I Pokémon Cromatici

I Pokémon cromatici (definiti anche come “Shiny” a causa del caratteristico luccichio che emanano entrando in campo), sono dei Pokémon con delle colorazioni diverse rispetto al normale. Le loro colorazioni possono differire leggermente dal solito (ad esempio più chiare o più scure) oppure essere totalmente diverse rispetto alla versione normale del Pokémon. I Pokémon cromatici sono molto rari, tant’è che la probabilità di incontrarli è di circa una su 8192. Questo tipo di Pokémon fa la sua prima comparsa nei giochi “Pokémon Oro” e “Pokémon Argento”, dove era possibile incontrare un Gyarados di colore rosso (invece solitamente questo Pokémon è di colore blu), per poi diventare una caratteristica sempre presente in tutti i successivi giochi della serie principale.
Le possibilità che un Pokémon sia cromatico (nella seconda generazione) erano determinate a seconda degli IVs (Valori Individuali) del Pokémon stesso, mentre nelle generazioni seguenti la probabilità è determinata dall’ID Allenatore, un ID segreto ed un Valore di Personalità (casuale).
Nella quarta generazione, sono stati introdotti alcuni metodi per rendere più semplice l’ottenimento di un Pokémon cromatico:

  • PokéRadar: questo strumento serviva a creare delle “catene” di Pokémon della stessa specie, facilitandone l’incontro con un Pokémon cromatico.
  • Metodo Masuda: ideato dall’omonimo compositore delle musiche Pokémon, questo metodo prevedeva che, facendo accoppiare due Pokémon provenienti da cartucce di quarta o quinta generazione diverse di lingua diverse in un terzo gioco (sempre di lingua diversa dalle precedenti) c’era una maggiore probabilità che dall’uovo deposto nascesse un Pokémon cromatico.
    Esempio concreto: un Ditto proveniente da un “Pokémon Perla” giapponese ed un Turtwig, proveniente da un “Pokémon Diamante” americano, che si accoppiano in un “Pokémon Platino” italiano, deporranno un uovo dal quale la probabilità che nasca un Pokémon cromatico scenderà a “solo” una su 2048.

Nei giochi Pokémon, ci sono alcune differenze nelle “Info” dei Pokémon cromatici:

  • Seconda generazione: accanto al sesso di un Pokémon cromatico comparivano tre stelline.
  • Pokémon Rubino, Zaffiro e Smeraldo: il numero del Pokédex è dorato invece che nero e lo sfondo è più chiaro del solito.
  • Pokémon Rosso Fuoco e Verde Foglia: il riquadro che contiene l'immagine del Pokémon ha il bordo azzurro anziché viola, uno sfondo più chiaro ed è affiancato da una stella dorata.
  • Quarta generazione: accanto all’immagine del Pokémon c’è una stellina rossa (in alto a destra).
  • Quinta generazione: accanto all’immagine del Pokémon c’è una stellina rossa (in basso a destra).

Condividi con i tuoi amici

Commenti

Al momento non ci sono commenti