Pokemon Rubino Omega Zaffiro Alfa

Senza nome


Hoenn Confirmed




Ebbene sì, cari lettori, il famoso meme si è finalmente avverato. Tutti i fan del mondo Pokémon un po' più "anziani" hanno atteso questo momento da sempre, anche se i più iniziavano a preoccuparsi, considerando che Nintendo smentiva sempre ogni rumor.
Ma il 7 Maggio, come un fulmine a ciel sereno, arriva un breve teaser trailer che conferma l'uscita di Pokémon Rubino Omega e Zaffiro Alfa (in seguito li chiamerò ROZA, per abbreviare), remake in tre dimensioni degli omonimi classici per GBA, per Novembre dello stesso anno, e in comtemporanea in tutto il mondo (come è stato per X/Y)!
Chiudiamo ora questa brevissima introduzione e andiamo ora ad esaminare quello che conta davvero, il gioco.

It's good to be back



Essendo dei remake, ROZA fanno grande leva sul fattore "nostalgia", spesso con risultati a dir poco sorprendenti, partendo fin dal primissimo inizio con la famosa scena dell'arrivo ad Albanova dentro al camion dei traslochi.
Sebbene la storia rimanga sempre molto fedele ai giochi originali, con i due Team, Magma e Idro che si fronteggiano per ottenere il potere del Pokémon leggendario, molti particolari sono stati perfezionati.
Sono stati per esempio aggiunti nuovi dialoghi e delle cut-scene animate, rendendo la trama più accattivante anche a coloro che (come il sottoscritto) hanno macinato decine, anzi, centinaia di ore di gioco a Hoenn.
La ricostruzione in 3D della regione è stata compiuta a regola d'arte, moltissime location sono state riproposte così bene che sembrerà di esplorarle di nuovo per la prima volta anche per i più esperti.
La cura dei dettagli è quasi maniacale, a partire dai modelli poligonali dei personaggi più importanti fino ad arrivare allo stagno del Percorso 103 (che esattamente uguale a quello che si vede nella prima scena video iniziale).
Oltre ad un aggiornamento prettamente estetico, il gioco s'è svecchiato anche in altri aspetti, per esempio con l'introduzione di tanti nuovi NPC sparsi in tutta la regione per distribuire le nuove MT, nuovi strumenti per il Battling, Megapietre, Fiocchi ed altre chincaglierie.
Naturalmente anche il Pokédex si è rinnovato, oltre ad avere un'interfaccia che ricorda molto un GBA e ad una funzione molto simpatica per confrontare le grandezze di tutti i mostriciattoli tascabili con l'allenatore, ora sono stati aggiunti al Pokédex dei Pokémon nativi di Hoenn anche le evoluzioni e i baby-Pokémon che furono introdotti con la quarta generazione (qualche nome: Budew, Roserade, Ryperior, Froslass, Gallade).
Sono inoltre presenti anche tutte le features "touch-screen" introdotte con Pokémon X e Y, quali Poké Io&Te, Super Allenamento Virtuale e Player Search System (per tutte le funzionalità online), che sono rimaste esattamente identiche a come erano in precedenza.
Due parole sul sonoro: come per il comparto grafico, anche questo è definitivamente eccellente, tutte le vecchie tracce sono state riarrangiate e remixate perfettamente, mantenendo intatti lo spirito e le sensazioni dei giochi originali. Ci sono pure delle tracce nuove di zecca (per esempio il tema di Lino), anche queste integrate ottimamente all'interno del gioco.

Senza nome


Ma c'è qualcosa di veramente nuovo?




La risposta è, ovviamente, sì. Una delle novità la troviamo proprio in copertina, basta guardare il leggendario che vi è raffigurato. Notato niente di strano? Esatto, Kyogre e Groudon hanno assunto una nuova forma, attraverso un procedimento chiamato Archeorisveglio. Tutti i dettagli relativi a ciò verranno alla luce avanzando con la trama.
Un'altra novità assolutamente geniale è l'Ipervolo. Trattasi di un metodo molto veloce per spostarsi tramite il proprio MegaLatias o MegaLatios (a seconda se giocate rispettivamente a Zaffiro Alfa o a Rubino Omega). Praticamente il personaggio monterà in groppa al proprio Pokémon e salirà nei cieli di Hoenn, per poi volare liberamente sopra la regione (a differenza del Volo di tutti gli altri titoli, dove non si può manovrare il Pokémon). Spesso capiterà di usare questa modalità solo per lo sfizio di osservare Hoenn dall'alto, magari giusto per gustarsi il tramonto o per vedere le città illuminate di notte.
Tramite l'Ipervolo è possibile raggiungere ogni angolo di Hoenn, infatti è proprio grazie a questa feature che è possibile visitare le cosiddette "Zone Miraggio", altra novità introdotta in ROZA, sono delle isole che compaiono casualmente (probabilmente ispirate alla leggendaria Isola Miraggio dei giochi originali) dove è possibile catturare specie di Pokémon non ottenibili normalmente, oltre a delle MT, fossili ed altri strumenti utili. In alcuni particolari casi, compariranno delle Zone Miraggio ospitanti dei Pokémon Leggendari!
Il vecchio Pokénav si è aggiornato, guadagnando altre funzioni. La più importante è sicuramente il NaviDex, praticamente un radar che serve a individuare mostriciattoli selvatici particolari, cioè con mosse uovo, abilità nascoste o statistiche potenziate, molto utile per ottenere un Pokémon ottimo, dal punto di vista del battling competitivo.
Le altre due nuove funzioni del Nav non sono nulla di eccezionale, utili perlopiù in momenti di svago, come il NaviTalk, un equivalente della televisione nei giochi originali.
Anche le Gare Pokémon sono leggermente cambiate, tant'è che ora vengono chiamate "Gare Live", anche se essenzialmente il gameplay è sempre lo stesso.
Invece il sistema delle Basi Segrete si è notevolmente evoluto, oltre ad una maggior scelta di oggettini per la personalizzazione, ora possiamo visitare le Basi degli altri giocatori semplicemente connettendoci ad internet, oppure scannerizzando appositi QR code tramite la fotocamera del Nintendo 3DS.
Nelle Basi degli altri giocatori potremo lottare contro di loro oppure stringere amicizia per farli stabilire nella nostra Base, dove a seconda dell'avatar dell'altro giocatore questo svolgerà particolari servizi (es: i Fantallenatori aumentano le EVs dei nostri Pokémon).
Senza nome


Delta Smeraldo




Capitolo a parte merita l'Episodio Delta. Si tratta di una parte addizionale e inedita della trama (che inizierà dopo aver sconfitto la Lega Pokémon per la prima volta) quindi non presente nei titoli originali. Attenzione, non si tratta né di un DLC a pagamento né tantomeno di un contenuto temporaneo, come invece credono erroneamente alcune persone.
Questa parte della storia ruoterà attorno ad una terribile minaccia dallo spazio e a una misteriosa ragazza di nome Lyris. Non sto a scrivere oltre perché potrei rovinarvi l'esperienza di gioco, comunque bisogna dire che all'interno dell'Episodio Delta ci sono parecchie citazioni a Pokémon X e Y, per cui chi non ha giocato a questi giochi perderà parecchie chicche e riferimenti.
In generale questa mini-storia è ben strutturata, l'unica pecca forse è il massiccio uso del backtracking (in alcuni frangenti usato anche inutilmente a mio avviso), ovvero dover ritornare spesso a visitare luoghi già visti ed esplorati.

Senza nome

Difetti?




Più che difetti io parlerei di imperfezioni, dato che nel complesso ROZA sono dei giochi ottimi, sia per i novizi del mondo Pokémon sia per coloro che in quel mondo ci hanno passato le giornate. La pecca maggiore consiste nella pochezza delle attività post-trama.
Dopo aver battuto la Lega Pokémon e aver completato l'Episodio Delta non ci sarà molto altro da fare, escludendo il completamento del Dex nazionale o la costruzione di un team competitivo per le lotte online.
L'effetto tridimensionale (che è il ""cavallo di battaglia"" della console) viene utilizzato solo durante le lotte o durante le cut-scene, ma viene implementato malissimo: infatti il 3D acceso fa laggare la console, un po' come se non fosse abbastanza potente per reggerlo. Si spera che su New3DS ci sia una resa grafica migliore, ma allo stato attuale, in ROZA la levetta del 3D sarà sempre puntata verso il basso.
Un altro problema sta (se lo reputiamo tale) nel basso livello di difficoltà, ma per rimediare a ciò basta semplicemente disattivare il Condividi Esp, strumento che assegna punti esperienza a tutti i Pokémon del team anziché solo a quelli che hanno partecipato attivamente alla lotta.

Senza nome



Concludendo




Non c'è molto altro da aggiungere: ROZA sono il sogno di un'intera generazione di bambini (ormai cresciutelli) che si avvera. Un remake eseguito perfettamente che racchiude tutta l'essenza della Hoenn di 11 anni fa (e anche qualcosina in più). Se avete amato gli originali o avete svolto tutto quello che c'era da fare in Pokémon X e Y ma avete ancora voglia di avventure, beh, Pokémon Rubino Omega e Pokémon Zaffiro Alfa sono un acquisto obbligato per il Nintendo 3DS.

Divertimento Divertimento 9
Stiamo pur sempre parlando di Pokémon.
Sonoro Sonoro 10
Semplicemente eccellente
Grafica Grafica 8,5
Più o meno quello che si è visto su X/Y, molto bella.
Effetto 3D usato poco e male.
Giocabilità Giocabilità 9
Stesso gameplay, consolidato e godibilissimo da chiunque.
Per vere novità dovremo aspettare la settima generazione.
Longevità Longevità 9
Praticamente infinito
Finita la trama potrebbe stufare i più.
Totale 9.0

Uno dei migliori titoli su Nintendo 3DS, con un fascino retrò a cui i fan di vecchia data non sapranno resistere.

Condividi con i tuoi amici

Commenti

Al momento non ci sono commenti