Donkey Kong Jet Race

Data distribuzione Data distribuzione 25/01/2008
Console Console Wii
Genere Genere Corse
Giocatori Giocatori 1-4
Produttore Produttore Blue Byte
Sviluppatore Sviluppatore Paon Corporation
Salvataggio Salvataggio
dkjr

UN PO' DI STORIA



 Un pò di storia in questo caso è doverosa, poichè Donkey Kong Jet Race ha dei retroscena davvero curiosi. Tutto ebbe inizio nel lontano 2001, con l'arrivo del Gamecube: fra i trailer che mostravano i giochi in via di sviluppo (Luigi's Mansion, Super Mario Sunshine) ce n'era uno che mostrava Donkey Kong e i suoi amici che si davano a corse sfrenate per la giungla a cavallo di amici animali: la Rare, a quei tempi ancora affiliata alla Nintendo, aveva in cantiere un progetto riguardante un gioco di corse chiamato Donkey Kong Racing. Purtroppo, però, sappiamo tutti che di lì a poco la suddetta software house lasciò la Nintendo per la Microsoft suggellando l'addio con Starfox Adventures (gioco ottimo ma al di sotto delle aspettative): il progetto venne cancellato, lasciando tutti i fan con l'amaro in bocca. Però non tutto era stato dimenticato: nel 2005 qualcuno alla Nintendo pensò bene di ripescare l'idea e di plasmarla all'originale periferica "DK Bongos", uscita col gioco musicale Donkey Konga. Il gioco di corse dello scimmione ci sarebbe stato, ma per correre i giocatori avrebbero dovuto tamburellare sui bonghi. Il nome del gioco era "DK: Bongo Blast", e l'uscita era prevista per l'inizio del 2006. Poi la morte prematura del Gamecube convinse gli sviluppatori a "spostare" il gioco direttamente sulla nuova console di casa Nintendo: sarebbe effettivamente stato inutile e controproducente fare uscire un gioco per una console moribonda, e così i fan dovettero aspettare ancora....fino all'inizio del 2008: ora ci troviamo finalmente Donkey Kong Jet Race (titolo definitivo) fra le mani!

CORSE SCIMMIESCHE



 DKJR è fondamentalmente un gioco di corse sulla scia di Mariokart: il giocatore dovrà correre in diversi scenari cercando di arrivare primo, e per farlo potrà usare diversi power-up sparsi per la pista. La novità principale del gioco è il sistema di controllo: i personaggi, che gareggiano volando, sono muniti di una vistosa cintura porta-bonghi, e percuotendoli potranno acquisire velocità; nella realtà, però, niente bonghi: il gioco era stato progettato per essere usato coi simpatici tamburi, ma curiosamente il gioco non è compatibile con la periferica. Davvero strano, poichè i bonghi sono presenti nel gioco (come già detto sono attaccati ai personaggi); al loro posto dovremo usare Wiimote e nunchuk, e agitandoli su e giù come un batterista infoiato faremo prendere velocità al nostro personaggio. Agitandoli alternativamente procederemo diritti, mentre agitando solo il nunchuk curveremo verso sinistra e agitando solo il Wiimote verso destra. Agitandoli entrambi verso l'alto in sincronia invece faremo saltare il nostro personaggio, che potrà anche allungare il salto o curvare durante il salto stesso a seconda di quello che faremo sempre con nunchuk e Wiimote. A conti fatti questo risulta un modo originale e tutto sommato divertente per correre.
 Per il resto, il gioco è come doveva essere: Donkey Kong e i suoi amici e nemici gareggeranno volando in percorsi sospesi da terra e ispirati alle ambientazioni viste soprattutto nella trilogia del Super NES: giungle, miniere, templi, montagne innevate, mari tropicali e altri posti ancora. I nostalgici gioiranno nel rivedere cari vecchi amici come Cranky, Funky, Candy, Diddy, Dixie e anche altri membri meno conosciuti della famiglia Kong (sono presenti anche Lanky Kong e Tiny Kong, visti anni orsono in DK64). Anche i kremlings sono presenti in dosi massicce, con Kritter e tutta la sua banda. Ogni personaggio è ovviamente dotato di parametri particolari in velocità, accelerazione e controllo.
 All'inizio saranno disponibili solo 3 personaggi per razza (3 Kong e 3 kremlings), ma ben presto la scelta aumenterà; abbondanti anche i già citati power-ups: raccogliendo le banane potremo attivare degli speciali "gigaturbo", mentre raccogliendo palloncini potremo usare armi specifiche: i palloncini rossi contengono i potenziamenti veri e propri (invincibilità, aumenti di velocità, banane extra), mentre quelli blu contengono oggetti offensivi (barili e altra robetta per colpire gli avversari); simpatica la trovata di donare alle 2 tipologie di personaggi delle differenze nell'uso delle armi: i Kong potranno usufruire di una versione più potente degli oggetti nei palloncini rossi, i kremlings degli oggetti nei palloncini blu. Sono presenti anche Rambi, Enguarde e altri mezzi speciali che, se trovati, consentono di sbaragliare gli avversari e di guadagnare posizioni, e anche i barili si trovano in grande abbondanza sui percorsi: ce ne sono di molti tipi, ed ognuno di essi avrà un effetto diverso se toccato o distrutto.
 Le modalità non sono niente di particolarmente nutrito: accanto ai classici grand prix (vi sono 3 livelli di difficoltà) troviamo le corse a tempo, le corse singole e le "prove di Candy", gare particolari dove la più bella fra le scimmie vi chiederà di svolgere particolari missioni. E' naturalmente presente una modalità a più giocatori, fino a 4 contemporaneamente, ma è assente una modalità on-line: davvero un peccato, perchè il gioco si sarebbe prestato bene alle partite in wi-fi. Con tutto il tempo che la Nintendo si è presa per far uscire questo gioco, era lecito aspettarsi tale modalità.
 
dkjr1

TECNICAMENTE



 Donkey Kong Jet Race vanta una discreta realizzazione tecnica; il gioco era stato sviluppato per Gamecube, e si vede. La grafica è di scorsa generazione, ma nonostante questo è molto gradevole: i modelli poligonali dei personaggi sono ottimi, e i paesaggi sono coloratissimi e suggestivi. L'azione è frenetica e veloce, e non c'è il minimo rallentamento. Insomma, una grafica da cubo, ma un cubo abbastanza spremuto. Il sonoro vanta allegre musichette, e fa la sua onesta figura; non c'è niente di indimenticabile, ma tornano alcune musichette prese da DKC. La giocabilità è su buoni livelli, così come il divertimento; a dir la verità, soprattutto all'inizio, si sente la mancanza dei bonghi: ricordiamoci che il gioco era stato sviluppato per essere usato con la simpatica periferica, e stranamente non è compatibile con essa. Eppure non ci sarebbe voluto molto, contando che alcuni giochi Wii (come Super Smash Bros. Brawl) sono compatibili col joypad Gamecube...il gioco risulta così meno "fisico"; questa mancanza purtroppo non viene dimenticata mai del tutto, anche dopo ore di gioco. All'inizio c'è qualche difficoltà nell'abituarsi al sistema di controllo, e ci vorrà qualche ora per assimilarlo. Il gioco non raggiunge picchi particolari, ma risulta comunque abbastanza divertente e godibile. Unici grossi nei sono che alla lunga ci si stanca di agitare le braccia e le mani (per fortuna che una volta raggiunta la velocità massima potremo mantenerla anche smettendo di agitare le braccia...almeno fin quando non incapperemo in qualche ostacolo), e che se non si impara a sincronizzare bene i movimenti faremo saltare i nostri personaggi senza volere. Un fatto di abitudine, parzialmente risolvibile con ore e ore di gioco: anche una volta che ci saremo abituati continueremo, di tanto in tanto, a saltare senza volere.

La longevità, purtroppo, è la vera nota dolente del gioco.
Vi sono 16 percorsi, già di per sè un pò pochini, e come se non bastasse alcuni sono una versione leggermente modificata di altri...praticamente dei cloni. Di conseguenza, in definitiva il totale dei percorsi risulta così davvero IMPROPONIBILE. Pochi. Troppo pochi. Quelli della Paon potevano senza dubbio spremersi le meningi un pò di più!
 La presenza delle "prove di Candy" allunga leggermente il brodo, ma alla fine la modalità in singolo si riduce a vincere uno dietro l'altro tutti i (pochi) trofei, a sbloccare lo sbloccabile senza troppe difficoltà...e una volta finito, il gioco probabilmente si farà un bel viaggetto di sola andata per il vostro scaffale.
Solo avere degli amici con cui giocare potrebbe ritardare questo "viaggio" di qualche giorno.
dkjr2

CONCLUDENDO



In definitiva, DK Jet Race riesce a essere "solo" un gioco mediocre. Ci sono delle belle trovate, si fa giocare e diverte anche...ma dura davvero troppo poco. Se siete alla ricerca di un gioco sopra le righe allora DKJR non fa proprio per voi...ma se siete degli ammiratori di Donkey Kong e della sua cricca, degli appassionati di "corse matte" (giochi a la Mariokart, tanto per intenderci), alla ricerca di un gioco non troppo impegnativo, "leggero" e divertente quanto basta per passare qualche ora spensierata (meglio se con amici)...allora questo gioco fa per voi.

Divertimento Divertimento 6.5
Una volta fattaci la mano è abbastanza divertente...
...ma dopo un po' ci si stanca.
Dove sono i bonghi????
Sonoro Sonoro 6.5
Musichette carine, e alcuni vecchi motivetti...
...ma nulla di speciale.
Grafica Grafica 7.5
La grafica è da Gamecube...
...ma risulta comunque colorata, divertente e veloce.
Giocabilità Giocabilità 5
All'inizio non è facile abituarsi al sistema di controllo...
Spesso all'inizio ci si trova a saltare senza volerlo fare, e il problema non sparisce mai del tutto...
Longevità Longevità 4
Discreta quantità di roba sbloccabile
Con amici il gioco dura molto di più
16 percorsi, dei quali alcuni molto simili tra loro (praticamente cloni), sono davvero improponibili al giorno d'oggi!
In singolo, di conseguenza, dura davvero poco!
Totale 5.5

Condividi con i tuoi amici

Commenti

Al momento non ci sono commenti