Creazione di un Team


Il gameplay della serie Pokèmon è basato, in gran parte, sui combattimenti tra i mostriciattoli. Lungo il corso dell'avventura, saranno innumerevoli le sfide che dovrete affrontare, senza contare che, nel finale, sarete sottoposti a dure prove contro gli Elite. Ma il difficile, chiaramente, giunge quando la sfida è in multiplayer, contro un amico. Ecco quindi che ho pensato di stilare una serie di regole d'oro da prendere in considerazione per la costruzione della vostra squadra.
 

Equilibrio



 
 Quando siete in procinto di creare un team, tenete sempre presente quali tipi di Pokèmon usate, non solo controllandone il tipo(lotta, fuoco, erba, ecc.), ma anche verificandone in modo incrociato debolezze e resistenze. Infatti è pressochè lesivo per la vittoria tenere in squadra tre pokèmon del tipo volante su sei. Allo stesso modo, è utile non mettere insieme nello stesso team Pokèmon fuoco, terra, roccia, in quanto tutti deboli agli attacchi acqua.
 Qualora per voi sia indispensabile tenere elementi tra loro simili nelle debolezze, cercate almeno di compensare con altri Pokèmon (Es. Se avete in squadra Charizard e Sandslash, cercate di inserire anche un Pokèmon resistente all'acqua, come Starmie, facendo attenzione a non perderlo facilmente).
 In generale, non è male avere qualche Pokèmon dotato di immunità. E' consigliabile avere un volante, a patto che abbia delle statistiche decenti(Es.Zapdos), così come è consigliabile un Pokèmon terra(immunità elettro) o un fantasma, per mandare a vuoto gli attacchi normali.
 Ricordatevi che, una volta mostrato il vostro Pokèmon con immunità, l'avversario potrà preverdere il suo utilizzo da parte vostra, usatelo quindi con giudizio e al momento giusto.
 

Statistiche



 
 I Pokèmon sono caratterizzati da delle statistiche differenti, che delineano il loro Attacco Speciale/Fisico, la loro Difesa Speciale/Fisica, i loro Punti salute e la loro Velocità.
 Ovviamente, più alte sono le statistiche e più il Pokèmon è tosto. Proprio per questo, in generale, nelle battaglie in multiplayer i Pokèmon leggendari sono visti di cattivo occhio, in quanto esageratamente forti (questo vale in special modo per Mew e Mewtwo). Tenendo conto delle stats, dunque, scegliete il vostro pargolo da inserire nel team. Vi risulterà chiaro, alla luce di questi parametri, come convenga maggiormente avere uno Snorlax in squadra piuttosto che uno Wigglytuff.
 Inoltre, non solo i Pokèmon vanno scelti in base alle statistiche, ma devono anche essere "impostati" in base ad esse. E' dunque poco utile insegnare ad un Pokèmon con un robusto attacco fisico delle mosse speciali(Elettro, Fuoco, Erba, Psico, Ghiaccio, Acqua), mentre sarebbe meglio utilizzarlo con mosse che sfruttano l'attacco fisico(Veleno, Coleottero, Lotta, Terra, Roccia, Normale).
 Viceversa, prima di lasciare in campo un Pokèmon, valutate la sua difesa in relazione al Pokèmon avversario, in modo da rendervi conto se lo scontro può essere sostenibile. Non sottovalutate nemmeno il fattore velocità, importante per utilizzare determinate mosse e per alcuni tipi di Pokèmon, come gli starter(i partenti) o gli Sweeper(quelli che "finiscono" molti nemici).
 

Moveset



 
 Il moveset, ovvero le quattro mosse che il Pokèmon ha a disposizione, deve essere scelto con cura. La cosa più ovvia da dire è che è sostanzialmente inutile tenere più di una mossa della stessa tipologia sullo stesso Pokèmon, salvo rari casi. Ad esempio, è inutile che il vostro Jolteon conosca sia Tuonoshock che Fulmine, in quanto la seconda mossa è uguale alla prima, solo più potente.
 Cercate dunque di variare il moveset, sempre tenendo presente le statistiche del Pokèmon e gli utilizzi che volete farne (es. Evitate di insegnare il Fulmine a Chansey, a meno che in squadra non abbiate altre mosse elettro).
 Tra le mosse sempre valide, ci sono quelle che consentono di recuperare PS, in particolare Ripresa e Riposo, quelle che causano cambiamenti di Status, come Tossina e Sonnifero ed altre meno appariscenti ma decisamente efficaci, come Nube(che elimina di cambi di status) o quelle mosse che aumentano certi parametri del vostro Pokèmon(es. Danza spada aumenta parecchio l'attacco, ergoè utile da usare su un Pokèmon che intende attaccare fisicamente).
 Qualora non lo sappiate, i Pokèmon di un determinato tipo fanno maggiormente danni con un attacco della loro stessa tipologia (es. Un Lanciafiamme di Ninetales è più doloroso in quanto è un attacco di tipo fuoco, come il Pokèmon che lo esegue).
 In base alle mosse, rendetevi conto degli equilibri del vostro team, che dovrebbero prevedere un numero simile di attacchi speciali e fisici, in modo da adattarsi a qualsiasi avversario. Dunque, se avete quattro componenti utilizzati con mosse speciali, mettete in squadra degli attacker fisici.
 

Battaglia



 
 Ultimo punto da esaminare, è quello che riguarda l'esperienza pratica: la battaglia. Cercate sempre di essere il meno possibile prevedibili, specialmente in multiplayer, scambiando i Pokèmon al momento giusto(Es. se avete un Golem davanti, togliete seduta stante Jolteon e piazzate Blastoise prima di farvi spazzare via il "cane elettrico" da un terremoto).
 Nonostante quel che si pensi, non sempre l'attacco senza sosta è la migliore soluzione, ma occorre valutare nel lungo periodo l'andamento della battaglia (es. Se fate attaccare Sandslash fino a perderlo, in seguito potreste avere problemi nello stendere il Chansey avversario, molto resistente agli attacchi speciali.). Tenete in considerazione le mosse che alterano lo stato e utilizzate al momento propizio le mosse tipo "power up"(es. Il pokèmon avversario dorme? E' il momento per usare Double team e aumentare l'evasione.).
 

Conclusione



 
 Questa guida rappresenta solo un'introduzione al vasto mondo delle battaglie. E', come si suol dire, la proverbiale punta dell'Iceberg, visto e considerato che è riferita ai primi tre episodi della serie. Con i prossimi, infatti, assisteremo ad un cambio abbastanza netto del metagame(ovvero il modo di giocare).

Status « Rosso - Blu - Giallo

Condividi con i tuoi amici

Commenti

Al momento non ci sono commenti