Pokémon Go, come sta andando e quali sono le prospettive per il futuro

Pokémon Go, come sta andando e quali sono le prospettive per il futuro

Non è ancora uscita da un mese, ma Pokémon Go e già l'app dei record e il bello deve ancora arrivare


0

Non è uscito da nemmeno un mese e Pokémon Go è diventato l'evento virale dell'estate 2016. Ormai ne parlano tutti, sui telegiornali, sui siti web, talmente tanto che è arrivato a citarlo addirittura il Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella:

Certi dibattiti su data e spacchettamento del referendum costituzionale sono talmente surreali da sembrare la caccia ai Pokémon

Ok Sergio, ti vogliamo tanto bene <3

Su Facebook invece non mancano parodie e paranoie. Da una parte quindi chi il fenomeno lo vive e che si diverte un po' a prendere in giro chi è infognato nella ricerca di Pikachu e chi ci vede anche letteralmente il diavolo e chi si dispera per quei poveri ragazzi che non vivono più una vita normale perché inseriti nella realtà aumentata che gli estrania. A parte il fatto che finalmente questi ragazzi li vediamo in giro per strada e magari il loro organismo produce un po' di vitamina D grazie alla luce solare, cosa di per sé una novità assoluta, direi che ce la possiamo cavare col video di Sio. Eccolo qua.

Detto questo snoccioliamo un po' di numeri.

Come detto prima Pokémon Go ha battuto i record di app più installata in meno tempo, malgrado sia arrivata in Giappone solo la settimana scorsa, quindi i record continueranno ad essere battuti, anche perché i record esistono per essere battuti.

A tal proposito ha fatto un po' di scalpore la montagna russa che ha percorso il valore delle azioni Nintendo. Dopo un'impennata pazzesca è arrivato il crollo. Niente di soprendente in realtà visto che ci si è resi conto solo dopo qualche giorno che solo una parte di quello che incassa Pokémon Go finisce a Kyoto. Questo per dire quale sia la competenza di chi opera nel settore finanziario. In ogni caso il successo del franchise avrà sicuramente ricadute positive anche su Nintendo e quindi per il medio periodo Tatsumi Kimishima & Co posso stare tranquilli.

Cosa c'è nel futuro di Pokémon Go

Tanto tranquilli che c'è già stata anche qualche anticipazione su quali sono le possibili evoluzioni del gioco da parte del CEO di Niantic John Hanke.

Intanto molto presto i capisquadra Blanche, Candela e Spark assumeranno un ruolo più significativo nel gioco.

Prossimamente poi comincerà ad esserci la possibilità di scambiare Pokémon tra allenatori. Funzione che ritengo cambierà decisamente il gioco permettendo di completare il Pokédex molto più rapidamente.

Inoltre i Pokéstop, utili al momento solo per recuperare qualche oggetto, diventeranno qualcosa di più simile ad un centro Pokémon, utile per curare i Pokémon e chissà cos'altro.

Hanke ha inoltre anticipato che una maggiore interazione tra allenatori nelle palestre e che i Pokémon leggendari appariranno durante eventi speciali. In generale il CEO di Niantic dire che fino ad ora abbiamo visto solo il 10% delle idee che sono nelle teste degli sviluppatori, quindi ci sarà divertirsi ancora per molto. Speriamo che nel frattempo vengano anche sistemati definitivamente i problemi di stabilità del network, che ci sia qualche miglioramento dal punto di vista delle prestazioni dell'app e che questa supporti anche tutti i dispositivi su cui al momento non gira.

Tutto questo mi lascia un po' perplesso su cosa succederà con Pokémon Luna e Sole a fine 2016. È vero che l'attrattiva sarà rappresentata dalla nuova generazione di mostriciattoli tascabili, ma dal punto di vista delle meccaniche del gioco non so come potrà rendersi interessante nel confronti con l'app dei record.

Condividi con i tuoi amici

Altri articoli che ti possono interessare

Commenti

Al momento non ci sono commenti

Aggiungi un commento →