Fragile: farewell Ruins of the Moon

Data distribuzione Data distribuzione Primavera 2010
Genere Genere RPG
Giocatori Giocatori 1
Produttore Produttore Nintendo
Sviluppatore Sviluppatore Namco, tri-Crescendo
fragile
Tutti quelli che credevano che, visto il successo del Wii, la Nintendo e le altre software house avrebbero cominciato a fare solo giochi per i causal gamers, si sbagliavano di grosso. Infatti per tutto questo autunno e la primavera del 2010 usciranno molti titoli anche per noi poveri hardcore gamers che nel 2008, a parte qualche piccola eccezione, siamo stati ignorati dalla Nintendo. Tra questi il gioco più particolare e del quale si hanno poche notizie è Fragile: Farewell Ruins of the Moon, il quale è sviluppato dalla Namco Bandai, famosa in occidente per giochi come Dragon Ball, ma famosa in Giappone come autrice di una fortunata saga GDR: Tales of.
Per adesso la trama del gioco è molto semplice: il protagonista, di nome Seto, deve cercare le persone scomparse ma sopratutto una ragazza di nome Heroine. L'ambientazione di Fragile è molto drammatica: ci ritroveremo nel futuro in una terra senza persone, nel quale la natura ha preso il sopravvento sulle opere dell' uomo. Inoltre, da come si deduce dal titolo, la luna avrà un ruolo fondamentale nella storia.
Adesso cominciamo a parlare delle novità. Prima di tutto uno degli oggetti principali del gioco sarà una torcia, e per questa potremo usare il Wiimote come se fosse vera! Ma non è tutto, potremo usare il nostro telecomando bianco anche come un microfono! Così facendo potremo analizzare con più precisione l'ambiente circostante. Infatti i nemici principali saranno principalmente gli animali ma saranno presenti anche degli spettri, che potranno essere captati solo grazie al succitato oggetto. Inoltre, oltre alla torcia per sconfiggere i nemici, useremo anche i vari oggetti che servono per caratterizzare l'ambiente che si sta esplorando. Ci sarà anche la possibilità di fonderli per ottenerne di più potenti!
Un'altra particolarità di questo stupendo gioco è che durante l' esplorazione, quando troveremo oggetti dimenticati dalle persone, la trama potrà subire leggere variazioni perchè infatti questi contengono i ricordi dei loro possessori. Stessa cosa per i graffiti, nei quali apparirà uno spettro che ci aiuterà a decifrarli. Inoltre, essendo un RPG basato soprattutto sull'esplorazione non mancheranno momenti di alta tensione e carichi di adrenalina.
Per quanto concerne la grafica, il gioco ha lo stile anime adottato dai Tales of, e grazie a questa particolare grafica i filmati sono veramente ben fatti, e sembrerà di giocare dentro un manga giapponese.

ASPETTATIVE



Fragile: Farewell Ruins of the Moon, è un gioco che tutti gli appassionati di GDR e di Anime devono avere. É invece sconsigliato a chi non piace molto questa particolare grafica e allo stile giapponese, che in questo gioco è onnipresente.

Condividi con i tuoi amici

Commenti

Al momento non ci sono commenti