Animal Crossing: let's go to the city

Data distribuzione Data distribuzione 05/12/2008
Console Console Wii
Genere Genere Simulatore di vita
Giocatori Giocatori 1-4
Produttore Produttore Nintendo
Sviluppatore Sviluppatore Nintendo
Wi-Fi Connection Wi-Fi Connection Presente

Animal Crossing sebbene sia una serie relativamente giovane, ha già trovato parecchio terreno fertile e, sebbene si sia fatto attendere a lungo, anche il mercato occidentale si sta dimostrando molto caloroso nei confronti di questa serie Nintendo.
Animal Crossing
L'inizio su Nintendo64 passò in sordina. Il 64-bit era alla fine del suo ciclo vitale (era il 2001, pochi mesi prima dell'uscita del Cubo) e così venne subito catapultato con pochi upgrade anche sul neonato Gamecube. In Europa arrivò solo nel 2004 inoltrato su ovviamente solo su Gamecube.

Questo primo episodio, aveva già le principali caratteristiche della serie, cioè l'arrivo di un nuovo abitante (voi) in un villaggio di animali abitato in cui dovrete semplicemente... vivere, ma soffriva di una serie di problemi che ho trovato abbastanza fastidiosi. In primo luogo la divisione in zolle, con scrolling a scatti, la trovo molto fastidiosa. Lo spostamento era tipo quello di Zelda Link's Awakening, ma in una serie come AC che fa della libertà il suo credo non è per nulla adatta.
In secondo luogo la gestione degli arredi e dei vestiti per cui i vestiti dovevano essere contenuti in armadi specifici e quindi era necessario ricordarsi esattamente dove si trovava ogni oggetto (cosa superata prendendo spunto da Resident Evil... invece dei Bauli Magici ci sono gli Armadi Magici). Mentre i mobili dovevano essere riposti in una cantina comunque limitata come grandezza e che quindi limitava il numero di mobili che si potevano possedere.

La rivoluzione arrivò su DS: vennero eliminati tutti questi problemi, vennero aggiunte alcune novità (i cappelli e gli occhiali ad esempio, oppure i tagli di capelli e il mercato azionario delle rape) e soprattutto venne aggiunta LA caratteristica di AC: la connettività. Ora infatti divenne possibile visitare i villaggi degli amici e ricevere visite grazie alla connessione Internet WiFi.
Perchè mi soffermo molto su AC per DS? Semplice. Mi spiace dirlo, ma questa versione per Wii è pressoché identica alla versione DS. Ne migliora molto la grafica ovviamente, aggiunge alcune cose, ma nel complesso è uguale.

LA novità di quest'edizione è la Grande Città. Questa è visitabile in Autobus ed è strutturata come una piazza in stile fine '800/inizio '900, con la fontana e i lustrascarpe, i café chantant e i negozi di moda.
L'altra novità consiste nel WiiSpeak, un microfono che permette di comunicare con gli amici in visita o che visitate voi.
Per il resto purtroppo, nulla di nuovo. Animal Crossing è divertentissimo, non c'è dubbio, ma penso che qualcosa in più avrebbero potuto farlo, ma "capisco" che quest'edizione è stata vista come un'espansione di Wild World. Questo lo si evince soprattutto dalle possibilità di trasferirsi da un'edizione all'altra e viceversa, creando una sorta di continuum fra l'una e l'altra creando quasi un gioco unico. Però qualche aggiunta per solleticare il palato di chi ha seguito tutte le versioni andava fatta.

Voglio far notare però come le possibilità WiFi del Wii siano state ben utilizzate. Oltre agli scambi di visite ormai classici, viene sfruttato il WiiConnect24, con possibilità di ricevere o comprare oggetti più o meno speciali direttamente da Nintendo. Questa, sebbene non sia una cosa sconvolgente, la ritengo molto piacevole, soprattutto quando ricevo una lettera da Nintendo con un regalo per AC, mi fa davvero pensare a quanto la grande N tiene ai suoi utenti affezionati.

Parlando invece a livello tecnico, la grafica e il sonoro si presentano come sempre ben fatti, un lavoro senza sbavature ma allo stesso tempo nulla da far spalancare la mascella... Insomma molto piacevoli ma per torchiare il Wii è necessario ben altro, e per fortuna aggiungo io.

La giocabilità è in linea con Wild World, le sbavature tolte dal primo AC si sentono soprattutto a livello di scrolling, stavolta più fluido e piacevole. La sensazione di libertà rispetto all'edizione per il 128 bit viola è decisamente migliorata visto che questa ogni tanto faceva sentire "Ingabbiati" nelle zolle. Un miglioramento notevole lo riscontro anche nella gestione degli equipaggiamenti: ora è sufficiente la pressione della croce direzionale per scegliere uno fra pala, ascia, annaffiatoio, retino o canna da pesca, così come è sufficiente per ritornare a "mani libere". Questo si fa sentire soprattutto quando è necessario passare velocemente fra un equipaggiamento e l'altro come quando vorrete sostituire un albero con un altro passando da ascia a pala in un lampo (questo metodo garantisce il 100% di crescita del nuovo albero, per chi non lo sapesse) o per catturare un insetto particolarmente veloce.

La longevità è totale, come l'intera serie una volta iniziato e passato l'entusiasmo iniziale, lo userete lo stesso, magari non frequentemente, ma anche anni dopo terrete volentieri d'occhio il calendario eventi per tornare nella vostra città. Lo ritengo un gioco che non è "ad usura" come può esserlo un Mario Galaxy che una volta completato al 100% presumibilmente finirà nello scaffale, ma è un elogio allo slow-gaming, che vi terrà impegnati, magari meno allo sfinimento, per molto tempo.

Riassumendo



Animal Crossing è sempre Animal Crossing. Fiabesco, divertente ed emozionante, è uno di quei giochi che entra dritto al cuore, però mi sento di limitare il voto (oddio limitare, 8 è sempre 8, neanche i secchioni della mia classe si lamentavano e pensare che era gente che ci dava dentro assai) per le poche novità.

P.S Mi sento di dire una cosa, la grave mancanza di Wild World, cioè l'assenza del Natale (UNO SCANDALO, intendiamoci), è stata prontamente colmata: preparatevi il 24 sera a ricevere la visita della Renna Jingle!!!

Meno Male...

Divertimento Divertimento 8
Animal Crossing è Animal Crossing
Troppa sensazione di Deja Vu
Sonoro Sonoro 8.5
Classico sonoro a tema
Molto adatto e godibile
Grafica Grafica 8
La grande città è davvero ben realizzata
Il resto è discreto ma non eccezionale
Giocabilità Giocabilità 8
Giocabilità unica
Poche innovazioni
Longevità Longevità 9.5
Eterno
Vorrete collezionare tutti gli oggetti
Totale 8.0

Condividi con i tuoi amici

Commenti

Al momento non ci sono commenti