20 anni per completare un gioco

20 anni per completare un gioco
Ci sono giochi che durano mezz'ora. Ma ce ne sono altri che durano una vita, o quasi.



Ho giocato per la prima volta a Paradroid quando avevo ancora il Commodore64, quindi quasi 20 anni fa, e si tratta di un gioco tanto semplice quando intrigante: sei un dispositivo di influenza, modello "001", e devi liberare l'astronave dai robot impazziti.

L'astronave è divisa in ponti a cui si può accedere tramite degli ascensori. I robot possono essere eliminati in due modi: sparando o impadronendosene vincendo un minigioco. Acquisendo il controllo di robot più potenti, più rapidi e con armi più potenti, ovviamente ci si facilita il lavoro.
A rendere più interessante il gioco c'è il fatto che c'è un limite di tempo oltre il quale si deve acquisire un nuovo robot, pena la morte. Più il robot è potente più è basso il tempo. Per cui non basta impossessarsi del Commander "999", ma bisogna sapersi gestire la conquista dell'astronave.

Ci avrò giocato decine e decine di volte senza mai completarlo, uno smacco imperdonabile. Così, scoperta l'esistenza di un clone per PC chiamato Freedroid, ci ho riprovato e riprovato finché ce l'ho fatta. Evviva!

Proprio belli questi giochi arcaici in cui il robot è una pallina con un numero. Un concept semplice per un gioco indovinato, forse non alla portata dei casual, ma forse per questo ancora più bello. Dopo un po' riesci anche a ricordarti le caratteristiche dei vari robot come il "476", il mio preferito, o il rapido "302".

Ora che ho superato questa prova sono pronto a completare almeno una volta Impossible Mission...

Condividi con i tuoi amici

Commenti

20 anni per completare un gioco

Rob 02/01/2013 alle 10:44

Questa discussione raccoglie i commenti per l'articolo 20 anni per completare un gioco

Leggi tutti i commenti | Aggiungi un commento →