Yoshi's Island

Data distribuzione Data distribuzione 1991
Console Console SuperNintendo
Genere Genere Jump'n'Run
Giocatori Giocatori 1-2
Produttore Produttore Nintendo
Sviluppatore Sviluppatore Nintendo EAD
Salvataggio Salvataggio Interno (3 files)

Il seguito di Super Mario World, ovvero il prequel di tutti i Supermarii. L'unica avventura in cui Mario non ha i baffi

Descrizione


Yoshi's Island (1)
Un bel giorno ad una cicogna del servizio recapito bambini fu dato l'incarico di consegnare due gemelli a una bella famigliola. La cicogna però aveva bevuto troppo e, complici uno squadrone di Magickoopa di Kamek, fece cadere i due gemelli. Uno dei due cadde in un non meglio precisato punto del globo, mentre l'altro fu acchiappato al volo dai mostricciattoli con l'elica e fu portato da Kamek che pensò bene di mandare i suoi fidi a recuperare pure l'altro, per farci una moquette.

Nel frattempo sull'isola degli Yoshi, il nostro amico Yoshi, figlio di Yoshi e Yoshi, nonché fratello di Yoshi, passeggiava tranquillamente per il bosco quando fu colpito in testa dal bimbo precipitato, cadde anche la mappa che indicava la destinazione dei bambini. Il piccolo, che indossava un cappello rosso con la lettera 'M' (Mario insomma), cominciò però a camminare da tutt'altra parte, verso suo fratello Gigi (Luigi)! Yoshi capì subito la gravità della situazione, allertò i suoi amici Yoshi, che promisero di aiutarlo in cambio del lavaggio delle loro auto per un tempo indefinito, e tutti insieme partirono alla volta della cima del monte dell'isola dove si trovava Kamek.
Yoshi's Island (2)
Questo è quanto racconta la storia di Yoshi's Island, il titolo che formalmente è il seguito di Super Mario World, ma che con questo ha ben poco a che fare visto che è diversissimo. Il successo raggiunto da Yoshi col precedente titolo aiutò il dinosauro verde a diventare il protagonista di questo titolo, avete sentito bene! In questa avventura Mario ha un ruolo secondario, infatti dovrete aiutare Yoshi ad attraversare i 7 mondi di 8+2 quadri ciascuno (2 di bonus) e contro tutti i 16 boss del gioco.

Ovviamente Yoshi è diventato molto più versatile presentandosi con un repertorio di mosse più ampio. Oltre alla classica lingua che acchiappa (quasi) tutti gli avversari, potrete effettuare la mitica arsch-bombe (come la chiama mio cugino tedesco), ovvero un salto con capriola e atterraggio sulle parti nobili del corpo (il sedere insomma) che fa parecchio male agli avversari. Inoltre potrete fare salti, prolungati dallo sbattere dei piedi di Yoshi per arrivare un pò più lontano. I colori dei vari Yoshi che andrete a impersonificare non sono però determinanti come in SMW.

Ops, non vi ho ancora detto cosa dovrete fare! Allora Yoshi attraversa i quadri portandosi Mario in groppa. Dovete attraversare i quadri a scorrimento evitando che i nemici vi colpiscano, perché in tal caso Mario si stacca dalla sella di Yoshi e comincia a levitare a mezz'aria in una bolla di sapone mentre comincia a scadere il vostro tempo! Che tempo? Il gioco prevede un cronometro che parte da 10 a inizio livello, quando verrete colpiti il tempo comincia a scadere. Se scade, i leccapiedi di Kamek prendono Mario e perdete una vita. Se invece fate in tempo a recuperare Mario il cronometro risalirà lentamente fino a 10. Potete caricarlo oltre i 10 secondi fino a un massimo di 20 raccogliendo le stelline che ogni tanto incontrate sul vosto percorso e passando attraverso il cerchio di metà quadro, in ogni caso il cronometro si ricarica da solo fino a 10.
Yoshi's Island (3)
Alla fine di ogni livello viene valutata la vostra prestazione conteggiando il numero di secondi rimasti, più il numero di monete rosse raccolte, più il numero di fiori raccolti (che servono anche per accedere a giochini per guadagnare vite extra). Il massimo del punteggio è 100. Con 100 punti in ognuno dei 16 quadri della zona potete accedere ai due quadri bonus accennati prima. Insomma il tutto si può riassumere con tanta longevità. Ogni zona prevede inoltre un boss alla fine e un miniboss a metà, come dire che i programmatori non hanno certo dormito.

Okay, adesso che sapete come funziona, posso partire con un discorso più tecnico. La grafica. La grafica è veramente il massimo. Lo SNES viene fatto lavorare a tutta la risoluzione possibile con il massimo dei colori e degli oggetti sullo schermo. Spesso Yoshi è coperto parzialmente da oggetti in primo piano che aumentano la profondità visiva. Se SMW utilizzava uno stile molto pulito e lineare, in Yoshi's Island non troverete una linea diritta. Lo stile è impostato sulle rotondità e la colorazione complessa tirando fuori tutto quello che è possibile dallo SNES, sia per gli sfondi che per gli sprite, veramente da wow.

La sezione audio è in linea con la grafica: musiche simpatiche e intonato con l'ambiente che si attraversa, magari non troppe, ma fatte bene. Anche gli effetti non sono da meno.

La longevità è, come detto, altissima visto il numero di quadri e degli oggetti da raccogliere.

Giocarci è un piacere. Yoshi è sempre preciso nei movimenti. Ma qui vi voglio avvertire che nonostante tutto questo non è un titolo da bambini, gli ultimi quadri sono qualcosa di allucinante dal punto di vista della difficoltà. Soltanto riuscire a passarli necessita di svariati tentartivi, al limite della frustazione, figurarci riuscirli a passare con 100 punti! Insomma ne avrete per tanto tempo...

Secondo me…



Bello, completo da ogni punto di vista e impegnativo dove serve. Un ottimo lavoro, anche se preferisco essere Mario adulto.

Sonoro Sonoro 9
Grafica Grafica 9
Giocabilità Giocabilità 10
Longevità Longevità 10
Totale 9.5

Condividi con i tuoi amici

Commenti

Al momento non ci sono commenti