Autore Topic: Il topic della politica  (Letto 588187 volte)

0 Utenti e 2 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline Nintendosa

  • WARIO
  • *
  • Post: 1994
  • Sesso: Femmina
Re: Il topic della politica
« Risposta #120 il: Febbraio, 07, 2008, 15:54 »
P.S. mia nonna ha 82 anni, ha vissuto anche lei la dittatura e manderebbe al rogo tutti i nostri politici  :D
Prendo spunto da questa frase di Claire solo per illustrarvi in quale provincia abito, Latina.
Per chi non lo sapesse Latina è stata fondata circa 75 anni fà proprio da Mussolini che fece una grande opera di bonifica delle terre pontine e da qui la nascita anche di piccoli centri come Sabaudia ad esempio.
Da questo punto di vista ammiro la grandissima idea di Mussolini nel ridare vita ad una e vera palude e se penso che 75 anni questa zona era un acquitrino rimango meravigliata per l'enorme lavoro svolto da migliaia di famiglie (per lo più venete) che sono state anche ricompensate. Infatti i nonni paterni e materni del mio ragazzo hanno avuto come "regalo" per l'opera svolta 2 poderi dell'ormai ex ONC (Opera Nazional Combattenti).

Tutto questo per dirvi che se passate per la piazza centrale di Latina sentite ancora i vecchietti dire "Eh ai tempi di Mussolini sì che si stava bene non adesso...", vi sono molti uomini che hanno ricevuto, in segno di ringraziamento, da parte dei loro genitori, il nome Benito o Romano (tra l'altro credo che chi chiamasse così i propri figli Mussolini desse dei soldi) e posso assicurarvi che qui ci sono molti ragazzi che hanno come hanno come tatuaggio il famossimo dittatore (per non parlarvi del mio datore di lavoro che nella sua stanza in bella vista un calendario di Mussolini ed una sua effige di bronzo! :confused1:)

Qui è praticamente idolatrato semplicemente per la bonifica (ripeto opera meravigliosa e maestosa) benchè in moltissime famiglie hanno vissuto al limite della decenza e della dignità personale (troppe volte il nonno paterno del mio ragazzo, comunista convinto e dichiarato, ha dovuto bere l'olio di ricino e per sostenere l'Italia ha dovuto donare le fedi nuziali). :angry7:

Chiusa piccola parentesi storica.  :)

Offline Maligno

  • Moderator
  • MIKE BONGIORNO
  • ****
  • Post: 11776
  • Sesso: Maschio
  • Ser Jaime Lannister
Re: Il topic della politica
« Risposta #121 il: Febbraio, 07, 2008, 16:16 »
Be, mi sembra indubbio che il fascismo, per quanto (tanto) male abbia fatto all'Italia, non era solo olio di ricino e camicie nere: non è tutto oro quel che luccica così come non è tutta fece ciò che puzza (che perla di saggezza :D). Alla fine discorsi come quello dei nonni passati attraverso la dittatura non hanno senso, perchè le opinioni sono le più disparate a seconda del luogo e dell'effetto prodotto dal regime. Però mi posso dire perfettamente d'accordo sul discorso fatto da John, è praticamente quello che penso io detto molto meglio. Io penso che se si fa un paragone tra come si vive oggi e come si viveva 50, 100 anni fa la differenza sia abissale e che da sempre sia un corso un continuo, enorme miglioramento: è vero che l'Italia soffre di molti e gravi problemi (non solo nell'ambito politico), ma penso anche che a volte guardare il tutto con meno disprezzo e un pizzico in più di ottimismo faccia bene non solo alla salute, ma proprio a ciò che tanto viene criticato. Rispetto a praticamente ogni altra epoca storica, possiamo dirci veramente fortunati.

Poi l'egoismo umano non potrà essere mai debellato del tutto a causa della natura stessa dell'uomo, ma con un pò più di fiducia e tanta pazienza matureremo. E magari chi studierà fra qualche secolo i giorni nostri attraverso i libri di storia proverà lo stesso disgusto che proviamo noi leggendo dei regimi del Novecento.


Quando hai una cosa, questa può esserti tolta. Quando tu la dai, l'hai data. Nessun ladro te la può rubare. E allora è tua per sempre.      James Joyce

Tutti gli imbecilli borghesi che pronunciano, continuamente le parole "immoralità, moralità dell'arte"
...mi fanno venire in mente Louise Villedieu, prostituta da cinque franchi, che accompagnandomi una volta al Louvre domandava, dinanzi a quelle statue e a quei quadri immortali, come si potevano esporre pubblicamente simili indecenze. Baudelaire



Offline Gigrobo d'acciaio

  • Super Moderatore
  • SCILIPOTI
  • *****
  • Post: 16812
  • Sesso: Maschio
  • La drupacea luce nelle tenebre del cesso
    • http://www.drupacei.too.it
Re: Il topic della politica
« Risposta #122 il: Febbraio, 07, 2008, 16:44 »
Eh giaggià, che gran belle cose che ha fatto mussolini.
Le bonifiche, l'EUR....

Ma vi prego!
Vi prego!
Sono cose che sarebbero state fatte comunque, mentre ci sono mlioni di cose che nessun altro avrebbe fatto.
Una casa a Latina vale un ebreo italiano in un campo di concentramento?
Vale Balilla, retorica neoromana, inquadramento, squadrismo, saluto romano, leggi razziali, soppressione e repressione dei dissidenti e della libertà di parola e di stampa?
Vale Gramsci, vale Matteotti, vale la campagna di Russia, vale l'entrata in guerra, vale Salò, vale le fosse ardeatine?
Chi cita i "benefici" di Mussolini, pur ammettendone le pecche, non fa altro che dare benzina al fuoco revisionista.
Evitate certe uscite che sono di pessimo, pessimo gusto, nel rispetto di ragazzi della mia e della tua età, Malo, che presero i fucili e andarono in montagna a morire contro i "bonificatori".


E a chi crede nella capacità urbanistica di Mussolini, leggetevi "Mussolini urbanista" di Antonio Cederna, un magnifico ritratto degli sfaceli mussoliniani nell'"abbellimento" di Roma.
Studiate, va': dal Colosseo ridotto a spartitraffico a quell'abominio chic di Via Della Conciliazione, chi conosce un po' Roma (è la mia seconda città, in pratica) capirà cosa intendo quando mi riferisco a un intero borgo medievale spazzato via per costruire un vialone scenografico per San Pietro realizzando rovinando completamente le idee di Bernini.
Per non parlare di milioni di altre follie, come chiese del seicento abbattute per far posto a viali o altre amenità.

Il Foro Italico è ancora lì a conferma di quegli anni.



Ero in Finlandia. Trovate parte delle mie avventure su
http://olenitalialainen.wordpress.com/

epaejaerjestelmaellistyttaemaettoemyydellaensaekaeaen

Homo homini lupus, foemina foeminae lupior, sacerdos sacerdoti lupissimus

Offline Nintendosa

  • WARIO
  • *
  • Post: 1994
  • Sesso: Femmina
Re: Il topic della politica
« Risposta #123 il: Febbraio, 07, 2008, 17:22 »
Eh giaggià, che gran belle cose che ha fatto mussolini.
Le bonifiche, l'EUR....

Ma vi prego!
Vi prego!
Sono cose che sarebbero state fatte comunque, mentre ci sono mlioni di cose che nessun altro avrebbe fatto.
Una casa a Latina vale un ebreo italiano in un campo di concentramento?
Vale Balilla, retorica neoromana, inquadramento, squadrismo, saluto romano, leggi razziali, soppressione e repressione dei dissidenti e della libertà di parola e di stampa?
Vale Gramsci, vale Matteotti, vale la campagna di Russia, vale l'entrata in guerra, vale Salò, vale le fosse ardeatine?
Chi cita i "benefici" di Mussolini, pur ammettendone le pecche, non fa altro che dare benzina al fuoco revisionista.
Evitate certe uscite che sono di pessimo, pessimo gusto, nel rispetto di ragazzi della mia e della tua età, Malo, che presero i fucili e andarono in montagna a morire contro i "bonificatori".


E a chi crede nella capacità urbanistica di Mussolini, leggetevi "Mussolini urbanista" di Antonio Cederna, un magnifico ritratto degli sfaceli mussoliniani nell'"abbellimento" di Roma.
Studiate, va': dal Colosseo ridotto a spartitraffico a quell'abominio chic di Via Della Conciliazione, chi conosce un po' Roma (è la mia seconda città, in pratica) capirà cosa intendo quando mi riferisco a un intero borgo medievale spazzato via per costruire un vialone scenografico per San Pietro realizzando rovinando completamente le idee di Bernini.
Per non parlare di milioni di altre follie, come chiese del seicento abbattute per far posto a viali o altre amenità.

Il Foro Italico è ancora lì a conferma di quegli anni.
Premetto che non voglio fare alcuna polemica, però Gig vorrei farti una semplicissima domanda:
C'è per te una e dico una figura politica che ha fatto solo ed esclusivamente del bene e non ha danneggiato nessuno o cose?

Indubbiamente tu sei molto più acculturato di me in materia storica non lo metto in dubbio, ma quando dici certe cose e soprattutto nel tono in cui le dici (anche se non dirette a me nello specifico) mi fai sentire una persona ignorante, che non capisce un c***o e quasi che tu volessi imporre il tuo pensiero sugli altri, mi dispiace dirlo ma è quello che penso. :)

Io sono la prima a dispiacermi nel vedere degli scempi a Roma che è anche la mia città; ma allora perchè non provi tu a fare un bel progetto urbanistico per la capitale atto a mantenere possibilmente intatti tutti i suoi monumenti millenari e centenari e nel contempo a gestire ormai 5-6 milioni di abitanti! Credi che riusciresti nel tuo intento senza penalizzare nessuno o qualcosa? :)
« Ultima modifica: Febbraio, 07, 2008, 17:29 da Nintendosa »

Offline John Silver

  • SERGENTE HARTMAN
  • ******
  • Post: 6552
Re: Il topic della politica
« Risposta #124 il: Febbraio, 07, 2008, 17:49 »
Non c'è niente da fare. Noi italiani quando prendiamo i calci in bocca non solo non reagiamo ma ringraziamo pure.

Claire, non so piu' che dirti, io in italia mi trovo bene, ho avuto una vita facendo bene o male quel che mi pare. Se veramente stai venendo sottoposta a tanti abusi, come ho detto la soluzione c'e': fai le valigie e alza i tacchi.

Citazione
Quanto all'esempio della Cina, ribadisco: noi possiamo lamentarci del nostro Paese ma a parte questo c'è rimasto ben poco.

Scusa, ma cos'e' esattamente che vuoi fare e che ti impediscono? Vuoi votare? E vai. Vuoi organizzare una manifestazione? Metti insieme la gente e vai, l'hai anche fatto se non sbaglio. Vuoi andare a dire in faccia a un politico che e' uno stronzo? Vai, puoi fare anche questo e nessuno puo' arrestarti. ( ). Vuoi organizzare un partito? Metti insieme le firme e vai. Vuoi pubblicare un libro che dica come stanno i fatti? Paga i costi di stampa e poi distribuiscilo. Vuoi farti una canna? Persino questo puoi farlo senza problemi. Vuoi che l'intero comune di roma si metta in moto e faccia cio' che desideri tu per farti contenta, oppure vuoi sparare in faccia a un politico e poi bruciare le auto per strada?... beh, questo effettivamente non e' possibile.

Sul paragone con la Cina e' meglio se lasci perdere, se dai un assaggio alla vita che conduce un prigioniero politico laggiu' o se ricevi un paio di frustate sulla schiena, mi sa che cambi idea. Ci sara' pure rimasto poco a parte lamentarci del nostro paese, ma di sicuro di questo diritto ne usufruite alla grande.
« Ultima modifica: Febbraio, 07, 2008, 18:00 da John Silver »

Offline John Silver

  • SERGENTE HARTMAN
  • ******
  • Post: 6552
Re: Il topic della politica
« Risposta #125 il: Febbraio, 07, 2008, 17:54 »
Tutto questo per dirvi che se passate per la piazza centrale di Latina sentite ancora i vecchietti dire "Eh ai tempi di Mussolini sì che si stava bene non adesso..."

Guarda, sono discorsi normali, e' un atteggiamento che esiste dalla notte dei tempi dire "eh, quanto si stava bene all'epoca." L'opera omerica e' costruita sulla nozione di un'eta' d'oro dell'umanita', il cristianesimo e' basato sull'idea della perdita del giardino, la cultura europea sta sempre a fare paragoni con l'epoca classica, ci sono vecchietti che vivevano sotto Stalin e hanno nostalgia, ecc. ecc. (vedasi a tal proposito il bel saggio di Carlyle "Segni dei tempi", e' anche abbastanza breve).

In generale questi discorsi non mi preoccupano. La cosa malata e' che qua in Italia li sento in bocca a ragazzi di vent'anni.  :bs:

Offline Nintendosa

  • WARIO
  • *
  • Post: 1994
  • Sesso: Femmina
Re: Il topic della politica
« Risposta #126 il: Febbraio, 07, 2008, 18:48 »
Guarda, sono discorsi normali, e' un atteggiamento che esiste dalla notte dei tempi dire "eh, quanto si stava bene all'epoca."
Questo lo so ed infatti dato che si stava parlando di dittatura ho solo riportato la piccola realtà in cui vivo, ovvero persone che tuttora rimpiangono il fascimo e che hanno trovato qualcosa di buono in esso, anche se è stato quel che è stato. Poi da qui a dire "bella roba il fascismo", "ma vi prego, una casa a Latina vale quanto un ebreo italiano in un campo di concentramento" sinceramente mi vengono i nervi, anche per il modo in cui vengono dette, perchè se apprezzo un'opera fatta durante il periodo fascita ciò non significa che mi piace l'intero periodo storico con tutti gli annessi e connessi.
Che volete fare, sono una persona che cerca di trovare sempre qualcosa di bello anche in ciò che è negativo.
Spero di aver terminato la puntualizzazione su ciò che ho detto. :)
« Ultima modifica: Febbraio, 07, 2008, 18:58 da Nintendosa »

Offline Maligno

  • Moderator
  • MIKE BONGIORNO
  • ****
  • Post: 11776
  • Sesso: Maschio
  • Ser Jaime Lannister
Re: Il topic della politica
« Risposta #127 il: Febbraio, 07, 2008, 22:59 »
Eh giaggià, che gran belle cose che ha fatto mussolini.
Le bonifiche, l'EUR....

Ma vi prego!
Vi prego!
Sono cose che sarebbero state fatte comunque, mentre ci sono mlioni di cose che nessun altro avrebbe fatto.
Una casa a Latina vale un ebreo italiano in un campo di concentramento?
Vale Balilla, retorica neoromana, inquadramento, squadrismo, saluto romano, leggi razziali, soppressione e repressione dei dissidenti e della libertà di parola e di stampa?
Vale Gramsci, vale Matteotti, vale la campagna di Russia, vale l'entrata in guerra, vale Salò, vale le fosse ardeatine?
Chi cita i "benefici" di Mussolini, pur ammettendone le pecche, non fa altro che dare benzina al fuoco revisionista.
Evitate certe uscite che sono di pessimo, pessimo gusto, nel rispetto di ragazzi della mia e della tua età, Malo, che presero i fucili e andarono in montagna a morire contro i "bonificatori".
Posso essere in disaccordo? Sembra quasi che abbia in qualche modo giustificato o sostenuto Mussolini... Mai detto questo, ti chiedo anche se puoi di evidenziarmi il passaggio incriminato che reputi così di pessimo gusto, Gig... Magari mi sono espresso male. Quello che volevo dire è che non esistono il bene e il male assoluto e mi sembra un pò un pregiudizio vedere Mussolini come il male più nero, giudicandolo solo in base al (tanto) male che ha fatto. Nel complesso per carità, lungi da me stimarlo come personaggio o come politico (d'altra parte il clima di oppressione del suo regime è per me qualcosa di insostenibile e la sua decisione di portare l'Italia in guerra come minimo sconsiderata) ma non sarebbe giusta un'analisi su di lui se non si considerasse anche quel poco di buono che ha fatto. Che c'entra il paragone tra la casa di Latina e l'ebreo deportato? Non hanno nesso, la casa a Latina mica rende Mussolini un buon politico: non sarebbe giusto però non ammettere che qualcosa di buono c'è stato. Stalin, forse il personaggio storico che più disprezzo al pari con Hitler, ha aumentato di molto la produttività russa con il sistema dei gulag: ciò non lo rende di certo un personaggio positivo, ma non si può non rendergli merito della crescita economica del paese, sebbene questo non giustifichi minimamente i milioni di morti. Tutto qui, nessuno voleva mancare di rispetto a nessuno e idolatrare il personaggio più negativo della storia italiana.


Quando hai una cosa, questa può esserti tolta. Quando tu la dai, l'hai data. Nessun ladro te la può rubare. E allora è tua per sempre.      James Joyce

Tutti gli imbecilli borghesi che pronunciano, continuamente le parole "immoralità, moralità dell'arte"
...mi fanno venire in mente Louise Villedieu, prostituta da cinque franchi, che accompagnandomi una volta al Louvre domandava, dinanzi a quelle statue e a quei quadri immortali, come si potevano esporre pubblicamente simili indecenze. Baudelaire



Offline Joseph

  • Moderator
  • TONINO CAROTONE
  • ****
  • Post: 4404
  • Sesso: Maschio
  • Jesus doesn't want me for a sunbeam
Re: Il topic della politica
« Risposta #128 il: Febbraio, 08, 2008, 00:13 »
Stalin, forse il personaggio storico che più disprezzo al pari con Hitler, ha aumentato di molto la produttività russa con il sistema dei gulag: ciò non lo rende di certo un personaggio positivo, ma non si può non rendergli merito della crescita economica del paese, sebbene questo non giustifichi minimamente i milioni di morti.

certo, i piani quinquennali si sono dimostrati efficaci, la schiavitù, è efficace se ci pensi. La crescita economica c'è stata, poi ovviamente è stata distrutta dall'uccisione di milioni di contadini(perdita per la quale l'agricoltura ne risente ancora oggi, in russia).

Bah a me sembra assurdo dare meriti di tipo culturale e/o artistico a una dittatura(che per sua natura è SEMPRE sbagliata). L'arte va avanti da sola, le dittature al massimo possono sopprimerla.
"Il tragico della vita è che tutti hanno le loro ragioni"


Offline ElTigno

  • Moderator
  • PISTULINO INTURGIDITO
  • ****
  • Post: 6384
  • Sesso: Maschio
Re: Il topic della politica
« Risposta #129 il: Febbraio, 08, 2008, 01:04 »
Bah a me sembra assurdo dare meriti di tipo culturale e/o artistico a una dittatura(che per sua natura è SEMPRE sbagliata). L'arte va avanti da sola, le dittature al massimo possono sopprimerla.

Mi trovo daccordo, ma dipingere qualcosa come "male assoluto", anche quando ci si avvicina molto, mi puzza sempre. Alla fine il bilancio pende sempre da una parte, ma se per certi aspetti sono uscite cose buone non vedo perchè non citarle. Si fa lo stesso gioco dei fascisti che dicono "emmammussolini se non faceva l'errore di entrare in guerra stava tutto apposto, cioè", si guarda solo dove si vuole vedere. È mera questione di correttezza che non banalizza minimamente gli orrori.

C'è poi un altro aspetto, che non so quanto centri ma che credo sia interessante, ed è che a volte sembra quasi che personaggi come Hitler siano richiesti e forgiati dalla Storia stessa. Hitler è stato l'uomo giusto al momento giusto, è stata la catarsi di 1500 anni (e più, risalendo!) di guerre intra-europee, senza di lui non avremmo l'unione europea, dopo di lui non abbiamo avuto una sola guerra tra potenze che si scannavano regolarmente ogni vent'anni. Arrivo quasi a vedere Hitler come un ingranaggio di un meccanismo inesorabile, più che una creatura maligna che ha forgiato il male: sembra quasi a volte che la Germania era lì ad aspettarselo. Questo rivaluta il suo operato benignamente? No, assolutamente no! Questo gli toglie la responsabilità delle sue azioni? Neanche, però credo che la storia a volte abbia bisogno di distruttori.

Offline Dragha

  • Administrator
  • SINDACO DEL MONDO
  • ******
  • Post: 22973
  • Sesso: Maschio
  • Il primo amore, non si scorda mai...
    • Nintendo Club
    • E-mail
Re: Il topic della politica
« Risposta #130 il: Febbraio, 08, 2008, 01:27 »
Un grande amico (meridionale, fascista e tesserato) di mio padre (nordista, comunista e tesserato), 4 anni fa con AN al governo, andò alla sede di AN dove ha amici, chiedendo come muoversi per ricevere dei sostentamenti (giustissimi e dovuti) a causa di un ictus (o come si scrive); grossi ma mi e mo, ma poca sostanza. Essendo un ex-poliziotto, aveva conoscenze anche lì, ma non lo seppero indirizzare bene. Mio padre gli disse "Vai al patronato della CGIL", "No, da voi comunisti non ci vado"... Mio padre insistette e alla fine il suo amico ci andò, ora riceve la pensione! :dontknow:

Uno zio di mia madre, solo perchè non volle fare la tessera che Mussolini gli imponeva di fare, finii in un campo di concentramento (bella la democrazia di Mussolini), poi venne liberato dai partigiani!

Dulcis in fundo: utile rinverdire un angolo di Lazio, per radere al suolo l'Italia intera!
Nintendosa, dì col tuo datore di lavoro che non passi per Modena, potrebbe pentirsene. :D


Giochi attuali:
Switch: DOOM

La sola e unica...

...alabarda spaziale!
Non importa cosa scrivi, ma come lo scrivi...
Miglior Moderatore: 2008, 2009, 2010, 2011, 2012!

Offline Nintendosa

  • WARIO
  • *
  • Post: 1994
  • Sesso: Femmina
Re: Il topic della politica
« Risposta #131 il: Febbraio, 08, 2008, 10:45 »
Nintendosa, dì col tuo datore di lavoro che non passi per Modena, potrebbe pentirsene. :D
Ma guarda Dragha, se a Modena ci sia stato non lo so, però a Predappio ne ho la certezza! :D

Offline Shandon

  • Moderator
  • SCILIPOTI
  • ****
  • Post: 16620
  • Sesso: Maschio
  • Il demone meschino
    • NC
Re: Il topic della politica
« Risposta #132 il: Febbraio, 08, 2008, 14:29 »
Posso essere in disaccordo? Sembra quasi che abbia in qualche modo giustificato o sostenuto Mussolini... Mai detto questo, ti chiedo anche se puoi di evidenziarmi il passaggio incriminato che reputi così di pessimo gusto, Gig... Magari mi sono espresso male. Quello che volevo dire è che non esistono il bene e il male assoluto e mi sembra un pò un pregiudizio vedere Mussolini come il male più nero, giudicandolo solo in base al (tanto) male che ha fatto. Nel complesso per carità, lungi da me stimarlo come personaggio o come politico (d'altra parte il clima di oppressione del suo regime è per me qualcosa di insostenibile e la sua decisione di portare l'Italia in guerra come minimo sconsiderata) ma non sarebbe giusta un'analisi su di lui se non si considerasse anche quel poco di buono che ha fatto. Che c'entra il paragone tra la casa di Latina e l'ebreo deportato? Non hanno nesso, la casa a Latina mica rende Mussolini un buon politico: non sarebbe giusto però non ammettere che qualcosa di buono c'è stato. Stalin, forse il personaggio storico che più disprezzo al pari con Hitler, ha aumentato di molto la produttività russa con il sistema dei gulag: ciò non lo rende di certo un personaggio positivo, ma non si può non rendergli merito della crescita economica del paese, sebbene questo non giustifichi minimamente i milioni di morti. Tutto qui, nessuno voleva mancare di rispetto a nessuno e idolatrare il personaggio più negativo della storia italiana.

Secondo me è nella frase evidenziata il "problema". Ovvero, il "rendere merito" è una cosa che non ha assolutamente senso, neppure in una prospettiva di critica democratica come è quella attuale nostra. Questo perchè Mussolini, così come gli altri due o tre cervelloni citati, è un personaggio i cui errori sono stati tali da impedire un qualsiasi bilancio. Non si può dire "molto male, qualcosa bene", perchè come accennava emozionalmente il Gig ne viene fuori un'idea di "punteggio" che non è ammissibile in percorsi politici ove c'è stata la soppressione della libertà, la deportazione, l'omicidio di stato.
Stalin ha fatto circa 60 milioni di morti in URSS. Dopo una cosa simile, si può forse dire: "ma ha il merito dei piani quinquennali"? oppure "è stato bravo a costruire l'università di Mosca"?
60 milioni di morti annientano qualsiasi merito, così come lo annientano le leggi razziali. Che merito c'è nel far crescere l'industria(ho inoltre il sentore che si vagheggi circa i "piani quinquennali" e circa il "grande balzo" senza sapere le bestialità che si sono trascinati dietro questi provvedimenti) se la gente muore? A che serve il PIL se ne beneficiano solo i quadri del partito?

Con questo non è che voglia io mistificare la storia o fare l'oscurantista. Parliamo del fascimo tout court, parliamo dello stalinismo. Diciamo pure "Mussolini ha bonificato, ha fatto la battaglia del grano ecc.". Ma, per favore, evitiamo di dare giudizi di valore a singole cose, peraltro di importanza dozzinale, che semplicemente non hanno un senso in una visione aggregata del fenomeno "fascismo" o del fenomeno "stalinismo". Evitiamo di dire "La bonifica è stata la parte buona del fascismo", perchè non è possibile giudicare ed incasellare in simili logiche di merito e di demerito fenomeni di tale natura.


Offline Nintendosa

  • WARIO
  • *
  • Post: 1994
  • Sesso: Femmina
Re: Il topic della politica
« Risposta #133 il: Febbraio, 08, 2008, 16:03 »
Evitiamo di dire "La bonifica è stata la parte buona del fascismo", perchè non è possibile giudicare ed incasellare in simili logiche di merito e di demerito fenomeni di tale natura.
Allora dato che il tema della bonifica l'ho riportato io, cerco di dare l'ultima mia spiegazione perchè spero di non postare più in merito.
Ho mai detto che grazie alla bonifica Mussolini ha acquistato un minimo di punteggio a suo favore? Se ho detto una cosa del genere segnalatemi dove.

Mi dà l'impressione, nel mio caso specifico, che da un semplice riporto della storia della città in cui vivo (il mio discorso non è assolutamente di parte perchè sono romana e non ho alcun parente che abbia partecipato all'opera della bonifica) abbiate travisato in quello che hai detto tu Shandon, ovvero che la "bonifica è stata la parte buona del fascismo" e di conseguenza può essere in qualche modo giudicato positivo.
Voi altri avete capito questo, qui mi pare che nessuno (Malo ed io) abbia detto una cosa del genere!

Poi spiegatemi una cosa per favore, qui ci sono utenti molto ma molto acculturati che non fanno altro che citare tale autore, tale opera,ad affermare questo è giusto o questo è sbagliato ed io, che ho visitato qui da me un museo bellissimo sulla bonifica, ho riportato piccole storie di persone che hanno vissuto durante il fascismo (di cui anch'essi hanno fatto parte di un piccolissimo frammento di quel periodo storico e vi assicuro che se venite a Latina è ancora tangilbile il ricordo di quel periodo negli edifici e soprattutto nelle persone), mi azzardo a giudicare positiva la bonifica e devo leggere "evitate certe uscite che sono di pessimo, pessimo gusto" o "ma per favore, evitiamo di dare giudizi di valore a singole cose, peraltro di importanza dozzinale, che semplicemente non hanno un senso in una visione aggregata del fenomeno "fascismo" o del fenomeno "stalinismo".

Ripeto per l'ultima volta, qui nessuno ha detto che il fascismo è positivo o che
Mussolini è stato un brav'uomo , però non trovo corretto il tono ed il modo di alcuni vostri commenti, personalmente non mi sono mai permessa di togliere la parola a nessuno di voi, credo che qui ci sia ancora la libertà di dire ciò che si pensa senza offendere nessuno. :)
« Ultima modifica: Febbraio, 08, 2008, 16:12 da Nintendosa »

Offline Gigrobo d'acciaio

  • Super Moderatore
  • SCILIPOTI
  • *****
  • Post: 16812
  • Sesso: Maschio
  • La drupacea luce nelle tenebre del cesso
    • http://www.drupacei.too.it
Re: Il topic della politica
« Risposta #134 il: Febbraio, 08, 2008, 17:52 »
Rispondo separatamente a tutti voi.


Anzitutto a Nintendosa, a cui devo per forza delle scuse.
Non volevo essere totalitario, proprio perchè è il totalitarismo che stavo criticando...
Solo mi sono un po' lasciato prendere la mano dal mio antifascismo radicato, non volevo considerarti ignorante come io non volevo sembrare un professorone.
Non lo sei e non lo sono, hai tutto il diritto di esprimere il pensiero, così come ho tutto il diritto di criticarlo.
Alla fine è una questione formale, ho usato solo toni un po' forti. Chiedo ancora scusa se ti sei offesa.

Troppe volte però sento attacchi continui a partigiani e Resistenza (ultimo il PD che non basa il suo fondamento su di essa), portati da chi sembra ignorare lo sfacelo in cui il Paese era stato condotto da Mussolini...
Non è il tuo caso, non hai difeso la dittatura, ma hai fatto un discorso in cui hai lodato certe cose che ha fatto mussolini, obiettivamente condivisibili, come le bonifiche.
Ma siamo proprio sicuri che un qualunque altro politico non avrebbe potuto fare la stessa cosa?

Al di là di questo, la mia ira funesta fu causata soprattutto da Maligno, più che dalle tue parole.
Malo ha amplificato il giudizio di valore che era tra le righe del tuo post, predicando che "anche qualcosa di buono il fascismo l'ha fatto".
Per andare a cercare la democraticità assoluta, avete cercato di non vedere certe cose come il Male Assoluto, giustamente.
Però nella vostra buona fede vi siete avvicinati pericolosamente alle vuote argomentazioni dei neofascisti che ovunque sorgono come funghi.
Sono posizioni che, anche se dette innocentemente, come ho già detto, non fanno che alimentare il revisionismo, anche se sono CERTO che non era la vostra intenzione.

Ogni azione eventualmente buona di politica interna che possa aver fatto mussolini (posso citare anche la decisione di ideare la 500, anche se la cecità dei leccapiedi mussoliniani ne ha ritardato la produzione) però svanisce di fronte a tutto quello che ha fatto prima durante e dopo.
E' assurdo dare giudizi positivi a una parte tanto minuscola dell'operato di Mussolini, sostendendo che "pur tra tante nefandezze, qualcosa di buono è stato fatto".
E' come voler lodare la bontà di un cioccolatino in un lago di merda.
A che prezzo abbiamo dovuto pagare quelle bonifiche?
Le pompe idrauliche erano alimentate con il denaro proveniente dalle requisizioni a ogni dissidente, e come si può dire bene delle case di Latina donate al popolo se per averle l'unico modo era fare il saluto romano e avere la tessera del PNF?



Io fare un bel progetto urbanistico per una città in crescita senza rovinarne il decoro millenario?
Io non ci riuscirei, ma tanti che sono venuti dopo di lui sì.
Il problema era che Via Della COnciliazione non fu ideata per migliorare la vita dei Romani (anzi, gli abitanti del borgo medioevale vennero brutalmente sfrattati), ma solo per scimmiottare le capitali europee, per creare scenografie adatte a dare lustro alla capitale del nuovo Impero, mentre gli architetti si affrettavano a proporre idee ancora più assurde di quelle che la mente del Duce partoriva... Roma fu devastata non per aumentarne la viabilità ma per renderla più maestosa e pacchiana possibile, sullo stile delle scenografie berlinesi di Hitler.




X MALIGNO, Shandon ti ha risposto più che bene, esprimendo il mio pensiero.


X TiGNO: Sul primo aspetto, vedi sopra.
Sul seocndo aspetto hai pienamente ragione: è infatti dversissimo giudicare positivamente la figura dal giudicare positivamente la sua funzione di ingranaggio fondamentale dell'epoca moderna.



Ero in Finlandia. Trovate parte delle mie avventure su
http://olenitalialainen.wordpress.com/

epaejaerjestelmaellistyttaemaettoemyydellaensaekaeaen

Homo homini lupus, foemina foeminae lupior, sacerdos sacerdoti lupissimus

 

Privacy Policy