The Legend of Zelda: A link to the past / Four Swords

Data distribuzione Data distribuzione 03/2003
Console Console GameBoy Advance
Genere Genere Avventura
Giocatori Giocatori 1-4
Produttore Produttore Codemasters
Sviluppatore Sviluppatore Flagship / Nintendo
The Legend of Zelda

LA LEGGENDA RITORNA



La storia di questo gioco affonda le sue radici nell'era che molti considerano la vera "epoca d'oro" dei videogiochi: l'era dei 16 bit. A quel tempo, quando Super NES e Mega Drive si contendevano il mercato a suon di gran giochi (bei tempi davvero), venne alla luce uno degli episodi di Zelda più belli: nel 1993, arrivò "A Link to the Past". Questo capolavoro lasciò un segno indelebile nella mente e nel cuore di nintendari e non, ed era inevitabile che la Nintendo non pensasse a un remake (dopo tutti quelli fatti, su GBA, con i vari Mario)...così, in attesa di uno Zelda esclusivo per GBA (che fu "The Minish Cap"), ci regalò "A Link to the Past + Four Swords".
Dopo aver acceso il gioco, sarà possibile scegliere fra 2 giochi: l'avventura classica del SNES ed un nuovo gioco tutto da scoprire. Vediamoli uno per uno...

COM'E' TORNARE AL PASSATO?



A Link to the Past è dalla critica considerato il miglior Zelda in 2D; per chi non lo sapesse, trattasi di un'avventura vasta ed epica dove il nostro eroe Link dovrà salvare il mondo...infatti un perfido stregone, Agahnim, sta usando delle vergini per compiere un sortilegio e permettere al suo malvagio signore di tornare nel mondo dei vivi, e qui entra in scena Link: egli, coinvolto suo malgrado nell'avventura a causa della morte di suo zio, scoprirà che nelle sue vene scorre il sangue dell'Eroe! A questo punto, si tratta di esplorare Hyrule (mai stata così vasta in un episodio in 2D) e di risolvere enigmi e combattere mostri: dovremo risolvere una decina di dungeons, costruiti con maestria e a tratti molto impegnativi, per riuscire a liberare le ragazze prigioniere e a scovare il signore malvagio che sta dietro a tutto ciò; inoltre, procedendo nell'avventura, com'è consuetudine dei giochi di Zelda verremo in possesso di svariate armi e potenziamenti assortiti, che ci permetteranno di esplorare sempre più territorio e di diventare sempre più forti; ci troveremo anche ad esplorare una dimensione oscura, dove Hyrule è specchiata e resa più tetra e pericolosa (e ciò raddoppia letteralmente il mondo esplorabile), ed infine arriveremo alla sfida finale!
Il gioco è stato convertito in maniera perfetta, ed è identico alla versione SNES eccezzion fatta per un dungeon aggiuntivo (molto difficile) che dà un pò di pepe a chi già conosce questa avventura: per il resto, ci troviamo innanzi ad un gioco lungo, grande, impegnativo, che vi appassionerà e vi terrà incollati al vostro GBA parecchie ore!

TEMPO DI ESPERIMENTI



Scegliendo "Four Swords" (l'altro gioco presente nella cartuccia), si accede ad un'esperienza totalmente nuova per ciò che concerne Zelda: ci troviamo davanti al primo Zelda da giocare in multiplayer! Purtroppo, infatti, bisognerà disporre almeno di un amico provvisto di GBA + cartuccia e di un cavo link per giocare a Four Swords: in questa avventura, voi e i vostri amici (fino a un massimo di 4 giocatori) impersonerete dei Link di diversi colori che saranno uniti da un genuino rapporto di amore-odio: dovrete collaborare per sconfiggere dei boss o per risolvere degli enigmi, ma dovrete stare vigili e guardarvi le spalle, perchè quando si tratterà di arraffare rupie (la moneta corrente del regno di Hyrule) non dovrete guardare in faccia a nessuno...infatti, arricchirsi è lo scopo principale del gioco, e alla fine della partita è dichiarato vincitore il Link più ricco! Questo genera momenti di delirio e voglia di uccidere il prossimo, ma anche divertimento puro! Il grosso difetto di "Four Swords", però, salta subito agli occhi: si tratta della longevità, poichè avremo a disposizione solo 4 dungeon per divertirci con i nostri compagni di merende; in un gioco divertente come FS, era l'unico difetto possibile...4 dungeons sono obiettivamente molto pochi, e viene da pensare che questo sia una sorta di esperimento in vista di un'applicazione più vasta del concetto di Zelda in multiplayer: infatti, l'uscita di "Four Swords Adventures" per Gamecube, avvenuta qualche tempo dopo, scioglie ogni dubbio; FS per GBA dà l'impressione quindi di essere una sorta di cavia per tastare il polso all'utenza in vista di un episodio più vasto, e difatti alla Nintendo non si sono sprecati...FS è, a conti fatti, da considerarsi più un mini-gioco che un gioco vero e proprio, ma se abbiamo amici a disposizione può essere davvero divertentissimo.

IL PUNTO TECNICO



Tecnicamente, il gioco è rimasto lo stesso del SNES, e FS non è molto diverso, seppur dia l'impressione di essere più "fresco" e caratterizzato diversamente per ciò che concerne il design dei personaggi: lo stile è simile a tWW, per Gamecube, ma non rende molto bene l'idea dato che sempre di 2D si tratta. I colori sono vividi e piacevoli, e le musiche sono quelle epiche e indimenticabili del SNES; anche FS non sfigura in quanto al comparto sonoro, anche se è difficile eguagliare "A Link to the Past". La giocabilità è elevatissima: stiamo pur sempre parlando di uno Zelda, e anche se il gioco mostra un'inevitabile sottile strato di ruggine dovuta ai tanti anni sul groppone, risulta immediato e coinvolgente...se teniamo conto, poi, dei suoi anni, ci rendiamo conto di come la Nintendo sia sempre un passo avanti rispetto agli altri: forse oggi non rimarremo estasiati nel giocare a aLttP, ma è stato indubbiamente uno dei migliori giochi dell'era 16 bit.
Dal punto di vista della longevità, aLttP è davvero un gioco vasto e lungo da finire, nonchè uno degli Zelda più difficili in assoluto: vi terrà parecchio incollati, e come detto in precedenza presenta anche un dungeon extra molto difficile pensato per chi aveva già giocato aLttP a suo tempo.
FS è molto divertente, ma la longevità è quasi nulla: trovare (almeno) un amico non è sempre facile, e da soli non si può giocare; se poi si conta il fatto che ci sono solo 4 dungeon, FS è più considerabile un minigioco che un gioco vero e proprio.

CONCLUDENDO



Un gran gioco, che potrà piacere sia a chi l'ha giocato a suo tempo e sia a chi ci si accosta per la prima volta. D'altronde stiamo parlando di uno dei giochi più belli del lustro 1990-1995! Four Swords, inoltre, è una piacevole aggiunta.
Mezzo voto in meno soltanto perchè aLttP, in fondo, è pur sempre un remake.

Divertimento Divertimento 8
FS è una piacevole sorpresa .
aLttP presenta un dungeon in più della versione SNES...
...ma per il resto è identico alla versione SNES...
...e questo non è un male: si difende ancora benissimo!
Sonoro Sonoro 9
Musiche fenomenali, come le si può dimenticare?
Lacrimucce di nostalgia copiose...
Grafica Grafica 9
Tale e quale a quella del SNES, e guardando altre conversioni non è poco.
Colorata, piacevole.
Non trascendentale, specie per un occhio odierno.
Giocabilità Giocabilità 10
E' Zelda, ed il miglior Zelda in 2D di sempre. Vi basta?
Immediato, coinvolgente, divertente.
FS è divertentissimo!!!
Longevità Longevità 8.5
A Link to the Past è molto vasto...
...FS è obiettivamente troppo breve.
Totale 9.5

Condividi con i tuoi amici

Commenti

Al momento non ci sono commenti