The Legend of Zelda - Collector's Edition


2003. Il GameCube era uscito da poco, ma già era quasi evidente come sarebbe andato a finire. I pochi giochi usciti, il poco supporto delle terze parti e l’eredità pesante lasciata dal Nintendo64 solo parzialmente erano compensati dall’uscita di grandi giochi. Così, in quel periodo di magra, Nintendo ebbe l’idea di fare uscire una collection di giochi, ottenibile tramite vari sistemi (in Italia con i punti Nintendo nel sito) ma slegata dalla vendita tradizionale. Ed è probabilmente la collection più riuscita di Nintendo, ed è quella che adesso vado ad esaminare
Come già detto, questo Zelda è una collection, vale a dire una raccolta di porting. Ma i giochi qui presenti non sono certo dei giochilli buttati lì a caso, ma quattro autentici capolavori immortali: il primo, leggendario, Zelda per NES, il suo seguito Link’s Adventure, l’immortale Ocarina of Time e il tetro Majora’s Mask. Non parlerò molto dei giochi in sé, per i quali rimando alle apposite recensioni, o, se ne volete sapere di più, alle pagine dell’Enciclopedia. Sarà invece opportuno parlare di come è organizzata questa collection. A primo sguardo non sembra nulla di che: sulla tradizionale confezione dei giochi per GC troneggia la Triforza insieme al canonico logo della saga, su uno sfondo bluastro. Anche il manuale non è eccezionale: dedica ben poche pagine a ciascun gioco, e più che altro si limita a spiegarne i comandi.
E’ invece una volta inserito il mini-dvd nel GameCube che si cambia aria completamente. L’imponente tema principale della saga, quello dell’Overworld del primo Zelda, si sente nel menu di scelta del gioco da avviare; menu che non offre soltanto la possibilità di giocare ad uno de 4 capolavori prima elencati, ma dà altre tre possibilità, curiose chicche che Nintendo ha inserito nel gioco come omaggio ai fan: un lungo filmato introspettivo dove passano immagini e video dell’intera saga (fino a Wind Waker, ricordate che siamo nel 2003), un video speciale dell’episodio per GC e una demo giocabile per 20 minuti di WW stesso.
I quattro giochi, per il resto, si mostrano immutati, esattamente com’erano nell’86, ’87, ’98 e 2000; ma un solo mini-dvd che raccoglie quattro capitoli di questa portata è assolutamente da non perdere. L’unico che ha subito qualche danno nella conversione su GC è Majora, che presenta alcune irregolarità nel sonoro: ma sarà il gioco stesso, ad ogni avvio, a mettervi in guardia da questo problema. Inoltre, spesso e volentieri il gioco tende a bloccarsi, con la necessità, quindi, di riavviarlo per continuare a giocare; c'è da dire che per il tipo di gioco che è Majora's Mask e il suo sistema di salvataggi alquanto inusuale, questo può essere un grave danno alla scorrevolezza e alla giocabilità di questa conversione. Insomma, il porting di Majora è l'unico ad essere stato realizzato un po' meno bene. Per il resto la conversione è stata effettuata a regola d’arte, con l’adattamento perfetto ai tasti del GC, anche se, dopo aver giocato Wind Waker, è piuttosto complicato giocare agli Zelda 3D senza usare la telecamera orientabile a piacere, che in WW si comandava con la levetta C, che in OoT e MM è invece destinata all’uso degli oggetti che su Nintendo64 erano invece affidati ai tasti C.
L’altro aspetto che pesa di più degli altri è invece la memoria occupata: ciascuno dei quattro giochi occupa un bel quantitativo di blocchi (in particolare gli episodi 3D), e ciò può causare un buon numero di problemi a chi non possiede una Memory Card capiente. Purtroppo, il problema non si può avviare in altro modo se non eliminando altri salvataggi oppure procurandosi un’altra memory card, qualora non ci entrasse in quella già posseduta.
Che dire di questo Zelda? Beh, una raccolta di quattro giochi immortali, più un’altra serie di gingilli accessori, che merita sicuramente l’acquisto (comunque si trova di seconda mano), soprattutto per chi è fan della serie, anche se ad oggi può sembrare un po’ inutile vista l’uscita dei quattro titoli su console. Sono degli episodi davvero entusiasmanti, quattro giochi che non smettono, e non smetteranno, ma di divertire, che donano nuove emozioni ad ogni partita, e vederli tutti e quattro in un solo mini-dvd è davvero il massimo. Lasciarsi sfuggire questa collection, soprattutto per i fan, è da insulti.
Dargli un voto sarebbe da superbi, sappiate solo che è un’autentica lezione di “come si fanno le collection” fatta da Nintendo; peccato che la casa di Kyoto non abbia imparato da sé stessa al momento di realizzare Super Mario All-Star Anniversary Edition per Wii.

Totale 0.0

Condividi con i tuoi amici

Commenti

The Legend of Zelda - Collector's Edition

Rob 02/01/2013 alle 10:44

Questa discussione raccoglie i commenti per l'articolo The Legend of Zelda - Collector's Edition