New Super Mario Bros. Wii

Data distribuzione Data distribuzione 20/11/2009
Genere Genere Platform
Giocatori Giocatori 1
Produttore Produttore Nintendo
Sviluppatore Sviluppatore Nintendo
mario1
Certo, certo, Mario in 3D sarà bello, Mario 64 ha rivoluzionato il modo di concepire il videogioco, Mario Sunshine è pur sempre un bel gioco, Mario Galaxy è spettacolare… Ma la saga di Super Mario in 2D ha un fascino che nessun episodio in 3D raggiunge. Dopo questa intro che solleverà tanti dubbi ai fan irriducibili di Mario Galaxy, passo al dunque. Gli episodi 2D di Mario sono bellissimi. L’ultimo episodio in 2D di Mario, prima dell’avvento di New Super Mario Bros per DS, risale al 1995, quando Mario era un bebè e Yoshi si era improvvisato baby sitter. Poi ci fu un grande vuoto dei Mario in 2D, fu l’epoca del dominio del 3D e dei remake per GBA. Poi venne New Super Mario Bros. a recuperare i legami con questo passato remoto. Ma ancora un Mario 2D su console casalinga non s’è visto. Ebbene, dopo 13 anni di latitanza, Super Mario in due dimensioni tornerà su una console casalinga Nintendo, in quel gioco che, dall’annuncio allo scorso E3, ha suscitato tante speranze, ma altrettanti dubbi, ed è stato accolto dai fan con entusiasmo, ma anche con polemiche.
Ma andiamo con ordine: New Super Mario Bros.Wii, questo il nome completo del gioco, è stato uno degli annunci dello scorso E3 che ha destato più scalpore. Le novità che spiccano subito sono, ovviamente, il multy, giocando in simultanea, non a turni come nei vecchi Mario, la presenza di Yoshi cavalcabile come in Mario World, Toad che dopo secoli diventa un personaggio utilizzabile, anche se per il Terzo e Quarto giocatore, o, almeno, pare così, alcuni power-up nuovi e decisamente strani(Mario Elicottero? Mario Pinguino?), che si affiancano a molti di quelli usati e riusati sin dal lontano 1985, per non parlare poi di ritorni clamorosi che i giocatori di vecchia data ricorderanno: se vi dicessi “Koopalings”, voi a cosa pensate, se non ai figli di Bowser, quelli veri, originali?
Ma, come detto prima, NSMBW ha portato dietro di sé una scia di critiche e di cattive impressioni. Intanto il motore grafico ricorda molto da vicino quello visto per Nintendo DS, non tanto per le animazioni o la qualità (è, infatti, fatto da zero), quanto per lo stile: se, infatti, possiamo accettare due giochi con una grafica simile sulla stessa console (prendiamo come esempio i due Mario & Luigi per DS), la differenza tra portatile e casalinga dovrebbe essere maggiore. C'è però da dire che, in fondo, graficamente parlando New Super Mario Bros. è la nuova versione di quel SMB visto anni fa nella compilation All-Stars per il SNES, e le migliorie possono essere soltanto nei dettagli. Dettagli in effetti di molto migliorati: adesso i nemici sono in puro 3D ed ognuno di essi ha una propria animazione, persino i martelli dei Martelkoopa o i power up hanno abbandonato lo stile prerenderizzato, fastidioso visto il risalto che avevano sullo schermo Mario & Luigi, visto su DS.
E il multy, che dovrebbe essere una cosa positiva, per alcuni potrebbe anche trasformarsi in un incubo: pare infatti che sarà necessario giocare in più per arrivare ad alcune aree. Inoltre, ogni volta che un personaggio prende un power-up o muore c'è una sorta di mini-blocco: se ciò si può tollerare quando si gioca in singolo, in multy rischia di trasformare NSMBW in una sorta di gioco a scatti. Immaginati, infatti, quattro persone che prendono quattro power-up uno dietro l'altro, si potrebbe ricavare abbastanza tempo pure per farsi un caffè...
L’aspettativa intorno a questo titolo, nonostante i vari aspetti che potrebbero far storcere il naso, è alta, soprattutto uscendo (speriamo) da un periodo come quello appena trascorso, un periodo freddo senza giochi che ispirassero un minimo.
Insomma, gente, il 20 Novembre non è poi così lontano; allora sapremo se l’erede di Super Mario Bros. e Super Mario World sarà veramente meritevole del titolo che porta.
mario2

Condividi con i tuoi amici

Commenti

Al momento non ci sono commenti