaga) è veramente difficile comprendere fino in fondo. Se tutte le regioni fossero allo stesso piano anche io sarei favorevole al federalismo, ma così è quasi un "me ne fotto di chi sta dietro, saranno problemi vostri". Poi magari vince l'italia il mondiale e siamo tutti amici (non parlo di te ovviamente).

ma guarda che io ho spesso parlato con meridionali che ci erano dentro fino al collo, ho capito bene di cosa si tratta, come operano e con che modi soprattutto.
Ma lo stato mette sotto scorta totale UNO che denuncia, se invece che UNO fossero diecimila, cosa pensi, che la ndrangheta incendi tutti i negozi? ammazzi tutti? se gli si bloccano le fonti di approvigionamento come possono continuare. Oppure, quali altri rimedi ci sarebbero?

E Berlusconi, di nuovo. Tu stesso paventi l'ipotesi che acquisti Alitalia e tu stesso dici che non basterebbe il suo patrimonio. Poi però dici che lui non vorrebbe rischiare a 72 anni. Allora non lo farà! c'è qualcosa che non torna, e non te lo dico per farti torto, controlla un attimo tutti i punti del ragionamento.

Ah e la definizione di imprenditore è sul Codice Civile o qualche altro codice, non è frutto di scuole di pensiero
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 15, 2008, 20:16
ma guarda che io ho spesso parlato con meridionali che ci erano dentro fino al collo, ho capito bene di cosa si tratta, come operano e con che modi soprattutto.
Ma lo stato mette sotto scorta totale UNO che denuncia, se invece che UNO fossero diecimila, cosa pensi, che la ndrangheta incendi tutti i negozi? ammazzi tutti? se gli si bloccano le fonti di approvigionamento come possono continuare. Oppure, quali altri rimedi ci sarebbero?


Concordo su questo, il problema è che siccome non denunciano tutti i pochi che denunciano restano soli e questo toglie la voglia agli altri di farlo. Lo stato dovrebbe a mio avviso prevenire il fenomeno, oltre che combatterlo. Del resto la scorta, purtroppo, non è una copertura sicura (nella mia mente torna Borsellino...)



E Berlusconi, di nuovo. Tu stesso paventi l'ipotesi che acquisti Alitalia e tu stesso dici che non basterebbe il suo patrimonio. Poi però dici che lui non vorrebbe rischiare a 72 anni. Allora non lo farà! c'è qualcosa che non torna, e non te lo dico per farti torto, controlla un attimo tutti i punti del ragionamento.

Ah e la definizione di imprenditore è sul Codice Civile o qualche altro codice, non è frutto di scuole di pensiero

Io rispondevo a te che dicevi che potrebbe comprarla lui. Comunque se ho dato una definizione sbagliata mi scuso, anche se era compatibile con il contesto berlusconi (sia chiaro parlare di lui non è il mio sport preferito...)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 15, 2008, 20:23
(nella mia mente torna Borsellino...)


Io rispondevo a te che dicevi che potrebbe comprarla lui. Comunque se ho dato una definizione sbagliata mi scuso, anche se era compatibile con il contesto berlusconi (sia chiaro parlare di lui non è il mio sport preferito...)

eh ho capito ma quelli sono casi limite, non è che per ogni cristo puoi fare saltare in aria delle macchine.

e io rispondevo a Dragha che la storia di Berlusconi che compra l'Alitalia l'ha messa in ballo lui, con tanto di citazione, quindi le frasi che hai detto confermavano che rischierebbe il culo, poi dici che non lo farebbe.

comunque è sempre così, hanno ragione tutti quando si parla di politica. Vedremo i fatti, che vanno per forza commentati così come stanno. Vado a mangiare.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 15, 2008, 20:23
A) sì, aggiungimi cosa pensi del fatto che se la comprasse, col patrimonio che ha, e il GENIO imprenditoriale che lo contraddistingue (e provate a contraddirmi qui)sarebbe SUO STESSO interesse farci avere un servizio di una qualità che non ci siamo mai sognati, nonostante sia così in tutta europa.
Il GENIO imprenditoriale che tu tanto decanti, è stato tanto, ma tanto, ma tanto tanto tanto aiutato dal buon Bettino, che per pararsi il culo dopo è andato in Tunisia. Cosa pensi che abbia creato Milano 2,3,4,5,ecc.. e Mediaset, così di suo, senza aiuti? Spero di no, me lo auguro. OK, è bravo, ma ha unto chi di dovere. Berlusconi è figlio morale di Craxi, lo sappiamo questo vero? Lo sappiamo che andava a braccetto con la figlia, vero? Poi nessuno dice che non sia un bene che salvi Alitalia e rimanga in mano agli italiani (sempre meglio Berlusca che La francia...forse...), semplicemente ho ironizzato su una battuta di Max, che sapevano tutti, poi mi salti su con un "non commento neanche" Su, un pò di spirito umoristico... :thumbsup:

Citazione
B) ah perchè tu assurgi a verità assoluta i reclami sindacali? certo, allora è anche vero che è meglio laziale che FROCIO, come ha detto Storace.
All'epoca tutti TUTTI i sindacati erano contro quello che voleva fare Berlusconi! Ci sarà un motivo no?

Citazione
C) e allora riporta i fatti di cosa ha combinato il governo che è appena caduto, riporta un commento intelligente e non fazioso
Oltre a far pagare le tasse anche ad imprenditori un pochino di più, riporto non un commento, ma un fatto che mi riguarda da vicino. Il mio lavoro (elettrotecnico) è racchiuso nel campo dei metalmeccanici e se abbiamo rinnovato il contratto qualche mese fa, è solo per merito del governo che è sceso in causa, così come fece D'Alema anni fa. Sai nei due rinnovi che sono avvenuti durante l'era berlusconi quante volte è sceso in campo il governo? Devo rispondere? Sai la motivazione? E' una questione privata tra imprenditori e metalmeccanici, il governo non deve intromettersi. Sai qual'è il più grosso movimento lavorativo, il quale racchiude il maggior numero di lavoratori? I metalmeccanici! Dunque il governo non si intromette e non scende in campo, per cercare di mediare il contratto che riguarda il maggior numero di lavoratori italiani? Con più il ritardo del contratto avviene, con più l'aumento salariale slitta a favore degli imprenditori e Berlusconi cos'è? E questo è rappresentare il paese? Devo commentare?

Citazione
del TONFO della sinistra COMUNISTA (e io faccio fatica a pensare di usare una parola del genere nel 2008) e della sconfitta comunque netta della sinistra sensata, sono tutti scemi tranne te e chi non ha votato berlusconi?
Innanzitutto io sono il primo ad essere contento che Bertinotti se ne sia andato una volta per tutte, così come la Santachè (o come si scrive). Io giuro morte a Bertinotti da 10 anni circa, quindi... Poi la parola che usi a fatica, è da sempre lo slogan di Berlusca: non mi torna qualcosa...

Il sunto di tutto questo comunque, secondo il mio modesto parere, è che L'anima è la pubblicità del commercio: non importa il prodotto che vendi, quanto buono sia, conta cosa racconti alla gente e come sai venderti! Questa è la prima regola di un buon pubblicitario e Berlusconi lo sa bene!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Banjo - Aprile, 15, 2008, 20:38
Io, in tutto questo, continuo ad avere molta paura della Lega...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sark - Aprile, 15, 2008, 21:13
Io ho paura dei ministri che instaurerà al governo....uno su tutti TREMONTI...e poi anche quelli della lega..ho sentito l'ipotesi di un CALDEROLI ministro per le riforme!

Un'altra cosa che mi ha sorpreso.
I napoletani poi hanno scelto la via facile del voto a Berlusconi speranzosi nella sua bacchetta magica per far sparire tutti i rifiuti.... Non metto in dubbio che questo accadrà ma il problema sarà il COME e la TRASPARENZA, ovvero: tenendo conto che il metodo + rapido è l'incenerimento e tenendo conto anche che i rifiuti non sono affatto differenziati mi chiedo se prevarrà il bisogno di disfarsene in fretta (inquinando in maniera spropositata) e salvare la faccia, tutto fatto di nascosto, oppure se si farà una cosa fatta bene seppur con un prolungamento dei tempi e dei costi.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Aprile, 15, 2008, 21:22
Come ho letto in questi giorni su internet: l'aver fatto credere agli italiani che i Comunisti, con 7 anni al governo su 60 di repubblica, siano il male peggiore per il paese è paragonabile all'aver venduto frigoriferi agli eschimesi.

Comunque, io un commento sulla disfatta della sinistra(come sui risultati di tutte le forze politiche) l'ho fatto sul mio blog, ve lo copio-incollo.

SINISTRA ARCOBALENO

"La disfatta" o "Lo sfacelo", con una citazione di Fadeev, potrebbe essere chiamata questa tornata elettorale per la sinistra comunista-verde. Il calo era ampiamente previsto e prevedibile: la dissoluzione di tre partiti e mezzo in uno (perdita di identità, specialmente per i verdi e per la componente diessina), l'eredità d'immagine del governo, il tradimento dell'elettorato ed il ruolo stesso giocato dalla sinistra nel governo Prodi (continuamente in piazza, ma poi ligia al dovere nel votare missioni militari, finanziarie, ecc. senza dimenticare il progressivo allontanamento dalle richieste e dalle opinioni dei lavoratori)...insomma, tutto era a sfavore, ma un simile crollo era veramente imprevedibile. Parafrasando Ferretti, la sinistra è finita "fuori da tempo e storia/via dall'eternità/dai cicli e dai progetti/dai radiosi futuri, dal sol dell'avvenire, dalle gloriose armate/dalle stelle e dai simboli/dalle albe umanitarie".
La perdita di voti,  dispersi tra PD(al quale sono affluiti gli antiberlusconiani), Lega(ceti bassi del nord), altri movimenti comunisti che sono rimasti maggiormente coerenti(PCL, SC, che hanno tenuto pure falce e martello) e astensioni, è stata mortale.
La campagna di propaganda è stata al tempo stesso disastrosa: lo slogan èra poco efficace, il logo si è rivelato totalmente senz'anima ed in grado di disperdere le identità singole ed il simbolo comunista per riproporre un arcobaleno che tanto ricordava l'Unione di Prodi(una curiosità: pessimi risultati per i partiti "arcobalenati" delle elezioni, SA e Unione dei Consumatori di Manzione e Bordon), ed infine la retorica è risultata perdente, in quanto ha badato maggiormente ad un antiveltronismo e ad una critica del sistema(argomento condivisibile, ma dannatamente poco pragmatico ed antielettorale), piuttosto che a proposte concrete che avrebbero maggiormente pagato.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 15, 2008, 21:38
Il GENIO imprenditoriale che tu tanto decanti, è stato tanto, ma tanto, ma tanto tanto tanto aiutato dal buon Bettino, che per pararsi il culo dopo è andato in Tunisia. Cosa pensi che abbia creato Milano 2,3,4,5,ecc.. e Mediaset, così di suo, senza aiuti? Spero di no, me lo auguro. OK, è bravo, ma ha unto chi di dovere. Berlusconi è figlio morale di Craxi, lo sappiamo questo vero? Lo sappiamo che andava a braccetto con la figlia, vero? Poi nessuno dice che non sia un bene che salvi Alitalia e rimanga in mano agli italiani (sempre meglio Berlusca che La francia...forse...), semplicemente ho ironizzato su una battuta di Max, che sapevano tutti, poi mi salti su con un "non commento neanche" Su, un pò di spirito umoristico... :thumbsup:
All'epoca tutti TUTTI i sindacati erano contro quello che voleva fare Berlusconi! Ci sarà un motivo no?
Oltre a far pagare le tasse anche ad imprenditori un pochino di più, riporto non un commento, ma un fatto che mi riguarda da vicino. Il mio lavoro (elettrotecnico) è racchiuso nel campo dei metalmeccanici e se abbiamo rinnovato il contratto qualche mese fa, è solo per merito del governo che è sceso in causa, così come fece D'Alema anni fa. Sai nei due rinnovi che sono avvenuti durante l'era berlusconi quante volte è sceso in campo il governo? Devo rispondere? Sai la motivazione? E' una questione privata tra imprenditori e metalmeccanici, il governo non deve intromettersi. Sai qual'è il più grosso movimento lavorativo, il quale racchiude il maggior numero di lavoratori? I metalmeccanici! Dunque il governo non si intromette e non scende in campo, per cercare di mediare il contratto che riguarda il maggior numero di lavoratori italiani? Con più il ritardo del contratto avviene, con più l'aumento salariale slitta a favore degli imprenditori e Berlusconi cos'è? E questo è rappresentare il paese? Devo commentare?
Innanzitutto io sono il primo ad essere contento che Bertinotti se ne sia andato una volta per tutte, così come la Santachè (o come si scrive). Io giuro morte a Bertinotti da 10 anni circa, quindi... Poi la parola che usi a fatica, è da sempre lo slogan di Berlusca: non mi torna qualcosa...

Il sunto di tutto questo comunque, secondo il mio modesto parere, è che L'anima è la pubblicità del commercio: non importa il prodotto che vendi, quanto buono sia, conta cosa racconti alla gente e come sai venderti! Questa è la prima regola di un buon pubblicitario e Berlusconi lo sa bene!

bene, allora dirà bene ai metalmeccanici, anche se mi pare che nel triangolo industriale ci siano stati 2 scioperi ogni 5 giorni (e ti ricordo che io ci vivo, quindi non me li invento, li vivo, anche solo in termini di ingorghi in autostrada e ritardi dei treni).
MA mi è piaciuta tanto la tua ultima frase, in pratica, Berlusconi è un ladro che abbindola i cretini che lo votano (che sarebbero 30000000 se votassero tutti, quindi mettiamo per assurdo che gli aventi diritto siano il 50% e quindi parliamo di 15000000 di stupidi)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Giotto 100 - Aprile, 15, 2008, 21:47
Io non li vedo come stupidi, ma come gente che non vota secondo i propri ideali (la stragrande maggioranza), perchè sembra quasi che non ne voglia sapere di averne.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Claire Redfield - Aprile, 15, 2008, 21:57
Art. 2082
E' imprenditore chi esercita professionalmente un'attività economica organizzata (2555, 2565) al fine della produzione o dello scambio di beni o di servizi (2135, 2195).

Quando sento nominare il codice civile non resisto...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 15, 2008, 22:13
Art. 2082
E' imprenditore chi esercita professionalmente un'attività economica organizzata (2555, 2565) al fine della produzione o dello scambio di beni o di servizi (2135, 2195).

Quando sento nominare il codice civile non resisto...

è vero 2082, ho dato un mese fa diritto commerciale e mi ero già dimenticato il numero dell'articolo :D

giotto da quando gli ideali sono una cosa di sinistra?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 15, 2008, 22:18
Guarda la cosa positiva..adesso la metà dei politici non c'è piu...è finito UNA PARTE del magna magna

il parlamento è sempre composto dallo stesso numero di persone, quindi il magna magna è sempre lo stesso. cambia solo la rappresentanza. Probabilmente i partiti dovranno estendersi piu' capillarmente ora..

O.. disperati.. e molto ma molto delusi..

Non credo che  milioni di persone si sono Indeficentite tutte insieme.
Piantiamola di dare dei deficenti alle persone.

Proviamo a pensare al perchè!

Boh, semplicemente se si realizza il federalismo come lo vogliono loro (e non la riforma mansueta del titolo 5 con i fondi per redarguire le regioni povere del sud) so solo che giu' avranno poco da fare i guappi quelli che hanno votato destra, dovranno rimboccarsi le maniche e stare dietro ai livelli produttivi del centro nord, altrimenti moriranno di fame.. sicuramente in questo modo i fondi strutturali dall'ue non finiranno in mano ai mafiosi, non sarebbe negli interessi dei nostri compaesani meridionali (letto ora mik64 e sono pienamente d'accordo con quello che dice)

sempre mik64 dice

L'imprenditore ha come fine unico il LUCRO PERSONALE, da dividere con gli azionisti ovviamente, mentre lo stato (parlo ovviamente in linea teorica) mira unicamente al soddisfacimento dei bisogni collettivi. Un imprenditore, che per natura punta al massimo guadagno con il minimo sforzo, è portato per natura a pensare prima ai suoi interessi e dopo (ma magari più tardi...) a quelli degli altri. Io sarò anche ignorante, ma quando stavo parlando di devoluzione volevo essere ben più sottile di quanto hai scritto tu.


Questa è una posizione ottocentesca o quasi, tolto che anche il rischio ormai è praticamente nullo per tutti (per far fallire ci vuole proprio un accanimento, vedi alitalia, parmalat, fiat e tutta la nostra industria drogata), il fine ultimo di imprese e aziende pubbliche è l'equilibrio economico, stop. Prova è il fatto che le imprese producono ricchezza, ed è la ricchezza ad essere ridistribuita e garantire il bene comune, inoltre le assunzioni, la ricerca, l'informazione che producono, danno benessere diretto al paese. Questo per liquidare il fine del benessere collettivo (che non confligge con l'equilibrio economico anzi, le aziende sanitarie qua al nord ne sono la prova). Per liquidare il pdv del lucro, nessun'impresa ricerca il lucro, perchè è quasi impossibile distinguere il profitto dal capitale in uso, e anche se uno volesse impostare sul massimo profitto come dicevano nell'800, finisce che prende scelte sbagliatissime. Le imprese, siano pubbliche o private cercano di perdurare nel tempo, attraverso l'equilibrio economico: questo non confligge con la ricerca del benessere collettivo che dovrebbe perseguire lo stato sociale, perchè anche lo stato può andare in bancarotta e quindi sarebbe meglio non operasse in deficit troppo a lungo..

Comunque, se Berlusconi legasse, come sostiene Yoshi, il suo benessere a quello dell'Italia, perchè avrebbe portato i soldi nei paradisi fiscali? Perchè avrebbe depenalizzato alcuni reati fiscali? la questione non torna.
Inoltre, il federalismo fiscale comporta proprio che ci sia molta meno redistribuzione in termini egualitari per il sud, che praticamente, socialmente, diventerà una colonia del nord Italia, a meno che non alzi la testa..Boh, su questo punto non so dire, la cassa del meridione ha drogato l'economia di mezz'italia e anche la loro società ne ha risentito molto. Però se fossi nato al sud mi piacerebbe vedere scene tipo massacri giacobini con teste di mafiosi sulle picche organizzati da chi ci vive, e non dall'esercito. pensiero mio.
Tolto che i problemi del sud non sono tutti la mafia, e che per questioni geografiche non potrà mai essere come ricco come il nord, e che al sud c'è l'italsider, che è una delle piu' grandi acciaierie del mondo, e dire che il secondario non c'è, con tutti i tumori che si beccano tra molise e puglia,per la produzione industriale ultramassiccia mi sembra un po' cinico..
tolto, tolto insomma tutto questo: l'Italia ha vissuto per secoli scroccando soldi agli stupidi sentimentaloni del nord europa con indulgenze plenarie. La gloria che ci ammirano nel mondo l'abbiamo finanziata anche sul loro lavoro e sul loro oro. Siamo un popolo di scrocconi di merda dal nord al sud. Dovremmo allearci per fottere il prossimo nostro, invece che fotterci tra noi.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 15, 2008, 22:27
Come ho letto in questi giorni su internet: l'aver fatto credere agli italiani che i Comunisti, con 7 anni al governo su 60 di repubblica, siano il male peggiore per il paese è paragonabile all'aver venduto frigoriferi agli eschimesi.

Comunque, io un commento sulla disfatta della sinistra(come sui risultati di tutte le forze politiche) l'ho fatto sul mio blog, ve lo copio-incollo.

SINISTRA ARCOBALENO

"La disfatta" o "Lo sfacelo", con una citazione di Fadeev, potrebbe essere chiamata questa tornata elettorale per la sinistra comunista-verde. Il calo era ampiamente previsto e prevedibile: la dissoluzione di tre partiti e mezzo in uno (perdita di identità, specialmente per i verdi e per la componente diessina), l'eredità d'immagine del governo, il tradimento dell'elettorato ed il ruolo stesso giocato dalla sinistra nel governo Prodi (continuamente in piazza, ma poi ligia al dovere nel votare missioni militari, finanziarie, ecc. senza dimenticare il progressivo allontanamento dalle richieste e dalle opinioni dei lavoratori)...insomma, tutto era a sfavore, ma un simile crollo era veramente imprevedibile. Parafrasando Ferretti, la sinistra è finita "fuori da tempo e storia/via dall'eternità/dai cicli e dai progetti/dai radiosi futuri, dal sol dell'avvenire, dalle gloriose armate/dalle stelle e dai simboli/dalle albe umanitarie".
La perdita di voti,  dispersi tra PD(al quale sono affluiti gli antiberlusconiani), Lega(ceti bassi del nord), altri movimenti comunisti che sono rimasti maggiormente coerenti(PCL, SC, che hanno tenuto pure falce e martello) e astensioni, è stata mortale.
La campagna di propaganda è stata al tempo stesso disastrosa: lo slogan èra poco efficace, il logo si è rivelato totalmente senz'anima ed in grado di disperdere le identità singole ed il simbolo comunista per riproporre un arcobaleno che tanto ricordava l'Unione di Prodi(una curiosità: pessimi risultati per i partiti "arcobalenati" delle elezioni, SA e Unione dei Consumatori di Manzione e Bordon), ed infine la retorica è risultata perdente, in quanto ha badato maggiormente ad un antiveltronismo e ad una critica del sistema(argomento condivisibile, ma dannatamente poco pragmatico ed antielettorale), piuttosto che a proposte concrete che avrebbero maggiormente pagato.

La risposta migliore sui problemi della sinistra è proprio quella che non indichi sul blog, e il fatto che non la indichi lo dimostra: mi riferisco all'assenza totale sul territorio. Mentre la lega ha recuperato posizioni con un lavoro capillare, battendo palmo palmo il nord, interessandosi ai presunti problemi, organizzando proteste contro i campi nomadi etc. e intuendo insomma lo zeitgeist del centro nord, la sinistra ha lavorato dall'alto puntando il dito su questioni che a chi non arriva alla fine del mese non fregano un cazzo: unione delle coppie gay, diritti d'immigrazione,droghe leggere, palestina, restando sul vago per quanto riguarda i problemi economici.
Comunque il fatto stesso che quelli si siano propagandati comunisti è come vendere stufe elettriche ai pigmei, se ci fosse ancora Togliatti li avrebbe fatti correre. Sono un carrozzone che è proliferato e che oggi si ritrova gabbato da dei cavernicoli leghisti, come li definirebbero loro.
Per quelli che danno del deficiente a chi ha votato berlusconi: è la democrazia ragazzi, possiamo dire che gli avversari siano scadenti, che non abbiano la nostra nobiltà, ma se hanno vinto sono un passo avanti a noialtri, per questo è meglio lasciare da parte la presunzione, rimboccarsi le maniche e comunque consolarci del fatto che noi per i prossimi 5 anni o quanti saranno possiamo sempre lamentarci, mentre chi ha votato Berlusconi se lo puppa tutto quanto.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Giotto 100 - Aprile, 15, 2008, 22:33
giotto da quando gli ideali sono una cosa di sinistra?
Allora innanzittutto non è un discorso rivolto solamente alla sola sinistra (che io ritengo disorganizzata a livelli massimi), ma anche al centrosinistra. Innanzittutto la sinistra comunista DOVREBBE (ma con i rappresentanti che ha e che ha avuto non ha mai fatto) lottare per i diritti dei lavoratori in uno stato pubblico e credo che dagli elettori della sinistra e anche del centrosinistra la lotta c'è stata anche se, a volte, per degli scioperi inutili. Lottare per i propri diritti di lavoratore in uno stato pubblico, guardare la VERA situazione economica dell'Italia, beh sinceramente trovo che siano ideali molto più importanti di un programma presentato tra frecciatine al PD e ai comunisti mangiabambini, evitando sempre lo scontro diretto in TV (approffitando così della par condicio, sostenendo poi che è una cazzo di legge), proponendo di mandare via il presidente della Repubblica e tanto altro. Io sinceramente se fossi maggiorenne non voterei MAI uno come Berlusconi solamente per questi motivi, ritengo che non si può lasciare il paese nelle mani di un uomo simile.
Ovviamente l'opposizione non è fatta di santarelli, ma di certo si è comportata in una maniera molto più civile nella fase di propaganda e ha fatto mostrato a tutti gli italiani il loro vero compito.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 15, 2008, 22:41
Allora innanzittutto non è un discorso rivolto solamente alla sola sinistra (che io ritengo disorganizzata a livelli massimi), ma anche al centrosinistra. Innanzittutto la sinistra comunista DOVREBBE (ma con i rappresentanti che ha e che ha avuto non ha mai fatto) lottare per i diritti dei lavoratori in uno stato pubblico e credo che dagli elettori della sinistra e anche del centrosinistra la lotta c'è stata anche se, a volte, per degli scioperi inutili. Lottare per i propri diritti di lavoratore in uno stato pubblico, guardare la VERA situazione economica dell'Italia, beh sinceramente trovo che siano ideali molto più importanti di un programma presentato tra frecciatine al PD e ai comunisti mangiabambini, evitando sempre lo scontro diretto in TV (approffitando così della par condicio, sostenendo poi che è una cazzo di legge), proponendo di mandare via il presidente della Repubblica e tanto altro. Io sinceramente se fossi maggiorenne non voterei MAI uno come Berlusconi solamente per questi motivi, ritengo che non si può lasciare il paese nelle mani di un uomo simile.
Ovviamente l'opposizione non è fatta di santarelli, ma di certo si è comportata in una maniera molto più civile nella fase di propaganda e ha fatto mostrato a tutti gli italiani il loro vero compito.


bel discorso, quando spieghi perchè uno di destra non ha ideali fammi un fischio che mi sto annoiando
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 15, 2008, 22:43
Allora innanzittutto non è un discorso rivolto solamente alla sola sinistra (che io ritengo disorganizzata a livelli massimi), ma anche al centrosinistra. Innanzittutto la sinistra comunista DOVREBBE (ma con i rappresentanti che ha e che ha avuto non ha mai fatto) lottare per i diritti dei lavoratori in uno stato pubblico e credo che dagli elettori della sinistra e anche del centrosinistra la lotta c'è stata anche se, a volte, per degli scioperi inutili. Lottare per i propri diritti di lavoratore in uno stato pubblico, guardare la VERA situazione economica dell'Italia, beh sinceramente trovo che siano ideali molto più importanti di un programma presentato tra frecciatine al PD e ai comunisti mangiabambini, evitando sempre lo scontro diretto in TV (approffitando così della par condicio, sostenendo poi che è una cazzo di legge), proponendo di mandare via il presidente della Repubblica e tanto altro. Io sinceramente se fossi maggiorenne non voterei MAI uno come Berlusconi solamente per questi motivi, ritengo che non si può lasciare il paese nelle mani di un uomo simile.
Ovviamente l'opposizione non è fatta di santarelli, ma di certo si è comportata in una maniera molto più civile nella fase di propaganda e ha fatto mostrato a tutti gli italiani il loro vero compito.


La penso anche io così, cattiva organizzazione su tutti. Gli ideali Yoshi sono sia di destra che di sinistra, molto probabilmente non saranno i tuoi...ma sono di altri. Ergo esistono.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 15, 2008, 22:47
bel discorso, quando spieghi perchè uno di destra non ha ideali fammi un fischio che mi sto annoiando

Yoshi, mi sapresti dire chi è che ha fatto le principali riforme liberali, in Italia, dall'inizio degli anni 90? e quelle costituzionali che contano, anche..
Non c'entra con la questione degli ideali,nè con quello che succederà, è solo prassi pura.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Giotto 100 - Aprile, 15, 2008, 23:05
bel discorso, quando spieghi perchè uno di destra non ha ideali fammi un fischio che mi sto annoiando
Ti sembra che uno si fa coinvolgere da uno come Berlusconi per votarlo possa avere ideali? Uno che avrebbe veramente ideali, ad uno come Berlusconi dovrebbe averlo mandato a fanculo da molto tempo e adesso non dovrebbe nemmeno ricordarsi del suo nome. Si possono avere ideali a votare una persona così moralmente pessima? E' la dimostrazione che il popolo degli italiani oltre ad essere visto come il popolo più furbo del mondo, è anche il più pollo. Perchè di certo non è furbo votare uno che vuole fare il furbo con te! :laughing7:
Destra e centrodestra dovrebbero lottare per avere uno stato privato, ma di certo non lo fanno, visto che la maggior parte delle loro mosse, quando sono saliti al governo, hanno solamente approffitato delle potenzialità dello stato pubblico, facendo veramente poco di buono (e poche riforme, dove in un paese come quello italiano ne servirebbero a manetta su tutto) per quello che serviva assolutamente all'Italia. Gli elettori di destra e centrodestra, al contrario dell'opposizione, non hanno mai chiesto, ma solamente visto standosene zitti. Fanno tanti movimenti politici per i giovani, ma ogni volta che ho parlato con uno di questi giovani, è più comprensibile parlare con uno che di politica non ne sa veramente un cazzo. Ti giuro, lo scopo principale di destra e centrodestra mi è sempre sembrato una critica nei confronti dell'opposizione, senza un minimo di motivazioni argomentate. Ecco questo per me non è avere ideali, ma semplicemente farsi coinvolgere senza usare la propria testa. Ripeto non tutti sono così, e tu sei il pieno esempio, ma io posso trovarti una marea di gente, dalla tv alla vita reale che votano secondo le tette di Mediaset e le provocazioni inutili di Berlusconi. E Berlusconi per vincere ha sempre puntato su questo con ottimi risultati, guarda caso si laureò con lode presentando una tesi sul contratto di pubblicità per inserzione.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 15, 2008, 23:19
Ti sembra che uno si fa coinvolgere da uno come Berlusconi per votarlo possa avere ideali? Uno che avrebbe veramente ideali, ad uno come Berlusconi dovrebbe averlo mandato a fanculo da molto tempo e adesso non dovrebbe nemmeno ricordarsi del suo nome. Si possono avere ideali a votare una persona così moralmente pessima? E' la dimostrazione che il popolo degli italiani oltre ad essere visto come il popolo più furbo del mondo, è anche il più pollo. Perchè di certo non è furbo votare uno che vuole fare il furbo con te! :laughing7:
Destra e centrodestra dovrebbero lottare per avere uno stato privato, ma di certo non lo fanno, visto che la maggior parte delle loro mosse, quando sono saliti al governo, hanno solamente approffitato delle potenzialità dello stato pubblico, facendo veramente poco di buono (e poche riforme, dove in un paese come quello italiano ne servirebbero a manetta su tutto) per quello che serviva assolutamente all'Italia. Gli elettori di destra e centrodestra, al contrario dell'opposizione, non hanno mai chiesto, ma solamente visto standosene zitti. Fanno tanti movimenti politici per i giovani, ma ogni volta che ho parlato con uno di questi giovani, è più comprensibile parlare con uno che di politica non ne sa veramente un cazzo. Ti giuro, lo scopo principale di destra e centrodestra mi è sempre sembrato una critica nei confronti dell'opposizione, senza un minimo di motivazioni argomentate. Ecco questo per me non è avere ideali, ma semplicemente farsi coinvolgere senza usare la propria testa. Ripeto non tutti sono così, e tu sei il pieno esempio, ma io posso trovarti una marea di gente, dalla tv alla vita reale che votano secondo le tette di Mediaset e le provocazioni inutili di Berlusconi. E Berlusconi per vincere ha sempre puntato su questo con ottimi risultati, guarda caso si laureò con lode presentando una tesi sul contratto di pubblicità per inserzione.

ma tu accusi Berlusconi del sistema che da sempre caratterizza tutta la politica italiana! è assurdo... semplicemente assurdo.
Io non mi offendo SOLO perchè questa volta ho votato la Lega, e voglio vedere chi dice che chi vota la Lega non ha ideali. Ma l'ideale non è solo quello di un mondo migliore dove volano le farfalle eh, a me sembra che riforme se ne facciano, salvo ammazzare chi le promuove.
E poi accusi di disfattismo quello che tutto ciò che ha fatto l'ha visto INVERTITO appena non era più al governo.
E poi per favore, abbi rispetto per il caro vecchio Italiano...
Citazione
Uno che avrebbe veramente ideali, ad uno come Berlusconi dovrebbe averlo mandato a fanculo da molto tempo e adesso non dovrebbe nemmeno ricordarsi del suo nome.
:O
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Novanoid - Aprile, 15, 2008, 23:34
elezioni davvero scoraggianti
era ingenuo aspettarsi un risultato opposto, ma in un distacco meno marcato ci speravo
trionfo della lega, tonfo totale della sinistra
sulla sicilia no comment. dico solo: unica regione dove l'udc abbia guadagnato seggi. lombardo-finocchiaro 65%-30%.
...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 15, 2008, 23:36
elezioni davvero scoraggianti
era ingenuo aspettarsi un risultato opposto, ma in un distacco meno marcato ci speravo
trionfo della lega, tonfo totale della sinistra
sulla sicilia no comment. dico solo: unica regione dove l'udc abbia guadagnato seggi. lombardo-finocchiaro 65%-30%.
...

ma saranno scoraggianti per te :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Novanoid - Aprile, 15, 2008, 23:47
ne riparliamo tra qualche anno
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 16, 2008, 00:07
ne riparliamo tra qualche anno

sì, però dati alla mano, non "berlusconimerdaanchesenonsodicosastoparlando". E poi pensi davvero che possa essere peggio di prima?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 16, 2008, 00:10
sì, però dati alla mano, non "berlusconimerdaanchesenonsodicosastoparlando". E poi pensi davvero che possa essere peggio di prima?

Scusami, dati alla mano?

Banca Intesa, che non è un organo di sinistra, ha detto che il programma di "berlusconimerdaanchesenonsodicosastoparlando" è fuori di 57miliardi di €, mentre quello di Veltroni di un milione di €. Dati alla mano?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 16, 2008, 00:12
Scusami, dati alla mano?

Banca Intesa, che non è un organo di sinistra, ha detto che il programma di "berlusconimerdaanchesenonsodicosastoparlando" è fuori di 57miliardi di €, mentre quello di Veltroni di un milione di €. Dati alla mano?

sì, il programma... vabbè dai, complimenti per aver vinto le elezioni, spero che sappiate governare meglio di quelli di prima, che eravate voi. trovate l'intruso.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 16, 2008, 00:19
sì, il programma... vabbè dai, complimenti per aver vinto le elezioni, spero che sappiate governare meglio di quelli di prima, che eravate voi. trovate l'intruso.

L'intruso?

Scusami ha vinto le elezioni con un programma che, se applicato (e dubito della sua onestà intellettuale per pregiudizio), sarebbe fuori di una cifra pari a due finanziarie di Prodi.

Due ipotesi:

1)Mente, a mio modo di vedere niente di straordinariamente nuovo
2)Diventa un gran politico e rispetta le sue dichiarazioni. Da dove prenderà i soldi?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 16, 2008, 00:23
lo scopriremo solo vivendo... e, ripeto, dati alla mano, e i dati sono quelli sul PASSATO, non sulle previsioni apocalittiche.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 16, 2008, 00:29
lo scopriremo solo vivendo... e, ripeto, dati alla mano, e i dati sono quelli sul PASSATO, non sulle previsioni apocalittiche.

Sisi certo vedremo, magari avverrà l'inverosimile, tra qualche mese sarò qui a chiedere perdono per non aver riposto fiducia in berlusconi. Tutto può essere, io volevo solo dire che tra le due campagne l'unica credibile, a livello di programma, era il PD. Dal mio punto di vista.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 16, 2008, 00:33
Sisi certo vedremo, magari avverrà l'inverosimile, tra qualche mese sarò qui a chiedere perdono per non aver riposto fiducia in berlusconi. Tutto può essere, io volevo solo dire che tra le due campagne l'unica credibile, a livello di programma, era il PD. Dal mio punto di vista.

il fatto è che può succedere TUTTO, tranne che chi odia Berlusconi ammetta che ha fatto bene anche se domani fossimo tutti milionari.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 16, 2008, 00:52
sì, però dati alla mano, non "berlusconimerdaanchesenonsodicosastoparlando". E poi pensi davvero che possa essere peggio di prima?

yoshi, dati alla mano, visto che studi diritto, conoscerai qualche riforma legislativa fatta da berlusconi..no? intendo, nella p.a., nel pubblico impiego, leggi su privatizzazioni, riforme in senso federalista etc...
leggi di questo tipo. Non voglio sentire parlare di leggi sull'immigrazione, leggi sulle droghe. Dimmi quello che ha fatto il centro destra negli ultimi 15 anni, a me sfugge.
Dimmi qualcosa di destra, io non me lo ricordo..io mi ricordo di forza italia come di un partito statalista e populista peggio dei peggiori governi di sinistra che l'Italia abbia visto..che per inciso, non sono stati quelli dopo gli anni 90, anzi.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 16, 2008, 01:04
yoshi, dati alla mano, visto che studi diritto, conoscerai qualche riforma legislativa fatta da berlusconi..no? intendo, nella p.a., nel pubblico impiego, leggi su privatizzazioni, riforme in senso federalista etc...
leggi di questo tipo. Non voglio sentire parlare di leggi sull'immigrazione, leggi sulle droghe. Dimmi quello che ha fatto il centro destra negli ultimi 15 anni, a me sfugge.
Dimmi qualcosa di destra, io non me lo ricordo..io mi ricordo di forza italia come di un partito statalista e populista peggio dei peggiori governi di sinistra che l'Italia abbia visto..che per inciso, non sono stati quelli dopo gli anni 90, anzi.

no, e non conosco nemmeno quelle fatte da D'alema, Prodi e compagnia bella.
E poi bello fare riforme con 354938590358390 emendamenti, dai tempo e vedrai che adesso le fanno. (A partire dalla legge elettorale)
Inoltre solo le riforme esistono, cioè voglio dire la legge Biagi ha dato posti di lavoro (che per la QUASI TOTALITA' diventano fissi dopo un po') a chi il lavoro non lo trovava... e si dice che è una legge per il PRECARIATO e la DISOCCUPAZIONE! Cioè mettiamo che prima sei un poveraccio disoccupato, io ti do lavoro per 4 anni poi vado a bagno e ti licenzio (e chi dice che non deve sussistere la giusta causa sbaglia, leggetevi il testo): ti ho fatto un dispetto perchè ti licenzio o un piacere perchè almeno hai vissuto, mentre senza questa formula io non potevo neanche rischiare di assumerti?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 16, 2008, 01:25
bene, allora dirà bene ai metalmeccanici, anche se mi pare che nel triangolo industriale ci siano stati 2 scioperi ogni 5 giorni (e ti ricordo che io ci vivo, quindi non me li invento, li vivo, anche solo in termini di ingorghi in autostrada e ritardi dei treni).
Anch'io, avendo meno in busta e se li faccio non è che mi diverto!

Citazione
MA mi è piaciuta tanto la tua ultima frase, in pratica, Berlusconi è un ladro che abbindola i cretini che lo votano
A meno che non siamo ciechi, sì... Solo una delle tante derubate del Berlusca, il digitale terrestre.
Con la sua finanziaria di alcuni anni fa, ha finanziato il digitale terrestre agli italiani coi soldi statali, così da vendersi come benefattore delle nuove tecnologie. Sotto cosa c'era? Che il buon Silvio ha stipulato un contratto con una società che produceva i decoder e a capo della società che li distribuiva, chi c'era? Paolo Berlusconi, il fratello. Siamo così allocchi che crediamo alle favole, oppure siamo consci che toglieva soldi allo stato, per mandarli nelle casse di famiglia tramite il fratello? E gli appalti pubblici edili, che li vinceva sempre, guarda caso, il ministro della Lega (credo) di cui non ricordo il nome, gonfiati all'inverosimile sperperando i soldi statali? Potrei andare avanti: condoni edilizi at personam, per costriure abusivamente nella sua villa/isola in Sardegna, o dove sia, leggi at personam sull'immunità alle 5 più alte cariche dello stato (tra cui lui), guarda caso quando c'era il processo Fininvest, quando ci fu la presidenza italiana, disse contro tutti e tutto, dando dei buffoni a Germania, Francia, ecc..., con Fini che voleva sprofondare nella sedia e Follini che si dissociava, ecc.... bla bla bla...

Inoltre solo le riforme esistono, cioè voglio dire la legge Biagi ha dato posti di lavoro (che per la QUASI TOTALITA' diventano fissi dopo un po')
:laughing4:
Citazione
a chi il lavoro non lo trovava... e si dice che è una legge per il PRECARIATO e la DISOCCUPAZIONE! Cioè mettiamo che prima sei un poveraccio disoccupato, io ti do lavoro per 4 anni poi vado a bagno e ti licenzio (e chi dice che non deve sussistere la giusta causa sbaglia, leggetevi il testo): ti ho fatto un dispetto perchè ti licenzio o un piacere perchè almeno hai vissuto, mentre senza questa formula io non potevo neanche rischiare di assumerti?
Mai sentito parlare di contratti a termine?

Comunque, come dice Shandon, ha fatto credere che la disfatta dell'Italia l'ha fatta il Centro Sinistra con 6 anni di governo e non la destra con 60. Questo si crede, se non siamo (notare SIAMO, non siete) allocchi credendo questo, allora...

Comunque, dati alla mano, prova a far quadrare i conti e trarre i risultati del governo che ha portato avanti Berlusconi dal 2001 al 2006 e vedrai che peggio di così non poteva andare, siamo stati lo zimbello dell'Europa... :angry7:
Ah, dimenticavo, ricordati ti togliere la pubblicità, altrimenti... :laughing7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 16, 2008, 01:32
sì certo è stato meglio prodi, e poi nel 2001 mica c'era recessione...
è inutile continuare qui, capite bene che non ha senso, ognuno ha la sua, ma io guardo il risultato: vi siete presi una tranvata in faccia. Avete fatto tutto quello che potevate fare per averla e l'avete beccata! E adesso ci vediamo tra 5 anni... chissà perchè ma io dubito che la busta paga di un mio amico neolaureato in tempo di scorse elezioni continui a scendere... siamo a quota 13% in 2 anni. Vediamo un po' adesso, e se si abbasserà ulteriormente sarò qui a dirlo.

ah grazie per il cretino da parte mia e di qualche milione di italiani.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 16, 2008, 01:35
sì certo è stato meglio prodi, e poi nel 2001 mica c'era recessione...
Non mi risulta...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 16, 2008, 01:40
Non mi risulta...

dopo l'11 settembre?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 16, 2008, 01:52
Ok allora te ne tiro fuori qualcuna: riforma del titolo V (maggiore autonomia alle regioni, praticamente equiparabile per moltissimi aspetti a quelle ad autonomia speciale, pur conservando fondi sperequativi - elezione diretta del presidente e aut simul stabunt  aut simul cadent) e t.u. sugli enti locali (a partire dalla 142/1990) privatizzazioni tra il 93 e il 2001 (partite con la 142/1990 e forzate dal dl 333/1992 che ha imposto la trasformazione in spa) e aziendalizzazioni per il rinnovo della p.a., trattato di mastricht e rientro nei parametri di convergenza euro (cosa ritenuta impossibile, visti i punti di disavanzo: tutto questo in un anno di governo prodi che ha lasciato a bocca aperta l'europa e ha mostrato di che tempra può essere fatto questo paese), voto degli italiani all'estero.. e posso continuare.
Ovvio, molte cose sono state iniziate dai governi tecnici: ciampi, e amato.
Però la sinistra le ha concluse, nonostante abbia avuto 4 governi invece dei 2 di berlusconi, e di questi 4 solo 2 sono di D'alema, 1 di prodi e uno di amato.
Poi lascia stare la legge biagi: si chiama legge maroni. Se leggi le idee di biagi noterai che c'entra poco. Per il resto basta farsi un giro nei call center per vedere quanto viene tenuta in conto la "giusta causa".. "oh, sei una puttana dell'est denutrita, ti fotto ben bene e poi ti allungo 30 euro, poverina..."
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 16, 2008, 01:58
ah per il resto, sempre 11 settembre. In germania hanno ripianato il deficit dopo essersi presi metà del territorio che stava peggio della terronia, nel frattempo, in francia gli stipendi aumentano, in inghilterra ci sono piu' posti di lavoro per italiani che qua in italia. O la recessione ha beccato solo l'italia tipo nuvola nera di fantozzi, o il pil quando governa certa gente va giu' peggio delle montagne russe. Fino al 2000 eravamo un paese ricco, ve lo ricordate tutti.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 16, 2008, 02:07
ciononostante, sono contento che abbia vinto il cdx con così tanto stacco. Questo perchè almeno stavolta possiamo vederci chiaro davvero; io almeno ho i miei metri di giudizio ossia:
Nei prossimi 5 anni ho dei progetti che penso rientrino in pieno nel programma di berlusconi;
anzitutto voglio trovare un lavoro, da laureato. Poi voglio prendere casa, mettere su famiglia e fare 2 figlioli almeno. Non sono gay e non ho pretese troppo contrarie ai dettami della chiesa..ma voglio vivere decorosamente e poter risparmiare per il futuro.
Questo è quello che mi aspetto da questi 5 anni. Sono fidanzato, sto per laurearmi con buonissimi voti e quindi non mi sembra niente di impossibile.. voglio vedere proprio.
Ah, post scriptum: lo so che la politica non ha la sfera di cristallo nè poteri magici, ma io chiedo quello che chiederebbe qualsiasi elettore medio..questo devono essere in grado di farlo, ce l'hanno promesso, no?
post scriptum numero 2: ovviamente le vacanze le voglio fare, e prendere aerei alitalia da malpensa
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Nintendosa - Aprile, 16, 2008, 10:59
Vorrei mettere da parte le discussioni su vincitori e vinti, Berlusca e Veltroni, veramente adesso sono ansiosa di vedere se la situazione economica dell'Italia (la cosa che mi preme di più) si risolleva, perchè io sono la prima a dire che questi ultimi 2 anni sono stati pessimi, è stato un declino progressivo nel tempo.
Sinceramente la proposta di detassare straordinari, 13me e 14me è molto positiva ed un buon inizio, ma sinceramente non mi cambia di certo la vita se prenderò €30,00 (lordi) di straordinario anzichè €25,00 (netti). Il problema è che si devono rivedere TUTTI i contratti nazionali, è innamissibile e osceno che la sottoscritta 3° livello (con tutto rispetto una buona figura professionale e sono l'unica nello studio a ricoprirla) in uno studio commercialista prende NETTI €970,00 circa al mese.
Ripeto, va bene detassare premi produzione ecc. ecc, ma negli ultimi anni il costo della vita è cresciuto di moltissimo mentre davvero gli stipendi/pensioni sono rimasti invariati.
E per tornare al discorso dei contratti di lavoro, la cosa che mi fa imbestialire di più è che si parla sempre e comunque di aumenti contrattuali ai metalmeccanici e dipendenti pubblici e basta, il privato non esiste e questa mia protesta è rivolta anche verso i sindacati, che credo che ormai appunto si concentrano solo sulle categorie pubbliche e operai delle fabbriche! :angry7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 16, 2008, 11:07
Vorrei mettere da parte le discussioni su vincitori e vinti, Berlusca e Veltroni, veramente adesso sono ansiosa di vedere se la situazione economica dell'Italia (la cosa che mi preme di più) si risolleva, perchè io sono la prima a dire che questi ultimi 2 anni sono stati pessimi, è stato un declino progressivo nel tempo.
Sinceramente la proposta di detassare straordinari, 13me e 14me è molto positiva ed un buon inizio, ma sinceramente non mi cambia di certo la vita se prenderò €30,00 (lordi) di straordinario anzichè €25,00 (netti). Il problema è che si devono rivedere TUTTI i contratti nazionali, è innamissibile e osceno che la sottoscritta 3° livello (con tutto rispetto una buona figura professionale e sono l'unica nello studio a ricoprirla) in uno studio commercialista prende NETTI €970,00 circa al mese.
Ripeto, va bene detassare premi produzione ecc. ecc, ma negli ultimi anni il costo della vita è cresciuto di moltissimo mentre davvero gli stipendi/pensioni sono rimasti invariati.
E per tornare al discorso dei contratti di lavoro, la cosa che mi fa imbestialire di più è che si parla sempre e comunque di aumenti contrattuali ai metalmeccanici e dipendenti pubblici e basta, il privato non esiste e questa mia protesta è rivolta anche verso i sindacati, che credo che ormai appunto si concentrano solo sulle categorie pubbliche e operai delle fabbriche! :angry7:

l'inflazione dipende da quei miliardi di musetti gialli e indiani che vogliono pappa, macchine etc. il fatto di stare in europa ci impedisce di giocare alla solita carta che abbiamo sempre usato: svalutare la moneta per aumentare le esportazioni..quindi siamo aggrediti dai mercati low cost dell'east.
le forze che ci sono ora al governo pensano di creare una festung europa, da quanto ho capito..
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Aprile, 16, 2008, 11:39
Circa i problebli di SA, l'assenza dal territorio era sintetizzata dal punto "ll progressivo allontanamento dalle richieste e dalle opinioni dei lavoratori". Come ha detto Bertinotti stesso hanno abbandonato i cancelli delle fabbriche per diventare partito d'opinione. Poi anche gli altri fattori citati li trovo significativi.


Poi vorrei fare una domanda, agli elettori del centrodestra, e in particolare a quelli di Berlusconi.
Senza alcuna polemica, solo per capire:

Come giudicate una parte del passato, del curriculum e delle leggi di Berlusconi?

Ad esempio, come considerate i provvedimenti sul conflitto di interessi, la Gasparri, la legge elettorale, la legge che ha abolito il falso in bilancio, la Cirielli? Oppure, che ne pensate dei suoi processi, delle sue dichiarazioni ("Mangano è un eroe", per dire l'ultima), dello squilibrio mediatico che fomenta (ovvero, vi pare corretto o tollerabile che abbia tre reti televisive nazionali su nove?), del suo abnorme potere economico?

Come vedete non ho tirato in ballo il suo modo di far politica, le sue gag e le sue gaffe, che probabilmente vi piacciono o vi lasciano del tutto indifferenti. Voglio solo sapere come vi regolate con le questioni, obiettivamente esistenti, che ho sopra citate: le ignorate, pensate che siano frutto di propaganda e non ci credete, vi sembrano secondarie, vi sembrano irrilevanti.

Lo chiedo per cercare di capire un attimo quello che è evidentemente un nodo dell'incomunicabilità tra una certa parte del paese e un'altra.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 16, 2008, 13:33
L'11 Settembre, il più grosso colpo di culo che ha avuto Berlusca per salvarsi la faccia! Andiamo male, ovvio dopo l'11 Settembre, non è colpa sua! La recessione non l'ha fatta Berlusconi pensando ai suoi interessi, no, l'11 Settembre e i comunisti! Ma per piacere... Poi l'Euro, che solo da noi ha avuto conseguenze così drastiche, perchè? Perchè in Italia il governo non ha incaricato degli organi competenti (come hanno fatto altrove), a tenere sottocchio la speculazione di commercianti e, soprattutto, industriali che alzavano i prezzi a dismisura e perchè? Non c'entra niente che Berlusconi è industriale vero? No no! :angry7:
Come dicevo ieri: sapersi vendere vuol dire molto!

La detassazione degli straordinari a me fa comodo, ma vallo a dire ad un giovane che non viene assunto, perchè quelli che hanno già dei posti di lavoro sono incentivati a lavorare sempre di più. Invece di disincentivare gli straordinari e incentivare le assunzioni, facciamo il contrario con che risultato? Chi lavora lavorerà sempre di più e chi è a casa ci rimarrà ancora, o almeno sarà sfruttato perchè il padrone può licenziarlo quando e come vuole.

Vabbè... vedremo! :angry7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 16, 2008, 14:07
per quanto riguarda l'11 settembre hai ragione, non ha fatto andare a bagno tutti! no no! argomento chiuso.

per quanto riguarda i Processi di Berlusconi, a me non pare che sia mai stato condannato, o che sia stata confermata qualche condanna grave sul suo conto.
La frase me la sono persa, ma se è stata una gaffe io credo che ci sia di peggio, se guardiamo tutte le gaffe dei politici finiamo male.
La legge sul falso bilancio non ha eliminato l'illecito, ma il reato, e c'è una bella differenza. Senza stare a sindacare se l'abbia fatta ad ho co no, resta il fatto che in molti casi ciò evita di massacrare chi dichiara il falso anche involontariamente, e nei casi in cui il falso in bilancio è grave si incorre comunque in sanzioni salate, cambia solo la questione penale.
E sulle TV io non trovo assolutamente nessun problema, tanto più che ad eccezione di Fede l'informazione di mediaset è assolutamente bipartizan.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 16, 2008, 14:10
Fede

A proposito ricordiamo che è 129 anni che Rete4 dovrebbe essere sul satellite...

Ovviamente qua è colpa di chi non ha vigilato quando poteva.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 16, 2008, 14:12
A proposito ricordiamo che è 129 anni che Rete4 dovrebbe essere sul satellite...

Ovviamente qua è colpa di chi non ha vigilato quando poteva.

Grazie a una legge fatta da chi?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Mik64 - Aprile, 16, 2008, 14:15
Grazie a una legge fatta da chi?

Infatti ho scritto per colpa di chi non ha vigilato se hai letto bene....

Parlavo solo del dato oggettivo, lo so bene di chi è colpa  :laughing7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Pikmin o zazà - Aprile, 16, 2008, 14:15
per quanto riguarda l'11 settembre hai ragione, non ha fatto andare a bagno tutti! no no! argomento chiuso.

per quanto riguarda i Processi di Berlusconi, a me non pare che sia mai stato condannato, o che sia stata confermata qualche condanna grave sul suo conto.
La frase me la sono persa, ma se è stata una gaffe io credo che ci sia di peggio, se guardiamo tutte le gaffe dei politici finiamo male.
La legge sul falso bilancio non ha eliminato l'illecito, ma il reato, e c'è una bella differenza. Senza stare a sindacare se l'abbia fatta ad ho co no, resta il fatto che in molti casi ciò evita di massacrare chi dichiara il falso anche involontariamente, e nei casi in cui il falso in bilancio è grave si incorre comunque in sanzioni salate, cambia solo la questione penale.
E sulle TV io non trovo assolutamente nessun problema, tanto più che ad eccezione di Fede l'informazione di mediaset è assolutamente bipartizan.

Vedi cosa dice Beppe Grillo sui processi di Silvio e vediamo...

Sulle TV mi sembrano tutti dalla sua parte: quando è andato da quel leccaculo di Vespa i giornalisti che dovevano controbattere erano tutti "i suoi"(parlo di un mesetto fa).
Per non parlare di quando fece fare una figura di merda pazzesca all'Italia dando del Kapo ad un tedesco che giustamente muoveva delle accuse all'Italia(non ricordo quali erano ma erano giustissime....vidi il video su You-Tube)....che successe?Che in tutto il mondo ne spararono di peste e corna sul Berlusca mentre in Italia tutti lo lodavano e ne parlavano bene dell'accaduto! :angry7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 16, 2008, 14:22
Vedi cosa dice Beppe Grillo sui processi di Silvio e vediamo...


non fai che darmi ragione, dato che Beppe Grillo è un imbonitore di ignoranti che parla senza provare quello che dice... è considerato un idiota tanto a destra quanto a sinistra, basta avere un po' di cervello.

Mik la mia domanda sta a significare che io trovo che le strumentalizzazioni e le leggi ad hoc, pro o contro che siano, ci sono da tutte le parti
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 16, 2008, 14:23
per quanto riguarda l'11 settembre hai ragione, non ha fatto andare a bagno tutti! no no! argomento chiuso.

per quanto riguarda i Processi di Berlusconi, a me non pare che sia mai stato condannato, o che sia stata confermata qualche condanna grave sul suo conto.
La frase me la sono persa, ma se è stata una gaffe io credo che ci sia di peggio, se guardiamo tutte le gaffe dei politici finiamo male.
La legge sul falso bilancio non ha eliminato l'illecito, ma il reato, e c'è una bella differenza. Senza stare a sindacare se l'abbia fatta ad ho co no, resta il fatto che in molti casi ciò evita di massacrare chi dichiara il falso anche involontariamente, e nei casi in cui il falso in bilancio è grave si incorre comunque in sanzioni salate, cambia solo la questione penale.
E sulle TV io non trovo assolutamente nessun problema, tanto più che ad eccezione di Fede l'informazione di mediaset è assolutamente bipartizan.

rispondi anche alle mie argomentazioni, per favore.. Poi è difficile, molto difficile condannare un demagogo..ma penso che ormai ci abbiano rinunciato tutti, e probabilmente la legge sul conflitto d'interessi la faranno dopo che silvio avrà mollato il potere.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 16, 2008, 14:25
Grazie a una legge fatta da chi?

vedi, in una democrazia quando uno fallisce, dovrebbe essere l'altro a provvedere. Quindi se la sinistra ha fallito nel fare applicare un contratto di diritto privato, ci dovrebbe pensare la destra..che non ci pensa perchè ha altri interessi.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Pikmin o zazà - Aprile, 16, 2008, 14:27
non fai che darmi ragione, dato che Beppe Grillo è un imbonitore di ignoranti che parla senza provare quello che dice... è considerato un idiota tanto a destra quanto a sinistra, basta avere un po' di cervello.

Niente di più falso.Lui mette la faccia e parla di cose concrete parla di cose vere...ai suoi spettacoli quando parla ha spesso con se documenti che provano alcune delle cose che dice......per non parlare delle denunce che si è preso...il Time non per nulla lo ha nominato uno degli uomini più.....bho!Non me ricordo!....mi da fastidio che chi ama la politica lo attacchi perchè attacca il suo politico "preferito"....sia ben chiaro che io odio a morte TUTTI i politici....odio Belusconi come odio Veltroni.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 16, 2008, 14:39
vedi, in una democrazia quando uno fallisce, dovrebbe essere l'altro a provvedere. Quindi se la sinistra ha fallito nel fare applicare un contratto di diritto privato, ci dovrebbe pensare la destra..che non ci pensa perchè ha altri interessi.

beh abbiate pazienza che tanto tra un po'ì TUTTA la tv sarà in digitale e ci mettiamo il cuore in pace (e con questo rispondo a chi prima diceva della "truffa" del digitale terrestre).
Per quanto riguarda le tue argomentazioni, non sono un appassionato di riforme e compagnia bella, io ti parlo da un mero punto di vista economico, anche negli anni più bui per l'economia (prescindendo dal fatto di chi siano le colpe) noi stavamo abbastanza bene, mentre ultimamente siamo nella merda, in questi ultimi due anni non hai idea di come ci sia lievitato il costo della vita e gli stipendi addirittura diminuiti (e ti parlo di mia madre,primario del principale centro analisi del ponente ligure con 35 anni di carriera). Senza poi contare che la legge sullo smaltimento dei rifiuti della fabbricazione dell'alluminio fatta da D'alema non solo ha impedito alla mia famiglia di diventare RICCA SFONDATA (mio padre aveva appena firmato un contratto di MONOPOLIO per tutto il sud europa), ma ci ha quasi ridotti sul lastrico fino a una decina di anni fa, e meno male che mia madre ha un signor stipendio (sudato oserei dire) che le permette ancora oggi di pagare le conseguenze della brutta vicenda di mio padre senza che dobbiamo venderci il deretano per non morire di fame.
Alla mia famiglia i governi di sinistra hanno fatto solo un gran male. Saranno argomentazioni meno tecniche delle tue ma le ritengo altrettanto valide. Aggiungici il fatto che i miei ideali (nonostante pare io non abbia diritto ad averne essendo di destra) sono ben rappresentati dalla compagine che ho votato. Sono 3 pagine che praticamente mi GIUSTIFICO di avere votato diversamente da voi. E il bello è che sono l'unico che ne parla.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Aprile, 16, 2008, 15:13
per quanto riguarda l'11 settembre hai ragione, non ha fatto andare a bagno tutti! no no! argomento chiuso.

per quanto riguarda i Processi di Berlusconi, a me non pare che sia mai stato condannato, o che sia stata confermata qualche condanna grave sul suo conto.
La frase me la sono persa, ma se è stata una gaffe io credo che ci sia di peggio, se guardiamo tutte le gaffe dei politici finiamo male.
La legge sul falso bilancio non ha eliminato l'illecito, ma il reato, e c'è una bella differenza. Senza stare a sindacare se l'abbia fatta ad ho co no, resta il fatto che in molti casi ciò evita di massacrare chi dichiara il falso anche involontariamente, e nei casi in cui il falso in bilancio è grave si incorre comunque in sanzioni salate, cambia solo la questione penale.
E sulle TV io non trovo assolutamente nessun problema, tanto più che ad eccezione di Fede l'informazione di mediaset è assolutamente bipartizan.

Grazie per la risposta. Non condivido tutto, ma ci mancherebbe.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 16, 2008, 15:24
Finalmente una persona con cui si può parlare di politica che non dispreza Berlusconi. Bravo Yoshi, hai ragione! :thumbsup:

E gli estremisti sono tutti fuori dal Parlamento: niente per i comunisti e i socialisti, e neanche per Forza Nuova e Fiamma Tricolore. Segno che le idee si mischiano.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 16, 2008, 15:30
Mape da quando i socialisti sarebbero "estremisti"?
Comunque io Yoshi per carità non ho niente in contrario a quello che voti, anzi, personalmente non interessa neanche il fatto che lo voti, stiamo solo discutendo sulle opere della destra. Sono d'accordo che gli ultimi 2 anni sono stati disastrosi, dalle dichiarazioni di berlusconi però mi sembra che stia per commettere gli stessi errori di prodi, cioè spalmare il poco potere economico di cui dispone lo stato su tutti gli strati della popolazione (ici, pensionati, imprenditori, lavoratori, meridione etc.) dando a tutti poco. Non ho capito le sue dichiarazioni sulle pensioni in particolare, sono già indicizzate, l'ha fatto prodi. Il problema di questa politica è che non rilancia chi produce ricchezza ossia lavoratori e imprenditori, ma da un pochino a tutti..in linea con lo spirito demagogico dell'uomo berlusconi.
Peccato perchè ho sentito diverse autorevoli voci del centrodestra che parlavano di concentrare tutto su lavoratori e imprenditori..spero riescano ad avere ragioni perchè ora che siamo piu' tranquilli con l'europa (grazie a prodi) possiamo puntare sul rilancio in grande stile, soprattutto ora che sono finite le campagne elettorali.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Aprile, 16, 2008, 15:33
Raga Io lavoro in un'azienda che si occupa di rifornire  oltre alle industri anch euniversità  di materiale Chimico, per analisi, e quello che comprende il campo ( beute burette, cilidri .. strumentazioni )

In questi 2 anni di Governo all euniversità gli sono stati sottratti piu del doppio dei soldi dedicati alla ricerca!!

Ci sono lab che devono autoclavare loro delle cos eper renderle sterili, perchè i fondi non gli permettono di comprare altro.. " Tor Vergata  e La sapienza "

Su .. Governo Prodi è stato uno schifo per l'italia, e non dico meglio di o peggio di.
Tanto qui  qualsiasi persona va su tutti a dire è si.. ma  la situazione che gli avevano lasciato era cosa e cosi..
Finiamola di fare il cane che si rincorre la coda all'infinito.
Vediamo che accadrà!

 
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 16, 2008, 15:35
Raga Io lavoro in un'azienda che si occupa di rifornire  oltre alle industri anch euniversità  di materiale Chimico, per analisi, e quello che comprende il campo ( beute burette, cilidri .. strumentazioni )

In questi 2 anni di Governo all euniversità gli sono stati sottratti piu del doppio dei soldi dedicati alla ricerca!!

Ci sono lab che devono autoclavare loro delle cos eper renderle sterili, perchè i fondi non gli permettono di comprare altro.. " Tor Vergata  e La sapienza "

Su .. Governo Prodi è stato uno schifo per l'italia, e non dico meglio di o peggio di.
Tanto qui  qualsiasi persona va su tutti a dire è si.. ma  la situazione che gli avevano lasciato era cosa e cosi..
Finiamola di fare il cane che si rincorre la coda all'infinito.
Vediamo che accadrà!

 

I soldi che dovevano andare alla ricerca sono stati sviati ai camionisti in rivolta, rivolta organizzata da un senatore di cdx. vedi tu..
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 16, 2008, 15:37
Mape da quando i socialisti sarebbero "estremisti"?

Beh, se lo sono i comunisti...

Su .. Governo Prodi è stato uno schifo per l'italia, e non dico meglio di o peggio di.
Tanto qui  qualsiasi persona va su tutti a dire è si.. ma  la situazione che gli avevano lasciato era cosa e cosi..
Finiamola di fare il cane che si rincorre la coda all'infinito.
Vediamo che accadrà!

Concordo. Sono state fatte tante cos sbagliate durante questi anni, vediamo e speriamo che Silvio faccia di meglio.

I soldi che dovevano andare alla ricerca sono stati sviati ai camionisti in rivolta, rivolta organizzata da un senatore di cdx. vedi tu..

Tutti i soldi che dovevano andare alla ricerca in due anni sono finiti ai camionisti???? O_O
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Nintendosa - Aprile, 16, 2008, 15:47
Beh, se lo sono i comunisti...
No Mape, i socialisti non sono estremisti.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 16, 2008, 15:48
No Mape, i socialisti non sono estremisti.

...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Aprile, 16, 2008, 15:55
I soldi che dovevano andare alla ricerca sono stati sviati ai camionisti in rivolta, rivolta organizzata da un senatore di cdx. vedi tu..
E questo dove lo hai letto ?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Banjo - Aprile, 16, 2008, 16:45
...

Esatto, i socialisti non lo sono. E ci sono stati anche certi comunisti non estremisti, vedi Berlinguer.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 16, 2008, 16:49
Esatto, i socialisti non lo sono. E ci sono stati anche certi comunisti non estremisti, vedi Berlinguer.

Le eccezioni che confermano la regola.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 16, 2008, 18:00
No Mape, i socialisti non sono estremisti.

in effetti il loro problema forse è proprio quello di essere assolutamente il contrario  :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 16, 2008, 18:29
per quanto riguarda i Processi di Berlusconi, a me non pare che sia mai stato condannato, o che sia stata confermata qualche condanna grave sul suo conto.
Per forza, ha fatto una legge con la quale non lo si può condannare!

Citazione
La legge sul falso bilancio non ha eliminato l'illecito, ma il reato, e c'è una bella differenza. Senza stare a sindacare se l'abbia fatta ad ho co no, resta il fatto che in molti casi ciò evita di massacrare chi dichiara il falso anche involontariamente, e nei casi in cui il falso in bilancio è grave si incorre comunque in sanzioni salate, cambia solo la questione penale.
Sì, ok...

Citazione
E sulle TV io non trovo assolutamente nessun problema, tanto più che ad eccezione di Fede l'informazione di mediaset è assolutamente bipartizan.
:laughing4: :occasion14:
E vissero tutti felici e contenti. Ci manca solo che torniamo al Carosello! Boh, bpartizan... Probabilmente sono io che guardo una rete Mediaset diversa, scusatemi, tolgo il disturbo.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Aprile, 16, 2008, 18:32
Ci manca solo che torniamo al Carosello!
Bellissimo  :happy2: :happy2:

( questo dimostra l'eta secolare di Dragha  :laughing7: )
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 16, 2008, 18:36
E questo dove lo hai letto ?

http://salon-voltaire.blogspot.com/2008/03/scienziati-o-camionisti-i-dilemmi-del.html

Leggi questo articolo (garantisco sull'attendibilità). Che non è uno propriamente di sinistra, anzi..
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Aprile, 16, 2008, 18:39
http://salon-voltaire.blogspot.com/2008/03/scienziati-o-camionisti-i-dilemmi-del.html

Di Nico Valerio. Che non è uno propriamente di sinistra, anzi..

" Camionisti? Certo, per chi non lo sapesse i finanziamenti ai camionisti, dopo i noti scioperi-serrata, sono stati ottenuti mandando a quel paese gli scienziati, cioè tagliando i fondi di ricerca alle Universita'. "

Letto... Allucinante...  :confused1:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Aprile, 16, 2008, 18:43
E gli estremisti sono tutti fuori dal Parlamento: niente per i comunisti e i socialisti, e neanche per Forza Nuova e Fiamma Tricolore. Segno che le idee si mischiano.

Alternativa sociale in parlamento e senato ci dovrebbe essere, in quanto confluita nel PDL(ricordo la perla della Mussolini, "meglio fascista che frocio"), idem per esponenti "dubbi", come l'ormai noto Ciarrapico. Inoltre la Lega è un partito estremista, che lo si voglia o no. Forse non lo si è preso sul serio, forse non significa nulla, ma la Lega pre-elettoralmente ha dichiarato di "imbacciare i fucili"...e non è la prima volta che parla di armi o di rivolta. Ognuno lo giudichi come vuole ma, come disse Levi, le parole sono pietre.

P.s. i Socialisti hanno un programma liberale, laico, imperniato sui diritti civili. Non sono assolutamente estremisti, non so come si possa dire questo.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 16, 2008, 18:45
" Camionisti? Certo, per chi non lo sapesse i finanziamenti ai camionisti, dopo i noti scioperi-serrata, sono stati ottenuti mandando a quel paese gli scienziati, cioè tagliando i fondi di ricerca alle Universita'. "

Letto... Allucinante...  :confused1:


si e come puoi vedere ne da la colpa a Prodi. Però non so se vi ricordate gli effetti di quello sciopero selvaggio, per una volta "di destra".Comunque bisogna fare questo in politica secondo me: mettere davanti degli scambi, del tipo "vi togliamo l'ici, però se vi ammalate di questo questo e quest'altro ve lo pagate da soli". solo così si può riflettere perchè il piu' delle volte promettono riduzioni qua, aumenti là etc. senza considerare la legge della conservazione della massa per cui niente si crea e niente si distrugge. In questo modo i politici dovrebbero attenersi a misure realizzabili e non speculerebbero sui sogni/bisogni della gente, ma si metterebbero al loro piano. E forse anche noi smetteremmo di considerarli ladri-corrotti-criminali visto che buona parte dell'incomunicabilità deriva proprio da confronti che di pratico non hanno niente, ma sono piuttosto guerre di religione.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 16, 2008, 18:48
I socialisti hanno un programma liberale? bell'ossimoro!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 16, 2008, 19:38
Per forza, ha fatto una legge con la quale non lo si può condannare!
Sì, ok...
 :laughing4: :occasion14:
E vissero tutti felici e contenti. Ci manca solo che torniamo al Carosello! Boh, bpartizan... Probabilmente sono io che guardo una rete Mediaset diversa, scusatemi, tolgo il disturbo.


Dragha, se ti dico che mi hai rotto i coglioni mi banni? no perchè sai, non fai che quotarmi e usare sta faccina  :laughing4: e dire "sì certo" senza spiegare nemmeno una volta e mi sto cominciando ad incazzare. Spiega secondo te perchè il tg5 non è bipartizan invece che fare lo stronzo a gratis... eh belin io sono una persona come si deve ma un conto è discutere, l'altro essere così.
E poi per la cronaca lo si è soliti accusare di ben peggio del falso in bilancio, e anche i processi per questo sono iniziati ben prima delle sue leggi.
Ora se volete bannatemi pure, semmai continuerò a leggere anche senza rispondermi, ma se mi si manca di rispetto io ripago cent su cent
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 16, 2008, 19:50
 :confused2:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 16, 2008, 20:04
:confused2:

eh no scusa son stato zitto anche troppo a lungo, ripeto, non devo difendermi, io voglio discutere.
Se mi incazzassi per niente avrei insultato tutti, se sono stato duro solo con uno un motivo ci sarà
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Banjo - Aprile, 16, 2008, 20:06
I socialisti hanno un programma liberale? bell'ossimoro!

 :laughing4:
Veru, mi sembra come in Cina che il Partito Comunista ha avviato il capitalismo selvaggio :laughing7:

Inoltre la Lega è un partito estremista, che lo si voglia o no. Forse non lo si è preso sul serio, forse non significa nulla, ma la Lega pre-elettoralmente ha dichiarato di "imbacciare i fucili"...e non è la prima volta che parla di armi o di rivolta.

Per questo mi fa un po' paura...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Merone - Aprile, 16, 2008, 20:45
io sono di destra, ma onestamente la vittoria della lega non è che sia tutta sta bella cosa... cioè a me è indifferente, meglio che i comunisti, però per me è tutta una grande, immensa, stratosferica presa per i fondelli... l'unica cosa in cui confido è un controllo più rigido dell immigrazione e un po' di rimpatri...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 16, 2008, 20:54
Dragha non farti fottere da questo furbino di yoshi. Vuole che tu lo banni per poterti accusare di conflitto d'interessi (un moderatore non potrebbe discutere?) per difendere le sue tesi su berlusconi!!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 16, 2008, 20:55
Dragha non farti fottere da questo furbino di yoshi. Vuole che tu lo banni per poterti accusare di conflitto d'interessi (un moderatore non potrebbe discutere?) per difendere le sue tesi su berlusconi!!

eh sì, hai colto nel segno
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 16, 2008, 21:10
Tu considera che nella risposta che avevi dato a dragha ti sei contraddetto un po', del tipo
"non è mai stato condannato"
"ha fatto bene a depenalizzare la frode, anche se potrebbe essere considerata una legge ad hoc" (per sè)

e poi quella su mediaset..Può anche darsi che lui non dia indicazioni a nessuno, ma chi è che va a sputare nel piatto in cui mangia? tant'è vero che la maggiore critica che muovevano a montanelli era di essere stato ingrato verso chi l'aveva stipendiato. Vedi, i piani sono un pochino incasinati: se uno che ha lavorato per lui lo critica per quello che fa al governo è un ingrato. Capisci?

EDIT. riguardo alla "discussione", anni fa in questo forum era vietato discutere di politica per evitare di finire su questi toni. Pertanto se si vuole discutere di politica lo si fa in toni civili, niente insulti, soprattutto. Se qualche risposta è data con sufficienza, lo si fa notare e si chiede di discuterne piu' seriamente..
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Claire Redfield - Aprile, 16, 2008, 21:51
Dragha, se ti dico che mi hai rotto i coglioni mi banni? no perchè sai, non fai che quotarmi e usare sta faccina  :laughing4: e dire "sì certo" senza spiegare nemmeno una volta e mi sto cominciando ad incazzare. Spiega secondo te perchè il tg5 non è bipartizan invece che fare lo stronzo a gratis... eh belin io sono una persona come si deve ma un conto è discutere, l'altro essere così.
E poi per la cronaca lo si è soliti accusare di ben peggio del falso in bilancio, e anche i processi per questo sono iniziati ben prima delle sue leggi.
Ora se volete bannatemi pure, semmai continuerò a leggere anche senza rispondermi, ma se mi si manca di rispetto io ripago cent su cent
Allora, da moderatore ti dico che avevi cominciato bene, cioé portando avanti un ragionamento critico ma del tutto legittimo, e poi sei finito nell'offesa gratuita, del tutto illegittima. Il tuo concetto era chiarissimo anche senza l'insulto: ora ti chiedo che senso ha invocare il dialogo ed invitare ad argomentare se poi scadi così? E' come scrivere su un muro vietato scrivere sui muri.

Da utente qualunque dico solo, senza entrare nel merito circa Berlusconi perché proprio non mi attrae una discussione politica in questo momento, che il falso in bilancio è o dovrebbe essere un reato grave. E, ragionando in termini puramente giuridici, depenalizzarlo è stata una scelta estremamente discutibile.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Aprile, 17, 2008, 11:13
si e come puoi vedere ne da la colpa a Prodi.

Come avevo detto Prima :)


MA tutto pensavo tranne che quei soldi fossero finiti li  :icon_scratch:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 17, 2008, 11:36
Come avevo detto Prima :)


MA tutto pensavo tranne che quei soldi fossero finiti li  :icon_scratch:

Max ora rispondimi sinceramente: se avessero proposto un referendum chiedendo "volete la benzina o la ricerca universitaria" cosa avrebbe risposto la maggiorparte di noi?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Aprile, 17, 2008, 11:37
Max ora rispondimi sinceramente: se avessero proposto un referendum chiedendo "volete la benzina o la ricerca universitaria" cosa avrebbe risposto la maggiorparte di noi?
Ma certo senza ombra di dub!
La mia era un'affermazione per dire che non sapevo questa cosae mi ha lasciato perplesso :)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 17, 2008, 11:41
comunque spero che tutti si avverta sempre di piu' l'esigenza di mettere le merci su treno e mandare a casa i camionisti! ma non dimentichiamoci dei loro meriti, sono stati loro a portare la moda dei calendari in Italia, quando ancora nessuno ci credeva  :thumbsup:
(purtroppo mara carfagna forse sarà ministro dei trasporti, quindi avremo le autostrade ancora piu' piene di camion, lei che è la santa protettrice della piazzola autostradale)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 17, 2008, 16:44
In effetti, hai ragione Shandon: Lega Nord è estremista... e ha avuto anche grandi risultati (terzo partito con quasi il 9% dei voti...)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 17, 2008, 18:11
Innanzitutto ci tengo a precisare che Yoshi non lo banna nessuno.

Per il discorso TV, proprio non ho altro da dire. E' chiaramente lampante, basta accendere la TV e confrontare i TG. Quando la Rai mi parla della presidenza italiana all'unione europea come uno scempio perchè gestita da uno che offende gli altri capi Europei, con Fini e Follini che prendono le distanze, mentre i TG Mediaset mi parlano della pecora Dolly e del nuovo orsetto nato nel parco nazionale dell'Abruzzo, senza riportare niente dell'accaduto (se non dopo giorni, filtrando per benino e valutando per bene cosa poter mettere), penso che non ci sia bisogno di aggiungere altro, se non che non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire.
Ricordo ancora il servizio Rai che riportava il discorso di Berlusconi facendo sentire le sue parole quando dava del Kappo (o qualcosa del genere) per sbeffeggiare la Germania dandogli dei fascisti e dando contro anche alla Francia, mentre quello Mediaset taceva la voce di Berlusconi elogiandolo da parte del cronista, indicando quelle risate come approvazione del suo discorso... Se non si coglie quello che colgo io, probabilmente viaggiamo su due rette parallele che non si incontreranno mai, quindi inutile proseguire. L'unico consiglio che posso dare e col cuore, è di guardare oltre i proclami propagandistici di Berlusca e non farsi abbindolare dalla sua vena di Oratore (altro non è).
Per essere biparte, Mediaset dovrebbe dare contro e a favore (a seconda) il suo creatore e datore di lavoro, il che non mi sembra difficile da capire che sia impossibile. Mentana stesso se ne andò dal TG, perchè disse di non evere libertà d'informazione a causa di questo motivo... Ovvio che queste parole le sentii sulla Rai, non di certo da Fede o TG5 o Studio Aperto! Boh, non sò!

Mi sembra di aver aperto diverse argomentazioni sui miei post precedenti abbastanza eclatanti del Berlusca e non ho sentito smentite, quindi non mi sembra di aver detto castronerie così grandi.

Personalmente sono anni che ho preso il videoregistratore e quando guardo un film, la pubblicità la salto, mi interessano i contenuti. :thumbsup: Scherzo, su via.... Però sui film lo faccio davvero. :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 17, 2008, 19:02
Innanzitutto ci tengo a precisare che Yoshi non lo banna nessuno.

Per il discorso TV, proprio non ho altro da dire. E' chiaramente lampante, basta accendere la TV e confrontare i TG. Quando la Rai mi parla della presidenza italiana all'unione europea come uno scempio perchè gestita da uno che offende gli altri capi Europei, con Fini e Follini che prendono le distanze, mentre i TG Mediaset mi parlano della pecora Dolly e del nuovo orsetto nato nel parco nazionale dell'Abruzzo, senza riportare niente dell'accaduto (se non dopo giorni, filtrando per benino e valutando per bene cosa poter mettere), penso che non ci sia bisogno di aggiungere altro, se non che non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire.
Ricordo ancora il servizio Rai che riportava il discorso di Berlusconi facendo sentire le sue parole quando dava del Kappo (o qualcosa del genere) per sbeffeggiare la Germania dandogli dei fascisti e dando contro anche alla Francia, mentre quello Mediaset taceva la voce di Berlusconi elogiandolo da parte del cronista, indicando quelle risate come approvazione del suo discorso... Se non si coglie quello che colgo io, probabilmente viaggiamo su due rette parallele che non si incontreranno mai, quindi inutile proseguire. L'unico consiglio che posso dare e col cuore, è di guardare oltre i proclami propagandistici di Berlusca e non farsi abbindolare dalla sua vena di Oratore (altro non è).
Per essere biparte, Mediaset dovrebbe dare contro e a favore (a seconda) il suo creatore e datore di lavoro, il che non mi sembra difficile da capire che sia impossibile. Mentana stesso se ne andò dal TG, perchè disse di non evere libertà d'informazione a causa di questo motivo... Ovvio che queste parole le sentii sulla Rai, non di certo da Fede o TG5 o Studio Aperto! Boh, non sò!

Mi sembra di aver aperto diverse argomentazioni sui miei post precedenti abbastanza eclatanti del Berlusca e non ho sentito smentite, quindi non mi sembra di aver detto castronerie così grandi.

Personalmente sono anni che ho preso il videoregistratore e quando guardo un film, la pubblicità la salto, mi interessano i contenuti. :thumbsup: Scherzo, su via.... Però sui film lo faccio davvero. :D

no prima non hai dato argomentazioni per 2 motivi: uno " :laughing4:" non è un'argomentazione, due in questo caso stiamo parlando di opinioni, non di dati di fatto. Il fatto che studio aperto (perchè è lì che si va a parare) parli delle tette della Marini non vuol dire che il TG5 sia FAZIOSO, non mi sembra proprio. Poi tu puoi pensare quello che ti pare, ma non venirmi a dire che il tg5 non è un telegiornale serio, è completo e lascia spazio ad entrambe le fazioni politiche (semplificando in destra- sinistra).

E poi se tu dici che non è possibile che mediaset sia contro Berlusconi, hai mai visto le iene o mai dire? certo ora è un periodo che ce l'avevano con prodi, ma come ho già scritto da qualche parte, se a prodi si dà del mortadella, a Berlusconi si dà del mafioso, e questa non mi sembra satira di destra!
Eppure la gialappa's senza italia 1 non esisterebbe. Mi vengono in mente anche i comici di Zelig.
E, ultima cosa, anche se la compensazione la cosa peggiore, guardati il tg3... qualunque governo ci sia.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 17, 2008, 19:50
ma dai, le Iene e mai dire etc. fanno parodia che è ben diversa. Questa non è un opinione, sia chiaro.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 17, 2008, 20:31
ma dai, le Iene e mai dire etc. fanno parodia che è ben diversa. Questa non è un opinione, sia chiaro.

no non è parodia per niente è un insulto continuo...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 17, 2008, 21:09
Se io guardo TG3, tu guardati Fede e il TG4! :dontknow:
Poi che c'entrano i programmi coi TG?
Non confondiamo la seriosità di un TG con la trasparenza.

due in questo caso stiamo parlando di opinioni, non di dati di fatto.
Le mie opinioni si basano su dei dati di fatto che ho riportato, su diverse argomentazioni, in quasi tutti i post.

Mi dispiace solo per il  :laughing4: che ho visto ti abbia dato fastidio, non volevo e in questo caso ti chiedo scusa, ma del resto ribadisco che io personalmente non riesco ad argomentare cose evidenti, perchè, in quanto tali, si evidenziano da sole. E' un mio limite, non so che farci, ma più di averle di fronte non riesco a trovare parole migliori di quanto sta all'occhio. :dontknow:
Per questo, ripeto, non ho altro da dire e fino a quando vedo genti che migrano dal Sud e da regioni di destra, per venire qui nella mia, direi che i fatti parlano. Te lo dice uno che ha scelto come futura sposa, se tutto va bene, una persona Cattolica, di Destra e Abruzzese dove, ai mercati, ci sono bancarelle che inneggiano al fascismo, mentre io sono l'esatto opposto in tutto e per tutto: più di così!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 17, 2008, 21:21
no non è parodia per niente è un insulto continuo...

si insulti di questo genere del tipo: "nano", "pelato", "doppiopetto", "cavaliere mascarato", "bandana", "tacco". Tutte cose che stanno bene nel repertorio di un giullare di corte, appunto, "parodia", ossia "imitazione" (parodia letteraria è l'imitazione -in chiave comica, spesso- di un genere serio, ad esempio la storia vera di Luciano) . Un "dipendente" non può fare di piu' dell'imitazione, o dare giudizi comunque bonari e accomodanti e vicini al senso comune. E' logico che non possa fare piu' di così, nessuno paga per essere insultato! Quelli di mediaset hanno ben chiaro il confine da non superare e ci saltellano senza superarlo mai.. In Rai il confine è insultare la Rai stessa, chi lo fa sparisce dalla rai: esempio quel giornalista del giornale, mi sembra si chiami Facci.
Ben altra cosa è la "satira", che è invece una manifestazione tipicamente democratica, e rientra nella liberta di espressione. (ovviamente se non è diffamazione, ma questo non spetta ai politici dirlo, ci sono altre autorità).
Comunque sia le iene che mai dire goal si cercano di passare per quello che non sono, ossia satira..in verità non saranno mai così: stessa cosa di Berlusconi che passa sua moglie per una di sinistra per dare l'idea di essere inoffensivo...sarebbe l'argomento di autorità, un artificio retorico da gesuita (ma ormai diffusissimo). Sono sicuro che è del tutto spontaneo nel nostro Silvio, come anche tu sei venuto a dire "conosco molte persone del sud" durante la discussione, per poter legittimare un tuo commento sul sud.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 17, 2008, 21:56
Alternativa sociale in parlamento e senato ci dovrebbe essere, in quanto confluita nel PDL(ricordo la perla della Mussolini, "meglio fascista che frocio"), idem per esponenti "dubbi", come l'ormai noto Ciarrapico. Inoltre la Lega è un partito estremista, che lo si voglia o no. Forse non lo si è preso sul serio, forse non significa nulla, ma la Lega pre-elettoralmente ha dichiarato di "imbacciare i fucili"...e non è la prima volta che parla di armi o di rivolta. Ognuno lo giudichi come vuole ma, come disse Levi, le parole sono pietre.

P.s. i Socialisti hanno un programma liberale, laico, imperniato sui diritti civili. Non sono assolutamente estremisti, non so come si possa dire questo.


Shandon, riflettendo su questo punto io penso che i leghisti non siano affatto estremisti, la loro visione politica e istituzionale si concilia bene con quella di Berlusconi. Scalfari diceva che parlando con Berlusconi questi gli avesse detto che la lega non avrebbe potuto raggiungere posti di governo perchè non era che territoriale. Il popolo delle libertà secondo me è diventata l'espressione nazionale della lega, la faccia rispettabile (in questo senso la lega è estremista, ma nei modi, non nei contenuti almeno secondo me). La sinistra arcobaleno è fallita perchè non aveva piu' una sovrastruttura che la reggesse, stessa cosa il pci quando cadde il muro di berlino. d'altra parte il pd secondo me non può vincere perchè gli manca un partito che faccia raccordo con la base. Bossi del resto ha dichiarato (in questi giorni) che i fucili li ha tirati fuori, ed erano i voti degli operai. Il pd non ha raccolto questi voti, e chissà se li raccoglierà..questo bipartitismo è fortemente sbilanciato a favore del popolo delle libertà: ammettiamo pure che Veltroni avesse preso il 40% dei voti e Berlusconi il 33%,la destra se la sarebbe comunque cavata in pareggio coi voti della lega o qualcosa del genere. Se la mia opinione è giusta, e se la lega e berlusconi vanno di pari passo, hanno creato un'arma perfetta in questo quadro: Veltroni ha rimosso un ostacolo al bipolarismo, ma non ha fatto lo stesso il Popolo delle Libertà, che continua a pescare voti arrabbiati (e in questo senso d'accordo con te che sono estremisti - ma a differenza della s.a. sono coerenti con il partito a cui fanno riferimento).
Fini potrebbe fare fronda dentro il popolo delle libertà, viene da una cultura statalista e legalitaria, che non si concilia con gli interessi della lega e del nord..ma non lo farà perchè gli sono rimaste addosso le parole con cui Almirante gli accordò il partito ossia: Nessuno potrà dare del fascista a chi è nato nel dopoguerra. Che in parole povere significa che dopo essere stati esclusi dalla vita politica con l'arco costituzionale, oggi i discendenti del msi si attaccano a un briciolo di potere "manibus pedibusque aliquid facere".
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 17, 2008, 22:14
Sono sicuro che è del tutto spontaneo nel nostro Silvio, come anche tu sei venuto a dire "conosco molte persone del sud" durante la discussione, per poter legittimare un tuo commento sul sud.

era appena stato scritto "tu non puoi renderti conto" ed era così effettivamente finchè non mi è stato spiegato da chi lo sapeva cosa realmente succede. Era una dimostrazione di conoscenza, non una giustificazione
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 17, 2008, 22:53
era appena stato scritto "tu non puoi renderti conto" ed era così effettivamente finchè non mi è stato spiegato da chi lo sapeva cosa realmente succede. Era una dimostrazione di conoscenza, non una giustificazione

capita spesso di dire "ho amici gay, ma trovo sbagliato concedere le unioni civili per questo questo e quest'altro"..oppure "ho un professore in carrozzella, e lui trova che sia giusto ridere dell'handicap". Si può sostenere l'opinione anche senza fare ricorso all'argomento d'autorità, e in quel caso è dialettica, facendo ricorso all'argomento d'autorità è retorica. Ci si pone superiori a quel problema vantando una qualche autorità, conoscenza, e non ci si pone nel normale "corso" dialettico. Avere riscontri sulle proprie opinioni basta a sostenere il discorso, ma se finisce sul piano "emotivo" diventa retorica. almeno questo diceva Aristotele!
Nel tuo caso hai detto "a me hanno spiegato, quindi posso rendermi conto, quindi posso proporre la mia soluzione che è". Fare uso di dialettica invece è "questa è la mia soluzione, potrebbe provocare questo effetto e quest'altro, e risolvere il problema". Sono due modi di confrontarsi diversi. Ovviamente non ti sto criticando perchè è una cosa che faccio spesso anche io, e non sto dicendo che è negativa. Però in certi casi viene usata in maniera spregiudicata, ad esempio "IO! io sono l'editore piu' liberale del mondo, nelle mie tv ci vanno le iene che mi prendono in giro, eppure IO"
"IO non sono contro la sinistra moderata! mia moglie vota sinistra, lo giuro sui miei figli! io sono contro ai comunisti della scuola delle frattocchie" (= la sinistra che si fa mettere incinta da me va bene, chi non rientra in questo insieme è una spia russa che prepara brogli nottetempo)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Claire Redfield - Aprile, 17, 2008, 22:57
Se io guardo TG3, tu guardati Fede e il TG4! :dontknow:
Poi che c'entrano i programmi coi TG?
Non confondiamo la seriosità di un TG con la trasparenza.
Le mie opinioni si basano su dei dati di fatto che ho riportato, su diverse argomentazioni, in quasi tutti i post.

Mi dispiace solo per il  :laughing4: che ho visto ti abbia dato fastidio, non volevo e in questo caso ti chiedo scusa, ma del resto ribadisco che io personalmente non riesco ad argomentare cose evidenti, perchè, in quanto tali, si evidenziano da sole. E' un mio limite, non so che farci, ma più di averle di fronte non riesco a trovare parole migliori di quanto sta all'occhio. :dontknow:
Per questo, ripeto, non ho altro da dire e fino a quando vedo genti che migrano dal Sud e da regioni di destra, per venire qui nella mia, direi che i fatti parlano. Te lo dice uno che ha scelto come futura sposa, se tutto va bene, una persona Cattolica, di Destra e Abruzzese dove, ai mercati, ci sono bancarelle che inneggiano al fascismo, mentre io sono l'esatto opposto in tutto e per tutto: più di così!
Dragha e ce lo dici così?!?!?!?!?! Vogliamo la data!!!!!! :happy4: :happy4:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 18, 2008, 10:49
beh abbiate pazienza che tanto tra un po'ì TUTTA la tv sarà in digitale e ci mettiamo il cuore in pace (e con questo rispondo a chi prima diceva della "truffa" del digitale terrestre).
Per quanto riguarda le tue argomentazioni, non sono un appassionato di riforme e compagnia bella, io ti parlo da un mero punto di vista economico, anche negli anni più bui per l'economia (prescindendo dal fatto di chi siano le colpe) noi stavamo abbastanza bene, mentre ultimamente siamo nella merda, in questi ultimi due anni non hai idea di come ci sia lievitato il costo della vita e gli stipendi addirittura diminuiti (e ti parlo di mia madre,primario del principale centro analisi del ponente ligure con 35 anni di carriera). Senza poi contare che la legge sullo smaltimento dei rifiuti della fabbricazione dell'alluminio fatta da D'alema non solo ha impedito alla mia famiglia di diventare RICCA SFONDATA (mio padre aveva appena firmato un contratto di MONOPOLIO per tutto il sud europa), ma ci ha quasi ridotti sul lastrico fino a una decina di anni fa, e meno male che mia madre ha un signor stipendio (sudato oserei dire) che le permette ancora oggi di pagare le conseguenze della brutta vicenda di mio padre senza che dobbiamo venderci il deretano per non morire di fame.
Alla mia famiglia i governi di sinistra hanno fatto solo un gran male. Saranno argomentazioni meno tecniche delle tue ma le ritengo altrettanto valide.

Stavo ripensando a queste parole, e mi è venuto in mente il curioso caso di Europa 7, la tv che dal 99 ha vinto in appalto le concessioni per trasmettere via etere, concessioni che a tutt'oggi sono occupate da rete4, malgrado sentenze della corte costituzionale, della corte europea (basita).
Pensa un po', che danno possono avere avuto loro. In questo caso c'entrano tutti - D'alema, Amato, Prodi - ma piu' di tutti centra lui, l'anomalia nel sistema italiano, Silvio Berlusconi, che con logica del tutto disinteressata ha imposto a gasparri di prolungare la permanenza di Fede tra noi mortali prima di spedirlo in orbita nel 2009. Non si capisce perchè, ma in orbita ci dovrebbe andare anche rai3, malgrado rai3 abbia -ovviamente- le concessioni per quello che trasmette. Ora è arrivata la sentenza che ci impone di rimborsare europa 7, 350'000 euro al giorno piu' due anni di arretrati. Questo per vedere Fede.
Allora mi potrai pure parlare di ideali liberali, ma non puoi dirmi che questa destra c'entri niente con il liberalismo. Io mi sento liberale. Io taglierei le mani allo stato perchè non possa toccare niente o quasi nel mercato. Chi è al governo oggi è sempre stato protezionista, e le diminuzioni di tasse sono stati sempre il gioco delle 3 carte, bricolage: taglio di qui,metto di qua, scambio i fattori ma il prodotto non cambia. E basta con sta retorica sulle tasse, ci abbiamo mangiato tutti con queste benedette tasse, fino a oggi. Istruzione, Sanità, Idrocarburi, Energia Elettrica, Occupazione per i deficienti, Pensioni minime, l'Italia è diventata la mecca degli assenteisti e delle persone che normalmente non potrebbero neanche sopravvivere, e nonostante questo tutti l'hanno considerato un diritto, campare sulla ricchezza di chi produce. Ora mi viene da sperare che tolgano tutto, rendano tutto privato.Chi ha i soldi manda i figli a scuola, chi non li ha li manda a lavorare, chi ha i soldi si cura, chi non li ha si fotte, chi ha i soldi va in macchina dove vuole, chi non li ha prende la bici, chi ha le capacità lavora, chi non le ha va in miniera. vedremo chi merita di campare e chi invece questo merito l'ha avuto ottriato per bontà di altri. e vediamo se i "concessionari" privati di quello che pensavano fosse certo, continueranno ad essere di destra.Io posso capire benissimo che una persona come Berlusconi si incazzi a morte quando gli mettono le mani in tasca e tolgano soldi frutto del suo merito (e della sua spregiudicatezza). Capisco te che sei stato derubato malamente. Non capisco invece un operaio di sesto san giovanni che sullo stato sociale ci campa, come faccia ad avere tanta acredine per le tasse e votare destra. Le cose sono due: o si è fatto infinocchiare , oppure quell'operaio è tale solo nella dichiarazione dei redditi e nella realtà fa di cognome Cordero di Montezemolo.
Magari ora qualcuno mi riprende come hanno fatto con mik64, però non posso non dirlo ci ho girato intorno già troppo a lungo:
Se un ricco vota sinistra è un filantropo, ma se un povero vota destra è proprio un coglione.
(questa è mia e guai chi me la ruba  :D)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Aprile, 18, 2008, 13:09
no prima non hai dato argomentazioni per 2 motivi: uno " :laughing4:" non è un'argomentazione, due in questo caso stiamo parlando di opinioni, non di dati di fatto. Il fatto che studio aperto (perchè è lì che si va a parare) parli delle tette della Marini non vuol dire che il TG5 sia FAZIOSO, non mi sembra proprio. Poi tu puoi pensare quello che ti pare, ma non venirmi a dire che il tg5 non è un telegiornale serio, è completo e lascia spazio ad entrambe le fazioni politiche (semplificando in destra- sinistra).

E poi se tu dici che non è possibile che mediaset sia contro Berlusconi, hai mai visto le iene o mai dire? certo ora è un periodo che ce l'avevano con prodi, ma come ho già scritto da qualche parte, se a prodi si dà del mortadella, a Berlusconi si dà del mafioso, e questa non mi sembra satira di destra!
Eppure la gialappa's senza italia 1 non esisterebbe. Mi vengono in mente anche i comici di Zelig.
E, ultima cosa, anche se la compensazione la cosa peggiore, guardati il tg3... qualunque governo ci sia.

Il TG5 è fazioso. Può non sembrarlo ad una analisi superficiale(fatta di sfuggita, da spettatori normali), ma lo è (e lo è nel modo più efficace, ovvero senza che ci se ne accorga con facilità, come avviene con Fede). Scelta delle notizie, ordine delle stesse, modo di riportarle, scelta delle immagini: il TG5 è un TG di propaganda(se vuoi ti spiego anche dettagliatamente la cosa, studio Linguaggi persuasivi). Allo stesso modo lo è quello di Italia 1. Studio aperto, le poche volte che fa politica, la fa SEMPRE a favore di una parte. Poi è vero che il 70% delle notizie sono cavolate, ma anche quella è una scelta politica: si parla della Marini per non parlare d'altro.
E di una cosa sono sicuro: nei prossimi 5 anni, stai certo che le notizie inutili, le rubriche e le curiosità aumenteranno sempre di più. Perchè è più redditizio intrattenere che parlare di problemi, quando c'è una determinata parte al potere.


Le risate all'acqua di rose di Striscia, delle Iene, di Zelig, sono solo sciocchezze. Dove stanno le critiche, dov'è l'attacco reale al politico? Questa non è satira, è semplicemente gioco delle parti, che serve a spacciare l'imparzialità dell'azienda. Non c'è un minimo di inchiesta, un minimo di allacciamento alla realtà, in quello che fanno Striscia o Zelig. Sono solo battute per strappare un sorriso sui clichè di Berlusconi(sulle sue coloriture, sui suoi soldi, sul suo fisico. MAI sul suo passato, MAI sulla "mafiosità" che tiri in ballo).
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Aprile, 18, 2008, 15:39
In un paese normale non ci sono i pregiudicati in parlamento, qui c'abbiamo i condannati.
Uno che parla di un mafioso definendolo "eroico" non può essere presidente del consiglio, lo stesso indagato per duemila reati, lo stesso che divide un popolo definendo "coglioni" e "grulli" quelli che non lo votano, lo stesso che non rispetta il presidente della repubblica, la magistratura...

oggi invece...

Cuffaro è al senato, e ci dobbiamo vergognare
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Giotto 100 - Aprile, 18, 2008, 18:26
E siamo già alla prima figura di merda in appena 3 giorni:
http://www.corriere.it/politica/08_aprile_18/putin_gossip_giornalista_russa_6e1031da-0d34-11dd-9f4c-00144f486ba6.shtml

Rido per non piangere! :laughing7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 18, 2008, 19:21
E siamo già alla prima figura di merda in appena 3 giorni:
http://www.corriere.it/politica/08_aprile_18/putin_gossip_giornalista_russa_6e1031da-0d34-11dd-9f4c-00144f486ba6.shtml

Rido per non piangere! :laughing7:
Speriamo non smetta, anzi... spero rincari la dose, aiutato dall'età che avanza. Almeno voglio divertirmici. :icon_tongue:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Aprile, 18, 2008, 20:42
Speriamo non smetta, anzi... spero rincari la dose, aiutato dall'età che avanza. Almeno voglio divertirmici. :icon_tongue:

Dragha, noi ci capiamo! Vai Berlusca!

edit: Ho letto velocemente la "figuraccia", e boh non mi pare nulla di straordinario. Forse ci ha abituati troppo bene :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Aprile, 18, 2008, 20:57
Dragha, noi ci capiamo! Vai Berlusca!

edit: Ho letto velocemente la "figuraccia", e boh non mi pare nulla di straordinario. Forse ci ha abituati troppo bene :D

se consideri che un bel po' di giornalisti russi sono morti negli ultimi anni...  :icon_salut:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Aprile, 18, 2008, 20:59
se consideri che un bel po' di giornalisti russi sono morti negli ultimi anni...  :icon_salut:

In effetti, ecco la chiave di lettura che mancava :D Comunque non è ai suoi massimi: quello che ha fatto con Schultz al parlamento europeo è ancora ineguagliato.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Aprile, 18, 2008, 21:12
Più preoccupante del gesto di Berlusconi (ovviamente di cattivo gusto. Ditemi voi cosa c'è da ironizzare sulla morte dei giornalisti, vedi Anna Politkovskaja, che si sospettano uccisi su mandato presidenziale) è stata la reazione di Putin: un'occhiata eloquente e piuttosto assertoria. M'è parsa una sorta di riflesso involontario dello Zar, che non fa altro che aumentare i dubbi di tutti su quelle strane morti.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 19, 2008, 02:26
Comunque non è ai suoi massimi: quello che ha fatto con Schultz al parlamento europeo è ancora ineguagliato.
Quale, la versione Rai o quella Mediaset? :icon_scratch:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Aprile, 19, 2008, 02:55
La versione parlamento europeo.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Iceman - Aprile, 19, 2008, 12:03
In effetti, ecco la chiave di lettura che mancava :D Comunque non è ai suoi massimi: quello che ha fatto con Schultz al parlamento europeo è ancora ineguagliato.

Non me lo ricordare :/ Mi ha fatto sentire in imbarazzo in quanto italiano.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Aprile, 19, 2008, 12:45
Ah, non dimentichiamo che Rai2 è la rete storicamente appartenente ai democristiani e, poi, al centrodestra.
Esattamente come Rai3 è più "di sinistra".
Secondo me non è un caso che la seconda rete sia la rete "leggera" per eccellenza della RAI e la terza quella più "impegnata e intellettuale".
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Aprile, 19, 2008, 14:48
ma cuffaro è senatoreeee
quello ha favoreggiato un medico di brancaccio per l'assegnazione dei ruoli di primario in ospedale, medico che tralaltro faceva parte del gruppo che ha commissionato l'uccisione di padre pino puglisi.

scandalizziamoci scandalizziamoci per borsellino, per falcone, per impastato, per puglisi. Tante belle parole, guardiamoci i cento passi e lacrimiamo lacrimiamo alla fine del film, e ora che utilizzano metodi diversi ste merde assecondiamoli!

Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 19, 2008, 15:13
Più preoccupante del gesto di Berlusconi (ovviamente di cattivo gusto. Ditemi voi cosa c'è da ironizzare sulla morte dei giornalisti, vedi Anna Politkovskaja, che si sospettano uccisi su mandato presidenziale) è stata la reazione di Putin: un'occhiata eloquente e piuttosto assertoria. M'è parsa una sorta di riflesso involontario dello Zar, che non fa altro che aumentare i dubbi di tutti su quelle strane morti.

Ma era un gesto più che altro simbolico! Non era certo per offendere i tanti giornalisti morti!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Aprile, 19, 2008, 15:29
Ma era un gesto più che altro simbolico! Non era certo per offendere i tanti giornalisti morti!

in che senso simbolico?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Aprile, 19, 2008, 15:31
Ma simbolico di cosa, scusa? Del fatto che in Russia chi si impiccia troppo dei fatti del presidente viene ammazzato?
E a te sembra una cosa sulla quale ridere? Ma soprattutto, ti sembra una cosa sulla quale debba ironizzare un primo ministro?

Io non la penso così. Al massimo è una cosa sulla quale scherzare al bar. Come una barzelletta sugli ebrei, sui neri o su qualsiasi altra cacchiata. Quando lo fa un capo di stato è deprimente.

Poi per carità, non vuol dir niente, non bisogna farne un dramma. Speriamo che il governo faccia bene comunque. Meglio mille figure di merda che sprofondare nella recessione. Certo è che anche lui se si tenesse un tantino...male non farebbe.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 19, 2008, 15:43
in che senso simbolico?

Come per dire: si parla di politica, non di gossip. Non fare queste domande che non è bello aprlare della propria vita privata in giro.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 19, 2008, 16:00
Come per dire: si parla di politica, non di gossip. Non fare queste domande che non è bello aprlare della propria vita privata in giro.
Sì, ma non stiamo parlando di me o di te che siamo i primi che capitano per la strada (senza offesa), stiamo parlando di una persona che rappresenta o dovrebbe rappresentare, il suo paese.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sensei_Link - Aprile, 19, 2008, 16:01
Sì, ma non stiamo parlando di me o di te che siamo i primi che capitano per la strada (senza offesa), stiamo parlando di una persona che rappresenta o dovrebbe rappresentare, il suo paese.


non ho eltto il discorso precedente! pero:

questo non vuol dire che non si debba avere una vita privata!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 19, 2008, 16:03

non ho eltto il discorso precedente! pero:

questo non vuol dire che non si debba avere una vita privata!
Leggiti l'articolo e se certe cose succedono, è giusto che si sappia. Io pago le tasse e, quindi, pago il presidente che mi rappresenta e certe cose non le tollero. Se ci siamo scandalizzati perchè quella donna medico del grande fratello è andata lì e ha fatto incazzare l'ordine dei medici, non mi devo incavolare del presidente di una nazione? Questa vita privata, siamo furbi e teniamola nascosta.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 19, 2008, 16:15
Sì, ma non stiamo parlando di me o di te che siamo i primi che capitano per la strada (senza offesa), stiamo parlando di una persona che rappresenta o dovrebbe rappresentare, il suo paese.
Leggiti l'articolo e se certe cose succedono, è giusto che si sappia. Io pago le tasse e, quindi, pago il presidente che mi rappresenta e certe cose non le tollero. Se ci siamo scandalizzati perchè quella donna medico del grande fratello è andata lì e ha fatto incazzare l'ordine dei medici, non mi devo incavolare del presidente di una nazione? Questa vita privata, siamo furbi e teniamola nascosta.

Mi sembra comunque eccessivo.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 19, 2008, 16:16
Mi sembra comunque eccessivo.
Cosa?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 19, 2008, 16:17
Cosa?

E' stata vista come un qualcosa di inaccettabile, è esagerato!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 19, 2008, 16:19
E' stata vista come un qualcosa di inaccettabile, è esagerato!
Il gesto di Berlusca, o l'atto che richiama la giornalista verso Putin?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 19, 2008, 16:22
Il gesto di Berlusca, o l'atto che richiama la giornalista verso Putin?

E' inaccettabile che qualcuno venga criticato così alla prima occasione solo perchè ha molti nemici.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 19, 2008, 16:24
E' inaccettabile che qualcuno venga criticato così alla prima occasione solo perchè ha molti nemici.
Ma a chi ti riferisci? :BangHead: Al gesto del Berlusca (che richiama il Corriere) o alla domanda della giornalista?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 19, 2008, 16:25
Ma a chi ti riferisci? :BangHead: Al gesto del Berlusca (che richiama il Corriere) o alla domanda della giornalista?

Mi riferisco a tutti quelli che qui sul forum l'hanno attaccato come se avesse bruciato la giornalista.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 19, 2008, 16:27
Mi riferisco a tutti quelli che qui sul forum l'hanno attaccato come se avesse bruciato la giornalista.
Il presunto sguardo di Putin o la "fucilata" di Berlusca? Dai M@pe che ce la possiamo fare! :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 19, 2008, 16:29
Il presunto sguardo di Putin o la "fucilata" di Berlusca? Dai M@pe che ce la possiamo fare! :D

Argh!!!!!!!!!!!!

Io mi sono arrabbiato con quelli che hanno criticato Silvio, perchè mi sembra eccessivo criticarlo solo per così poco, un gesto istantaneo.

Spoiler (click to show/hide)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Claire Redfield - Aprile, 19, 2008, 16:30
Leggiti l'articolo e se certe cose succedono, è giusto che si sappia. Io pago le tasse e, quindi, pago il presidente che mi rappresenta e certe cose non le tollero. Se ci siamo scandalizzati perchè quella donna medico del grande fratello è andata lì e ha fatto incazzare l'ordine dei medici, non mi devo incavolare del presidente di una nazione? Questa vita privata, siamo furbi e teniamola nascosta.
Vabbé l'ordine dei medici è semplicemente ridicolo. Non ho visto il GF ma minacciare di prendere provvedimenti su quella concorrente (e che avrà fatto mai?) quando si guarda bene dal radiare medici condannati per omicidio colposo che continuano tranquillamente la loro carriera....Mah!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 19, 2008, 16:33
Argh!!!!!!!!!!!!

Io mi sono arrabbiato con quelli che hanno criticato Silvio, perchè mi sembra eccessivo criticarlo solo per così poco, un gesto istantaneo.
Spontaneo magari! :laughing7: Però ricordiamoci che rappresentiamo il paese, non Costanzo, la De Filippi, o il Milan... :BangHead:

Vabbé l'ordine dei medici è semplicemente ridicolo. Non ho visto il GF ma minacciare di prendere provvedimenti su quella concorrente (e che avrà fatto mai?) quando si guarda bene dal radiare medici condannati per omicidio colposo che continuano tranquillamente la loro carriera....Mah!
Stiamo dicendo la stessa cosa! Se si da tanto spazio a per queste cose, cosa si dovrebbe fare per il gesto del Berlusca? Comunque neanch'io guardo il GF! E non tiro fuori l'argomento "strumentalizzazione delle reti"...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 19, 2008, 16:35
Spontaneo magari! :laughing7: Però ricordiamoci che rappresentiamo il paese, non Costanzo, la De Filippi, o il Milan... :BangHead:

C'hai ragione... Mi è venuto così, istantaneamente :laughing7:

Anche se rappresenta tutta Italia, è lo stesso eccessivo :hmh:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Claire Redfield - Aprile, 19, 2008, 16:37
Stiamo dicendo la stessa cosa! Se si da tanto spazio a per queste cose, cosa si dovrebbe fare per il gesto del Berlusca? Comunque neanch'io guardo il GF! E non tiro fuori l'argomento "strumentalizzazione delle reti"...
Non era una critica la mia, ho solo colto l'occasione per attaccare l'Ordine dei Medici  :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 19, 2008, 16:39
Anche se rappresenta tutta Italia, è lo stesso eccessivo :hmh:
Mi dispiace, ma non sono d'accordo! Se non è eccessivo che il primo imprenditore e indagato d'Italia sia al governo, non lo è nemmeno la reazione sul suo gesto! :dontknow:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 19, 2008, 16:43
Mi dispiace, ma non sono d'accordo! Se non è eccessivo che il primo imprenditore e indagato d'Italia sia al governo, non lo è nemmeno la reazione sul suo gesto! :dontknow:

...NO COMMENT...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Giotto 100 - Aprile, 19, 2008, 18:44
Anche se rappresenta tutta Italia, è lo stesso eccessivo :hmh:
Assolutamente no! Un uomo che sta rappresentando la settima potenza al mondo si mette a fare gesti del genere scherzando su chi ci è morto veramente in quel modo è una cosa di cattivo gusto, poi è giusto che non abbia niente a che fare con gli interessi del Paese, ma caro mio quel gran pezzo di merda mi sta rappresentando come italiano e su certe cose non si scherza.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 19, 2008, 18:59
Assolutamente no! Un uomo che sta rappresentando la settima potenza al mondo si mette a fare gesti del genere scherzando su chi ci è morto veramente in quel modo è una cosa di cattivo gusto, poi è giusto che non abbia niente a che fare con gli interessi del Paese, ma caro mio quel gran pezzo di merda mi sta rappresentando come italiano e su certe cose non si scherza.

come si riesce a strumentalizzare berlusconi non si riesce con nessun altro... non aggiungo altro che è meglio
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Giotto 100 - Aprile, 19, 2008, 19:07
come si riesce a strumentalizzare berlusconi non si riesce con nessun altro... non aggiungo altro che è meglio
Vabbè:
(http://www.bloggers.it/forzasilvio/itcommenti/papa.jpg)

Di certo non mi è simpatico, ma ci sono cose su cui puoi scherzare e altre dove non devi nemmeno pensarci. E qui non doveva di certo scherzare. :angry7:
E' come se andasse a scherzare in Germania davanti alla Merkel facendo saluti nazisti.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Aprile, 19, 2008, 19:15
mape forse tu non hai capito che il gesto di berlusconi è risultato così tanto inappropriato giusto perchè negli ultimi anni sono morti tanti giornalisti russi e si pensa che il mandante sia proprio putin, è per questo che non avrebbe dobuto permettersi di fare ironia... spero che tu abbia capito adesso.


e cuffaro è al senato e non si scandalizza nessuno
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 19, 2008, 20:10
beh perchè è chiaro che berlusconi intendeva: ora ti ammazzeranno come tutti gli altri e non "mannaggia a te che ci combini"
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Aprile, 19, 2008, 20:20
beh perchè è chiaro che berlusconi intendeva: ora ti ammazzeranno come tutti gli altri e non "mannaggia a te che ci combini"

Oh, Yoshi, va bene essere pro Berlusca, ma di quando in qua "mannaggia a te" lo si mima col gesto del mitra?
Poi non capisco cosa tu intenda quando parli strumentalizzare: qui la cosa è fin troppo chiara. Putin è sospettato di essere mandante di omicidio contro i giornalisti. Un giornalista fa una domanda scomoda a Putin. Berlusconi gli mima il mitra come per dire "occhio a quello che fai, che Putin non scherza". Non è un avvertimento o una minaccia, è semplicemente una battuta.
Mi sembra lapalissiana la cosa. Se poi tu la leggi come un gesto comune o casuale, beato te, a me sembra una forzatura.

Ripeto, non è niente di grave, è semplicemente una battuta mimica del cavolo, ma santo dio, ci pensasse un secondino...(non è che non appoggiarlo in qualsiasi cosa significhi volergli male o essere degli stalinisti, eh  :D)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 20, 2008, 11:07
Assolutamente no! Un uomo che sta rappresentando la settima potenza al mondo si mette a fare gesti del genere scherzando su chi ci è morto veramente in quel modo è una cosa di cattivo gusto, poi è giusto che non abbia niente a che fare con gli interessi del Paese, ma caro mio quel gran pezzo di merda mi sta rappresentando come italiano e su certe cose non si scherza.

Sicuro? Non credevo che fossimo così avanti. :laughing7:

Comunque tu dici queste cose solo perchè ce l'hai a morte con Silvio.
Guardala da un altro punto di vista.

mape forse tu non hai capito che il gesto di berlusconi è risultato così tanto inappropriato giusto perchè negli ultimi anni sono morti tanti giornalisti russi e si pensa che il mandante sia proprio putin, è per questo che non avrebbe dobuto permettersi di fare ironia... spero che tu abbia capito adesso.

Io avevo già capito, ma mi sembrava non fosse un gesto per cui scandalizzarsi, come ha detto Yoshi.

come si riesce a strumentalizzare berlusconi non si riesce con nessun altro... non aggiungo altro che è meglio
beh perchè è chiaro che berlusconi intendeva: ora ti ammazzeranno come tutti gli altri e non "mannaggia a te che ci combini"

 :thumbsup:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 20, 2008, 11:11
si però così l'opposizione non funziona proprio per niente. Io sono d'accordo con Yoshi, quel gesto è di cattivo gusto ma penso l'abbia fatto così sul momento, senza pensare a quello che si presume succedere in russia. Guardatevi l'intervento al parlamento europeo, ormai sotto quello standard è normalità.
Piu' che altro, visto che accusa veltroni (e tutta l'opposizione) di essere un ex comunista, screditandolo, un qualsiasi giornalista presente lì avrebbe dovuto chiedere "mi scusi mr president, ci può spiegare la differenza tra un ex comunista cattivo e un ex comunista buono? è piu' cattivo un ex comunista che dirigeva un giornale o un ex comunista che faceva il dirigente nel kgb? è piu' cattivo un ex comunista che oggi è all'opposizione e cerca di ragionare coi suoi avversari o uno che di avversari non ne ha e come lei ha la maggioranza dei mezzi di informazione nel proprio paese?"
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 20, 2008, 11:13
comunque grazie a Joan Rus, l'aquila torna a svettare sui colli fatali di Roma.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 20, 2008, 11:16
Io sono d'accordo con Yoshi, quel gesto è di cattivo gusto ma penso l'abbia fatto così sul momento, senza pensare a quello che si presume succedere in russia. Guardatevi l'intervento al parlamento europeo, ormai sotto quello standard è normalità.

 :thumbsup:

Piu' che altro, visto che accusa veltroni (e tutta l'opposizione) di essere un ex comunista, screditandolo, un qualsiasi giornalista presente lì avrebbe dovuto chiedere "mi scusi mr president, ci può spiegare la differenza tra un ex comunista cattivo e un ex comunista buono? è piu' cattivo un ex comunista che dirigeva un giornale o un ex comunista che faceva il dirigente nel kgb? è piu' cattivo un ex comunista che oggi è all'opposizione e cerca di ragionare coi suoi avversari o uno che di avversari non ne ha e come lei ha la maggioranza dei mezzi di informazione nel proprio paese?"

Avrebbe risposto: abbiamo trovato un giornalista di sinistra, a quanto pare. :laughing7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 20, 2008, 11:43
La cosa che piu' mi fa male è pensare che qualcuno consideri Berlusconi di destra. Cavour, Ricasoli, Minghetti, De Gasperi sono di destra.. ed era tutta un'altra cosa.
Minghetti diede il paese alla sinistra dopo aver introdotto la tassa sul macinato, venduto gli enti pubblici e ripianato il deficit. Destra significa onestà,liberalismo, lealtà al proprio paese e alle istituzioni ancor piu' che agli elettori. Berlusconi per me significa solo protezionismo, demagogia e clientelarismo. Purtroppo prendo atto che oggi questo è l'unico modo di fare politica.. E che in futuro conteranno sempre di piu' i grandi gruppi economici.
Aridatemi l'800.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 20, 2008, 12:50
Qualcuno qua diceva che Grillo è un grande..
oggi per sostenere la sua tesi sulla mancanza d'informazione in Italia ha tirato fuori un video di quel tizio (Stefano Spadoni) che sostiene che in Italia siamo disinformati sulla pena di morte negli stati uniti e che se non funziona è solo perchè non viene applicata.
In questi giorni Grillo lamenta che in parlamento non ci sia piu' la sinistra, per colpa di Veltroni, e al tempo stesso, prima delle elezioni dava dei corrotti a tutti i partiti...se non si capisce in mezzo a tutte le contraddizioni da che parte sta, è perchè sta solo dalla sua parte. Invita tutti ad essere come lui; non ha neanche la modestia di un Robespierre, lui è la rivoluzione e tutti devono essere Beppe Grillo. Non riconosce nessun partito, e neanche quelli che si sono appropriati indebitamente del suo nome. Parla di democrazia diretta del blog: la sua voce, sopra a quella delle altre, e 2000 persone che commentano tutte assieme e tutte con lo stesso grado di importanza, ossia NESSUNO.
Che alternativa è? fatevi un piacere: il 25 aprile ricordatevi di quando siamo stati liberati dai tedeschi, grazie agli americani, ai francesi, agli inglesi e ai nostri partigiani. E ricordiamoci che siamo arrivati a quel punto perchè cercavamo un uomo forte, che non è stato all'altezza. e ricordiamoci i pericoli del mettere tanto potere nelle mani di una sola persona. Consapevoli di questo, ignoriamo Grillo e le sue iniziative. E per quanto chi governa non ci piaccia, Grillo non è affatto meglio.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Aprile, 20, 2008, 13:11
Bah per me se la poteva risparmiare l'ironia... cazz Mape... ma lo chiami pure per nome berlusconi  :laughing7:

Cmq lui non l'ha mai festeggiato il 25 aprile? Ma perchè lui non ci creeedeee


e cmq cuffaro è in parlamento e nessuno si scandalizza e mi risponde
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 20, 2008, 14:21
l'importanza che si è data al 25 aprile non è proprio corrispondente alla realtà (come per il risorgimento e la prima guerra mondiale) , però penso che sia una festa importante, come sono state occasioni importanti il risorgimento e la prima guerra mondiale (appunto) per cementare lo spirito di unità tra noi italiani.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Aprile, 20, 2008, 14:25

e cmq cuffaro è in parlamento e nessuno si scandalizza e mi risponde

Niente di nuovo sul fronte occidentale. Se ricordi Il giorno della civetta, già lì c'è il famoso aggancio in parlamento.

Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Aprile, 20, 2008, 17:22
Niente di nuovo sul fronte occidentale. Se ricordi Il giorno della civetta, già lì c'è il famoso aggancio in parlamento.



già ricordo, è da puglisi in poi credo che la mafia non abbia più fatto stragi, mi fa paura che si sposti così facilmente e palesemente nella politica senza che nessuno si scandalizzi
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Aprile, 20, 2008, 17:54
Minghetti diede il paese alla sinistra dopo aver introdotto la tassa sul macinato, venduto gli enti pubblici e ripianato il deficit. Destra significa onestà,liberalismo, lealtà al proprio paese e alle istituzioni ancor piu' che agli elettori. Berlusconi per me significa solo protezionismo, demagogia e clientelarismo. Purtroppo prendo atto che oggi questo è l'unico modo di fare politica.. E che in futuro conteranno sempre di piu' i grandi gruppi economici.

L'onesta' adesso sarebbe esclusiva della destra? E da quando le virtu' caratteriali sono segno di un'affiliazione politica?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 20, 2008, 18:44
no, infatti. Mi riferivo a quella classe politica di destra, in contrapposizione alla sinistra dell'epoca. Poi i ruoli si sono ribaltati, e la destra per governare ha iniziato ad essere spregiudicata. Vedi i liberali che hanno governato dopo la prima guerra mondiale, per mantenere il potere sono scesi a patti coi fascisti. Prezzolini attribuiva questi ideali alla destra, intesi come qualità che la destra stessa intendeva portare nella società. Oggi Scalfari ha scritto su repubblica di come la contrapposizione tra destra e sinistra sia caduta, di come in Italia si contrapponga alla sinistra una destra che vuole farsi promotrice di istanze "identitarie", e di come tutte e due si misurino su un campo riformista. Per certi versi poi la sinistra oggi è piu' conservatrice della destra, visto che dagli anni 80 lo stato sociale ha iniziato ad entrare in fase discendente (e c'è chi pensa al "vogliamo tutto" del 77 pensando a Berlusconi), e la sinistra si batte per mantenerlo. Di fronte a una destra, quella di oggi, che legittima il conflitto d'interessi, la sinistra cerca di promuovere un'etica politica che per questa classe dirigente non è così scontata..come non lo era per De Pretis, da cui Giolitti imparò il "trasformismo". Quindi hai ragione tu, nel dire che certi valori sono relativi. Non lo erano da un punto di vista storico e io facevo riferimento a questo.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 20, 2008, 18:54
Oh, Yoshi, va bene essere pro Berlusca, ma di quando in qua "mannaggia a te" lo si mima col gesto del mitra?
Poi non capisco cosa tu intenda quando parli strumentalizzare: qui la cosa è fin troppo chiara. Putin è sospettato di essere mandante di omicidio contro i giornalisti. Un giornalista fa una domanda scomoda a Putin. Berlusconi gli mima il mitra come per dire "occhio a quello che fai, che Putin non scherza". Non è un avvertimento o una minaccia, è semplicemente una battuta.
Mi sembra lapalissiana la cosa. Se poi tu la leggi come un gesto comune o casuale, beato te, a me sembra una forzatura.

Ripeto, non è niente di grave, è semplicemente una battuta mimica del cavolo, ma santo dio, ci pensasse un secondino...(non è che non appoggiarlo in qualsiasi cosa significhi volergli male o essere degli stalinisti, eh  :D)

mi rendo conto che tu in quanto portatore della sapienza divina possa decidere universalmente cosa è e cosa non è. Ciao Ciao!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Aprile, 20, 2008, 19:09
mi rendo conto che tu in quanto portatore della sapienza divina possa decidere universalmente cosa è e cosa non è. Ciao Ciao!

ahahhahaha ma che dici?

 :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 20, 2008, 19:11
ahahhahaha ma che dici?

 :D

qui il discorso è che se sei a favore di Berlusconi lo sei a occhi chiusi, mentre io noto proprio il contrario, io sto dicendo che non  neanche pensabile che l'intenzione fosse quella, mentre mi si dice "è talmente evidente"... mi sono davvero rotto il cazzo, vi lascio in mano questo bel topic, fatelo diventare come Napoli negli ultimi mesi.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Aprile, 20, 2008, 19:14
Ma secondo voi Berlusconi ha la minima idea di quello che succeda in Russia o dei giornalisti uccisi?
Secondo voi si ricorda della giornalista uccisa o ha la vaga idea che certi giornalisti siano stati uccisi e che Putin ne è il sospetto mandante?
Quello ha la cultura generale di un venditore di pentole, cosa volete che ne sappia dei giornalisti russi?
Il suo non essere un politico di mestiere lo porta a non conoscere le regole stesse della politica, ce ne stupiamo ancora dopo tanti anni che scimmiotta a Palazzo Chigi?
Non sovrastimiamo il personaggio, a lui importa solo di avere uno stuolo di elettori devoti e di stupirli, di mandarli in brodo di giuggiole con battute e "versi" sempre nuovi, con quelle vaccate da caserma che farebbero inorridire chiunque ma non la maggioranza relativa degli elettori, che l'ha votato, l'ha sempre sostenuto e lo sosterrà ancora, finchè sara Silvio Berlusconi, con le sue apparenti gaffe (molte delle quali sono studiate a tavolino), con la sua ignoranza personale (perchè Berlusoni è fondamentalmente poco colto, sorretto continuamente da portaborse e "sceneggiatori") e con le sue battute spontanee.
O lo si ama o lo si odia, io personalmente lo odio ma ormai so capire quando si tratta di lampi dittatoriali (Editto Bulgaro, legge gasparri) e quando sono semplici uscite di bambinone di 70 anni.

 
mi rendo conto che tu in quanto portatore della sapienza divina possa decidere universalmente cosa è e cosa non è. Ciao Ciao!

Dai tuoi post appari esattamente come quella sapienza divina inattaccabile che tanto critichi.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Aprile, 20, 2008, 19:15
qui il discorso è che se sei a favore di Berlusconi lo sei a occhi chiusi, mentre io noto proprio il contrario, io sto dicendo che non  neanche pensabile che l'intenzione fosse quella, mentre mi si dice "è talmente evidente"... mi sono davvero rotto il cazzo, vi lascio in mano questo bel topic, fatelo diventare come Napoli negli ultimi mesi.

ahahahhaha
Cmq non c'è bisogno di incazzarsi tanto e rispondere in questo modo. Anche perchè i toni di shandon erano pacati. Quindi stiamo calmi e non provochiamo in questo modo.

Che poi il gesto di berlusconi a me sia sembrato inappropriato almeno quanto il tuo paragone su napoli è una altro discorso.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 20, 2008, 19:20
Non credo che napoli sia diventata così negli ultimi mesi, a meno di suffragare la tesi di mia nonna per cui hanno tenuto la monnezza in cantina e poi l'hanno tirata tutti fuori lo stesso giorno per dare spettacolo  :laughing7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 20, 2008, 19:28

Dai tuoi post appari esattamente come quella sapienza divina inattaccabile che tanto critichi.

certo, infatti sono io quello che dice che è così perchè è così e non spiego quello che sostengo

ahahahhaha
Cmq non c'è bisogno di incazzarsi tanto e rispondere in questo modo. Anche perchè i toni di shandon erano pacati. Quindi stiamo calmi e non provochiamo in questo modo.

Che poi il gesto di berlusconi a me sia sembrato inappropriato almeno quanto il tuo paragone su napoli è una altro discorso.

io non provoco nessuno, sono serio in tutto e per tutto, non intendo più scrivere una parola di politica su questo forum. Perchè è una caccia all'uomo, nient'altro.
sai quanto me ne può fregare di quello che ti sembra appropriato? no, molto meno.

Non credo che napoli sia diventata così negli ultimi mesi, a meno di suffragare la tesi di mia nonna per cui hanno tenuto la monnezza in cantina e poi l'hanno tirata tutti fuori lo stesso giorno per dare spettacolo  :laughing7:

utilità di questo post?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Aprile, 20, 2008, 19:31
Yoshi, straparli: ti lanciano addosso argomentazioni da tutte le parti e tu rispondi: "son tutte cazzate, siete prevenuti, non posto più qua".
Andiamo!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 20, 2008, 19:32
Yoshi, straparli: ti lanciano addosso argomentazioni da tutte le parti e tu rispondi: "son tutte cazzate, siete prevenuti, non posto più qua".
Andiamo!

le argomentazioni quando me le lanciano addosso come dici tu, le commento, al limite spiego perchè non mi sembrano appropriate. "E' evidente che è così" che argomentazione è? me lo spieghi? sei tu che straparli
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Aprile, 20, 2008, 19:33
sai quanto me ne può fregare di quello che ti sembra appropriato? no, molto meno.

cerca di fartelo fregare allora perchè un po' di rispetto non dico di pretenderlo, ma magari lo gradirei
anche perchè non ti ho fatto niente e ti stai alterando da te senza motivo mi sembra.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Aprile, 20, 2008, 19:42
cerca di fartelo fregare allora perchè un po' di rispetto non dico di pretenderlo, ma magari lo gradirei
anche perchè non ti ho fatto niente e ti stai alterando da te senza motivo mi sembra.

E' un tipico leghista :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Aprile, 20, 2008, 19:44
Rileggo il post di quel ghei di Sciendon e non ci vedo nulla di intransigente, Yoshi.
Secondo me non hai capito cosa voleva dire.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 20, 2008, 19:48
E' un tipico leghista :D

eh che bel post! complimenti!

cerca di fartelo fregare allora perchè un po' di rispetto non dico di pretenderlo, ma magari lo gradirei
anche perchè non ti ho fatto niente e ti stai alterando da te senza motivo mi sembra.

guarda se non te l'avessi detto ti avrei rispettato molto meno perchè sarei stato falso.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Aprile, 20, 2008, 19:50
guarda se non te l'avessi detto ti avrei rispettato molto meno perchè sarei stato falso.


non è falsità porsi nel modo giusto senza provocare...

 :laughing7:


Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Aprile, 20, 2008, 20:11
eh che bel post! complimenti!

Berlusconi può scherzare e io no?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 20, 2008, 20:32
utilità di questo post?

andiamo, ti ho risposto tante volte in modo serio e mi ribatti solo a questo, in cui scherzando, insinuavo che l'emergenza napoli è una cosa bipartisan che ha preso 15 anni di governi di destra di centro e di sinistra?
e poi è offensivo e strumentale collegare il comportamento delle persone con cui stai discutendo a un problema di civiltà che con il dibattito politico non ha niente a che fare.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 20, 2008, 20:34
Gig mi fai schifo, speravo ti fossi chiuso in un convento e invece sei tornato qui come un cane bastonato col wii. Sai cosa? io ho fatto la stessa cosa, ma dopo essermi preso il ds.
Eppure ho una ragazza e una vita sociale soddisfacente, qua la zampa amico cane.
Non sei per niente bipartisan, e manco topexan.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 20, 2008, 20:37
vabbè, cmq ciao ciao, ho già detto cosa penso, abbondantemente... il mio l'ho fatto. Ora basta perchè non ne ho più voglia.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 20, 2008, 20:44
sembra quasi tu ci debba convincere..massì va' siete in netta maggioranza, su con la vita vincitore...ach, RUBACUORI!:thumbsup:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 21, 2008, 09:23
Solo una cosa, perchè, come dice Gig, certe argomentazioni su ciò che ha fatto Berlusca nei 5 anni di governo le ho riportate, ma non commentate.

Lui stesso, per sua affermazione, disse: "Non importa come se ne parla di me, l'importante è che se ne parli!" Ogni suo intervento, intervista o che sia, riporta sempre un qualcosa di "eclatante" (passatemi il termine). Penso che non ci sia bisogno di aggiungere altro al suo gesto sulla "fucilata". Così come, anni fa, fece il gesto delle corna ad una foto globale del comitato europeo, tipico gesto da quindicenni. :angry7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Aprile, 21, 2008, 12:22
Ma sono l'unico curioso di vedere come si evoleverà il tutto ?

L'unico  non dico contento ma sollevato dal fatto di non ri avere un governo di sinistra come quello passato ?
L'unico che spera in provvedimenti contro  gli emigrati clandestini nullafacenti che possono fare quello che caz gli pare ?
L'unico che voleva sputare al genio che ha messo L'indulto ?
L'unico che è rimasto deluso da una sinistra che ha preso per il culo tutti ?
L'unico che si è trovato a dover decidere se dover ri votare la stessa gente del governo prodi ?

E' inutile dire si ma la destra faceva cosi, e la sinistra faceva cosa.
Hanno FAtto schifo entrambe!

L'unica differenza e che con la destra ( A ROMA ) si stava decisamente meglio.

Ora vediamo... Bossi mi terrorizza.. berlusconi.. è un imprenditore e si comporta come tale..
Vediamo che accade!



Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Aprile, 21, 2008, 14:32
Ma sono l'unico curioso di vedere come si evoleverà il tutto ?

No, questo no.
Anzi, devo dire che in questi ultimi giorno o, da non so dove, un piccolo grado di speranza che berlusconi possa finalmente fare qualcosa di davvero utile. Si vedrà.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Diddy Kong - Aprile, 21, 2008, 15:10
Ma sono l'unico curioso di vedere come si evoleverà il tutto ?

L'unico  non dico contento ma sollevato dal fatto di non ri avere un governo di sinistra come quello passato ?
L'unico che spera in provvedimenti contro  gli emigrati clandestini nullafacenti che possono fare quello che caz gli pare ?
L'unico che voleva sputare al genio che ha messo L'indulto ?
L'unico che è rimasto deluso da una sinistra che ha preso per il culo tutti ?
L'unico che si è trovato a dover decidere se dover ri votare la stessa gente del governo prodi ?

E' inutile dire si ma la destra faceva cosi, e la sinistra faceva cosa.
Hanno FAtto schifo entrambe!

L'unica differenza e che con la destra ( A ROMA ) si stava decisamente meglio.

Ora vediamo... Bossi mi terrorizza.. berlusconi.. è un imprenditore e si comporta come tale..
Vediamo che accade!





Quoto, non possiamo prevedere niente, Berlusconi non è neanche ufficialmente il Premier, per ora.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Aprile, 21, 2008, 16:34
L'unica differenza e che con la destra ( A ROMA ) si stava decisamente meglio.

Max, ma che cavolo dici? A Roma un sindaco di destra mi pare non ci sia da decenni, al massimo ci sono stati dei democristiani. Gli ultimi cmq erano tutti di sinistra, Veltroni, Rutelli, Carraro, l'ultimo sindaco non di sinistra risale al 1989!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Aprile, 21, 2008, 16:36
Max, ma che cavolo dici? A Roma un sindaco di destra mi pare non ci sia da decenni, al massimo ci sono stati dei democristiani. Gli ultimi cmq erano tutti di sinistra, Veltroni, Rutelli, Carraro, l'ultimo sindaco non di sinistra risale al 1989!
Ho parlato di sindaco  :icon_scratch:  ?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 21, 2008, 17:07
Ho parlato di sindaco  :icon_scratch:  ?
E di cosa allora?  :icon_scratch: E' o non è il sindaco che governa la città? :dontknow:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Aprile, 21, 2008, 17:17
E di cosa allora?  :icon_scratch: E' o non è il sindaco che governa la città? :dontknow:
Ma questo lo avete letto ? :

L'unico che spera in provvedimenti contro  gli emigrati clandestini nullafacenti che possono fare quello che caz gli pare ?
L'unico che voleva sputare al genio che ha messo L'indulto ?
L'unico che è rimasto deluso da una sinistra che ha preso per il culo tutti ?
L'unico che si è trovato a dover decidere se dover ri votare la stessa gente del governo prodi ?

Wow tutto il sindaco di roma ha fatto mado non lo sapevo -.-

Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 21, 2008, 19:20
Bè Max, siamo in due ad aver inteso ti riferissi al sindaco... :laughing7: Ora ho capito cosa intendevi! :thumbsup:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Aprile, 21, 2008, 19:25
No, questo no.
Anzi, devo dire che in questi ultimi giorno o, da non so dove, un piccolo grado di speranza che berlusconi possa finalmente fare qualcosa di davvero utile. Si vedrà.

Di sicuro, a parte le solite gaffe, è cambiato molto, sembra più stanco, più vecchio, più saggio addirittura.
Resta pur sempre un genio dell'impolitica, ma credo sarà un governo meno "scoppiettante" e cialtrone di quanto è stato in passato, non credo abuserà dei suoi poteri come in passato ma cercherà di offrire una politica da conservatore classico... vedremo.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Aprile, 21, 2008, 19:26

L'unico che spera in provvedimenti contro  gli emigrati clandestini nullafacenti che possono fare quello che caz gli pare ?
L'unico che voleva sputare al genio che ha messo L'indulto ?
L'unico che è rimasto deluso da una sinistra che ha preso per il culo tutti ?
L'unico che si è trovato a dover decidere se dover ri votare la stessa gente del governo prodi ?

L'indulto è stato votato da entrambi gli schieramenti, ed è dovuto al fatto che le carceri sono strapiene.
Gli emigrati a me non danno affatto fastidio, perchè se emigrano vuol dire che non stanno più qua  :D. Se intendevi gli immigrati chiarisci meglio il punto di vista, perchè essere clandestini o nullafacenti non è poi una gran colpa. Se diventano criminali allora è un altro discorso, e quelli vanno trattati come tali.
Infine sul quarto punto, sul ri-votare, mi sembra che l'80% degli italiani si siano trovati d'accordo. La sinistra avrà ricandidato i soliti, cambiando premier, ma la destra in generale non ha certo modificato nulla. Pare anche che tornino gli stessi ministri agli stessi posti(Tremonti all'economia).
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 21, 2008, 19:44
Ma questo lo avete letto ? :

L'unico che spera in provvedimenti contro  gli emigrati clandestini nullafacenti che possono fare quello che caz gli pare ?
L'unico che voleva sputare al genio che ha messo L'indulto ?
L'unico che è rimasto deluso da una sinistra che ha preso per il culo tutti ?
L'unico che si è trovato a dover decidere se dover ri votare la stessa gente del governo prodi ?

Wow tutto il sindaco di roma ha fatto mado non lo sapevo -.-


Guarda, per gli immigrati clandestini hanno fatto delle ordinanze ma in paesi di 30'000 abitanti o massimo 100'000 (non so, ma sono dei paesini del varesotto e credo del trevigiano, massimo un capoluogo di provincia, ma mi sembra di no). Se qualche sindaco riesce a fare lo stesso per Roma, costui si chiama: A- Batman B- Superman C- Dottor Faust
Piu' che l'indulto è non aver iniziato a costruire le carceri dopo averlo votato. Come dice shandon l'hanno votato destra e sinistra (eccetto lega, an e italia dei valori), però in compenso i condoni di tremonti li ha votati solo la destra nella passata legislatura.
Per il governo prodi considera anche la maggioranza risicata al senato che costringeva chi proponeva le leggi a dover parlamentare con udc, idv, rifondazione, verdi, rosa nel pugno, margherita, comunisti italiani, Dini e liberali etc. i partiti di maggioranza ci hanno messo buona lena, ma per fare gli interessi di tutta quella coalizione avrebbero dovuto avere piu' spazio in parlamento. Dici che candidano la stessa gente, eppure mi sembra che Veltroni sia andato a queste elezioni solo con Italia dei valori...o sbaglio?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 21, 2008, 19:46
Comunque anche io voglio vedere cosa succede. Sicuramente se i soldi che vanno adesso a Roma e nelle regioni del Sud per effetto dei fondi sperequativi si interrompono quasi del tutto (si dice vi beccherete solo 1/3) qua al nord staremo di certo meglio, visto che già ora stiamo benone, bisogna vedere come starete voi..Inoltre potrò stare con la coscienza in pace perchè io non li ho votati..meglio di così non può proprio andare, mi sento angelico  :thumbsup:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Aprile, 21, 2008, 20:40
Davvero, che bello stare al nord e non aver votato a destra... mi potrò godere tutti i vantaggi del federalismo fiscale (che si farà) con la coscienza pulita!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Aprile, 21, 2008, 21:20
Davvero, che bello stare al nord e non aver votato a destra... mi potrò godere tutti i vantaggi del federalismo fiscale (che si farà) con la coscienza pulita!
E chi ha detto di aver votato a destra ?   :happy4:

Bho vedremo come andrà ^^

Cmq leggere le vostre spiegazione è i vostri punti di vista è sempre un piacere  :happy4:


Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Aprile, 21, 2008, 21:25
E chi ha detto di aver votato a destra ?   :happy4:

E chi pensava a te?  :happy4:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 21, 2008, 21:32
Il movimento per l'autonomia del sud vuole il federalismo fiscale. Secondo voi è possibile che un'intera regione soffra della sindrome di stoccolma?
Maledizione, speravo almeno di poter vedere in parlamento duelli all'ultimo sangue tra senatori della Lega Lombarda e siculi bardati come soldati del Barbarossa..
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Aprile, 21, 2008, 23:02
C'è anche da dire che la maggioranza risicata di Prodi non è una buona scusante per le delusioni che ha dato e di cui parlava Max (ed è l'unico punto che non ho contestato del suo discorso). E' stato evidente fin da subito che la situazione viveva sul collasso continuo. Poi, se Prodi aveva un po' più di lucidità(a 70 anni secondo me non si può fare i presidenti del consiglio, comunque ci si chiami) doveva un attimino intuire che non era solo una questione di numeri, ma anche di cani e porci imbarcati per portare a casa quella vittoria di Pirro: Dini, Mastella, Manzione, Bordon, Di Gregorio (forse il peggiore nei secoli dei secoli. Passato allo schieramento opposto dopo neanche un giorno di governo. Adesso è accusato di mafia)...insomma, non solo la maggioranza era appesa a un filo numerico (assenze, uscite ai bagni, tutto aveva valore), ma anche e soprattutto a una matassa ideologica cadente (dai veterocomunisti di Turigliatto ai liberisti di Dini, da Pannella alla Binetti e a Mastella).
Quindi, secondo me, era un bene per il paese (leggi: ci risparmiavamo nuove elezioni, campagna elettorale e il ritorno di Borghezio al governo) prenderne atto per cercare intese più larghe.


Tutto ciò, of course, col senno di poi.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Aprile, 22, 2008, 01:43
Di sicuro, a parte le solite gaffe, è cambiato molto, sembra più stanco, più vecchio, più saggio addirittura.
Resta pur sempre un genio dell'impolitica, ma credo sarà un governo meno "scoppiettante" e cialtrone di quanto è stato in passato, non credo abuserà dei suoi poteri come in passato ma cercherà di offrire una politica da conservatore classico... vedremo.

La penso esattamente allo stesso modo, soprattutto sulla serietà che sembra aver acquisito. Sperem, se soprattutto poi per una volta la questione tra gli schieramenti non sarà alla baionetta e Veltroni cercherà davvero dialogo e concordanza, forse può uscirne qualcosa di bello.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 22, 2008, 09:17
Sono d'accordo con te Shandon, soprattutto su quel senno di poi. Alle elezioni del 2006 c'era sta voglia di invencible armada perchè tutti erano scontenti di Berlusconi e sembrava che quello dovesse bastare a governare il paese.. Io sono contento che il pd abbia mollato certa zavorra anche se qualche dubbio sulla sua reale possibilità di beccarsi la maggioranza ce l'ho.
Poi è mancata la comunicazione, è mancata un po' di buona retorica sulle cose meritevoli che ha fatto il governo, certo, non è stato un governo delle riforme ma almeno su alcune questioni ha avuto oculatezza.
Per ricollegarmi al discorso di Gig e Tigno, parlate di un Berlusconi piu' assennato e forse anche serio, di una persona che non cercherà di abusare dei suoi poteri - non un cialtrone- ma un conservatore.
La doccia fredda di queste ore è che la trattativa Alitalia - AirFrance è fallita, i francesi si sono giustamente rotti le palle per la mancanza di serietà (non in ordine):
1- di Berlusconi, che ha buttato sul piatto elettorale la famosa "cordata", basata su isterie nazionaliste piu' che su reali motivi di convenienza (e si è visto quanto erano nazionaliste quando nei giorni scorsi ha dichiarato entusiasta l'interessamento di Airflot, la compagnia RUSSA!! RUSSA!!)
- la cordata non c'è stata, ora Intesa si sta muovendo timidamente ma non c'entra niente con Berlusconi, visto che concordava con AirOne. Berlusconi ha fatto valere il suo effetto d'annuncio, il motivo della partita del cuore tra roma e milano (per dare un contentino ai leghisti) e ha mostrato mancanza di etica in modo totale. E oltretutto il candidato che all'occorrenza fa l'imprenditore puzza di conflitto d'interessi come un eretico di zolfo, ma questo ormai è del tutto normale.
2- Dei sindacati che hanno inseguito ancora una volta la tattica geniale del tutto o niente. Potevano provare a negoziare, a ottenere "qualcosa" di quel tutto, e invece si sono dimostrati rigidi come un palo in culo ad airfrance e alle regole di mercato, uno dei motivi per cui Alitalia si trova in questa situazione. Verrebbe da dire "Guai ai vinti". Come si fa a risanarla se continuano i motivi che l'hanno condotta al fallimento? Se un'azienda è antieconomica e non può piu' ricevere soldi dallo stato per i trattati della ue e per mancanza proprio di soldi, FALLISCE punto e stop! si svaluta, non vale più niente, i lavoratori vanno in cassaintegrazione e non conta quanto ci abbiamo speso, conta che abbiamo speso male.
Per loro fortuna i francesi non si sono voluti prendere questo braccio cancheroso dell'elefantiaca realtà italiana, fatta di deficienti che si fanno la guerra di trincea, con noialtri italiani nella terra di nessuno,a goderci le primizie di questa linea lungimirante.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 22, 2008, 09:49
questa è dal giornale (che fu di Montanelli e ora è la cassa battente del Biscione)

"Il governo, in questa situazione di emergenza - con una compagnia alla canna del gas e senza un reale pretendente pronto ad acquistarla - potrebbe anche rischiare la procedura d’infrazione da parte della Ue per aiuto di Stato e deliberarlo in ogni caso; è già successo in passato per la greca Olympic, e i «venti» in Europa non sono più quelli di qualche mese fa soltanto. La Ue avrebbe accettato un prestito solo come «portage» verso un acquirente vero, che oggi non c’è."


1- si sottolinea come dovrebbe essere Prodi a commettere l'infrazione.Dopo averlo voluto tirare giu' a forza ecco che torna utile il caro capro espiatorio. Io fossi in Prodi vedrei come se la cava il "ghe pensi mi" che ha commesso parte del danno.
2- il prestito verrebbe buono per un portage. Se non c'è il prestito però la compagnia subisce il commissionariamento, con migliaia di licenziamenti e riduzione 1/4 sull'intera flotta (almeno). In queste condizioni chi se la comprerebbe? Bella rogna da pelare, la lascio volentieri alla maggioranza degli italiani. "A voi!" come disse quello.

Ma quello che mi fa ridere è che per togliere dalla brace Berlusconi, un giornale nato come LIBERALE, appoggi le continue infrazioni alle piu' basilari regole di mercato, dopo che abbiamo avuto circa 20 anni per renderle sacre, visti i trattati europei cui abbiamo aderito!!!
In 20 anni la germania ha ripianato il deficit della riunificazione, noi siamo ancora qua a parlare dei COMUNISTI!!!!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Aprile, 23, 2008, 16:26
Mi sento di condividere quanto dici. Tuttavia, pur condividendo, il tuo tono mi sembra un po' più sorpreso di quanto dovrebbe esserlo: ormai Berlusconi lo conosciamo, nel bene e nel male, e sappiamo qual'è il suo modo di agire rispetto ai suoi discorsi. Come Protagora, Berlusconi sostiene, tacitamente, che il vero è sostanzialmente l'opposto dell'efficace. Dire "l'Alitalia deve rimanere italiana e non andare in mani straniere" è molto efficace, specialmente su un certo segmento di elettorato. Se poi il discorso diventa falso, poco importa, l'effetto lui lo ha già raccolto...e il pubblico italiano non pare esser voglioso di far pagare troppo le incoerenze che non lo tocchino direttamente nello stipendio: altrimenti non avrebbe vinto le elezioni lo stesso partito che prima si è dichiarato contro la mafia e poi ha elogiato Mangano; altrimenti non avrebbe raccolto voti uno come Fini che prima ha sputato letteralmente sul nuovo cartello elettorale del PDL e poi ne è entrato gioiosamente a far parte.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Aprile, 24, 2008, 17:39
Il movimento per l'autonomia del sud vuole il federalismo fiscale. Secondo voi è possibile che un'intera regione soffra della sindrome di stoccolma?
Maledizione, speravo almeno di poter vedere in parlamento duelli all'ultimo sangue tra senatori della Lega Lombarda e siculi bardati come soldati del Barbarossa..

certo l' MPA è nato in maniera paradossale dalla lega...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 24, 2008, 21:11
non è proprio così..la pianura padana è sempre stata ligia all'unità d'italia sin dai tempi di Roma, la Sicilia nella sua storia ha sempre cercato l'indipendenza, prima da Cartagine poi da Roma (con Euno) sotto cui godeva di una certa autonomia anche se era provincia. E poi con gli aragona i vespri, contro gli spagnoli di Filippo IV , sotto i borbone nel 48 etc. Anche la mafia è un aspetto della rivolta contro il regno d'italia.. e dopo la seconda guerra mondiale, molti volevano che la Sicilia divenisse una stelletta sulla bandiera degli U.s.a, e infatti lo statuto speciale nell'ordinamento regionale italiano è nato proprio dalla Sicilia (e dalla provincia di Bolzano) per evitare di rompere l'unità..Addirittura ci furono 4 costituenti del mis, movimento indipendentista siciliano!
L'mpa è un surrogato della Lega nelle idee di Berlusconi, però la storia del secessionismo è piu' vecchia di Bossi di qualche millennio.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Aprile, 24, 2008, 21:16
non è proprio così..la pianura padana è sempre stata ligia all'unità d'italia sin dai tempi di Roma, la Sicilia nella sua storia ha sempre cercato l'indipendenza, prima da Cartagine poi da Roma (con Euno) sotto cui godeva di una certa autonomia anche se era provincia. E poi con gli aragona i vespri, contro gli spagnoli di Filippo IV , sotto i borbone nel 48 etc. Anche la mafia è un aspetto della rivolta contro il regno d'italia.. e dopo la seconda guerra mondiale, molti volevano che la Sicilia divenisse una stelletta sulla bandiera degli U.s.a, e infatti lo statuto speciale nell'ordinamento regionale italiano è nato proprio dalla Sicilia (e dalla provincia di Bolzano) per evitare di rompere l'unità..
L'mpa è un surrogato della Lega nelle idee di Berlusconi, però la storia del secessionismo è piu' vecchia di Bossi di qualche millennio!

grazie per il resoconto storico  :D, fattostà che è l'mpa che è nato con la lega, non l'idea di indipendenza siciliana...cioè è quello che(non) ho detto
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 24, 2008, 21:23
Beh si, in definitiva hai ragione tu, scusa per la logorrea..Tra l'altro che movimento per l'autonomia è, se l'autonomia ce l'avete di già???
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Aprile, 24, 2008, 21:29
Beh si, in definitiva hai ragione tu, scusa per la logorrea..Tra l'altro che movimento per l'autonomia è, se l'autonomia ce l'avete di già???

no tranquillo ;)

è un movimento abbastanza futile e, mi permetto dire, composto da figure un tantino losche, Per autonomia non so cosa intendono: formare lo stato di sicilia (in balìa alla mafia) boh...


Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 26, 2008, 11:55
Bah per me se la poteva risparmiare l'ironia... cazz Mape... ma lo chiami pure per nome berlusconi  :laughing7:

Scusa se ti ho spaventato ( :laughing7:), ma Berlusconi è troppo lungo, e dato che ero stanco ho scritto Silvio: tanto con quel nome lì c'è solo lui :laughing7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 26, 2008, 12:02
Bè, lo slogan elettorale di Berlusca, diceva: "Meno male che Silvio c'è!"
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Aprile, 28, 2008, 20:00
Alemanno ormai si può dire che ha vinto, circa 60.000 voti di stacco....
Sono tantissimi...  Iromani si Sono decisamenti Rotti il KAz, almeno non sono l'unico ^^
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 28, 2008, 21:18
Iromani
Subito avevo letto Ironman... :laughing7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 28, 2008, 21:29
beh ma è risaputo che Ironman ha votato Alemanno.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Aprile, 28, 2008, 21:45
Direi 2 cose: la prima è che perdendo a Roma, la sinistra ha perso anche ogni possibilità di avere un peso politico di una certa rilevanza.
Mi consola vedere Massa dove al ballottaggio si sono presentati Sinistra Arcobaleno e PD e ha vinto la prima :D
Scherzi a parte, ecco la seconda cosa: i vari bertinotti, Scanio, Turigliatto, rizzo non si sono assolutamente accorti di una mutazione radicale della cultura operaia.
Prima la classe operaia ESISTEVA, e in quanto classe operaia aveva come obiettivo l'assalto al cielo e la dittatura del proletariato che si realizzava strappando la ricchezza e il potere alla classe borghese imprenditoriale.
Ora mi sembra sempre più che gli operai facciano sogni da imprenditore e votino un monumento del liberismo industriale e commerciale (non del liberalismo) all'italiana come Berlusconi, come se fossero spinti a un gesto di stima, di ammirazione.
Non mi spiego altrimenti il perchè tanti operai e tanti esponenti delle "classi basse" votino Berlusconi.
Capisco di più la Lega, per un'assurdo nazionalismo egoistico e xenofobo alla "siamo la zona più produttiva d'Italia", ma il voto a Berlusconi mi sta diventando chiaro solo ora.
Che ne dite?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 28, 2008, 22:11
Capisco di più la Lega, per un'assurdo nazionalismo egoistico e xenofobo alla "siamo la zona più produttiva d'Italia"

 :confused2:  :confused2:  :confused2:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 28, 2008, 22:14
Capisco di più la Lega, per un'assurdo nazionalismo egoistico e xenofobo alla "siamo la zona più produttiva d'Italia"
:confused2:  :confused2:  :confused2:
Che c'è? :icon_scratch:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 28, 2008, 22:35
posso dire che non sono esattamente così? che mi sembra un PO' riduttivo?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 28, 2008, 22:50
posso dire che non sono esattamente così? che mi sembra un PO' riduttivo?
Da quel che ho capito Gig non si riferiva a te, ma alla classe operaia.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Aprile, 28, 2008, 22:52
No, dragha, ha ragione lui.
posso dire che non sono esattamente così? che mi sembra un PO' riduttivo?
Dimmi pure, sono tutto orecchi. Come sono?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 28, 2008, 22:55
No, dragha, ha ragione lui.Dimmi pure, sono tutto orecchi. Come sono?
Allora non avevo capito, sorry... :dontknow:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 28, 2008, 22:56
No, dragha, ha ragione lui.Dimmi pure, sono tutto orecchi. Come sono?

sto parlando dell'elettorato della Lega... e poi non è che esista necessariamente un'equazione classe operaia = pecoroni ignoranti
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Aprile, 28, 2008, 23:00
sto parlando dell'elettorato della Lega...
L'avevo capito!
Io ho detto come sono secondo me gli ideali della Lega, ma tu hai dimostrato di non essere d'accordo.
Se quello che dico è un ppo' riduttivo, sono qua che aspetto.
Dimmi come sono secondo te, allora, in cosa credono, qual è lo scopo. Sono tutt'occhi.

Citazione
e poi non è che esista necessariamente un'equazione classe operaia = pecoroni ignoranti
Questo te lo sei inventato tu, io non l'ho mai detto.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 28, 2008, 23:05
L'avevo capito!
Io ho detto come sono secondo me gli ideali della Lega, ma tu hai dimostrato di non essere d'accordo.
Se quello che dico è un ppo' riduttivo, sono qua che aspetto.
Dimmi come sono secondo te, allora, in cosa credono, qual è lo scopo. Sono tutt'occhi.
Questo te lo sei inventato tu, io non l'ho mai detto.


Sì, la seconda parte faceva parte dell'insieme del qui pro quo di prima.
Premettendo che negli assurdi nazionalisti egoisti e Xenofobi ci sono anche io, mi sembra addirittura che LA TUA sia una forma di xenofobia politica.
Sinceramente, credi davvero che io, e tutti gli altri abbiamo votato Lega perchè ci stanno sul culo "i negri del cazzo"? ti devo davvero rispondere?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Aprile, 28, 2008, 23:15
Forse tu non sei di quelli, ma tutti i leghisti che conosco hanno proprio quelle motivazioni.
Per questo ti chiedo di darmi una spiegazione soddisfacente del voto alla Lega Nord.
Io per ora ho sentito solo ignoranti razzisti (e non dico che dall'altra parte non ci siano ignoranti, anzi), aspetto di sentire una voce fupri dal coro.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 28, 2008, 23:16
Sinceramente sono d'accordo con Gig. La Lega ha fatto forza sul ridare l'italia agli italiani, anzi, il Nord al Nord.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 28, 2008, 23:29
Sinceramente sono d'accordo con Gig. La Lega ha fatto forza sul ridare l'italia agli italiani, anzi, il Nord al Nord.

il nord al nord, te lo dico in napoletano per la par condicio, me pà na strunzata pazzesc!
cmq il discorso ridare l'italia agli italiani lo sottoscrivo in pieno, e non accetto che questo sia considerato RAZZISMO.
Perchè sinceramente, non poter girare per certi posti (a Genova i vicoli, tanto per fare un esempio) senza rischiare di essere rapinato non mi va bene. Che la mia ragazza non possa rientrare a casa la sera dopo le 8 non mi sta bene. Il fatto che le rapine, gli stupri, le violenze per strada e compagnia bella siano sempre opera di extracomunitari (e attenzione, DI extracomunitari, non DEGLI. Ho avuto modo di conoscere molti albanesi, operai e studenti, e ne ho avuto un'ottima impressione, gente seria, nel lavoro e\o nello studio).
Ah, basta con sta storia che gli stupri nascono in famiglia ecc. ecc. lo so, ma qui stiamo parlando di sicurezza civica, vale tanto lo stupro quanto qualsiasi altro crimine.
Questo non è razzismo! ci troviamo davanti al fatto che gli stessi malviventi (in questo caso che descrivo rumeni) dicono, dopo che li beccano: "ma chi ce lo fa fare di stare in romania a morire di fame e se rubi un centesimo ti sbattono in cella come un animale, quando possiamo venire qui, fare quello che ci pare che se ci beccano ci rimandano in romania e in 10 giorni siamo tornati?".
Io vorrei fare qualcosa per questa situazione, e mi sento OFFESO ad essere chiamato razzista per questo! Io guardo i dati, non le razze! La microcriminalità italiana non esiste più, è un dato di fatto(escludiamo drogati o balordi che sono un caso a parte, e possono essere di qualsiasi provenienza), quindi io ce l'ho col ladro, con lo stupratore, col violento, non col NEGRO.
Questo per quanto riguarda la sicurezza, inoltre anche il tema del federalismo ho già spiegato perchè mi trova pienamente d'accordo
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Aprile, 28, 2008, 23:48
Yoshi scusa, mi sono riallacciato al discorso di GIg: chi ti ha dato del razzista? :dontknow:

Comunque, perchè questo?
il nord al nord, te lo dico in napoletano per la par condicio, me pà na strunzata pazzesc!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 29, 2008, 00:24
Yoshi scusa, mi sono riallacciato al discorso di GIg: chi ti ha dato del razzista? :dontknow:

Comunque, perchè questo?

ho detto che, visto che le ragioni per votare la lega sono così xenofobe e io ho votato la lega...

perchè è una stronzata? percè ormai del nord e del sud secondo me frega poco anche a Calderoli.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Aprile, 29, 2008, 00:28
Potrei parlarti ore di viaggi della disperazione, di africani che arrivano in Italia su gommoni dopo aver visto un po' di compagni morire in acqua gettati dagli scafisti, un po' di donne partorire sui gommoni, un po' di uomini morire di freddo e di malattia prima ancora di arrivare sulle spiagge di Lampedusa, per non parlare di chi sbarca in Italia senza vita.

Un po' troppo patetico, non trovi?
Eppure chissà perchè chi è pronto ad affrontare tutto questo lo fa per mandare avanti proprio quel nord che produce... perchè le fabbriche sono sì al Nord, ma chi ci lavora da dove viene? Da Gioia Tauro, da Bisceglie, dal Marocco e dalla Romania.
L'Italia non può fare a meno dell'immigrazione, per motivi di PIL (apportato in buona parte da lavoratori stranieri) e per motivi di crescita demografica (nettamente negativa, se non fosse per gli immigrati).

I dati dicono anche che la maggior parte degli omicidi avvengono in famiglia, oltre agli stupri.
Quante volte senti di vittime che hanno aperto la porta di casa agli assassini?
E la mafia?

Sai qual è il problema? Che l'immigrazione ha portato tanti stranieri pronti a farsi il culo lavorando e tanti criminali.
Io non mi interrogo troppo sull'origine della criminalità, io semplicemente mi rendo conto che non è possibile bollare chi entra in Italia come Onesto o come Criminale.
Però si sente molto di più l'albanese che ruba rispetto all'albanese che lavora silenziosamente 10 ore in un cantiere.

Quando sento che un mio amico marocchino classe '87 che gioca a rugby nella mia squadra si è SPOSATO e lavora 12 ore al giorno in un cantiere a 20 chilometri da casa sua (e non ha la macchina) per mantenere la moglie e pagare l'affitto, io penso a quanta voglia di studiare o lavorare abbiamo noi italiani della sua età, che al solo pensiero di lavorare piangiamo, preferendo parlare di videogame o di politica su un forum o dedicandoci al puro cazzeggio.
Non è un male, ma perchè lui non può fare la mia vita?


La questione di fondo è che il crimine non ha nazionalità nè strato sociale.
Le carceri sono piene zeppe di rumeni, e il problema dell'incertezza della pena è un vantaggio per tutte le nazionalità: dopo 10 giorni escono dalla prigione i tunisini come gli italiani.


Io ODIO i criminali e li punirei tutti.
Ma la giustizia malfunzionante non è un problema di cui incolpare chi delinque, soprattutto non si può incolpare chi viene da fuori: si pensi a costurire nuove carceri e a riformare la giustizia, prima di vomitare odio sui marocchini che "non ti fanno uscire la sera".
I criminali vanno presi a calci fino al loro paese, giustissimo: ma se questo non avviene, le ronde padane servono a ben poco.

Senza contare che la microcriminalità, ahimè, non è un problema risolvibile: esisterà sempre, è connaturata a tutti i sistemi moderni esistenti al mondo.
Va' da sè che è un po' triste (e miope) difendere con il fucile il proprio pezzetto di terra dagli "attacchi" della microcriminalità, disinteressandosi di una macrocriminalità (italianissima) che divora alla radice quel Sud (e lo Stato stesso!) che il tuo adorato federalismo abbandonerebbe a un crollo verticale, quel Sud che al contadino col fucile in mano sicuramente appare tanto tanto lontano...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 29, 2008, 01:03
Potrei parlarti ore di viaggi della disperazione, di africani che arrivano in Italia su gommoni dopo aver visto un po' di compagni morire in acqua gettati dagli scafisti, un po' di donne partorire sui gommoni, un po' di uomini morire di freddo e di malattia prima ancora di arrivare sulle spiagge di Lampedusa, per non parlare di chi sbarca in Italia senza vita.

Un po' troppo patetico, non trovi?
Eppure chissà perchè chi è pronto ad affrontare tutto questo lo fa per mandare avanti proprio quel nord che produce... perchè le fabbriche sono sì al Nord, ma chi ci lavora da dove viene? Da Gioia Tauro, da Bisceglie, dal Marocco e dalla Romania.
L'Italia non può fare a meno dell'immigrazione, per motivi di PIL (apportato in buona parte da lavoratori stranieri) e per motivi di crescita demografica (nettamente negativa, se non fosse per gli immigrati).

I dati dicono anche che la maggior parte degli omicidi avvengono in famiglia, oltre agli stupri.
Quante volte senti di vittime che hanno aperto la porta di casa agli assassini?
E la mafia?

Sai qual è il problema? Che l'immigrazione ha portato tanti stranieri pronti a farsi il culo lavorando e tanti criminali.
Io non mi interrogo troppo sull'origine della criminalità, io semplicemente mi rendo conto che non è possibile bollare chi entra in Italia come Onesto o come Criminale.
Però si sente molto di più l'albanese che ruba rispetto all'albanese che lavora silenziosamente 10 ore in un cantiere.

Quando sento che un mio amico marocchino classe '87 che gioca a rugby nella mia squadra si è SPOSATO e lavora 12 ore al giorno in un cantiere a 20 chilometri da casa sua (e non ha la macchina) per mantenere la moglie e pagare l'affitto, io penso a quanta voglia di studiare o lavorare abbiamo noi italiani della sua età, che al solo pensiero di lavorare piangiamo, preferendo parlare di videogame o di politica su un forum o dedicandoci al puro cazzeggio.
Non è un male, ma perchè lui non può fare la mia vita?


La questione di fondo è che il crimine non ha nazionalità nè strato sociale.
Le carceri sono piene zeppe di rumeni, e il problema dell'incertezza della pena è un vantaggio per tutte le nazionalità: dopo 10 giorni escono dalla prigione i tunisini come gli italiani.


Io ODIO i criminali e li punirei tutti.
Ma la giustizia malfunzionante non è un problema di cui incolpare chi delinque, soprattutto non si può incolpare chi viene da fuori: si pensi a costurire nuove carceri e a riformare la giustizia, prima di vomitare odio sui marocchini che "non ti fanno uscire la sera".
I criminali vanno presi a calci fino al loro paese, giustissimo: ma se questo non avviene, le ronde padane servono a ben poco.

Senza contare che la microcriminalità, ahimè, non è un problema risolvibile: esisterà sempre, è connaturata a tutti i sistemi moderni esistenti al mondo.
Va' da sè che è un po' triste (e miope) difendere con il fucile il proprio pezzetto di terra dagli "attacchi" della microcriminalità, disinteressandosi di una macrocriminalità (italianissima) che divora alla radice quel Sud (e lo Stato stesso!) che il tuo adorato federalismo abbandonerebbe a un crollo verticale, quel Sud che al contadino col fucile in mano sicuramente appare tanto tanto lontano...

sì ma ti rendi conto che così come tu dici che non si possono eliminare non si possono neanche accettare tutti come se nulla fosse?
gli omicidi in casa è lo stesso discorso degli stupri: io sto parlando di sicurezza nelle strade adesso, non di violenza privata.
Io non bollo chi arriva in italia. Sto dicendo che chi è un criminale va PUNITO, e che onde evitare che ci RIEMPIAMO di criminali, bisogna fare in modo che non si arrivi a pensare che venire in italia sia la soluzione a tutto. Perchè se poi non trovi lavoro cosa fai? la bella statuina?
Il tuo amico marocchino non può fare la tua vita perchè è meno fortunato di te e non ha una famiglia che può mantenerlo, non capisco l'esempio.
anche io sono ben convinto che il crimine non abbia nazionalità, ma sono altrettanto convinto che se si continua a lasciare entrare chicchessia il problema non farà che aumentare.
io vomito odio su CHIUNQUE "non mi fa uscire la sera" (e scusa, ma mi sembra un mio sacrosanto diritto), e sono sicuramente d'accordo sulla costruzione di carceri e riforme della giustizia, e sono sicuro che anche chi ho votato, gli xenofobi, si muoveranno in questa direzione.
Le ronde padane serviranno a poco, ma metti che per puro culo la tua ragazza che sta per essere stuprata viene a trovarsi nelle vicinanze di una ronda e grazie a loro non le spaccano il culo: tu gli dici vaffanculo dopo? è una forma di polizia, io che non ho pregiudizi verso le forze dell'ordine sinceramente più polizia c'è più sono contento(va da sè che se qualche testa di cazzo poi mena un marocchino così per sport mentre fa la ronda va punito, ma spero di non dover specificare cose del genere).
Ho già spiegato anche perchè secondo me il federalismo fiscale andrebbe integrato con un potente sistema di controllo, e in tal caso non sono d'accordo sul fatto che la Mafia si potenzierebbe: per quello continuo a dire che o i cittadini tutti insieme decidono di darle un calcio nel culo, o ce la terremo per sempre
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Aprile, 29, 2008, 10:30
Subito avevo letto Ironman... :laughing7:
Ma io  volevo scrivere Ironman ed i suoi fantastici amici  :laughing7:

Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Aprile, 29, 2008, 11:33
Io vorrei fare qualcosa per questa situazione, e mi sento OFFESO ad essere chiamato razzista per questo! Io guardo i dati, non le razze! La microcriminalità italiana non esiste più, è un dato di fatto(escludiamo drogati o balordi che sono un caso a parte, e possono essere di qualsiasi provenienza), quindi io ce l'ho col ladro, con lo stupratore, col violento, non col NEGRO.
Questo per quanto riguarda la sicurezza, inoltre anche il tema del federalismo ho già spiegato perchè mi trova pienamente d'accordo

mi fa piacere che tu sia tornato..zuzzurellone!
Sai cosa scrivevo l'altro giorno su questo topic? che joan rus ha regalato i colli fatali ai post fascisti (tanto per dire, ieri sera Fini ha parlato di vittoria di AN, ha fatto presto a riformarla...dopo le elezioni). Questa la premessa. Tu dici che la microcriminalità in Italia non esiste: emblematico il caso dei due angeli che hanno salvato la ragazza dalle grinfie del rumeno..uno di questi ha precedenti per spaccio e scippo e ha un figlio in galera. Quel rumeno è un efferato bastardo e merita di marcire in galera, e sono dell'idea che uno che emigra si debba comportare tanto piu' esemplarmente (in questo trovo il disaccordo dei progressisti), ma italiani brava gente è un luogo comune abusato. "ne abbiamo anche troppi di ladri e di pezzenti, questo è il mio messaggio politici incoscienti", questi sono gli intolleranza, un gruppo rock fascista di roma. Non accolliamo tutta la colpa agli immigrati, posso accettare che tu dica che siano un gravame ma non sentire che è colpa loro se le strade sono insicure...questa è una percezione ampliata dal bagno di sangue che ogni giorno vediamo in tv, cronaca vera paradigma di buona informazione, in pratica.
Oltretutto, vivo in una città chè è law and order da quando ci ho messo piede (prima era socialista) e Roma e Genova sono sempre state piu' sicure e tranquille la notte nonostante le abbia governate la sinistra. Oltretutto 2 giorni prima di joan rus qua hanno stuprato un'americana fuori da una discoteca, e neanche in periferia, proprio in pieno centro, non so se hai presente Brera.


A parte tutto, mi sto rendendo conto che Berlusconi è un genio: il nord a una forza identitaria, la capitale federale a statalisti, il sud a dei mafiosi clientelisti. E' semplicemente perfetto, totalmente incoerente ma una perfetta visione federale..altro che pd, che ha provato goffamente a proporre una ricetta per tutta italia, quando l'unità è un concetto superato..sussidiarietà, customization, questi sono i concetti vincenti..Il raccordo è l'immagine affascinante di Berlusconi.
Sono d'accordissimo con te gig, prima bene o male molti volevano aggiustare le magagne, e credevano che la dignità di uno non potesse venire senza la dignità di tutti..Oggi anche il piu' miserabile operaio vuole diventare una persona di successo, e questo mi ricorda il canto VII dell'inferno o qualcosa del genere..la sinistra ha perso la battaglia, ma la vera disfatta è stata sul piano culturale. Ormai lì non ha un cazzo da dire e non ha neanche la superiorità morale. Forse per qualche filosofo può essere così. Ma di fatto la gente sogna altro che l'elevazione della società, altro chè.

Spero sempre piu' che la lega chiuda i rubinetti.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: M@Pe - Aprile, 29, 2008, 18:25
Qualche domanda:

1. E' giusto abbassare a 16 anni l'età per votare alla Camera?

2. E' giusto abbassare a 30 anni l'età dei senatori che possono venire eletti?

3. La politica italiana è troppo vecchia?

4. L'età massima per i senatori dovrebbe essere 60 anni?

Rispondete, poi darò il mio parere :thumbsup:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Aprile, 29, 2008, 20:18
Qualche domanda:

1. E' giusto abbassare a 16 anni l'età per votare alla Camera?

2. E' giusto abbassare a 30 anni l'età dei senatori che possono venire eletti?

3. La politica italiana è troppo vecchia?

4. L'età massima per i senatori dovrebbe essere 60 anni?

Rispondete, poi darò il mio parere :thumbsup:

1 No, 18 anni va benissimo, tanto più che il voto non è un'esigenza così sentita a 16 anni, per cui proprio non c'è motivo.
2 In linea teorica potrebbe andare, ma l'idea della Costituente era di fare del Senato, come dice la parola stessa, un "organo degli anziani", come a riunire 315 saggi secondo uan tradizione di millenni e millenni. Champagne e mortadella non vanno molto d'accordo con quanto ho appena detto, ma ridurre l'età è proponibile ma molto molto inutile.
3 Probabilmente sì, ci vorrebbero molti più giovani, come in Spagna, ma del resto il Parlamento rispecchia l'età media del nostro Paese.
4 Gli anziani sono una risorsa importante in ogni civiltà, servono a frenare certe irruenze giovanili e sono portatori di grande esperienza, non vedo perchè cacciare molti parlamentari di grande statura morale, che tanto possono ancora dare all'Italia (volevo dire ottuagenari :D) solo perchè sono anziani.
In parlamento i "vecchi" è giusto che ci stiano, forse al Governo non ha molto senso ed è preferibile un premier sulla cinquantina, forse.
Ma non si può giudicare un uomo in base all'età.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Aprile, 29, 2008, 20:34
4 Gli anziani sono una risorsa importante in ogni civiltà, servono a frenare certe irruenze giovanili e sono portatori di grande esperienza, non vedo perchè cacciare molti parlamentari di grande statura morale, che tanto possono ancora dare all'Italia (volevo dire ottuagenari :D) solo perchè sono anziani.

Chiaro, ma così si è un po' alla gerontocrazia  :icon_tongue:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Aprile, 29, 2008, 21:27
Chiaro, ma così si è un po' alla gerontocrazia  :icon_tongue:

No, se il governo è giovane!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Aprile, 29, 2008, 21:41
Vorrei dire tre cose di sfuggita:

1) Le ronde padane, sarò prevenuto, ma a me fanno pensare allo squadrismo. Poi quando Bossi dice di continuo cose simili (http://www.corriere.it/politica/08_aprile_29/bossi_sinistra_fucili_ccba1acc-15d4-11dd-acde-00144f02aabc.shtml) non c'è tanto da gioire della nostra voglia di sicurezza, se deve portare alla legittimazione di simili elementi.

2) Sarei curioso di sapere quanto l'immigrazione ha a che vedere col crimine nella realtà, a prescindere dalle notizie del TG. I dati dicono che 1 criminale su 3 è extracomunitario. Eppure la percezione, anche nella mia zona dove non ho mai visto nè avuto problemi di tale sorta, è quella degli extracomunitari-locuste che distruggono il nostro territorio. Sinceramente mi fa ridere che problemi simili siano posti all'attenzione con una spudorata intermittenza, finalizzata a ragioni politiche. Sinceramente mi fa ridere che la gente non si accorga della falsa salienza dei problemi e li senta propri anche se non li vive (esempio anche in casa mia sono diventati argomenti di discussione gli immigrati, eppure mai nessuno che  abbia subito/visto/sentito qualcosa dal VERO). Allo stesso modo mi fa ridere che quando parlano di rumeni dicono extracomunitari (mentre la Romania è in Europa, cosi' come i paesi baltici e la Polonia), mentre quando parlano di americani, di giapponesi o di canadesi non si sognano minimamente di bollarli come tali.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Aprile, 29, 2008, 22:51
Io non bollo chi arriva in italia. Sto dicendo che chi è un criminale va PUNITO, e che onde evitare che ci RIEMPIAMO di criminali, bisogna fare in modo che non si arrivi a pensare che venire in italia sia la soluzione a tutto. Perchè se poi non trovi lavoro cosa fai? la bella statuina?
Come dice il sidde, giusto punire e rimandare indietro chi delinque, ma non diamo tutta la colpa a loro, ti assicuro che qui nel mio paesino i criminali sono sia stranieri che italiani, e ce ne sono una valanga di questi ultimi.
Il problema è che l'italiano non fa notizia, lo straniero sì.
Davvero, non siamo ancora a "italiani dal cuore d'oro"? Non lo è mai stato, e l'unico che per strada mi ha messo un po' le mani addosso per rompermi i coglioni e cercare di rubarmi qualcosa è stato un italiano. La microcriminalità si chiama Rossi, Musumeci e Brambilla.

Citazione
Il tuo amico marocchino non può fare la tua vita perchè è meno fortunato di te e non ha una famiglia che può mantenerlo, non capisco l'esempio.
Volevo dire che come arrivano i criminali, arrivano tanti onesti. E che tanti lavori che noi italiani non vogliamo fare e per cui non vogliamo sporcarci le mani, li fanno loro.

Citazione
anche io sono ben convinto che il crimine non abbia nazionalità, ma sono altrettanto convinto che se si continua a lasciare entrare chicchessia il problema non farà che aumentare.
io vomito odio su CHIUNQUE "non mi fa uscire la sera" (e scusa, ma mi sembra un mio sacrosanto diritto), e sono sicuramente d'accordo sulla costruzione di carceri e riforme della giustizia, e sono sicuro che anche chi ho votato, gli xenofobi, si muoveranno in questa direzione.
Ma il punto è che la tua sensazione di insicurezza non è legata alla reale presenza degli immigrati, ma a una sensazione di paura che può essere liberamente alimentata senza che corrisponda a come stanno realmente le cose.
Sai quanto ci mettono i media a farti stare più tranquillo? Basta far sparire dai telegiornali le notizie di stupri e rapine compiute da stranieri.
Perchè siamo uno dei Paesi più tranquilli d'Europa, è innegabile.
Di sicuro poi Alemanno e Berlusconi non faranno sparire gli stranieri dall'Italia: non ci sono riusciti in 5 anni, non ci riusciranno di certo ora, l'indulto l'ha votato pure Forza Italia!


Citazione
Le ronde padane serviranno a poco, ma metti che per puro culo la tua ragazza che sta per essere stuprata viene a trovarsi nelle vicinanze di una ronda e grazie a loro non le spaccano il culo: tu gli dici vaffanculo dopo?
Che vuol dire?
Fermare un'aggressione è un dovere morale e civico, senza bisogno di organizzare comitive che si sostituiscano alla giustizia.
Se un pluriomicida salva la mia ragazza lo ringrazio, certo, ma resta un pluriomicida.
Così anche se una ronda salvasse qualcuno, ok per il bel gesto, ma restano vigilantes da far west. Che poi, per carità, le ronde padane... come se fosse qualcosa che vada al di là delle dichiarazioni bellicose alla Bossi! Tutte parole, voglio vedere, in un paese individualista ed egoista come l'Italia, chi lascerebbe il proprio salotto per andare in giro a difendere la cittadinanza!


Citazione
è una forma di polizia, io che non ho pregiudizi verso le forze dell'ordine sinceramente più polizia c'è più sono contento
Nemmeno io ho pregiudizi, ma attento a elogiare lo Stato di Polizia, mai letto Orwell?
Dove c'è tanta polizia, c'è anche tanto potere, e le libertà diminuiscono...
Senza contare che le forze dell'ordine in Italia sono composte in gran parte da deficienti male addestrati.

Citazione
Ho già spiegato anche perchè secondo me il federalismo fiscale andrebbe integrato con un potente sistema di controllo
Sistema di controllo dde che?

Citazione
non sono d'accordo sul fatto che la Mafia si potenzierebbe: per quello continuo a dire che o i cittadini tutti insieme decidono di darle un calcio nel culo, o ce la terremo per sempre
Non sei tu, stavolta a semplificare un po' troppo?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Aprile, 29, 2008, 23:00
Poi quando Bossi dice di continuo cose simili (http://www.corriere.it/politica/08_aprile_29/bossi_sinistra_fucili_ccba1acc-15d4-11dd-acde-00144f02aabc.shtml) non c'è tanto da gioire della nostra voglia di sicurezza, se deve portare alla legittimazione di simili elementi.
Prima lo ritenevo un povero rincoglionito un po' folkloristico e infantile. l'8% dei consensi me lo fa temere. Sparate simili sono pericolose, e Berlusocni ha un bel daffare a ridimensionare tutto quello che dice.

Citazione
«Io farei sempre i referendum come in Svizzera, a chiedere alla gente non sbagli mai»
Manco Grillo è tanto populista.

Citazione
«MARTIRI DALLE MONTAGNE» - «Questa è l'ultima occasione: o si fanno le riforme o facciamo un casino» ha spiegato ancora Bossi. Per il Senatur o il federalismo si vara in questa legislatura, o la Lega è pronta a piantare «un casino». Poi, come aveva fatto in precedenza ha minacciato ancora: «Abbiamo 300mila uomini, 300 mila martiri, pronti a battersi. E non scherziamo... mica siamo quattro gatti. Credete che avremmo difficoltà a trovare gli uomini?» E assicura: «Verrebbero giù dalle montagne...».

"Giù dalle montagne"... sembra di sentire parlare dei partigiani...
Ma Sant'Anna di Stazzema e Marzabotto, e la Benedicta a cosa son servite?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Aprile, 30, 2008, 14:17
schifani, neo-presidente del senato elogia falcone e borsellino...
ma c'è cuffarooo al senaaato
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 30, 2008, 16:20
schifani, neo-presidente del senato elogia falcone e borsellino...
ma c'è cuffarooo al senaaato

che è dell'udc, che è all'opposizione
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Aprile, 30, 2008, 16:25
che è dell'udc, che è all'opposizione

poco mi importa  se in sicilia queste persone dell'udc sono con forza italia


e cmq volevo esprimere il mio scandalo non tanto per schifani
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 30, 2008, 16:29
poco mi importa  se in sicilia queste persone dell'udc sono con forza italia


e cmq volevo esprimere il mio scandalo non tanto per schifani

e allora spiegati meglio e non ti contraddico :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Aprile, 30, 2008, 16:36
e allora spiegati meglio e non ti contraddico :D

se vabbè ho sbagliato lo ammetto è che però tendo a vederli assieme certi personaggi  :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 30, 2008, 16:39
se vabbè ho sbagliato lo ammetto è che però tendo a vederli assieme certi personaggi  :D

sì ma ero in versione antipaticoatuttiicosti, no problem (COMUNISTA  :evil5:)  :laughing7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Aprile, 30, 2008, 17:02
sì ma ero in versione antipaticoatuttiicosti, no problem (COMUNISTA  :evil5:)  :laughing7:

ok, tutto apposto
  :laughing7:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Aprile, 30, 2008, 21:01
schifani, neo-presidente del senato elogia falcone e borsellino...

Schifani è dello stesso partito di Dell'Utri, che ha dichiarato di "non parteggiare per l'antimafia", e di Berlusconi, che ha definito Mangano (che tralatro ha abitato ad Arcore in casa Berlusconi per lungo tempo) un "eroe".
Trovate l'intruso e/o la menzogna :)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Aprile, 30, 2008, 21:07
Schifani è dello stesso partito di Dell'Utri, che ha dichiarato di "non parteggiare per l'antimafia", e di Berlusconi, che ha definito Mangano (che tralatro ha abitato ad Arcore in casa Berlusconi per lungo tempo) un "eroe".
Trovate l'intruso e/o la menzogna :)

e di yoshi, che dichiara "me cojoni!"
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Maggio, 03, 2008, 14:29
qualche persona che ha votato MPA/PDL al sud mi può spiegare una cosa?
mi ci sto scervellando da giorni e proprio non capisco!

Il federalismo fiscale ridurrà di 2/3 il fondo perequativo, i soldi che servono per equilibrare la situazione economica tra le regioni piu' povere quindi diminuiranno. se viene implementato il federalismo fiscale, questo è un dato di fatto indiscutibile.
pur ricevendo meno soldi e consapevoli (in buona parte) di questo (che produrrà un impoverimento, indiscutibilmente) le persone hanno votato lo stesso a favore.
Io non riesco a capire (in base a una concezione un po' materialista), quale convenienza venga al sud da questo fatto. Per il nord la convenienza è TOTALE. avremo meno tasse, piu' servizi. Per il sud, è l'opposto.
In base a questo, perchè volete il federalismo fiscale?

(p.s. la risposta che darebbe Yoshi è facilmente smontabile - non c'è nemmeno da provarci a rispondere così.)(scherzavo, yoshi ha sempre ragione ed è il mio mentore)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Maggio, 03, 2008, 15:09
(scherzavo, yoshi ha sempre ragione ed è il mio mentore)

che mente sapendo di mentine!
GLUuuUUup -> « Ultima modifica: Oggi alle 02:35 pm da Yoshi »
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Joseph - Maggio, 03, 2008, 15:20
qualche persona che ha votato MPA/PDL al sud mi può spiegare una cosa?
mi ci sto scervellando da giorni e proprio non capisco!


toh guarda non capisco manco io!
Sarà che è stata una campagna elettorale incentrata più sulle promesse e sull'immagine che sui contenuti, sarà la mentalità, sarà che la sinistra è troppo screditata qui, io non lo so nemmeno più...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Maggio, 03, 2008, 15:29
ma non è possibile che tutti quelli che ricevono vantaggio da un regime "assistenzialista" o "pubblicista" votino una cosa così! e poi anche se fosse..addirittura fare UN PARTITO? no, qua non ci sto. ci dev'essere qualche vantaggio che mi sfugge!

(e come sempre non è quello che addurrebbe Yoshi, che d'altro canto non è nato da un cavolo come tutti noi buoni cristiani ma piuttosto è stato fecondato in un'ampolla di acqua del po' in barba alla legge sulla fecondazione artificiale)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Maggio, 05, 2008, 21:27
La microcriminalità italiana non esiste più, è un dato di fatto

Sicuro? (http://www.corriere.it/cronache/08_maggio_05/giovani_fermati_verona_e2042d52-1a82-11dd-b32c-00144f486ba6.shtml)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Maggio, 06, 2008, 01:36
eh vabbè... sì, intendevo al 100%...

a parte che un omicidio con questi connotati considerarlo MICROcriminalità...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Maggio, 06, 2008, 22:51
eh vabbè... sì, intendevo al 100%...

a parte che un omicidio con questi connotati considerarlo MICROcriminalità...

E' microcriminalità a tutti gli effetti.
La macrocriminalità è la mafia.

Ad ogni modo, trovo rivoltanti certi giochini come sì, è grave ma quell'altra cosa è più grave e altre giochi al rialzo per motivi politici.
Spero che serva di lezione a chi fa finta di niente quando impiccano fantocci afroamericani allo stadio o quando il sindaco di verona se ne va in giro con un felino al guinzaglio urlando: "Leon, leon, mangia il terron", a chi lascia passar tutto questo con un semplice: son bravate, ragazzate.

E se le ragazzate uccidono?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Maggio, 07, 2008, 00:30
sì però se permetti io trovo ridicolo anche tanto casino perchè sono nazi.
e se fossero stato un gruppo di teppistelli e avessero fatto la stessa cosa?
cioè non è che voglia difendere i nazi, per carità, dico solo che secondo me fa più scalpore questo della morte del ragazzo
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Maggio, 07, 2008, 00:55
sì però se permetti io trovo ridicolo anche tanto casino perchè sono nazi.
e se fossero stato un gruppo di teppistelli e avessero fatto la stessa cosa?
cioè non è che voglia difendere i nazi, per carità, dico solo che secondo me fa più scalpore questo della morte del ragazzo

Ma stai scherzando? Tanto casino perchè sono nazi???
Il casino c'è perchè hanno ammazzato uno!!!
Oè, sveglia!!! 5 ventenni hanno ammazzato uno!!! Sticazzi della politica! E' questo che contesto a quell'imbecille che ha fatto il paragone per ingraziarsi i voti dell'estrema destra!
Parlare di politica e discutere su cosa sia più grave sulla pelle di un trentenne AMMAZZATO DI BOTTE!
Cristo, ammazzato di botte!
Ma ce ne vuole, eh, per ammazzare di botte!
Mica son due calci così, gli han sfondato la testa, chissà come cazzo era ridotto...

tanto casino perchè sono nazi....
ma come si fa a pensare certe cose....
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Maggio, 07, 2008, 01:01
Ma stai scherzando? Tanto casino perchè sono nazi???
Il casino c'è perchè hanno ammazzato uno!!!
Oè, sveglia!!! 5 ventenni hanno ammazzato uno!!! Sticazzi della politica! E' questo che contesto a quell'imbecille che ha fatto il paragone per ingraziarsi i voti dell'estrema destra!
Parlare di politica e discutere su cosa sia più grave sulla pelle di un trentenne AMMAZZATO DI BOTTE!
Cristo, ammazzato di botte!
Ma ce ne vuole, eh, per ammazzare di botte!
Mica son due calci così, gli han sfondato la testa, chissà come cazzo era ridotto...

tanto casino perchè sono nazi....
ma come si fa a pensare certe cose....

ma vedi che non capisci un cazzo? ho detto che dicono prima che sono nazi poi che hanno ammazzato uno di botte.
Non dovrebbero manco dirlo se sono nazi o hanno stalin tatuato sull'ano!!! è questo che intendo!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Maggio, 07, 2008, 01:15
inoltre hai quotato per CONVENIENZA, perchè dopo la frase quotata da te ho messo:

Citazione
La microcriminalità italiana non esiste più, è un dato di fatto(escludiamo drogati o balordi che sono un caso a parte, e possono essere di qualsiasi provenienza),

e se non sono balordi questi... scusa ma qui hai toppato eh
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Maggio, 07, 2008, 01:20
Citazione
ma vedi che non capisci un cazzo? ho detto che dicono prima che sono nazi poi che hanno ammazzato uno di botte.
Non dovrebbero manco dirlo se sono nazi o hanno stalin tatuato sull'ano!!! è questo che intendo!

Eh sì, eh!
Muore ragazzo massacrato di botte da dei teppistelli...
Peccato che i teppistelli avessero teste rasate, striscioni neonazisti un arsenale di armi in casa...
I teppistelli non si uniscono in gruppi antisemiti, e non attaccano chi ha i capelli lunghi, sai?
E' questo lassismo che mi fa schifo, chiudiamo un occhio su tutto senza tener conto che a Verona e in tutti gli stadi ci sono comunità di ispirazione nazionalsocialista e facciamo finta di niente, facciamo finta che vada tutto bene, anche se uno degli assassini si era rifiutato di entrare in una sinagoga durante una gita...
Meno male che lo dicono, cazzo, che la gente sappia cosa succede qua e là in Italia.

Poi sei un personaggio: sei il primo che ti indigni per i criminali extracomunitari (abboccando quando ti antepongono lo straniero al criminale) e quando un nazista di merda ammazza un ragazzo invochi l'anteposizione del criminale al nazista.
Che poi è tutto da stabilire se davvero si sia dato così risalto al fatto che sono nazi: io sento molto di più "assassini" che "nazisti",  non so te come ascoltino (o cosa vogliano ascoltare) le tue orecchie.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Maggio, 07, 2008, 01:29
inoltre hai quotato per CONVENIENZA, perchè dopo la frase quotata da te ho messo:

La microcriminalità italiana non esiste più, è un dato di fatto(escludiamo drogati o balordi che sono un caso a parte, e possono essere di qualsiasi provenienza),

e se non sono balordi questi... scusa ma qui hai toppato eh

Non me n'ero nemmeno accorto.
Bel tentativo, ma stai cavillando su delle parole.
Per come ragioni tu, allora posso dirti che tutti i microcriminali stranieri sono drogati e balordi: difatti tutti i criminali possono essere considerati balordi col tuo ragionamento, no?
Allora posso dire che se si eccepisce la balorderia, visto che io considero balordi tutti i criminali, anche stranieri, la microcriminalità non esiste.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Maggio, 07, 2008, 02:00
Non me n'ero nemmeno accorto.
Bel tentativo, ma stai cavillando su delle parole.
Per come ragioni tu, allora posso dirti che tutti i microcriminali stranieri sono drogati e balordi: difatti tutti i criminali possono essere considerati balordi col tuo ragionamento, no?
Allora posso dire che se si eccepisce la balorderia, visto che io considero balordi tutti i criminali, anche stranieri, la microcriminalità non esiste.

ah io sto CAVILLANDO e poi fai frasi del genere :D vabbè dai lasciamo perdere questa cosa

Eh sì, eh!
Muore ragazzo massacrato di botte da dei teppistelli...
Peccato che i teppistelli avessero teste rasate, striscioni neonazisti un arsenale di armi in casa...
I teppistelli non si uniscono in gruppi antisemiti, e non attaccano chi ha i capelli lunghi, sai?
E' questo lassismo che mi fa schifo, chiudiamo un occhio su tutto senza tener conto che a Verona e in tutti gli stadi ci sono comunità di ispirazione nazionalsocialista e facciamo finta di niente, facciamo finta che vada tutto bene, anche se uno degli assassini si era rifiutato di entrare in una sinagoga durante una gita...
Meno male che lo dicono, cazzo, che la gente sappia cosa succede qua e là in Italia.

Poi sei un personaggio: sei il primo che ti indigni per i criminali extracomunitari (abboccando quando ti antepongono lo straniero al criminale) e quando un nazista di merda ammazza un ragazzo invochi l'anteposizione del criminale al nazista.
Che poi è tutto da stabilire se davvero si sia dato così risalto al fatto che sono nazi: io sento molto di più "assassini" che "nazisti",  non so te come ascoltino (o cosa vogliano ascoltare) le tue orecchie.

tu veramente hai il dono di strumentalizzare qualsiasi cosa che dico... è pazzesco. A parte che le ultime dicono che non fossero dei nazi, ma prima di parlare di questo aspettiamo notizie precise, ripeto: qualunque sia il motivo la cosa ASSURDA è il pestaggio.
E' altrettanto assurdo che nel 2008 ci sia chi si considera Nazista (così come Comunista secondo me ma stendiamo un velo pietoso e i motivi sono diversi cmq). Detto questo, onde evitare di lasciare intendere anche dove non si potrebbe che io difenda i nazi, ripeto:
NAZISKIN UCCIDONO RAGAZZO
RAGAZZO UCCISO DA NAZISKIN
TRE NAZISKIN UCCIDONO RAGAZZO A VERONA, E' POLEMICA
e poi parlano di stadi, di cose varie, fanno vedere quei coglioni con SS scritto nei capelli.
Ma per favore!!!! Sarà un problema politico l'omicidio!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Maggio, 07, 2008, 02:01
ah piccolo inciso: sempre ammesso che potessi non entrerei in una moschea manco sotto tortura. Buona notte.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Maggio, 07, 2008, 09:51
Vi date una calmata?!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Maggio, 07, 2008, 10:07
Beh quoto in pieno Gig, se non bisogna categorizzare i "nazi" non bisogna neanche categorizzare i "rumeni".
e per dare un colpo anche alla botte sono d'accordo che il fatto di essere fascisti-veronesi-skinhead non c'entra, per una volta posso parlare con cognizione di causa (e senza fare statistiche): 2 anni fa io e un mio amico eravamo a vedere i raw power a verona, ovviamente eravamo ubriachi, a un certo punto sono arrivati una dozzina di 88 (molto piu' grossi e cattivi di quei 5 ragazzini) e di rockabilly fascisti;nell'incoscienza della sbronza siamo andati lì a chiedere sigarette, a rompere le palle etc. quando hanno visto che avevamo entrambi la sciarpa del napoli si sono imbestialiti tipo tori (in quel periodo facevamo finta di essere napoletani), e hanno iniziato a discutere con noi minacciosamente.Dopo mezz'ora se ne sono andati stanchi dei nostri ragionamenti da ubriachi, e non ci hanno toccato con un dito.
Morale della favola: beh non credo ci sia bisogno di aggiungere altro; per molto meno è morta una persona!
Questo è per dire che le conclusioni a cui sono arrivati oggi i media per me sono sbagliate,del tipo che va di moda tra loro massacrare le persone il sabato sera nei "boot party" o stupidaggini simili. La cultura degli skin di destra è intollerante e spesso violenta, ad esempio a varese 4 naziskin hanno chiuso una mia amica nella loro macchina, le hanno inciso una svastica col coltello sul braccio, erano dietro il centro e di giorno. O dei naziskin che in sudtirol hanno ucciso uno l'anno scorso perchè era "italiano". ci sono episodi di violenza quasi all'ordine del giorno, per fortuna pochi sono omicidi; però visto il culto dell'intolleranza che hanno non stupisce che ci siano certi esiti tra le persone non ancora svezzate come sti cretini di verona.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Maggio, 07, 2008, 16:09
Ma stai scherzando? Tanto casino perchè sono nazi???
Il casino c'è perchè hanno ammazzato uno!!!
Oè, sveglia!!! 5 ventenni hanno ammazzato uno!!! Sticazzi della politica! E' questo che contesto a quell'imbecille che ha fatto il paragone per ingraziarsi i voti dell'estrema destra!
Parlare di politica e discutere su cosa sia più grave sulla pelle di un trentenne AMMAZZATO DI BOTTE!
Eh sì, eh!
Muore ragazzo massacrato di botte da dei teppistelli...
Peccato che i teppistelli avessero teste rasate, striscioni neonazisti un arsenale di armi in casa...
I teppistelli non si uniscono in gruppi antisemiti, e non attaccano chi ha i capelli lunghi, sai?

...cioè prima il fatto che siano nazi e la politica non contano niente perchè stiamo parlando di uno ammazzato di botte, e poi invece conta eccome perchè stiamo parlando di teste rasate con armi in casa... solo a me sembra che qualsiasi cosa dica yoshi non vada bene? :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Maggio, 07, 2008, 18:08
no... anche a me.
E poi non so se devo ancora spiegare che non voglio assolutamente sminuire il fenomeno degli skinhead, contesto solo i modi di divulgazione delle notizie.
ah, e per il signor giotto "yoshisenevaperchènonsarisponderealleargomentazioni": questo è esattamente il motivo per cui avevo gettato la spugna.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Maggio, 07, 2008, 20:12
maledetti metallari, avete i capelli di tarzan, i vestiti di jane e puzzate come cheetah.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Maggio, 07, 2008, 21:53
...cioè prima il fatto che siano nazi e la politica non contano niente perchè stiamo parlando di uno ammazzato di botte, e poi invece conta eccome perchè stiamo parlando di teste rasate con armi in casa... solo a me sembra che qualsiasi cosa dica yoshi non vada bene? :D

Solo a te e a Yoshi.
Il senso del discorso era che non trovo proprio che si sia dato peso alla notizia solo perchè erano nazi, ma si sia dato peso perchè dei ventenni hanno ammazzato di botte un ragazzo.
Volevo dire che la politica non c'entra perchè non lo hanno ammazzato per motivi politici nè è giusto speculare su di loro politicamente, ma è giusto che certe realtà vadano segnalate.


Per qaunto riguarda la frase assurda che confesso di aver scritto, volevo solo dire che, da quanto sostieni, gli italiani sono criminali solo se sono balordi, gli stranieri lo sono sempre...
è un po' pretestuoso! poi il concetto di balorderia non è molto univoco, no?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Maggio, 07, 2008, 22:00
Solo a te e a Yoshi.
Il senso del discorso era che non trovo proprio che si sia dato peso alla notizia solo perchè erano nazi, ma si sia dato peso perchè dei ventenni hanno ammazzato di botte un ragazzo.
Volevo dire che la politica non c'entra perchè non lo hanno ammazzato per motivi politici nè è giusto speculare su di loro politicamente, ma è giusto che certe realtà vadano segnalate.


Per qaunto riguarda la frase assurda che confesso di aver scritto, volevo solo dire che, da quanto sostieni, gli italiani sono criminali solo se sono balordi, gli stranieri lo sono sempre...
è un po' pretestuoso! poi il concetto di balorderia non è molto univoco, no?

non è univoco, ma intendevo proprio generalizzare su tutte le categorie di "disadattato", che ritengo comprendano anche i naziskin o i punkammerda (queli veri, non quelli che si fanno le canne quindi si sentono bob marley :D).
E inoltre mai parlato di stranieri, ma di clandestini che non lavorano, ed è parecchio meno generico mi pare.
La differenza in questi casi è che l'italiano bene o male ha qualcuno a cui rivolgersi se ha problemi economici, famiglia di solito, almeno un tetto te lo può dare. Un clandestino se arriva su un gommone e non lavora, per vivere non può fare altro che delinquere.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Maggio, 07, 2008, 22:03
"Ci hanno insegnato la meraviglia verso la gente che ruba il pane, ora sappiamo che è un delitto il non rubare quando si ha fame"
Fabrizio de Andrè
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Maggio, 07, 2008, 22:07
chissà perchè ho sempre odiato de andrè... (poetico!!  :laughing7:)

non è una giustificazione secondo me. Posso capire, ma non giustificare. E poi capisco il ladruncolo, non certo il rapinatore o cose del genere.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Maggio, 08, 2008, 00:01
non è univoco, ma intendevo proprio generalizzare su tutte le categorie di "disadattato", che ritengo comprendano anche i naziskin o i punkammerda (queli veri, non quelli che si fanno le canne quindi si sentono bob marley :D).

Oggi ho subito un furto con scippo con scasso con droga da una sottospecie di fighetto con un orribile maglione viola che si fa chiamare Nicolòve... che schifo di gente: mica come Yoshi, che in questo momento starà mettendo la sua tutina aderente con la cerniera aperta sulle sue tettine da uomo, anais anais e via a fare jogging a parco ravizza.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Giotto 100 - Maggio, 08, 2008, 14:26
no... anche a me.
E poi non so se devo ancora spiegare che non voglio assolutamente sminuire il fenomeno degli skinhead, contesto solo i modi di divulgazione delle notizie.
ah, e per il signor giotto "yoshisenevaperchènonsarisponderealleargomentazioni": questo è esattamente il motivo per cui avevo gettato la spugna.
Lol! Guarda che quella era una stupida provocazione su un topic di Insanity! Spero che tu non l'abbia preso sul serio! Lì scherzavo veramente! :confused1:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Maggio, 08, 2008, 15:47
Lol! Guarda che quella era una stupida provocazione su un topic di Insanity! Spero che tu non l'abbia preso sul serio! Lì scherzavo veramente! :confused1:

beh ho capito che non lo dicevi con toni offensivi, ma non mi ha fatto certo piacere. Anche perchè il mio scherzo si basava sulla cagata dei sardi che si inculano le pecore, il tuo era personale e non diceva una cosa ridicola di per sè
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Maggio, 08, 2008, 18:50
Direi che un crimine di matrice politico/razziale non sia equiparabile ad un crimine di altra natura. Lo skinhead fa scalpore perchè maneggia a giustificazione dell'omicidio un'ideologia perniciosa, che nel '900 ha portato alla distruzione di milioni di vite. L'omicidio è sempre un atto errato e folle, ma in altri casi ha sempre una base motivatoria differente (rabbia, vantaggio personale, antipatia, psicopatia, ecc.) rispetto al crimine politico che, come in questo caso, è motivato da qualcosa di inesistente e di terribilmente pericoloso (allo stesso livello dell'omicidio religioso).
Inoltre non mi sembra che l'evento abbia poi avuto più importanza di quella che meritava.

P.s. In Italia 1 criminale su 3 è clandestino. 2 su 3 sono italiani. Quindi il discorso che non esiste più la criminalità italiana in quanto microcriminalità è fallace. Non confondiamo ciò che percepiamo(giornali, Tv) con ciò che accade in realtà.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Maggio, 08, 2008, 18:53
P.s. In Italia 1 criminale su 3 è clandestino. 2 su 3 sono italiani. Quindi il discorso che non esiste più la criminalità italiana in quanto microcriminalità è fallace. Non confondiamo ciò che percepiamo(giornali, Tv) con ciò che accade in realtà.

Shandon credo fosse 2 su 3 Non sono italiani... cosi mi sembra di aver letto in alcuni dati  :icon_scratch:
Ricordo male ?  :)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Maggio, 08, 2008, 19:18
Sì, ricordi male:

Stranieri commettono un reato su 3
(ANSA) - ROMA, 20 APR - Circa il 35% dei reati e' commesso da stranieri, con i romeni in testa, fa sapere il Viminale. A delinquere sono sopratutto i clandestini. Tra gli immigrati regolari il tasso di criminalita' e' in media con quello degli italiani. Nel periodo gennaio-agosto 2007 sono state denunciate o arrestate 567mila persone, di cui circa 364mila italiani e 203mila stranieri (32.468 i romeni).



Inoltre, per chi vuole gradire, c'è questo articolo di Rovelli:

Qualsiasi ragionamento sull'immigrazione, e sull'equazione sempre più consolidata nell'immaginario degli italiani tra clandestino e criminale, è destinato a fallire se non lo si fonda su alcuni assiomi. Premesse scontate, ma che nel “dibattito pubblico” sembrano non essere mai considerate.

1. Le migrazioni contemporanee sono un evento epocale, di cui occorre, semplicemente, prendere atto, e di cui è illusorio pensare di invertire il segno. Può certo causare scompensi, come ogni evento vero, come ogni fatto che cambia la struttura delle cose per qualche fattore essenziale: ma non si può dire: "si torni a prima", come non si può tornare a un amore perduto. Occorre dunque, per prima cosa, una collettiva elaborazione del lutto. Ed è forse questo che impedisce a molti italiani di affrontare la realtà.

2. L'immigrazione in Italia non è cosa differente da quanto accade in altri paesi europei. Non ha dimensioni maggiori, tutt'altro (la Germania, ad esempio, ha in percentuale il doppio di popolazione immigrata rispetto all'Italia: 12% contro 6%). C'è solo stata una crescita più rapida che in altri paesi.

3. Anche laddove fosse arrestabile (e ciò è immaginabile solo mediante deportazioni in massa), l'alternativa all'immigrazione sarebbe una crisi economica enormemente più grave di quella che già stiamo vivendo.

4. La legislazione italiana è tra le più restrittive e repressive d'Europa: è fondamentale ricordarlo, questo, in ogni momento, a coloro che scagliano incessanti invettive contro i “buonisti” (per contrappasso potremmo chiamarli “cattivisti”).

Partendo dall'ultimo assioma, e combinandolo col primo, ne consegue che la legislazione repressiva non migliora le cose. Se mai, le aggrava. A corollario dell'ultimo assioma, infatti, occorre tenere ben presente che le risorse dello Stato italiano non potrebbero superare quelle già messe a disposizione nelle voci di spesa quanto all'immigrazione: che si ripartiscono, approssimativamente, nell'80% di spesa finalizzata alla repressione (contrasto delle entrate illegali, ma soprattutto politiche delle espulsioni) e solo nel 20% destinato all'integrazione. Per la precisione, nel 2004 la repressione è costata complessivamente 115.467.000 euro, ovvero 320 mila euro al giorno, contro i 29 milioni di euro destinati a integrazione e assistenza. Tanti soldi, e perduti: perché questo tipo di politica, che culmina con quei luoghi di sospensione del diritto che sono i CPT, ha già mostrato la sua inefficacia, come ha rilevato perfino l'ambasciatore Onu De Mistura.
(En passant, varrà la pena di rilevare questo: i leghisti, quando gli viene fatto notare che l'immigrazione è cresciuta proprio sotto la vigenza della Bossi-Fini, rispondono balbettando che non è stata applicata. E allora, qualche semplice dato, a mo' di esempio. A Bologna, su 179 arrestati nel mese di novembre 2005, 110 riguardavano stranieri non in regola con il permesso di soggiorno. A Milano, nello stesso periodo, la percentuale era del 40,5%. Nell’anno 2005, nel tribunale di Torino su un totale di 3434 processi direttissimi, 2079 – il 60% - riguardavano reati considerati come tali dalla Bossi-Fini. Dunque l'applicazione c'è stata, ed è proprio questo il problema. Lo vediamo, un dispiegamento di forze, mezzi, soldi, che toglie tempo a cose sensate, produttive, efficaci. Tanto rumore per nulla).

Questa è la verità. In un paese che non ha soldi sufficienti per pagare buoni benzina e buoni pasto alle scorte di personaggi in pericolo, non c'è alcuna possibilità di procedere con qualche efficacia all'espulsione di un milione/un milione e mezzo di immigrati irregolari (“clandestini”) presenti nel paese. Se non mobilitando il paese intero in questo sforzo, e questo lo si potrebbe fare solo esso acconsentisse a riconoscere la necessità di una guerra a un Nemico destinale, così come si fece negli anni trenta in Germania. Laddove questo estremo totalitario è per adesso difficilmente immaginabile, continuare a dire ai cittadini che “l'immigrazione clandestina fa male” (come recitano i manifesti dei post(?)-fascisti di Alleanza Nazionale) equivale a legittimare, data appunto l'impossibilità dello Stato di ampliare la repressione, qualsiasi “violenza privata” contro il nemico riconosciuto, per lo scopo superiore della “salvezza nazionale” (che peraltro non potrebbe essere evidentemente conseguita neppure con questo squadrismo). Il supplemento osceno del discorso legittimato saranno allora le spedizioni punitive, come già è iniziato ad accadere. Uno stato di eccezione permanente, stabilito di fatto.

Ecco, solo su queste premesse è possibile parlare sensatamente della questione immigrazione-criminalità. E farlo partendo da una serie di dati. (Far parlare i dati, è questo che bisogna fare adesso, come condizione per tornare a raccontare le singolarità, le esistenze, le storie. Le storie possono venir raccontate male, o si possono trascegliere quelle, per quanto eccezionali, che convengono alla tesi che si intende dimostrare. Ed è necessario che a quelle raccontate male, quelle che tutti i giorni affollano le pagine dei giornali, se ne oppongano altre raccontate bene. Si tratta però, adesso, di affrontare un trascendentale, che permetta di giungere, un giorno, a raccontare esistenze liberate).

Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Giotto 100 - Maggio, 08, 2008, 20:19
beh ho capito che non lo dicevi con toni offensivi, ma non mi ha fatto certo piacere. Anche perchè il mio scherzo si basava sulla cagata dei sardi che si inculano le pecore, il tuo era personale e non diceva una cosa ridicola di per sè
Guarda non l'ho detto assolutamente seriamente e mai ho pensato quelle cose seriamente, non sapevo semplicemente come risponderti e comunque hai fatto benissimo allora a scrivere ciò, anche perchè ti ritengo una delle poche persone di parte opposta dalla mia che guarda obbiettivamente il lato di tante cose, scusa di nuovo, mi dispiace veramente! :thumbsup:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: ElTigno - Maggio, 09, 2008, 00:36
Shandon, chapeau  :icon_salut: Impeccabile come sempre.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Maggio, 09, 2008, 01:24
Guarda non l'ho detto assolutamente seriamente e mai ho pensato quelle cose seriamente, non sapevo semplicemente come risponderti e comunque hai fatto benissimo allora a scrivere ciò, anche perchè ti ritengo una delle poche persone di parte opposta dalla mia che guarda obbiettivamente il lato di tante cose, scusa di nuovo, mi dispiace veramente! :thumbsup:

ah ok allora tutto a posto.

sì vabbè dai ammetto che dire la microcriminalità non esiste più è stato un po' eccessivo.
Però quello a cui mi riferisco, a maggior ragione, è: se abbiamo tanti criminali, perchè averne il 30% di più?
cmq le cose scritte non mi trovano molto d'accordo sotto tanti aspetti, ma davvero ora non lo faccio polemicamente, non ho voglia di rinvigorire la discussione perchè ahimè si finisce nel solito circolo vizioso, credo che certe divergenze ideologiche non siano assolutamente risolvibili
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Banjo - Maggio, 09, 2008, 18:05
Non capirò alcunchè di politica, ma sempre mi pare tanto che 1/3 dei reati è opera di stranieri...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Dragha - Maggio, 09, 2008, 18:12
Non capirò alcunchè di politica, ma sempre mi pare tanto che 1/3 dei reati è opera di stranieri...
Fai anche 3/4
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Maggio, 09, 2008, 18:15
Fai anche 3/4

veramente lui diceva che gli sembra tanto 1\3. a me no :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Maggio, 09, 2008, 18:35
Nessuno ha detto che 1/3 sia una cifra di poco contro, specialmente visto il numero degli immigrati rispetto agli italiani. Ho semplicemente citato il dato per dimostrare che quanto diceva Yoshi qualche pagina fa (ovvero "la microcriminalità è solo fatta da stranieri e clandestini") è semplicemente falso. E non è falso perchè lo sostengo io, o perchè lo dice il TG di rai due. E' falso perchè il dato è quello statistico ufficiale. Quindi, per quanto piaccia o meno dirlo, chi subisce un crimine/un furto/un sopruso, nel 70% dei casi lo subisce da un italiano, non da uno straniero. Al di là di quello che poi appare sui giornali, al di là di quello che appare in tv.

p.s. ah, sempre per la cronoca, su 3 italiani condannati solo 1 subisce per intero la pena senza alcun vantaggio, mentre su 3 stranieri, 2 si prendono la condanna senza sconti (e spesso senza avvocati).
Questo spiega il perchè, nonostante il 70% dei reati sia commesso da italiani, nelle carceri vi sia una popolazione di stranieri che rappresenta il 60% del totale carcerario.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Maggio, 09, 2008, 19:56
su 3 italiani condannati solo 1 subisce per intero la pena senza alcun vantaggio, mentre su 3 stranieri, 2 si prendono la condanna senza sconti (e spesso senza avvocati).
Questo spiega il perchè, nonostante il 70% dei reati sia commesso da italiani, nelle carceri vi sia una popolazione di stranieri che rappresenta il 60% del totale carcerario.

Ti posso garantire che non è cosi, su 3 stranieri presi forse solo 1 si becca la condanna gli altri vengono rilasciati.

E te lo dico non per sentito dire purtroppo...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Maggio, 09, 2008, 21:05
Siamo tutti in attesa delle fonti dei dati che citi  :thumbsup:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Maggio, 09, 2008, 21:18
Siamo tutti in attesa delle fonti dei dati che citi  :thumbsup:
Dati no.. Fonti.. " Attendibili " ( è un non posso dirvele non mi sembra corretto..  per alcuni motivi.. )

Non dico che in tutta italia è cosi ma qui la maggior parte delle volte è cosi..

Quello che si sente al TG è la punta di un Iceberg... ogni giorno  c'è il caos.. ma non si parla solo di STUPRI o OMICIDI ma di furti furtini Spaccio scippi e risse...  cose che non fanno notizia e non vanno in TV ma commesse la magior parte delle volte da Extracomunitari che se presi dopo pochi giorni stanno fuori.. 
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Maggio, 09, 2008, 21:20
ok, e magari è colpa di veltroni, vero?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Maggio, 09, 2008, 21:29
ok, e magari è colpa di veltroni, vero?
Decisamente no, è colpa di chi si occupa di " FAR rispettare la LEGGE"



Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Maggio, 09, 2008, 21:31
Dati no.. Fonti.. " Attendibili " ( è un non posso dirvele non mi sembra corretto..  per alcuni motivi.. )
Dicci pure, altrimenti non ha senso nemmeno citarli, quei dati.

Citazione
Quello che si sente al TG è la punta di un Iceberg... ogni giorno  c'è il caos.. ma non si parla solo di STUPRI o OMICIDI ma di furti furtini Spaccio scippi e risse...  cose che non fanno notizia e non vanno in TV ma commesse la magior parte delle volte da Extracomunitari che se presi dopo pochi giorni stanno fuori..
Io invece sostengo che quello che si vede al TG non è la punta di un'iceberg, ma una parte del problema (anche grossa) che viene amplificata.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Maggio, 09, 2008, 21:39
Dicci pure, altrimenti non ha senso nemmeno citarli, quei dati.
Non sono dati è realtà..  non posso citare la fonte  posso dire che è un conosciente che lavora da anni ormai nelle " volanti "

Io invece sostengo che quello che si vede al TG non è la punta di un'iceberg, ma una parte del problema (anche grossa) che viene amplificata.

Secondo me è qui l'errore Il TG aplifica per fare notizia, fa lo Scoop dice la traggedia e finisce li.
Sareb da  vedere le cose che accadono tutti i giorni.. Scippi... Furtarelli... Risse... SPaccio..

Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Maggio, 09, 2008, 21:48
Ma vuoi mettere la paura dello straniero che viene in Italia per ammazzare, stuprare e rubare e vendere droga?
I TG spesso mettono in piazza solo loro.
Al masismo nascondono proprio i crimini commessi da italiani, proprio perchè la gente vuol sentirsi dire che c'è insicurezza e che gli stranieri delinquono.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Maggio, 09, 2008, 22:26
Ma vuoi mettere la paura dello straniero che viene in Italia per ammazzare, stuprare e rubare e vendere droga?
I TG spesso mettono in piazza solo loro.
Al masismo nascondono proprio i crimini commessi da italiani, proprio perchè la gente vuol sentirsi dire che c'è insicurezza e che gli stranieri delinquono.

Su questo concordo con te, ecco perche mi stanno sul cazz determinate notizie, sembra che i criminali siano soltanto i stranieri.

E dico questo, ma capisco benissimo che non ne può piu di tutto questo schifo..
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Maggio, 10, 2008, 14:13
Ti posso garantire che non è cosi, su 3 stranieri presi forse solo 1 si becca la condanna gli altri vengono rilasciati.

E te lo dico non per sentito dire purtroppo...

Non me lo puoi garantire, in quanto quello che dici tu è evidentemente solo frutto di esperienza personale/racconti di amici, mentre quello che ho riportato io o è Istat, o è stato pubblicato in un libro ("Lager italiani").

Tutti possiamo tirare in ballo l'esperienza personale, il sentito dire, i racconti, ma alla fine la verità è una sola, ed è quella scientifica, misurata empiricamente. Altrimenti puoi pure metterti a dire che in italia siamo 9 miliardi, perchè hai visto le piazze piene di Sabato a Roma, o perchè visto che nella tua città ci sono milioni di persone, allora deve esser così ovunque (ragionando così, io potrei dirti che gli immigrati sono tutti dei sant'uomini, perchè io non ho mai subito una minima angheria da nessuno di loro).
Ah, e tanto per gradire e dimostrare quante voci diverse esistono, conosco molte persone (studenti e professori universitari) che abitano a Roma, e tutte mi hanno unanimemente garantito che la situazione sicurezza/immigrati vigente in città è del tutto diversa (in senso migliore), rispetto a quella dipinta dai media.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Maggio, 10, 2008, 14:20
Non me lo puoi garantire, in quanto quello che dici tu è evidentemente solo frutto di esperienza personale/racconti di amici, mentre quello che ho riportato io o è Istat, o è stato pubblicato in un libro ("Lager italiani").
Io ti garantisco QUI, non dico uccidiamo gli stranieri cacciamoli, dico solo  se c'è intolleranza non è colpa della TV e basta, accadono tante piccole cose che se non le SENTI perche non hai le possibilità per sentirle non ci pensi, è questo il discorso.
TE parli  guardando numeri, io parlo per esperienza personale diretta.
Non sto dicendo ovunque è cosi, sto dicendo a roma non è come i tuoi dati ripostano, perchè molte volte gli extracomunitari neanche vengono portati in centrale ( per atri motivi )
Io ti sto dicendo le cose da un ottica ravvicinata, libero di non crederci ma è cosi e ripeto non ovunque io parlo per me.
E se pensi che sono uno di uelli che dice  italia e gli italiani ecc stai fuori strada, Io sono per regole precise da rispettare non le rispetti  ti becchi quello che ti meriti italiano  cinese burundia o chi o che sia.

Ah, e tanto per gradire e dimostrare quante voci diverse esistono, conosco molte persone (studenti e professori universitari) che abitano a Roma, e tutte mi hanno unanimemente garantito che la situazione sicurezza/immigrati vigente in città è del tutto diversa (in senso migliore), rispetto a quella dipinta dai media.
MI spiace ma non ti credo minimamente, perchè quello che ho riportato io è la situazione di gente che sta sulle "volanti " e che tutti i giorni lavora per noi.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Maggio, 10, 2008, 15:17
Io ti garantisco QUI, non dico uccidiamo gli stranieri cacciamoli, dico solo  se c'è intolleranza non è colpa della TV e basta, accadono tante piccole cose che se non le SENTI perche non hai le possibilità per sentirle non ci pensi, è questo il discorso.
TE parli  guardando numeri, io parlo per esperienza personale diretta.
Non sto dicendo ovunque è cosi, sto dicendo a roma non è come i tuoi dati ripostano, perchè molte volte gli extracomunitari neanche vengono portati in centrale ( per atri motivi )
Io ti sto dicendo le cose da un ottica ravvicinata, libero di non crederci ma è cosi e ripeto non ovunque io parlo per me.
E se pensi che sono uno di uelli che dice  italia e gli italiani ecc stai fuori strada, Io sono per regole precise da rispettare non le rispetti  ti becchi quello che ti meriti italiano  cinese burundia o chi o che sia.
MI spiace ma non ti credo minimamente, perchè quello che ho riportato io è la situazione di gente che sta sulle "volanti " e che tutti i giorni lavora per noi.

Senti, se fai questi discorsi avvertimi prima che neanche sto a perder tempo a scrivere. Tu non credi a me, ma io devo credere a te. Mi sembra molto corretta, come cosa.
Che interesse avrei a mentire? Quello di valorizzare una posizione che già è confermata dai dati nazionali?(la tua esperienza quante persone rappresenta? Cento, mille? diecimila? Solo a Roma ci sono più di 3 milioni di persone, permetterai che non mi basta. Inoltre Roma non è altro che UNA città tra tutte quelle che ci sono in italia).
Ripeto, è inutile continuare a sproloquiare su quello che hai visto te o su quello che ho visto io. Ci sono dati ufficiali, attendibili, veri. La tua esperienza può essere significativa per te, ma non cambia la situazione generale (che è, appunto, documentata e quantificata).
La dimostrazione che le percezioni individuali sono del tutto inattendibili e inadatte per fare generalizzazioni(come fai tu), sta nel fatto che le persone di Roma che conosco io, mi hanno confermato che la situazione non è quella descritta dai media, che ti piaccia o no. Poi se non mi vuoi credere, fammi anche il piacere di non rispondere, perchè non ha neanche senso continuare.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Maggio, 10, 2008, 16:13
Oggi leggevo un articolo di Pansa in cui proponeva di tornare alla violenta disciplina scolastica di una volta per raddrizzare la schiena a noi "giovani". E' il tipico pensiero di chi pensa di contenere le proprie frattaglie mettendosi un busto di gesto, è il pensiero di un vecchio che è chiuso in sè stesso ed è piu' propenso a raccogliere miseramente i pezzi che cadono piuttosto che guardare fuori e lottare la decadenza facendo qualcosa di grande. Queste elezioni politiche si sono giocate su un tema che io giudico merda allo stato puro, "la sicurezza", qualcosa di intangibile che solo la propaganda può far percepire come un pericolo imminente che pende sulla testa di qualsiasi bravo cittadino. In questo regime terroristico, chiunque può essere uno stupratore, un ladro, un assassino, e pertanto la società dev'essere sottoposta alla "tolleranza superzero": immaginatevi di mettere in galera le persone oneste e di tenere fuori i criminali, per proteggere meglio gli onesti, tra le sbarre!
questo è il paradosso, che chi è onesto debba essere ingabbiato, questa è la sconfitta piu' grande davanti ai criminali, cedere la propria libertà per essere "sicuri". La sicurezza di stare in gabbia!
Nessuno ha parlato di qualcosa di piu' grande, durante le elezioni, nessuno ha parlato di migliorare la società, di avanzare come popolo e di liberare le nostre coscienze dalla paura per tendere a quello che dovrebbe essere l'istinto primario: migliorarsi come uomini, e liberarci dalle "mind forged manacles" di cui parlava Blake, le manette forgiate nella mente.
La sinistra, e questo è il piu' grande smacco, si è fatta trascinare su un terreno dove la destra ha maggiori conoscenze, e non ha potuto minimamente competere: è questa secondo me la piu' grande sconfitta della sinistra, tacitare la propria missione progressista per scendere a lottare con la destra negli anfratti piu' bui dei nostri animi, quelli in cui si annidano le paure che ci tengono schiacciati e attaccati come vermi al poco che abbiamo per conservarlo.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Maggio, 10, 2008, 16:58
Io ti garantisco QUI, non dico uccidiamo gli stranieri cacciamoli, dico solo  se c'è intolleranza non è colpa della TV e basta, accadono tante piccole cose che se non le SENTI perche non hai le possibilità per sentirle non ci pensi, è questo il discorso.
TE parli  guardando numeri, io parlo per esperienza personale diretta.
Non sto dicendo ovunque è cosi, sto dicendo a roma non è come i tuoi dati ripostano, perchè molte volte gli extracomunitari neanche vengono portati in centrale ( per atri motivi )
Io ti sto dicendo le cose da un ottica ravvicinata, libero di non crederci ma è cosi e ripeto non ovunque io parlo per me.
E se pensi che sono uno di uelli che dice  italia e gli italiani ecc stai fuori strada, Io sono per regole precise da rispettare non le rispetti  ti becchi quello che ti meriti italiano  cinese burundia o chi o che sia.
MI spiace ma non ti credo minimamente, perchè quello che ho riportato io è la situazione di gente che sta sulle "volanti " e che tutti i giorni lavora per noi.

Max anch'io sono di Roma e la mia esperienza diretta non e' affatto come la tua. A fare le "storielle" aneddotiche (peraltro senza supportarle con uno straccio di riferimento) ci riescono tutti, la cosa difficile sta appunto a saper ragionare OLTRE le nostre esperienze personali e guardare il dato comune.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Maggio, 11, 2008, 18:56
Max anch'io sono di Roma e la mia esperienza diretta non e' affatto come la tua. A fare le "storielle" aneddotiche (peraltro senza supportarle con uno straccio di riferimento) ci riescono tutti, la cosa difficile sta appunto a saper ragionare OLTRE le nostre esperienze personali e guardare il dato comune.

John mi spiace ma non racconto storielle, se quello che dico non coincide con  le vostre ide ok.
Ma quello che ho detto è una mia esperienza personale, ogni cazzo di fine settimana  ne succede una sempre con extracomunitari ( sempre storie personali che riguardano me e miei cari o amici )

Non so in che zona stai te  ma dove sono miei amici ( Torre maura / tiburtina / Monte tiburtini / Termini / Rebibbia) è invivibile!
Dove sono io 3 mesi fa ogni sera una macchina spariva o si trovava distrutta, alla fine era un gruppo di  Rumeni che rubavano quello che potevano perche non avevano altro da fare per campare.
Io non do la colpa  ad una razza come gia scritto io do la colpa a chi non fa rispettare delle Leggi che esistono! LA gent epoi si rompe il cazzo, e si difende come può! Partendo prevenuta!

Senti, se fai questi discorsi avvertimi prima che neanche sto a perder tempo a scrivere. Tu non credi a me, ma io devo credere a te. Mi sembra molto corretta, come cosa.

 Shandon non volevo dire " ho ragione io te dici cazzate " E' stata una reazione istintiva, perchè  voi vi basate su dati, e quindi ne parlate ma in modo alla fine che non vi tocca, a starci dentro è diverso.
Magari state in un quartiere tranquillo o una zona serena, ma qui è uno schifo! Ed è uno schifo anche il comportamento che stanno tenendo poi i ragazzi dei vari quartieri, si esce e si parte gia con la convizione che qualche " Extracomunitario romperà il caz " e cosi per qualsiasi cazzata vanno a finire  Male..

E non racconto film racconto cose che accadono quasi tutte le sere.
E non parlo di adulti ( jonh non so quanti anni hai e come la vivi te ) ma i ragazzi 16 - 25 anni ormai  hanno tolleranza 0..
T
riste ma è la verita e questo sui DATI che leggete non c'è scritto, le Iene fecero un servizio proprio su questo, li si capivano bene alcune situazioni!


Shandon , John  so che volete fare un discorso generale, con dati statistiche, e che  si deve guardare oltre le esperienze personali..

...ma quado si vivono certe situazioni  è molto difficile.

Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Maggio, 11, 2008, 20:06
Non so in che zona stai te  ma dove sono miei amici ( Torre maura / tiburtina / Monte tiburtini / Termini / Rebibbia) è invivibile!
...
 Shandon non volevo dire " ho ragione io te dici cazzate " E' stata una reazione istintiva, perchè  voi vi basate su dati, e quindi ne parlate ma in modo alla fine che non vi tocca, a starci dentro è diverso.
...
E non parlo di adulti ( jonh non so quanti anni hai e come la vivi te ) ma i ragazzi 16 - 25 anni ormai  hanno tolleranza 0..
T
riste ma è la verita e questo sui DATI che leggete non c'è scritto, le Iene fecero un servizio proprio su questo, li si capivano bene alcune situazioni!

Shandon , John  so che volete fare un discorso generale, con dati statistiche, e che  si deve guardare oltre le esperienze personali..

Max ti ho appena detto che io non ragiono per dati, a Roma ho vissuto in cinque posti diversi, e gli ultimi sette anni (con uscite ed entrate varie visto che ho vissuto anche in Inghilterra) li ho passati su Viale Marconi, non certo il posto piu' agiato del mondo visto che e' a due passi da Porta Portese e la popolazione di immigrati e' enorme (sotto casa mia ci sono tre mercatini, vedi tu). Termini e Tiburtina poi le conosco quasi meglio di Marconi. E le cose che racconti tu a me non sono capitate, punto.

E la mia eta' rientra perfettamente nei parametri che descrivi (23 anni, ci vivo dai 17) quindi mettiti l'anima in pace, cio' che dici sara' vero per te ma di sicuro non vale per tutta Roma (e men che mai per l'Italia intera... per quello sono molto piu' attendibili i dati di Shandon).
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Maligno - Maggio, 11, 2008, 20:27
Mi intrometto nella discussione per fare un commento... Ma che i dati indichino come origine dei crimini 1/3 o 2/3 degli immigrati cosa cambia? Che siano 2/3 o anche 1/3 soltanto, sono cifre altissime in ogni caso, se si considera la proporzione tra gli abitanti italiani e gli immigrati. Trovo spesso e volentieri disgustosa la politica dei media che tendono ad amplificare tutto ciò che riguarda gli immigrati e a banalizzare quello che invece è opera di qualche italiano: così facendo si alimenta un clima di terrore e di xenofobia che non può far altro che peggiorare l'atteggiamento degli italiani verso gli immigrati, e di conseguenza peggiora ulteriormente il comportamento di questi ultimi. Ad ogni modo però credo che il problema della sicurezza sia tutt'altro che un sofismo, perchè negare che alcuni posti stanno diventando invivibili e non fare niente per cambiare la situazione è follia! Secondo me bisogna iniziare a pensare concretamente a qualche soluzione: chi immigra e viene per lavorare deve essere accolto a braccia aperte, anche perchè spesso gli stranieri sono gli unici che si prendono carico di lavori snobbati dalla stragrande maggioranza degli italiani, ma chi non viene per lavorare va mandato via assolutamente. Perchè se uno immigra e non lavora, per forza di cose cerca di sopravvivere come può e i dati credo lo dimostrino.

Poi una domanda rivolta ai romani: 10 giorni fa circa sono stato di passaggio a Roma, poco dopo l'ufficializzazione della vittoria di Alemanno. Con tutti i romani con cui ho avuto modo di parlare, erano tutti entusiasti della sua vittoria, ma soprattutto erano felicissimi che Rutelli non sia salito di nuovo al potere... Voi che ne pensate? E poi è vero che Roma sta diventando una seconda Napoli, in quanto a sporcizia?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Maggio, 12, 2008, 09:13
quindi mettiti l'anima in pace, cio' che dici sara' vero per te ma di sicuro non vale per tutta Roma (e men che mai per l'Italia intera... per quello sono molto piu' attendibili i dati di Shandon).

Ma non hai capito allora, Io NON sto dicendo che la mia situazione è  quella dell'italia, sto solo dando un punto di vista da chi sta spesso e non volentieri in certe situazioni.

E visto che a voi non è mai capitato, io vi sto dicendo come la vive chi ci passa, e come poi vanno le cose, come i ragazzi e la gente che viene coinvolta in certe situazioni alla lunga ha tolleranza 0.

Non dico che ovunque è cosi, ma non credo sia la fetta piu piccola.
Se continua cosi saranno guai credetemi..


è vero che Roma sta diventando una seconda Napoli, in quanto a sporcizia?

Intendi sporcizia per le strade ??
Sinceramente " non credo prorpio " ci sono dei giorni in cui capita di vedere davanti ai secchioni pile di immondizia, ma il giorno dopo sparisce tutto.
Una cosa che la gente si deve ficcare nella testa è FARE LA RACCOLTA DIFFERENZIATA!

Ora ri vogliono mettere i secchietti misti negli appartamente e levare quelli per le strade, questo sistema lo stanno per provare qui alla maiana.
Cosi si è obbligati anche a fare la rac dif. visto che chi verrà a prelevare la spazzatura sarà anche autorizzato a multare chi non rispetterà le norme dei secchietti, ( saranno 3 secchietti " Trasparenti " per carta - plastica - e robba ognanica )
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Maggio, 12, 2008, 16:46
Secondo me bisogna iniziare a pensare concretamente a qualche soluzione: chi immigra e viene per lavorare deve essere accolto a braccia aperte, anche perchè spesso gli stranieri sono gli unici che si prendono carico di lavori snobbati dalla stragrande maggioranza degli italiani, ma chi non viene per lavorare va mandato via assolutamente. Perchè se uno immigra e non lavora, per forza di cose cerca di sopravvivere come può e i dati credo lo dimostrino.

Il problema non e' soltanto questo, il problema e' avere un governo che crei le condizioni adatte perche' gli stranieri possano lavorare. In altre parole, se vieni qui e avere la cittadinanza e' un casino bestiale, poi chiaro che non riesci a lavorare (o che ti mettono al lavoro in nero, o peggio finisci nel giro della criminalita').

Non esistono solo le categorie di chi vuole lavorare e chi non vuole, esiste anche la categoria di chi non puo' lavorare. E di sicuro politiche come quelle sventolate dal governo attuale (e in particolare dalla Lega) sono volte a rendere la vita piu' difficile agli immigrati, non piu' facile. Poi chi non vuole lavorare va trattato secondo legge, come vengono trattati gli Italiani che non vogliono lavorare, ma senza bisogno di operazioni barbare (deportazioni massiccie e indiscriminate, o il famoso "spariamo sulle barche").

Citazione
Poi una domanda rivolta ai romani: 10 giorni fa circa sono stato di passaggio a Roma, poco dopo l'ufficializzazione della vittoria di Alemanno. Con tutti i romani con cui ho avuto modo di parlare, erano tutti entusiasti della sua vittoria, ma soprattutto erano felicissimi che Rutelli non sia salito di nuovo al potere... Voi che ne pensate? E poi è vero che Roma sta diventando una seconda Napoli, in quanto a sporcizia?

Sul paragone Roma-Napoli... ma va'!!! :D

Quanto ad Alemanno, io non lo reggo, la sua campagna sulla sicurezza mi e' sembrata isterica e di sicuro non collima con i problemi che vedo io a Roma. Roma al momento e' un centro delle arti come nessun'altra citta' che io conosca, nemmeno Londra, succede TUTTO e succede GRATIS. Alemanno, notoriamente di una fazione che considera le arti "un passatempo per gli snob," mi aspetto che tagli le gambe a tutto questo in maniera drastica, purtroppo.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Maggio, 12, 2008, 19:31


Quanto ad Alemanno, io non lo reggo, la sua campagna sulla sicurezza mi e' sembrata isterica e di sicuro non collima con i problemi che vedo io a Roma. Roma al momento e' un centro delle arti come nessun'altra citta' che io conosca, nemmeno Londra, succede TUTTO e succede GRATIS. Alemanno, notoriamente di una fazione che considera le arti "un passatempo per gli snob," mi aspetto che tagli le gambe a tutto questo in maniera drastica, purtroppo.
eh sì sti fascisti di merda
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Shandon - Maggio, 12, 2008, 20:02
Shandon non volevo dire " ho ragione io te dici cazzate " E' stata una reazione istintiva, perchè  voi vi basate su dati, e quindi ne parlate ma in modo alla fine che non vi tocca, a starci dentro è diverso.
Magari state in un quartiere tranquillo o una zona serena, ma qui è uno schifo! Ed è uno schifo anche il comportamento che stanno tenendo poi i ragazzi dei vari quartieri, si esce e si parte gia con la convizione che qualche " Extracomunitario romperà il caz " e cosi per qualsiasi cazzata vanno a finire  Male..

E non racconto film racconto cose che accadono quasi tutte le sere.
E non parlo di adulti ( jonh non so quanti anni hai e come la vivi te ) ma i ragazzi 16 - 25 anni ormai  hanno tolleranza 0..
Triste ma è la verita e questo sui DATI che leggete non c'è scritto, le Iene fecero un servizio proprio su questo, li si capivano bene alcune situazioni!


Shandon , John  so che volete fare un discorso generale, con dati statistiche, e che  si deve guardare oltre le esperienze personali..

...ma quado si vivono certe situazioni  è molto difficile.

Ho capito che te ci vivi a Roma e che te hai avuto quelle esperienze, ma siccome io ti credo, vorrei che anche da parte tua la fiducia fosse reciproca verso le fonti dirette(quindi non dati) che ti propongo io. Come vedi John Silver, che pure è romano, parla di un'esperienza nettamente diversa.
Comunque secondo me, anche se capisco il coinvolgimento emotivo, l'unico modo razionale per giudicare una situazione così ampia come quella di Roma è quello di guardare i dati, che saranno freddi, saranno brutti, ma sono oggettivi e tengono conto delle esperienze personali di tutti, e non solo di uno.



Per Maligno: io non ho riportato quei dati per dire che 1/3 di immigrati sono pochi, ma per ribattere a Yoshi che diceva che la microcriminalità è oggi SOLO straniera. Mi quoto a tal proposito:

"Nessuno ha detto che 1/3 sia una cifra di poco contro, specialmente visto il numero degli immigrati rispetto agli italiani. Ho semplicemente citato il dato per dimostrare che quanto diceva Yoshi qualche pagina fa (ovvero "la microcriminalità è solo fatta da stranieri e clandestini") è semplicemente falso. E non è falso perchè lo sostengo io, o perchè lo dice il TG di rai due. E' falso perchè il dato è quello statistico ufficiale. Quindi, per quanto piaccia o meno dirlo, chi subisce un crimine/un furto/un sopruso, nel 70% dei casi lo subisce da un italiano, non da uno straniero. Al di là di quello che poi appare sui giornali, al di là di quello che appare in tv."

Circa Rutelli-Alemanno, mi sembra che il risultato sia stato inevitabile. Alemanno mi sembra nettamente l'uomo più ragionevole di AN(che comunque, rispetto ad altri partiti, non ha esponenti orripilanti, eccettuando l'estetica di La Russa) ed aveva il vantaggio sia di giocare sulla leva sicurezza amplificata dal megafono-Mediaset, sia quello di poter dire "fatemi provare a governare, l'altro c'è già stato".
Rutelli, a parte che è un essere di vuota retorica, che si perde in frasi di una densità infinita che avviluppano il nulla, a parte che è già stato sindaco per 7 anni ed è una minestra riscaldata, a parte che è una brutta copia di Veltroni come sindaco, direi che è stato messo lì per essere estromesso dai ruoli più rilevanti del partito e perchè il PD ha sottovalutato la partita a Roma.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Maggio, 12, 2008, 20:43
eh sì sti fascisti di merda
Boh, sul discorso dell'arte pienamente d'accordo, è un problema della destra pensare con l'uccello (o con lo stomaco, se preferisci) e considerare l'arte roba da vecchi professori.
Veltroni ha portato Elton John al Colosseo GRATIS, ti ricordo.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Maggio, 12, 2008, 20:51
Boh, sul discorso dell'arte pienamente d'accordo, è un problema della destra pensare con l'uccello (o con lo stomaco, se preferisci) e considerare l'arte roba da vecchi professori.
Veltroni ha portato Elton John al Colosseo GRATIS, ti ricordo.

eh sì l'ha fatto per il bene dell'arte ahahaha. Sei la persona che generalizza di più al mondo, è davvero inutile parlare con te, vai per assiomi che consideri la verità unica ed insindacabile.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Maggio, 12, 2008, 20:53
eh sì l'ha fatto per il bene dell'arte ahahaha. Sei la persona che generalizza di più al mondo, è davvero inutile parlare con te, vai per assiomi che consideri la verità unica ed insindacabile.
Ok, ma non è una risposta.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Maggio, 12, 2008, 20:54
a quale domanda?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Maggio, 13, 2008, 08:55
eh sì sti fascisti di merda

Non c'e' bisogno di essere scortesi, sopratutto visto che fino a poco tempo fa eri te quello che declamava a gran voce il bisogno di piu' tolleranza in questo topic.

E poi vi imploro, basta ragionare a fascisti e comunisti. Questa e' roba da dinosauri politici, guarda caso gli unici a seguire ancora queste fedi sono i ragazzini e le curve dello stadio. Magari saranno sopravvissuti alcuni valori che esistevano anche in quelle dottrine, ma pensare che io ancora veda la destra italiana in termini di fascismo (o che quelli di destra pensino a Veltroni in termini di comunismo) e' un insulto non soltanto ai diretti interessati ma proprio al nostro paese, perche' lo vede incapace di crescere, di maturare e sopratutto di dialogare.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: imperatore82 - Maggio, 13, 2008, 08:59
io direi di non parlare mai più di politica perchè si sà dalla politica nascono tanti litigi
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Maggio, 13, 2008, 09:04
Ho capito che te ci vivi a Roma e che te hai avuto quelle esperienze, ma siccome io ti credo, vorrei che anche da parte tua la fiducia fosse reciproca verso le fonti dirette(quindi non dati) che ti propongo io. Come vedi John Silver, che pure è romano, parla di un'esperienza nettamente diversa.
Comunque secondo me, anche se capisco il coinvolgimento emotivo, l'unico modo razionale per giudicare una situazione così ampia come quella di Roma è quello di guardare i dati, che saranno freddi, saranno brutti, ma sono oggettivi e tengono conto delle esperienze personali di tutti, e non solo di uno.

Shandon non voleva essere una mancanza di fiducia, mi scuso, è solo che come dici te sono esperienze che offuscano ogni altra possibilità di giudicare.
Sono il primo a dire che non me ne vorrei mai occupare io, per la mia situazione vedrei solo e soltanto nero..
Sicuramente non sarà maturo, ma ragionare su questa situazione senz aun coinvolgimento emotivo mi è impossibile.. 
E ammetto che è sbagliato, ma.. per il momento non ho la calma d'animo per poter giudicare serenamente tutta la situazione..
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Maggio, 13, 2008, 09:49
Shandon non voleva essere una mancanza di fiducia, mi scuso, è solo che come dici te sono esperienze che offuscano ogni altra possibilità di giudicare.
Sono il primo a dire che non me ne vorrei mai occupare io, per la mia situazione vedrei solo e soltanto nero..
Sicuramente non sarà maturo, ma ragionare su questa situazione senz aun coinvolgimento emotivo mi è impossibile.. 
E ammetto che è sbagliato, ma.. per il momento non ho la calma d'animo per poter giudicare serenamente tutta la situazione..

Mah, a me sembra semplicemente che tu voglia credere queste cose senza doverti prendere la briga di pensarci ("ammetto che e' sbagliato pero' lo penso lo stesso"... BOH!!!), e adduci il tuo stato emotivo semplicemente come scusa per non doverle difendere. Poi fai te, ognuno pensi come gli pare. :dontknow:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Maggio, 13, 2008, 10:24
Mah, a me sembra semplicemente che tu voglia credere queste cose senza doverti prendere la briga di pensarci ("ammetto che e' sbagliato pero' lo penso lo stesso"... BOH!!!), e adduci il tuo stato emotivo semplicemente come scusa per non doverle difendere. Poi fai te, ognuno pensi come gli pare. :dontknow:

Quando ti vedi un amico in ospedale con naso e mandibola rotta perchè preso di mira da 2 rumeni ubriachi che stavano rompendo il caz alla sua ragazza, quando la nonna di un tuo caro amico a cui teneva tantissimo viene scippata fatta cadere procurandosi la frattura ad un anca, il rumeno viene arrestato e poi fatto ri uscire perchè è un reato minimo quindi, quell apovera signora non esce piu perchè ha il terrore ( è stata per 4 mesi su una sedia a rotelle terrorizzata ).
Quando un gruppo di extracomunitari ti vengono a dosso con la macchina sulla tua e poi scappano, QUANDO A TIBURTINA VANNO A CAGARE IL CAZZO AD UNA TUA AMICA QUASI SORELLA E LEI TI CHIAMA IN LACRIME, ALLORA forse PUOi capire!

Crederci o no non spetta a me, questa è una parte della mia situazione e non coinvolge solo a me, ma ad altri ragazzi e molti ugualmente amici come me di queste persone, che si sono rotti il cazzo e cormai hanno tolleranza 0.

Questo i TG non lo dicono, sono notizie non importanti, ma vai a cinecittà, a san basilio, a monte tiburtini e a rebibbia, e chiedi a quei ragazzi  a qualunque ragazzo che gira li che ne pensa degli extracomunitari.

Andavo al "Gerini" e sta li a rebibbia, e ti posso garantire che se parli con  Tutti  i ragazzi che frequentavano quella scuola rimani sconvolto, ma non per quello che gli può essere accaduto o meno, ma per  come stanno reaggendo.
Si PArlava di CACCIA il sabato sera ai Rumeni!?!?! E' grave la cosa!!

Io per via di quello che mi è accaduto non posso essere del tutto obbiettivo nel parlare di questa cosa, ma non faccio di tutta un erba un fascio ( anche perchè qui davanti al mio ufficio ci sono 2 rumeni che lavorano come fabbri e praticamente spesso stiamo li a cazzeggiare scherzare ecc ) e mi rendo conto che sbaglio a non essere cosi " Lucido " nel parlare di certe cose, ma non è come dici te nessuna scusa.
Se una situazione è giusta è giusta se sbagliata è sbagliata.

Ma la situazione tra noi ragazzi è seria e questo quei dati purtroppo non lo riportano...

Sono i pareri dei ragazzi da dover sentire, ma non perchè piu importanti, ma pe ril seplice fatto che sono quelli da tutelare di piu, qui si rischia di avere " Gruppi punitivi "

Hai presente 6 mesi fa circa la storia delle molotov ad anagnina al campo di baracche? ecco..
Qui la cosa col passare del tempo diventerà sempr epiu pericolosa..
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gabry - Maggio, 13, 2008, 10:43
Sono daccordo con Max, io non vivo a Roma, ma nella mia città ( Brescia) è impossibile uscire la sera, persino in macchina, ti sfondano il finestrino e ti minacciano con un coltello.
Pensa che alcuni amici che abitavano in centro e che mai  e sottolineo mai fino a qualche anno fa avrebbero voluto cambiare zona, ne tanto meno vivere in un paesino, hanno dovuto arrendersi e traslocare . La situazione è davvero allarmante e mi fa davvero paura.....i giovani non tollerano più tutto questo....cosa ci aspetta?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Maggio, 13, 2008, 11:00
Vabbeh ho capito e' diventato il topic delle confessioni melodrammatiche... poi sbalorditiva l'arroganza di credere che queste cose sono successe solo a voi, nemmeno un mese e mezzo fa a Londra ho fatto a pizze con tre che mi volevano derubare, una settimana fa ho sfiorato la rissa con una testa pelata del cazzo a Lancaster, la mia ragazza a Norwich e' tornata a casa nello stesso stato dell'amica tua dopo essere stata molestata... (tutte in inghilterra, zero a Roma, dove una sera che ho fatto il botto con l'auto sono venuti tre marocchini che mi hanno cambiato la gomma, ma guarda un po').

Eh ma la mia opinione non conta, io "non posso capire".
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gabry - Maggio, 13, 2008, 11:08
Guarda..lungi da me discriminare o fare discorsi razzisti ,io come te non li tollero, insegno ai miei figli il rispetto di tutti, più di una volta mi sono trovata a difendere gli extracomunitari, ne ho accolto anche in casa e mi sono trovata derubata, ma non per questo li odio. Dico solo che un freno è necessario per la sicurezza di tutti.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Maggio, 13, 2008, 11:09
Vabbeh ho capito e' diventato il topic delle confessioni melodrammatiche... poi sbalorditiva l'arroganza di credere che queste cose sono successe solo a voi.

Va bene va.. Prima dici che sono scuse, poi s euno ti da delle motizazioni è melodrammatico e dici che sono arrogante e dici che accadno solo a me, quando sono stato il primo a dire che NON  credo che accadano solo a me!

MA te la giri come caz ti pare ? E ARROGANTE chiamaci altri, s evuoi parlar econ me non offendere, perch enon credo proprio di essere arrogante, anzi ho raccontato quello che mi è successo e accade proprio per darti la motivazione della mia impossibilità di giudicare senz aavere sentimenti personali!!!

E ALTRA cosa Messaggero di oggi parla proprio della paura degli italiani di uscire di casa per paura di furti, stupri ecc.. pag 2 - 3 e 5.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Maggio, 13, 2008, 11:30
Gli italiani hanno paura di uscire di casa? e sai che novità. Basta farsi una mattinata in ospedale per capire perchè, la mattina a farsi curare mali inesistenti, la sera stretti a coorte davanti al telegiornale per dare giudizi e preoccuparsi tanto. Ma chissà poi perchè saremo tanto attaccati alla vita, con le rate del mutuo, i tfr, gli esuberi, i figli bulli e gli zingaracci che ce li rapiscono! inizio a pensare che i romeni siano calati giu' dalle alpi per liberarci dei nostri mali! Con l'opposizione in ostaggio della maggioranza, e le recenti iperboli di La Russa, Maroni e compagnia bella aspetto una pietosa coltellata, qua, in petto!
Ma scherzi a parte, sono proprio contento che abbiano pubblicato le dichiarazioni dei redditi. Finalmente posso (e ripeto posso) sapere, tra i miei conoscenti, chi ha diritto a lamentarsi della sicurezza e chi no. Chi finanzia la polizia e chi no. Chi si può lamentare della sanità e chi no. Chi può e chi deve stare zitto insomma. Se stiamo diventando un non-stato di squadristi, rondisti, se la giustizia è fai da te, io non mi faccio una mazza chiodata come quello spezzino che è andato a chiedere i documenti a un clochard/barbone minacciandolo (la nazione di ieri) ma piuttosto controllo i conti del mio dentista. E faccio la delazione.
Sono sicuro che a questo regime, che molti auspicano, l'Italia diverrà la prima repubblica basata sul saccheggio entro la fine dell'anno.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Maggio, 13, 2008, 11:32
Si', per me e' arrogante dirmi che io 'non posso capire' a priori e che le tue cosiddette 'motivazioni' non possono essere contestate per questo. (cosi' come trovo prepotente il rivolgersi agli altri con espressioni tipo "ma te la giri come cazzo ti pare?").
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Maggio, 13, 2008, 12:02
Vabbeh ho capito e' diventato il topic delle confessioni melodrammatiche... poi sbalorditiva l'arroganza di credere che queste cose sono successe solo a voi,
Eh ma la mia opinione non conta, io "non posso capire".

Mi pare che qui il maleducato sei te, e non sareb la prima VOLTA!

Io non ho detto che la tua opinione non conta ma visto che mi hai detto questo :
Mah, a me sembra semplicemente che tu voglia credere queste cose senza doverti prendere la briga di pensarci ("ammetto che e' sbagliato pero' lo penso lo stesso"... BOH!!!), e adduci il tuo stato emotivo semplicemente come scusa per non doverle difendere.

ti ho motivato il perchè la penso cosi! Prima DICI ALLE PERSONA che fanno cosi come scusa, poi se uno ti da delle MOTIVAZIONi che dici ?

Che è il topic drammatico e dai dell'arrogante alla gente ? E poi non ti dovrei dire che ti giri le cose come vuoi ??
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Maggio, 13, 2008, 12:07
Comunque visto che siamo tutti al confessionale, dico la mia.
Mi trovo spesso a passare a mezzanotte a piedi tra i quartieri peggiori di milano (corvetto-rogoredo) e non mi è mai capitato niente. Diverse volte ho attraversato Milano da Centrale a S.Donato, e sono ancora vivo.Ho avuto grane con sudamericani nella palestra dove lavoravo, ma smargiassate..beh poi quelli sono stati arrestati perchè facevano i lenoni e hanno sparato a un poliziotto. Però era una questione di droga e prostitute. Anche la mia ragazza ogni tanto viene infastidita sulla metro o per strada, da stranieri e da italiani. Solo che quello che gli italiani fanno normalmente viene preso come un dovere (provarci, fare commenti degradanti) ed è una questione quasi d'onore, mentre per gli stranieri è come se si tornasse alle marocchinate o ai lanzichenecchi. Beh io non discrimino in base alla razza, tanto chi lo fa è di una sola razza: quella dei figli di mamma camminatrice. E si su questo sono un massimalista: sarei per la castrazione -con le tenaglie-. Ma in fin dei conti, siamo famosi in tutto il mondo perchè guardiamo il culo alle donne e perchè abbiamo le voglie da asini. Salva la "mamma" che non si tocca.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Maggio, 13, 2008, 12:11
Mi pare che qui il maleducato sei te, e non sareb la prima VOLTA!

Io non ho detto che la tua opinione non conta ma visto che mi hai detto questo :
ti ho motivato il perchè la penso cosi! Prima DICI ALLE PERSONA che fanno cosi come scusa, poi se uno ti da delle MOTIVAZIONi che dici ?

Che è il topic drammatico e dai dell'arrogante alla gente ? E poi non ti dovrei dire che ti giri le cose come vuoi ??

Ma guarda che c'è differenza tra il dramma e il melodramma. Dramma in greco è azione, Melodramma come dice la parola è azione musicata: tu hai riempito la tua requisitoria sulla "sicurezza" di anafore e della miglior retorica nazional-popolare, e l'anafora,la ripetizione, è musicale, è ritornello, è il gingle che ti entra in testa!
Non ti devi offendere, il Talla è un profondo conoscitore della tradizione teatrale seicentesca, e si riferiva nient'altro che a questo: era un giudizio tecnico! :occasion14:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Maggio, 13, 2008, 12:13
Ma guarda che c'è differenza tra il dramma e il melodramma. Dramma in greco è azione, Melodramma come dice la parola è azione musicata: tu hai riempito la tua requisitoria sulla "sicurezza" di anafore e della miglior retorica nazional-popolare, e l'anafora,la ripetizione, è musicale, è ritornello, è il gingle che ti entra in testa!
Non ti devi offendere, il Talla è un profondo conoscitore della tradizione teatrale seicentesca, e si riferiva nient'altro che a questo: era un giudizio tecnico! :occasion14:
Wow quanto ci hai messo a pensare a tutto questo ?  :happy2:

E definizione di Arrogante ?  :D
Non sono le due parole che infastidiscono ma il concetto!

Se prima dici che sono delle scuse, io ti motivo il perchè non sono scuse, e poi quando ti do le motivazioni, diventa il topic melodrammatico e sono anche arrogante ? bha.. lasciamo stare.

Cmq l'articolo sul messag. fa una panoramica globale su quello che sta diventando l'italia.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Maggio, 13, 2008, 12:18
Arrogante! colui che arroga, porta a sè! Se Napoleone, arrogandosi la corona imperiale nel 1800 è arrogante, tutti vogliamo essere arroganti! e in tempi di rivoluzione, solo una palla di cannone porta al posto giusto i giusti e precipita i troni usurpati al popolo! Go Max go!! sei tu il nostro condottiero, sceso con un piaggio dal cielo!!  :D
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: imperatore82 - Maggio, 13, 2008, 12:24
io direi che servono più controlli da parte delle Forze dell'ordine
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Maggio, 13, 2008, 12:30
sceso con un piaggio dal cielo!!  :D

Se dicevi come un fulmine era piu accattivante...
io direi che servono più controlli da parte delle Forze dell'ordine

No le forze dell'ordine ci sono, è il dopo che non funziona!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Maggio, 13, 2008, 12:30
ora care testine a rondella vi racconto la mia esperienza con i Vigilantes.
Stamattina ero a fare una Rx del torace all'ospedale, quando il tecnico si accorge, guardando la mia impegnativa, che mi avevano fatto pagare una radiografia in piu'. Quindi mi ha suggerito di tornare allo sportello per farmi restituire il maltolto, consigliandomi (per non farmi rifare la fila) di andare allo sportello 1, quello degli anziani oltre i 70anni, delle donne gravide e degli invalidi civili.
Oh, se l'ho fatta la fila!
Eppure quando ero a un passo dalla cassa, gli anziani mi si sono fatti attorno chiedendomi perchè fossi lì, guardando con rabbia e digrignando le dentiere nel contemplare la mia schiena dritta e i miei capelli ancora lì.
Non è compito di chi è alla cassa controllare che i criteri siano rispettati, perchè in questo paese sono tutti ufficiali civili: vigilantes!
ebbene, mentre questa marmaglia di cariatidi mi si faceva incontro con l'occhio omicida, ho avuto un moto di stizza, con fare perentorio mi sono piantato tra la cassa e i maramaldi, tuonando: "EBBENE? è COSì STRANO CHE IO SIA RIMASTA INCINTA A 70 ANNI??".
e ho vinto.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Maligno - Maggio, 13, 2008, 13:36
Sul paragone Roma-Napoli... ma va'!!! :D
Intendi sporcizia per le strade ??
Sinceramente " non credo prorpio " ci sono dei giorni in cui capita di vedere davanti ai secchioni pile di immondizia, ma il giorno dopo sparisce tutto.
Una cosa che la gente si deve ficcare nella testa è FARE LA RACCOLTA DIFFERENZIATA!

Ora ri vogliono mettere i secchietti misti negli appartamente e levare quelli per le strade, questo sistema lo stanno per provare qui alla maiana.
Cosi si è obbligati anche a fare la rac dif. visto che chi verrà a prelevare la spazzatura sarà anche autorizzato a multare chi non rispetterà le norme dei secchietti, ( saranno 3 secchietti " Trasparenti " per carta - plastica - e robba ognanica )
Boh, stando a quello che dicevano alcune persone con cui ho parlato Roma sembra molto in degrado, è sempre più sporca e tra qualche anno potrebbe diventare una seconda Napoli se non si inverte la rotta. In effetti la sensazione che ci ha fatto quando ci siamo stati non è delle migliori, specialmente la zona del Colosseo la notte, davvero non un bel luogo. Non so più chi ascoltare! :icon_scratch:

Il problema non e' soltanto questo, il problema e' avere un governo che crei le condizioni adatte perche' gli stranieri possano lavorare. In altre parole, se vieni qui e avere la cittadinanza e' un casino bestiale, poi chiaro che non riesci a lavorare (o che ti mettono al lavoro in nero, o peggio finisci nel giro della criminalita').

Non esistono solo le categorie di chi vuole lavorare e chi non vuole, esiste anche la categoria di chi non puo' lavorare. E di sicuro politiche come quelle sventolate dal governo attuale (e in particolare dalla Lega) sono volte a rendere la vita piu' difficile agli immigrati, non piu' facile. Poi chi non vuole lavorare va trattato secondo legge, come vengono trattati gli Italiani che non vogliono lavorare, ma senza bisogno di operazioni barbare (deportazioni massiccie e indiscriminate, o il famoso "spariamo sulle barche").
Chiaro, andrebbero agevolati e andrebbe permesso loro di lavorare: ma io parlo proprio di chi viene qui con nessuna intenzione di rendersi utile. Secondo me bisognerebbe stabilire un tetto massimo di immigrati l'anno e mettere questi nelle giuste condizioni: chi però non si impegna, fuori.

Per Maligno: io non ho riportato quei dati per dire che 1/3 di immigrati sono pochi, ma per ribattere a Yoshi che diceva che la microcriminalità è oggi SOLO straniera. Mi quoto a tal proposito:

"Nessuno ha detto che 1/3 sia una cifra di poco contro, specialmente visto il numero degli immigrati rispetto agli italiani. Ho semplicemente citato il dato per dimostrare che quanto diceva Yoshi qualche pagina fa (ovvero "la microcriminalità è solo fatta da stranieri e clandestini") è semplicemente falso. E non è falso perchè lo sostengo io, o perchè lo dice il TG di rai due. E' falso perchè il dato è quello statistico ufficiale. Quindi, per quanto piaccia o meno dirlo, chi subisce un crimine/un furto/un sopruso, nel 70% dei casi lo subisce da un italiano, non da uno straniero. Al di là di quello che poi appare sui giornali, al di là di quello che appare in tv."
Ovviamente, il mio era solo un esempio non mi riferivo nè alla tua affermazione nè al dato in sè. Solo volevo evidenziare che al di là del dato, la percentuale è comunque altissima e indica che qualcosa che non va c'è. Con il tuo discorso concordo, la microcriminalità è sia italiana che clandestina, mi sembra indubbio, ma resta comunque allarmante la percentuale.

Quanto ad Alemanno, io non lo reggo, la sua campagna sulla sicurezza mi e' sembrata isterica e di sicuro non collima con i problemi che vedo io a Roma. Roma al momento e' un centro delle arti come nessun'altra citta' che io conosca, nemmeno Londra, succede TUTTO e succede GRATIS. Alemanno, notoriamente di una fazione che considera le arti "un passatempo per gli snob," mi aspetto che tagli le gambe a tutto questo in maniera drastica, purtroppo.

Boh, sul discorso dell'arte pienamente d'accordo, è un problema della destra pensare con l'uccello (o con lo stomaco, se preferisci) e considerare l'arte roba da vecchi professori.
Veltroni ha portato Elton John al Colosseo GRATIS, ti ricordo.
A prescindere dal discorso Alemanno-Rutelli, ma stiamo parlando della stessa destra e sinistra? A me sembra esattamente il contrario... Quello che ho sempre percepito io è l'esatto opposto, ovvero una sinistra che considera l'arte "un passatempo per gli snob"! E se davvero culture estreme come quella fascista o comunista hanno lasciato segni sulla destra e sulla sinistra moderate di oggi, mi sembra che sia evidente... Per non parlare della mentalità che si percepisce qui: la sinistra radicale è stata capace a Cagliari di interrompere con un corteo penoso uno spettacolo futurista al teatro comunale in quanto "futurista=fascista"! Ovviamente è un caso stupido e limitato, ma abbastanza esemplificativo..
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Maggio, 13, 2008, 16:22
Vabbeh ho capito e' diventato il topic delle confessioni melodrammatiche... poi sbalorditiva l'arroganza di credere che queste cose sono successe solo a voi, nemmeno un mese e mezzo fa a Londra ho fatto a pizze con tre che mi volevano derubare, una settimana fa ho sfiorato la rissa con una testa pelata del cazzo a Lancaster, la mia ragazza a Norwich e' tornata a casa nello stesso stato dell'amica tua dopo essere stata molestata... (tutte in inghilterra, zero a Roma, dove una sera che ho fatto il botto con l'auto sono venuti tre marocchini che mi hanno cambiato la gomma, ma guarda un po').

Eh ma la mia opinione non conta, io "non posso capire".

sì ma sei sulla difensiva da matti, cioè allora se sono storie "strappalacrime" come le descrivi sommariamente tu non valgono?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Maggio, 13, 2008, 16:47
sì ma sei sulla difensiva da matti, cioè allora se sono storie "strappalacrime" come le descrivi sommariamente tu non valgono?

Sulla difensiva io? :confused1:

E poi le mie storie le ho postate perche' mi e' stato detto che io a priori non posso capirne nulla di microcriminalita' non avendola toccata di persona (cosa falsa), mica per sostenere un punto di vista politico. Semmai chiedevo appunto che in un ragionamento politico si evitasse di fare discorsi che pigiano su tasti puramente emotivi, e immediatamente dopo mi e' stato sbolognato il solito catalogo di tragedie personali (che tra l'altro equivale a darmi del deficiente, perche' e' come dire che non so che effetto ha un'aggressione o una rapina).
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Maggio, 13, 2008, 17:00
Sulla difensiva io? :confused1:
 immediatamente dopo mi e' stato sbolognato il solito catalogo di tragedie personali (che tra l'altro equivale a darmi del deficiente, perche' e' come dire che non so che effetto ha un'aggressione o una rapina).

Ma i post della gente li leggi ?

1) QUELLE postate erano MOTIVAZIONI della tua precedente affermazione!
Altrimenti non mi passava per l'anticamera del cervello di scrivere senza motivo le mie esperienze personali!

2) Se per te equivale o no a sentirti deficente è un TUO problema nessuno ha dato del deficente a nessuno, come ho gia detto prima " se le cose te le vuoi girare come ti pare è un altro discorso! "

3) La tua affermazione è stata  " Mah, a me sembra semplicemente che tu voglia credere queste cose senza doverti prendere la briga di pensarci ("ammetto che e' sbagliato pero' lo penso lo stesso"... BOH!!!), e adduci il tuo stato emotivo semplicemente come scusa per non doverle difendere. Poi fai te, ognuno pensi come gli pare. "

Che fai,te puoi mettere Indubbio quello che le persone dicono e io non posso mettere Indubbio che te non capisci le MIE situazioni ???
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Maggio, 13, 2008, 18:32
comunque, della serie oltre la microcriminalità, cosa mi dà veramente fastidio è la MALEDUCAZIONE. Oggi non ne ho vista una scena, ma TRE, una per mezzo pubblico che ho preso.

1) treno chiavari-genova: rumeno senza biglietto, sgamato, ha gridato per tutto il tempo contro il controllore, glie ne ha dette di tutti i colori e lo minacciava, stavano per fermare il treno.

2) autobus a genova: nordafricano che si fuma in allegria la sigaretta in faccia alla gente (e non era poca). una signora gli dice qualcosa che non sento e la risposta è: "fatti i cazzi tuoi, puttana di merda".

3) treno al ritorno: altro senza biglietto, marocchino direi, che stavolta non urla e strepita ma affronta il controllore, forte di non avere documenti e quindi niente multa, avrebbe solo dovuto scendere appena possibile. Alla fine rinuncia, e pensa bene di riempire di sputi tutta la carrozza, poi è andato in bagno, non mi stupirebbe avesse continuato lì con le sue simpatiche iniziative.

Tutte oggi, manco a farlo apposta. Un'altra cosa, sicuramente meno grave ma altrettanto fastidiosa, su alcuni treni regionali senza scompartimenti, cellulari e radioline a tutto volume.
Ste cose non sono certo degli omicidi, ma fanno davvero incazzare.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Maggio, 13, 2008, 20:23
comunque, della serie oltre la microcriminalità, cosa mi dà veramente fastidio è la MALEDUCAZIONE. Oggi non ne ho vista una scena, ma TRE, una per mezzo pubblico che ho preso.

1) treno chiavari-genova: rumeno senza biglietto, sgamato, ha gridato per tutto il tempo contro il controllore, glie ne ha dette di tutti i colori e lo minacciava, stavano per fermare il treno.

2) autobus a genova: nordafricano che si fuma in allegria la sigaretta in faccia alla gente (e non era poca). una signora gli dice qualcosa che non sento e la risposta è: "fatti i cazzi tuoi, puttana di merda".

3) treno al ritorno: altro senza biglietto, marocchino direi, che stavolta non urla e strepita ma affronta il controllore, forte di non avere documenti e quindi niente multa, avrebbe solo dovuto scendere appena possibile. Alla fine rinuncia, e pensa bene di riempire di sputi tutta la carrozza, poi è andato in bagno, non mi stupirebbe avesse continuato lì con le sue simpatiche iniziative.

Tutte oggi, manco a farlo apposta. Un'altra cosa, sicuramente meno grave ma altrettanto fastidiosa, su alcuni treni regionali senza scompartimenti, cellulari e radioline a tutto volume.
Ste cose non sono certo degli omicidi, ma fanno davvero incazzare.

Se ti capita prova a prendere l'espresso agrigento-milano di domenica, ti assicuro che potrai compilare un'enciclopedia dell'orrido con le nefandezze dei viaggiatori italiani, altro che zingari.
Spazio alle news: stupendo, i camorristi ora si mettono a vigilare sui piccirilli e a fare tiri incendiari sui campi nomadi. Finalmente abbiamo trovato il modo per rendere presentabile anche la merda, e pensare che quando ho visto Summer of Sam di Spike Lee ho pensato che fosse un prodotto di fantasia.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Maggio, 13, 2008, 20:28
io direi di non parlare mai più di politica perchè si sà dalla politica nascono tanti litigi

io direi che devi farti gli affari tuoi, che dici?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Maggio, 13, 2008, 20:32
Ma i post della gente li leggi ?

1) QUELLE postate erano MOTIVAZIONI della tua precedente affermazione!
Altrimenti non mi passava per l'anticamera del cervello di scrivere senza motivo le mie esperienze personali!

2) Se per te equivale o no a sentirti deficente è un TUO problema nessuno ha dato del deficente a nessuno, come ho gia detto prima " se le cose te le vuoi girare come ti pare è un altro discorso! "

3) La tua affermazione è stata  " Mah, a me sembra semplicemente che tu voglia credere queste cose senza doverti prendere la briga di pensarci ("ammetto che e' sbagliato pero' lo penso lo stesso"... BOH!!!), e adduci il tuo stato emotivo semplicemente come scusa per non doverle difendere. Poi fai te, ognuno pensi come gli pare. "

Che fai,te puoi mettere Indubbio quello che le persone dicono e io non posso mettere Indubbio che te non capisci le MIE situazioni ???

Certo che hai veramente una coda di paglia Max. :confused2:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gigrobo d'acciaio - Maggio, 13, 2008, 20:34
Vabbè, yosho, ti rispondo, va'.

eh sì l'ha fatto per il bene dell'arte ahahaha.
Ma non l'ha fatto nemmeno unicamente per prendere voti.
Ne avrebbe presi molti di più se avesse triplicato la polizia o banditi i clandestini dal GRA.
Ma invece ha pensato di fare un concerto gratuito.
Poi ha fatto mostre su mostre al Vittoriano.

La tua stessa risata sul fatto che un politico possa volere il bene dell'arte, conferma ancora di più quelle idee che tu sostieni essere luoghi comuni.
Mi spiace darti quell'impressione, io ti assicuro che sono una persona che non generalizza mai, e soprattutto che odia tutti i dogmatismi, di ogni tipo.
Lungi da me dividere il mondo in colti intellettuali di sinistra e ignoranti caproni di destra, ma il pensiero di Alemanno sull'arte come divertimento per snob citato dal talla è vero, e lo dimostra anche l'attacco alla teca dell'Ara Pacis...
Quello per me è ragionare con l'uccello.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Maggio, 13, 2008, 20:39
Alemanno per me è un Savonarola con gli occhi porcini. Voglio vedere come una personalità simile andrà a genio ai Romani, che fin dal 200 a.c. sono un popolo di porcelloni col palato fino.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: John Silver - Maggio, 13, 2008, 20:40
A prescindere dal discorso Alemanno-Rutelli, ma stiamo parlando della stessa destra e sinistra? A me sembra esattamente il contrario... Quello che ho sempre percepito io è l'esatto opposto, ovvero una sinistra che considera l'arte "un passatempo per gli snob"! E se davvero culture estreme come quella fascista o comunista hanno lasciato segni sulla destra e sulla sinistra moderate di oggi, mi sembra che sia evidente... Per non parlare della mentalità che si percepisce qui: la sinistra radicale è stata capace a Cagliari di interrompere con un corteo penoso uno spettacolo futurista al teatro comunale in quanto "futurista=fascista"! Ovviamente è un caso stupido e limitato, ma abbastanza esemplificativo..

Al di la' di stereotipi vari, questo e' un discorso piu' complesso e interessante di quanto non sembri... adesso devo uscire ma domani intendo ritornarci.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Yoshi - Maggio, 13, 2008, 21:31
Se ti capita prova a prendere l'espresso agrigento-milano di domenica, ti assicuro che potrai compilare un'enciclopedia dell'orrido con le nefandezze dei viaggiatori italiani, altro che zingari.

ma io non lo so, allora si vede che quelli del sud fanno così, non lo so perchè non mi è mai capitato.
Qui in liguria (e penso in TANTI posti) succedono certe cose SOLO con gli extracomunitari.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Maggio, 13, 2008, 22:39
Beh, passando spesso da Genova non posso darti torto (almeno, io).. la cosa piu' divertente che mi è capitata è quando stavo andando a viareggio con una mia ex fidanzata che si riempiva di svastiche e ogni tanto vaneggiava di spazio vitale e cazzate simili, una zingara passa per fare la questua, io declino gentilmente, questa carica le fauci per minacciarci di scaracchio, la mia ex si alza e le agita i pugni in faccia, segue caos.
Anche diversi miei amici che tifano Genoa e hanno la maglietta degli arditi del popolo si incazzano a morte con i marocchini- sarà così da voi, comunque qua a Milano non ho visto molti episodi del genere, ma è ugualmente impressionante vedere un filippino con pesante accento meneghino.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Maggio, 14, 2008, 08:27
Certo che hai veramente una coda di paglia Max. :confused2:
MA ti piace Provocare o seplicementi scrivi tanto perchè non hai nulla da fare ?  :icon_scratch:

Se te SCRIVI COSi :   :evil5:
mi e' stato detto che io a priori non posso capirne
mi e' stato sbolognato il solito catalogo di tragedie personali
E nel post prima stavi parlando proprio con me, dire " hai la coda di paglia "  la trovo solo una provocazione Infantile!  :D



E Ti ripeto:
mi e' stato sbolognato il solito catalogo di tragedie personali
QUELLE postate erano MOTIVAZIONI della tua precedente affermazione!
Altrimenti non mi passava per l'anticamera del cervello di scrivere senza motivo le mie esperienze personali!


(che tra l'altro equivale a darmi del deficiente, perche' e' come dire che non so che effetto ha un'aggressione o una rapina).
Se per te equivale o no a sentirti deficente è un TUO problema nessuno ha dato del deficente a nessuno, come ho gia detto prima " se le cose te le vuoi girare come ti pare è un altro discorso! "


mi e' stato detto che io a priori non posso capirne nulla

La tua affermazione è stata  " Mah, a me sembra semplicemente che tu voglia credere queste cose senza doverti prendere la briga di pensarci ("ammetto che e' sbagliato pero' lo penso lo stesso"... BOH!!!), e adduci il tuo stato emotivo semplicemente come scusa per non doverle difendere. Poi fai te, ognuno pensi come gli pare. "
Che fai,te puoi mettere Indubbio quello che le persone dicono e io non posso mettere Indubbio che te non capisci le MIE situazioni ???









Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Maggio, 14, 2008, 11:43
Sono daccordo con Max, io non vivo a Roma, ma nella mia città ( Brescia) è impossibile uscire la sera, persino in macchina, ti sfondano il finestrino e ti minacciano con un coltello.
Pensa che alcuni amici che abitavano in centro e che mai  e sottolineo mai fino a qualche anno fa avrebbero voluto cambiare zona, ne tanto meno vivere in un paesino, hanno dovuto arrendersi e traslocare . La situazione è davvero allarmante e mi fa davvero paura.....i giovani non tollerano più tutto questo....cosa ci aspetta?

Gabry, ti faccio notare una cosa: Brescia è la prima città d'Italia per immigrazione clandestina (32 clandestini x 1000 abitanti) Roma è 49esima (!!!!) e sotto la media nazionale: 10 clandestini x 1000 abitanti (media nazionale 11 su mille). Questo per dire che:
a- Brescia è governata dalla destra da non so quanto tempo: cambia qualcosa? essenzialmente NO. Ci sono strumenti per allontanare questi immigrati. Per esempio l'arresto dopo l'ingiunzione della prefettura. Lo fanno? NO. questo perchè? perchè forse le imprese del nordest chiamano molta immigrazione e usano molto lavoro nero? può essere. e se è così: quale parte politica alimenta questi interessi? cacciare gli immigrati clandestini senza punire chi continua a chiamarli? (e questa l'ha riconosciuta anche il presidente della confindustria veneto.)
b- gli immigrati vanno dove c'è ricchezza: a Roma sono cornuti e mazziati? io mi toglierei almeno la nomea di cornuto ridimensionando il problema alle sue reali dimensioni.

E provo disgusto per gli sviluppi che stanno succedendo: a Napoli si pensa ai pogrom: il passo da oppressi a oppressori è veramente corto, vero? Stesso discorso per Livorno e Novara, per dire che la barbarie non ha colore.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Gabry - Maggio, 14, 2008, 12:03
Gabry, ti faccio notare una cosa: Brescia è la prima città d'Italia per immigrazione clandestina (32 clandestini x 1000 abitanti) Roma è 49esima (!!!!) e sotto la media nazionale: 10 clandestini x 1000 abitanti (media nazionale 11 su mille). Questo per dire che:
a- Brescia è governata dalla destra da non so quanto tempo: cambia qualcosa? essenzialmente NO. Ci sono strumenti per allontanare questi immigrati. Per esempio l'arresto dopo l'ingiunzione della prefettura. Lo fanno? NO. questo perchè? perchè forse le imprese del nordest chiamano molta immigrazione e usano molto lavoro nero? può essere. e se è così: quale parte politica alimenta questi interessi? cacciare gli immigrati clandestini senza punire chi continua a chiamarli? (e questa l'ha riconosciuta anche il presidente della confindustria veneto.)
b- gli immigrati vanno dove c'è ricchezza: a Roma sono cornuti e mazziati? io mi toglierei almeno la nomea di cornuto ridimensionando il problema alle sue reali dimensioni.

E provo disgusto per gli sviluppi che stanno succedendo: a Napoli si pensa ai pogrom: il passo da oppressi a oppressori è veramente corto, vero? Stesso discorso per Livorno e Novara, per dire che la barbarie non ha colore.

Ti posso anche dar ragione, ma allora cos'è che manca? Le leggi? Qualcuno che le faccia rispettare da ambo le parti? E' tutto un sistema e alla fine non si capisce perchè le cose debbano andare così. Non sai quanto mi da fastidio quando sento discorsi " razzisti", vorrei non esistessero, ma va talmente male che la gente non ne può più. :hello:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Maggio, 14, 2008, 12:07
A Napoli si pensa ai pogrom: il passo da oppressi a oppressori è veramente corto, vero? Stesso discorso per Livorno e Novara, per dire che la barbarie non ha colore.

Come dicevo.. la tolleranza sta finendo.. e questo porta allo schifo di ieri...

MA la cosa grave è che la mag. parte delle persone dice : " Hanno fatto bene " ecc..

LA domanda che mi viene è  :

Italia    Un popolo di Razzisti ?  O un popolo che ha paura e si difende come puòperchè stufa  ?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Maggio, 14, 2008, 12:08
secondo me in un paese che ne ha 70'000 è difficile che manchino leggi; secondo me mancano:
1- le carceri
2- una morale comune e individuale. Io odio queste ronde, queste delazioni: la virtu' è individuale, la legge ha i suoi tutori; questi probi cittadini al posto che fare i delatori si preoccupino della loro condotta individuale e al posto di far fare la figura dei cretini ai poliziotti li sostengano con donazioni private e con sostegno morale. Quando mai c'è stata giustizia, quando i popoli si sono fatti giustizia da soli? (pensate solo ai massacri del settembre del 1792: hanno distrutto la rivoluzione francese a solo un anno dalla costituzione- e anche chi ha tentato di cavalcare la tigre, Danton e Robespierre, ne è stato annientato)
3- bisogna che anche le prescrizioni tornino a 12 anni, e i tempi dei processi si accorcino. sappiamo chi ha lavorato di piu' in questo senso, no?

Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Maggio, 14, 2008, 12:12
Come dicevo.. la tolleranza sta finendo.. e questo porta allo schifo di ieri...

MA la cosa grave è che la mag. parte delle persone dice : " Hanno fatto bene " ecc..

LA domanda che mi viene è  :

Italia    Un popolo di Razzisti ?  O un popolo che ha paura e si difende come puòperchè stufa  ?

Oppure un popolo che sta diventando isterico e sposta i problemi sugli altri? in altri termini:
I PROBLEMI DI NAPOLI SONO GLI ZINGARI?
il sud d'italia non ha UN CAZZO! non c'è lavoro, non c'è legge, e NON CI SONO NEANCHE GLI IMMIGRATI! e hanno mandato al governo chi vuole togliere i fondi perequativi!! questa è la cosa piu' comica!

ah un'altra cosa: Italia un POPOLO? per favore!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Maggio, 14, 2008, 12:17
Oppure un popolo che sta diventando isterico e sposta i problemi sugli altri? in altri termini:
I PROBLEMI DI NAPOLI SONO GLI ZINGARI?
il sud d'italia non ha UN CAZZO! non c'è lavoro, non c'è legge, e NON CI SONO NEANCHE GLI IMMIGRATI! e hanno mandato al governo chi vuole togliere i fondi perequativi!! questa è la cosa piu' comica!
ah un'altra cosa: Italia un POPOLO? per favore!

Quindi dici ormai basta un nulla per potersi sfogare in altri modi ?

Se fosse veramente cosi la cosa è molto triste.. e cos apiu importante " Pericolosa "

Ma allor.. perche il sud ha votato quelli che ha votato ? da cosa è stato spinto ? ( sono solo domande per capire, non domande provocatorie )
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Maggio, 14, 2008, 12:39
non lo so, sto cercando di capire da un po' di tempo ma ho ricevuto risposte assolutamente stupide. Ad esempio c'è chi dice che il sud non voglia piu' elemosine dal nord, che sono in grado di fare da sè: 1- se sono in grado di fare da sè con i soldi che gli arrivano fanno piu' veloce: se ne hanno la volontà non cambia nulla se hanno aiuti o no; anche il nord è stato aiutato a crescere nell'800. 2- non si sputa nel piatto dove si è mangiato.
Questa è la tipica risposta di un meridionale trapiantato al nord.

Non capisco. Ci sarà da mangiare fino al 2013, data in cui smetterà di arrivare la valanga di soldi dei fondi strutturali nella UE. dopo al sud cosa contano di fare? Perchè se nel frattempo tolgono i fondi perequativi, le disparità tra le regioni aumenteranno. Certo le grandi opere: ci mangeranno in tanti. e poi?
Per esempio, queste jaqueries, che fanno a napoli contro gli inceneritori, contro gli zingari, perchè non iniziano a farle contro i CAMORRISTI?
è una bella domanda, vero? se hanno i coglioni di prendersela con la polizia e con gli immigrati, avranno le palle anche di uccidere chi li sottopone alle angherie da 50 anni. O NO?

A me viene difficile da parlare di popolo italiano perchè le cose che lo cementano stanno andando a pezzi. Il sud statalista, il nord federalista..questa non è l'Italia che mi piace. L'Italia che mi piace, è quella che dopo la guerra ha risollevato la testa e ha mostrato al mondo cos'era capace di fare, l'Italia del nord che ha dato un tetto agli italiani del sud che le hanno dato lavoro, la Milano che ha accolto tutti, rigida e inflessibile, affaccendata, ma anche giusta e umana, l'Italia di Mattei che ha dato condizioni giuste per i paesi poveri con cui ha lavorato, al di  là della convenienza, sfidando i signori del petrolio delle sette sorelle, l'Italia che ha sempre rifiutato le delazioni per le leggi razziali e ha protetto i suoi figli anche quando chi comandava li chiamava ebrei e non italiani. Ecco, sono di nuovo finito nel melodramma...odo le note di un mandolino 'nto còre!!
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Claire Redfield - Maggio, 14, 2008, 12:42
Gabry, ti faccio notare una cosa: Brescia è la prima città d'Italia per immigrazione clandestina (32 clandestini x 1000 abitanti) Roma è 49esima (!!!!) e sotto la media nazionale: 10 clandestini x 1000 abitanti (media nazionale 11 su mille). Questo per dire che:
a- Brescia è governata dalla destra da non so quanto tempo: cambia qualcosa? essenzialmente NO. Ci sono strumenti per allontanare questi immigrati. Per esempio l'arresto dopo l'ingiunzione della prefettura. Lo fanno? NO. questo perchè? perchè forse le imprese del nordest chiamano molta immigrazione e usano molto lavoro nero? può essere. e se è così: quale parte politica alimenta questi interessi? cacciare gli immigrati clandestini senza punire chi continua a chiamarli? (e questa l'ha riconosciuta anche il presidente della confindustria veneto.)
b- gli immigrati vanno dove c'è ricchezza: a Roma sono cornuti e mazziati? io mi toglierei almeno la nomea di cornuto ridimensionando il problema alle sue reali dimensioni.

E provo disgusto per gli sviluppi che stanno succedendo: a Napoli si pensa ai pogrom: il passo da oppressi a oppressori è veramente corto, vero? Stesso discorso per Livorno e Novara, per dire che la barbarie non ha colore.
Credo proprio che il cittadino onesto che non può uscire di casa (o meglio può ma esponendosi a situazioni sgradevoli che fino magari a 10 anni fa non c'erano o c'erano molto meno) e si senta rispondere come hai fatto tu (cioé in gran parte la solita retorica) si ritrovi ancora più esasperato e irritato di prima  :)
Cioé il discorso che fai che è scandaloso che polizia e carabinieri non riescano a tenere sotto controllo una città piccola come Brescia è sacrosanto e lo condivido in pieno. Ma le varie considerazioni pseudofroidiane (tipo lo sfogarsi in altri modi) le trovo incogruenti ed inconcludenti: di certo una famiglia media, con uno stipendio medio che trasloca non penso sti sfogando un bel niente e le trovo anche un modo surrettizio per spostare il problema incentrandolo sulle vittime mentre andrebbe focalizzato su chi delinque.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Maggio, 14, 2008, 12:56
Credo proprio che il cittadino onesto che non può uscire di casa (o meglio può ma esponendosi a situazioni sgradevoli che fino magari a 10 anni fa non c'erano o c'erano molto meno) e si senta rispondere come hai fatto tu (cioé in gran parte la solita retorica) si ritrovi ancora più esasperato e irritato di prima  :)
Cioé il discorso che fai che è scandaloso che polizia e carabinieri non riescano a tenere sotto controllo una città piccola come Brescia è sacrosanto e lo condivido in pieno. Ma le varie considerazioni pseudofroidiane (tipo lo sfogarsi in altri modi) le trovo incogruenti ed inconcludenti: di certo una famiglia media, con uno stipendio medio che trasloca non penso sti sfogando un bel niente e le trovo anche un modo surrettizio per spostare il problema incentrandolo sulle vittime mentre andrebbe focalizzato su chi delinque.


Ah si? bene, allora spiegami cosa direbbe freud di quello che sta succedendo a napoli: molotov contro un campo nomadi, un nomade accoltellato mentre andava in bicicletta, nomadi sorvegliati dalla polizia per proteggerli dalla popolazione che agita bastoni.
Ovviamente tenendo conto che Freud è morto in esilio per sfuggire alle "vittime" dell'inflazione postbellica.
La legge è certa, le manifestazioni popolari invece sono merda, e sono dannose sia per la legge che per il popolo stesso. La storia mi da ragione: questa non è retorica, ma dialettica.
Inoltre non ho affatto detto che sia scandaloso che i poliziotti non riescano a tenere una città: dico solo che il law and order non serve a un cavolo; per dirla tutta è inutile scagliarsi contro la microcriminalità se poi ogni giorno ne arrivano altri che lavorano in nero per le imprese del bresciano. Questi sono dati di fatto riconosciuti anche dalla confindustria e da questa combattuti. Se qua vogliamo la botte piena e l'oste ubriaco, almeno noi ne traiamo qualche vantaggio, voi del centro sud che vantaggio ne traete?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Maggio, 14, 2008, 13:01
Stavo pensando ad una cosa..
La destra ha fatto una campagna incentrata molto sul madiamo via gli " extracomunitari nullafacenti.. "

Ora.. Per la  maggioranza delle persone "sicurezza" vuol dire: "lotta alla microcriminalità" quoindi espellere gli immigrati clandestini e togliere i campi nomadi.

Ma sicurezza non dovreb essere anche, far sparire la Camorra e la Mafia?

Visto che ormai i media giornali ecc avevano concentrato questa idea  " sicurezza " = Mandar via zingari nomadi extracomunitari ecc " 
Perchè io cittadino che voto ( convinto ormai di cosa voglia fire " sicurezza " ) devo votare Veltroni se su questo tema insegue timidamente Berlusconi?

Perchè devo votare Rutelli quando sono sicuro che Alemanno " ci penserà laui "?

Se la sicurezza dovreb essere coesione sociale... coesione tra Nord e Sud non esiste..  quindi in italia la "sicurezza " è pari a 0  Giusto ? :icon_scratch: ? 
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Celebandùne - Maggio, 14, 2008, 13:07
non lo so, sto cercando di capire da un po' di tempo ma ho ricevuto risposte assolutamente stupide. Ad esempio c'è chi dice che il sud non voglia piu' elemosine dal nord, che sono in grado di fare da sè: 1- se sono in grado di fare da sè con i soldi che gli arrivano fanno piu' veloce: se ne hanno la volontà non cambia nulla se hanno aiuti o no; anche il nord è stato aiutato a crescere nell'800. 2- non si sputa nel piatto dove si è mangiato.
Questa è la tipica risposta di un meridionale trapiantato al nord.

Non capisco. Ci sarà da mangiare fino al 2013, data in cui smetterà di arrivare la valanga di soldi dei fondi strutturali nella UE. dopo al sud cosa contano di fare? Perchè se nel frattempo tolgono i fondi perequativi, le disparità tra le regioni aumenteranno. Certo le grandi opere: ci mangeranno in tanti. e poi?

Tu se parli di Sud intendi la Campania? Perchè sembra di si. Allora usa Campania, sono diverse lettere in più, ma, non arrabbiarti, c'è Sud e Sud. La Basilicata è ricca sfondata; ha i più grandi giacimenti petroliferi d'Italia e (mi sa, non ne son certo) anche dell'Europa CONTINENTALE. Qui, teoricamente, i soldi non mancano, facciamo pagare royalites alle ditte petrolifere (anche se cmq la benzina la paghiamo uguale -_-"), e di queste potremmo campare per decenni, da quello che ho sentito.
Certo, una volta finiti i fondi UE si stringono un pò i lacci delle cinture, ma si va avanti, qui si guarda al futuro, abbiamo acqua, abbiamo la possibilità di campare su energia naturale (impianti eolici, che purtroppo non vengono sfruttati a fondo) ... In Potenza (hehe, non so chi capisce :D ) la Basilicata può campare.

Per farti capire che non tutto il Sud è Sud uguale.

Citazione
Per esempio, queste jaqueries, che fanno a napoli contro gli inceneritori, contro gli zingari, perchè non iniziano a farle contro i CAMORRISTI?
è una bella domanda, vero? se hanno i coglioni di prendersela con la polizia e con gli immigrati, avranno le palle anche di uccidere chi li sottopone alle angherie da 50 anni. O NO?

A me viene difficile da parlare di popolo italiano perchè le cose che lo cementano stanno andando a pezzi. Il sud statalista, il nord federalista..questa non è l'Italia che mi piace. L'Italia che mi piace, è quella che dopo la guerra ha risollevato la testa e ha mostrato al mondo cos'era capace di fare, l'Italia del nord che ha dato un tetto agli italiani del sud che le hanno dato lavoro, la Milano che ha accolto tutti, rigida e inflessibile, affaccendata, ma anche giusta e umana, l'Italia di Mattei che ha dato condizioni giuste per i paesi poveri con cui ha lavorato, al di  là della convenienza, sfidando i signori del petrolio delle sette sorelle, l'Italia che ha sempre rifiutato le delazioni per le leggi razziali e ha protetto i suoi figli anche quando chi comandava li chiamava ebrei e non italiani. Ecco, sono di nuovo finito nel melodramma...odo le note di un mandolino 'nto còre!!

L'Italia di una volta veniva spinta da un sentore comune; ormai l'unico sentore è il proprio arricchimento, a pochi importa "i rifiuti in Campania" a pochi importa "la scarsità idrica in Puglia"...tutto ciò che conta è il dio denaro...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Maggio, 14, 2008, 13:19
Stavo pensando ad una cosa..
La destra ha fatto una campagna incentrata molto sul madiamo via gli " extracomunitari nullafacenti.. "

Ora.. Per la  maggioranza delle persone "sicurezza" vuol dire: "lotta alla microcriminalità" quoindi espellere gli immigrati clandestini e togliere i campi nomadi.

Ma sicurezza non dovreb essere anche, far sparire la Camorra e la Mafia?

Visto che ormai i media giornali ecc avevano concentrato questa idea  " sicurezza " = Mandar via zingari nomadi extracomunitari ecc " 
Perchè io cittadino che voto ( convinto ormai di cosa voglia fire " sicurezza " ) devo votare Veltroni se su questo tema insegue timidamente Berlusconi?

Perchè devo votare Rutelli quando sono sicuro che Alemanno " ci penserà laui "?

Se la sicurezza è coesione sociale in italia non c'è sicurezza perchè non c'è coesione tra Nord e Sud o sbaglio ?  ( se sto dicendo cazzate ditemelo.. )


Questi sono slogan: gli immigrati clandestini non sono per forza criminali, magari questa è retorica di sinistra ma è vero. La Bossi-Fini per esempio ha messo in regola 150'000 immigrati clandestini , ne ha lasciati fuori 600'000. Eppure sono collaboratrici domestiche, badanti, operai delle aziende del nord. Producono ricchezza e ci aiutano. Se sbattiamo fuori gli immigrati clandestini sbattiamo fuori anche questi, sono clandestini.
Quindi mi chiedo Claire, dove sia la retorica: il popolo affranto che fa da sè con coraggio(dove ne ha, il caso della camorra è un esempio: perchè non prendersela con loro?) per proteggere le nostre creaturine innocenti, oppure se è in chi cerca di andare oltre alla problematica acuta e cercare di pensare anche alle cause (lavoro nero?) ma proponendo anche di lavorare anche in ugual modo sul problema acuto (carceri)? io non punto sui sentimenti di nessuno, non cerco nessun consenso lacrimevole. Ripeto: questa non è TECNICAMENTE retorica.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Maggio, 14, 2008, 13:23
Tu se parli di Sud intendi la Campania? Perchè sembra di si. Allora usa Campania, sono diverse lettere in più, ma, non arrabbiarti, c'è Sud e Sud. La Basilicata è ricca sfondata; ha i più grandi giacimenti petroliferi d'Italia e (mi sa, non ne son certo) anche dell'Europa CONTINENTALE. Qui, teoricamente, i soldi non mancano, facciamo pagare royalites alle ditte petrolifere (anche se cmq la benzina la paghiamo uguale -_-"), e di queste potremmo campare per decenni, da quello che ho sentito.
Certo, una volta finiti i fondi UE si stringono un pò i lacci delle cinture, ma si va avanti, qui si guarda al futuro, abbiamo acqua, abbiamo la possibilità di campare su energia naturale (impianti eolici, che purtroppo non vengono sfruttati a fondo) ... In Potenza (hehe, non so chi capisce :D ) la Basilicata può campare.

Per farti capire che non tutto il Sud è Sud uguale.

Beh non posso non darti ragione, io a dire il vero non pensavo alla campania ma alla Sicilia che ha proposto il mpa, e essendo anche io in parte del sud (mezzo sardo e mezzo maremmano) so che in molte regioni si stanno muovendo delle ottime cose e ce la possono fare. Ma mi chiedo, quanto di questo è mosso dai fondi perequativi e quanto invece nasce dalle ricchezze naturali? senza dubbio i soldi che arrivano dalla ue e dalle regioni piu' ricche d'Italia produce delle distorsioni, anche in Basilicata. Tolti questi soldi, cosa succederà?
Ovvio che il sud non è tutto uguale, ci mancherebbe. Ma nelle regioni piu' esulcerate, parti della Calabria, parti della Campania, la provincia di Taranto, parti della Sicilia (ho usato "parti" perchè comunque non si può dire che vada ovunque tutto male, però in alcune zone la situazione è drammatica) si marcia male.
E ripeto, questa storia che il nord fa elemosina è di una tristezza allucinante. La maremma era poverissima: la volontà dei suoi abitanti l'ha trasformata radicalmente, grazie alla riforma agraria e agli aiuti di stato: oggi la maremma è benestante, nonostante non ci siano piu' le miniere. Forse è questione di come sono fatte le persone e della cultura.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Claire Redfield - Maggio, 14, 2008, 13:24
Ah si? bene, allora spiegami cosa direbbe freud di quello che sta succedendo a napoli: molotov contro un campo nomadi, un nomade accoltellato mentre andava in bicicletta, nomadi sorvegliati dalla polizia per proteggerli dalla popolazione che agita bastoni.
Ovviamente tenendo conto che Freud è morto in esilio per sfuggire alle "vittime" dell'inflazione postbellica.
La legge è certa, le manifestazioni popolari invece sono merda, e sono dannose sia per la legge che per il popolo stesso. La storia mi da ragione: questa non è retorica, ma dialettica.
Inoltre non ho affatto detto che sia scandaloso che i poliziotti non riescano a tenere una città: dico solo che il law and order non serve a un cavolo; per dirla tutta è inutile scagliarsi contro la microcriminalità se poi ogni giorno ne arrivano altri che lavorano in nero per le imprese del bresciano. Questi sono dati di fatto riconosciuti anche dalla confindustria e da questa combattuti. Se qua vogliamo la botte piena e l'oste ubriaco, almeno noi ne traiamo qualche vantaggio, voi del centro sud che vantaggio ne traete?
Sid mi sa che nella foga non hai capito che stavo ribattendo alla risposta che hai dato a Gabry che parlava di comunissimi cittadini di Brescia che non hanno reagito rispondendo con violenza ma traslocando. Magari rifletti un secondo prima di scrivere  :D
Che il law and order non va non c'è mica bisogno che venga a scriverlo tu. E' ovvio. Le mie critiche alle tesi froidiane era nei discorsi paternalistici che se i cittadini si lamentano (lamentano e basta no che vanno a fare i giustizieri della notte) della scarsa sicurezza è per proprie insoddisfazioni. Per me è una sciocchezza. Poi mi chiedo: anche ammesso questo fa venir meno il problema? In altre parole: secondo te il problema sicurezza c'è o è il frutto dell'immaginazione di un popolo paranoico? Perché su questo non sei chiaro.
Tornando al law and order: è vergognoso e schifoso. Ma pensi veramente che i teppisti che hanno fatto quelle cose a Napoli siano persone normali e pacifiche improvvisamente impazzite per l'ondata antiextracomunitari? Non è che magari sono facinorosi balordi, già organizzati in bande, che cercano solo una scusa per ammazzre e picchiare oggi il tifoso di una squadra opposta, domani un rom, dopodomani un drogato italiano...? Quindi non è gente che "vuole scagliarsi contro la microminalità" come affermi tu ma microcriminalità a loro volta!

P.S. ah, per me è scandaloso che la polizia non riesca a controllare una città piccola come Brescia...
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Maggio, 14, 2008, 13:48
Una cosa Claire, secondo te in tutta Italia è la stessa cosa? ho fornito dei dati precisi che dimostrano che non è così. Non si può fare la media del pollo tra roma e brescia. Sono due realtà diverse: non sindaco affatto sulle lamentele di un bresciano, perchè so benissimo com'è la notte anche solo davanti alla stazione di brescia e c'è davvero da aver paura. Quello che dico è che al sud si sta creando un allarmismo troppo forte. Lì di immigrati ce ne sono pochi: eppure molti iniziano a sentire il panico come se avessero la stessa situazione di qua al nord; non è così, dico questo.
A napoli pensi che siano stati camorristi? è vero, lo penso anche io. ma la jaquerie era composta di gente normalissima, anche vecchi e donne, guarda le foto per credere. è questo che mi spaventa, quando le persone normali si mettono in testa di farsi giustizia da sola: a Verona chi fa le ronde sono persone normalissime, ovvio, non si spingono alla violenza, hanno solo cicalini ma il passo è corto: a La Spezia l'altro giorno un cittadino passandosi per uno della ronda ha minacciato un barbone calabrese con un bastone chiodato e ha voluto farsi dare i documenti. Questo è ancora piu' pericoloso, non trovi? e le persone normali stanno esplodendo, per isteria, per fobia.
Ripeto: a napoli i problemi sono gli zingari? se hanno la volontà di linciare gli zingari perchè non fanno lo stesso con i camorristi? freud non c'entra niente, e la storia, ti ricordo, mi da ragione: pensa in francia, quando le persone si sono messe in testa che per sconfiggere gli austriaci e i prussiano avrebbero dovuto ammazzare i carcerati..l'hanno fatto. l'eutanasia che ha annunciato lo sterminio. Le torture ai bambini zingari strappati dalle famiglie in svizzera, nella civilissima svizzera. Questa è realtà: se non si mette freno all'isteria, non oso pensare cosa può succedere.
Intanto sotto al fascismo queste cose non succedevano..per una volta lo dice un antifascista.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Claire Redfield - Maggio, 14, 2008, 13:52
Sono d'accordo che l'isteria è pericolosa ma secondo me può porci rimedio solo lo Stato. 
Il cittadino si sente abbandonato (e a mio parere in larga parte è vero) e solo lo Stato può farlo sentire meno abbandanato :dontknow:
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Celebandùne - Maggio, 14, 2008, 13:59
Beh non posso non darti ragione, io a dire il vero non pensavo alla campania ma alla Sicilia che ha proposto il mpa, e essendo anche io in parte del sud (mezzo sardo e mezzo maremmano) so che in molte regioni si stanno muovendo delle ottime cose e ce la possono fare. Ma mi chiedo, quanto di questo è mosso dai fondi perequativi e quanto invece nasce dalle ricchezze naturali?

Se vuoi una stima, potrei dirti 70-30, ma la certezza di questi numeri è pari a 0 (zero). Non lo so e non credo qualcuno lo voglia dire, se si chiede ti daranno un numero assoluto, se chiedi un rapporto non te ne danno. POi, boh, forse è ignoranza mia; non so quante royalties la mia regione (e regioni simili alla mia) prendono per i prodotti che esporta e quante di queste royalities non viene usata se non per arricchire le teste d'uovo alla regione.

Citazione

senza dubbio i soldi che arrivano dalla ue e dalle regioni piu' ricche d'Italia produce delle distorsioni, anche in Basilicata. Tolti questi soldi, cosa succederà?

Temo che da queste parti si sentirà di meno che in altre, ma lo scopriremo presto, no?
Previsioni? Meno opere pubbliche, meno posti di lavoro, meno manutenzione, meno servizi offerti al cittadino. Tutto male per noi. Fortuna che da qui si sta tranquilli.

Citazione
Ovvio che il sud non è tutto uguale, ci mancherebbe. Ma nelle regioni piu' esulcerate, parti della Calabria, parti della Campania, la provincia di Taranto, parti della Sicilia (ho usato "parti" perchè comunque non si può dire che vada ovunque tutto male, però in alcune zone la situazione è drammatica) si marcia male.
E ripeto, questa storia che il nord fa elemosina è di una tristezza allucinante. La maremma era poverissima: la volontà dei suoi abitanti l'ha trasformata radicalmente, grazie alla riforma agraria e agli aiuti di stato: oggi la maremma è benestante, nonostante non ci siano piu' le miniere. Forse è questione di come sono fatte le persone e della cultura.

Il perno sta qui; la gente deve voler cambiare le cose; qui aria di cambiamento c'è, ci stanno zone dove non c'è. Al momento, per farti un esempio edile, la mia città è un cantiere. Ogni quartiere ha due o tre progetti medio/grandi all'attivo, siano nuovi uffici, nuove case, sempre troppo poco verde (ma almeno c'è!), nuovi collegamenti stradali... da sto punto di vista qualcosa si muove! Tra l'altro, scavando per un nuovo ponte, hanno trovato dei resti romani di una casa, se fanno le cose come si deve e magari scoprono qualcosa di interessante, si fa un doppio guadagno.
Non sarà molto, non influirà molto sulla mentalità, ma almeno qualcosa si fa. Si è in movimento. Si è in espansione. Da come verrà fatta l'espansione si vedrà se porterà squallore o benessere. Ma intanto qualcosa si fa.

PS. Sardegna la consideri sud? A me sa più di centro, la posizione geografica è allineata col Lazio, o mi prendo un granchio?
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Maggio, 14, 2008, 14:21
Beh la sardegna e la sicilia sono isole..non sono sud, però in pratica per alcune problematiche sono assimilabili!
La tua stima sulla Basilicata (70-30) mi sembra che sia verosimile, combacia con il dato economico. Penso che dalla politica federale nasceranno piu' disparità che altro, in campo "pubblico"..soprattutto in regioni che al contrario della Basilicata hanno problemi che non sono di semplice sottosviluppo: per esempio la basilicata e il molise sono piu' "povere" per natura rispetto alla sicilia o alla campania, ma con la forza di volontà ce la fanno. In sicilia e in campania anche se c'è forza di volontà ci si deve misurare con la corruzione, la mafia. Questi non sono problemi di poco conto.


Per Claire: sono perfettamente d'accordo con te, se ne deve occupare lo stato. Ma come? introducendo il reato di immigrazione clandestina? non credo che sia anche lontanamente una soluzione buona per il problema, proprio perchè non attua il discrimine tra chi delinque e chi lavora. Molti lavoratori sono clandestini, per esempio. Inoltre i "rumeni" e i "rom" della romania, non sono clandestini.
Oggi un rumeno su repubblica tv diceva che l'Italia è considerata un paradiso penale, nel senso che è difficile finire in galera. Diceva che avremmo dovuto avere leggi piu' severe per punire chi delinque e dare la sicurezza della galera per i delinquenti. Mi sembra una cosa molto sensata: si dovrebbe lavorare su questo, senza paventare rimpatri di massa e soluzioni che colpiscono trasversalmente tutta l'immigrazione.

Un'esperienza personale: nel mio paese d'origine, Massa Marittima, la popolazione anziana è altissima. Per questo sono arrivate tantissime badanti dell'est, e anche molti rumeni. Però malgrado sarebbe facile per questi rubare in casa degli anziani non lo fanno. Lavorano e sono bene accetti. Eppure mia nonna ha paura di questi rumeni, gli stessi che curano le sue vicine di casa... è questa l'isteria di cui parlo.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Maggio, 14, 2008, 14:27
Un'esperienza personale: nel mio paese d'origine, Massa Marittima, la popolazione anziana è altissima. Per questo sono arrivate tantissime badanti dell'est, e anche molti rumeni. Però malgrado sarebbe facile per questi rubare in casa degli anziani non lo fanno. Lavorano e sono bene accetti. Eppure mia nonna ha paura di questi rumeni, gli stessi che curano le sue vicine di casa... è questa l'isteria di cui parlo.
B'è rimangono con gli anziani come badanti per avere  vitto, alloggio, soldi  sempre e comunque  :) rubare sareb controproducente, spèecialmente in un paese o in una cittadina dov eil passaparola è velocissimo  :)
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Maggio, 14, 2008, 14:30
Si assolutamente! eppure mia nonna guarda il tg e ha paura lo stesso..non è razionale..però è così.

"Intanto nel quartiere Ponticelli, alla periferia di Napoli, è tornata la calma dopo che altri due campi di accoglienza erano stati incendiati da abitanti della zona. Gli incidenti erano scoppiati dopo il tentativo di rapimento di una neonata da parte di una giovane nomade. Gli abitanti della zona avevano preso d'assalto e dato alle fiamme anche l'edificio di una vecchia struttura sanitaria, da anni abbandonata e utilizzata dai rom. Stamane un centinaio di nomadi, che si erano concentrati nel campo di via Malibran, sono stati trasferiti e accompagnati in una destinazione per il momento sconosciuta, scortati dalle forze dell'ordine."

questo da repubblica.it

e alemanno ha dichiarato che se lo stato non da sicurezza il "cittadino è costretto a farsi giustizia da sè"..questa è giustizia??? io mi metto le mani nei capelli.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Claire Redfield - Maggio, 14, 2008, 14:33
Per Claire: sono perfettamente d'accordo con te, se ne deve occupare lo stato. Ma come? introducendo il reato di immigrazione clandestina? non credo che sia anche lontanamente una soluzione buona per il problema, proprio perchè non attua il discrimine tra chi delinque e chi lavora. Molti lavoratori sono clandestini, per esempio. Inoltre i "rumeni" e i "rom" Adella romania, non sono clandestini.
Oggi un rumeno su repubblica tv diceva che l'Italia è considerata un paradiso penale, nel senso che è difficile finire in galera. Diceva che avremmo dovuto avere leggi piu' severe per punire chi delinque e dare la sicurezza della galera per i delinquenti. Mi sembra una cosa molto sensata: si dovrebbe lavorare su questo, senza paventare rimpatri di massa e soluzioni che colpiscono trasversalmente tutta l'immigrazione.
Si, la riforma penale urge. Ma non introdurrei reati nuovi, nè aggraverei quelli esistenti (se non in rari casi) ma applicherei per una buona volta quelli esistenti con pene certe, insomma la nostra tutela penale è virtuale e per niente effettiva e i delinquenti lo sanno.
A livello concreto purtroppo noi andiamo avanti con una burocrazia da Stato-apparato napoleonico...Se vedeste come sono organizzate le cancellerie dei tribunali vi verrebbe da piangere.
Poi altro problema è la delirante interdipendenza tra polizia e carabinieri: ai primi compete la pubbica sicurezza ai secondi la repressione dei reati e tra loro non cooperano.
Poi non si capisce questure, Sindaco e Prefetto bene che rapporti e che poteri abbiano tra loro, anche perché tenete bene a mente che l'Italia è il Paese dello scaricabarile.
Perciò il legislatore deve riformare e razionalizzare ma deve pure trovare il modo che tutta la catena funzioni (insomma che tutti lavorino!!).
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Sidvicious85 - Maggio, 14, 2008, 14:46
Si, la riforma penale urge. Ma non introdurrei reati nuovi, nè aggraverei quelli esistenti (se non in rari casi) ma applicherei per una buona volta quelli esistenti con pene certe, insomma la nostra tutela penale è virtuale e per niente effettiva e i delinquenti lo sanno.
A livello concreto purtroppo noi andiamo avanti con una burocrazia da Stato-apparato napoleonico...Se vedeste come sono organizzate le cancellerie dei tribunali vi verrebbe da piangere.
Poi altro problema è la delirante interdipendenza tra polizia e carabinieri: ai primi compete la pubbica sicurezza ai secondi la repressione dei reati e tra loro non cooperano.
Poi non si capisce questure, Sindaco e Prefetto bene che rapporti e che poteri abbiano tra loro, anche perché tenete bene a mente che l'Italia è il Paese dello scaricabarile.
Perciò il legislatore deve riformare e razionalizzare ma deve pure trovare il modo che tutta la catena funzioni (insomma che tutti lavorino!!).

è anche questo quello che intendevo io con "una nuova morale". Insomma un'etica pubblica che tenga legati i 3 poteri a un bene superiore, il bene dello stato, e che lavorino in sinergia. Effettivamente non servono leggi piu' severe. Serve che vengano applicate..e questo dipende anche da chi lavora nel pubblico, o vuole farlo, come me.
Titolo: Re: Il topic della politica
Inserito da: Max n°1 - Maggio, 14, 2008, 14:50
Domanda solo per curiosità :) .. 

Allora norme giuridiche ok..  ma.. non è che non arrestiamo emigrati clandestini  Rom zingari e compag bella, anche per un fatto economico ? ( Allo stato costa troppo tenere gente in galera quindi la tiene fuori con scuse come " reato minore " ecc..

Per quanto riguarda la paura di tua Nonna sid, secondo me è giustificata.
Se